Corrosione dovuta ad acido citrico

Forum di supporto al nuovo Biodizionario.it
per approfondimenti sui giudizi espressi del BioDizionario sugli ingredienti Cosmetici e Alimentari

Moderatori: laura serpilli, Erica Congiu

Avatar utente
cordialmente
Messaggi: 34
Iscritto il: mar giu 12, 2012 2:41 pm
Controllo antispam: cinque
Località: Varese

Re: Corrosione dovuta ad acido citrico

Messaggio da cordialmente » ven lug 20, 2012 9:54 am

Sara73 ha scritto: ci sono anche i dati della UE che indicano il maggior impatto ambientale dell'acetico.
Tutto corretto, e credo che con questi dati si possa chiaramente smentire chi dice che è meglio usare l'aceto.
Vorrei però precisare che in realtà la discussione sul blog "Naturalmente Felice" riguarda non tanto l'impatto ambientale, quanto gli effetti di corrosione su guarnizioni/smalti/metalli degli elettrodomestici. Alcuni asseriscono che i prodotti escano dalla garanzia nel caso si usi un acido (che sia acido acetico o citrico, non fanno distinzione) al posto dell'ammorbidente o del brillantante.

La cosa migliore forse sarebbe avere dei dati inconfutabili sull'impatto dell'acido citrico nel lungo periodo (5-10 anni di uso continuativo), sia sui metalli, che sugli smalti, che sulle guarnizioni. Oppure dei dati che dimostrino (per esempio, magari dico una castroneria, nel caso correggetemi e perdonatemi!!!) che l'acidità della soluzione di acido citrico è comparabile con quella dell'ammorbidente, o che hanno uguali effetti in termini di corrosione. Magari questi dati sono già stati prodotti, in tal caso rappresenterebbero l'argomento ideale per confutare la tesi di chi demonizza l'uso di qualsiasi alternativa ecologica rispetto agli ammorbidenti tradizionali.

Fabrizio Zago
Messaggi: 16837
Iscritto il: mar ott 05, 2004 10:38 pm
Controllo antispam: diciotto

Re: Corrosione dovuta ad acido citrico

Messaggio da Fabrizio Zago » ven lug 20, 2012 10:23 am

"Alcuni asseriscono che i prodotti escano dalla garanzia nel caso si usi un acido" questo è verissimo perché il fabbricante della macchina ha certamente un contratto che prevede solamente l'uso degli anticalcare commerciali. E' evidentissimo.
Per quanto riguarda l'azione corrosiva sui metalli dell'acido acetico rispetto al citrico, basta leggersi un libro di chimica e la cosa sarà chiarissima.
Se invece si continua ad andare avanti con le opinioni personali non andiamo da nessuna parte.
Non so se è chiaro e quindi lo ripeto: io personalmente mi sono fatto i test di corrosione ed il risultato è che i dati ottenuti tra acetico e citrico non sono neppure comparabili (a favore del citrico).
Poi se vole ascoltare "opinioni personali" ovviamente siete liberissimi di farlo ma con le chiacchere non si va molto lontano.
Ciao
Fabrizio

Avatar utente
cordialmente
Messaggi: 34
Iscritto il: mar giu 12, 2012 2:41 pm
Controllo antispam: cinque
Località: Varese

Re: Corrosione dovuta ad acido citrico

Messaggio da cordialmente » ven lug 20, 2012 11:07 am

Fabrizio Zago ha scritto:"Non so se è chiaro e quindi lo ripeto: io personalmente mi sono fatto i test di corrosione ed il risultato è che i dati ottenuti tra acetico e citrico non sono neppure comparabili (a favore del citrico).
Poi se vole ascoltare "opinioni personali" ovviamente siete liberissimi di farlo ma con le chiacchere non si va molto lontano.
Ciao Fabrizio,
forse non mi sono spiegato bene.
Personalmente sto seguendo il tuo suggerimento e sto usando l'acido citrico (prima usavo l'aceto), mi trovo bene e mi fido pienamente quando asserisci che il citrico non sia particolarmente corrosivo, anche perchè so che ti basi su fatti provati e non su opinioni personali.
Il mio problema non è tanto informare gli altri del fatto che il citrico sia meglio dell'acetico (sotto il profilo ambientale e di corrosione della macchina), ma convincerli che abbandonare l'ammorbidente/brillantante in favore del citrico non rappresenti un pericolo reale in termini di usura/corrosione della lavatrice o della lavastoviglie.
In questo senso, chiedevo se ci sia della letteratura in materia, o altre evidenze da portare a chi si accanisce contro l'uso del citrico, o se si possa pensare di fare dei life-test ad hoc, magari in futuro, per chiudere definitivamente la discussione anche sotto questo punto di vista.
Ciao e grazie!
marco

Fabrizio Zago
Messaggi: 16837
Iscritto il: mar ott 05, 2004 10:38 pm
Controllo antispam: diciotto

Re: Corrosione dovuta ad acido citrico

Messaggio da Fabrizio Zago » ven lug 20, 2012 4:53 pm

"se si possa pensare di fare dei life-test ad hoc"
Ottima idea! E' questo che si deve fare!
In questo momento staimo facendo dei life cycle da centinaia di replicazioni quindi abbiamo tutto quello che ci serve per eseguire un test di questo tipo. Ma vorrei che chi sostiene l'aceto se ne facesse carico (a me infatti bastano e avanzano i dati di letteratura e delle mie prove preliminari) perché è troppo facile dire che io ho torto senza mai dare prova di questa opinione. Troppo semplice. Non va bene.
Ciao
Fabrizio

stellasoave
Messaggi: 223
Iscritto il: mar ago 26, 2008 12:33 am

Re: Corrosione dovuta ad acido citrico

Messaggio da stellasoave » ven lug 20, 2012 6:18 pm

Fabrizio Zago ha scritto:Ciao stellasoave,
il calcolo è questo: nell'aceto di vino (o di altro) c'è il 5% (circa) di acido acetico. Quindi se ne uso 100 ml in realtà avrò usato 5 ml di acido acetico. Se vogliamo fare i conti alla pari diciamo che dovrei confrontare questa quantità con 5 grammi di acido citrico. Uno dei vari problemi che si hanno con l'uso dell'aceto è appunto che di acido ce n'è pochino. In un litro ce ne sono 50 ml. Vorrei che tu riflettessi sulla quantità di imballo che questo genera. Un litro di aceto cioè 50 grammi di acido puro comporta l'utilizzo di una bottiglia di vetro che pesa moltissimo che ha usato una grande quantità di petrolio per essere fabbricata e trasportata. 50 grammi di acido citrico invece costano pochissimo perché li puoi avere in un sacchettino di plastica che peserà pochi grammi, trasporti praticamente solo l'acido.
Ciao
Fabrizio
Grazie tutto chiarissimo, e un dubbio in meno...
Fabrizio Zago ha scritto:"se si possa pensare di fare dei life-test ad hoc"
Ottima idea! E' questo che si deve fare!
Fabrizio
Cosa è un life-test???

roberto65
Messaggi: 32
Iscritto il: gio lug 12, 2012 8:49 pm
Controllo antispam: cinque

confronto acido citrico con ammorbidente

Messaggio da roberto65 » ven lug 20, 2012 6:42 pm

Fabrizio Zago ha scritto:"se si possa pensare di fare dei life-test ad hoc"
Ottima idea! E' questo che si deve fare!
In questo momento staimo facendo dei life cycle da centinaia di replicazioni quindi abbiamo tutto quello che ci serve per eseguire un test di questo tipo. Ma vorrei che chi sostiene l'aceto se ne facesse carico (a me infatti bastano e avanzano i dati di letteratura e delle mie prove preliminari) ...
Fabrizio, concordo in pieno con te sul discorso di lasciar stare l'aceto, e chi lo vuole usare per una forma di nostalgia luddista (aprire una bottiglia che ricorda con l'odore la cantina del nonno a molti sembrerà più ecologico di aprire una busta di plastica contenente una polverina bianca da pesare con la bilancia, le impressioni lavorano su uno strato profondo del cervello e sono difficilmente attaccabili sul piano logico, se non c'è la volontà di capire...).
Mi interessa molto invece la cosa che a quanto ho capito stai per fare, di confrontare l'acido citrico con l'ammorbidente (e con il brillantante sulla lavastoviglie) sul piano della corrosione di macchine e guarnizioni.
Posta quando hai risultati, che li leggerò volentieri! :)

Fabrizio Zago
Messaggi: 16837
Iscritto il: mar ott 05, 2004 10:38 pm
Controllo antispam: diciotto

Re: Corrosione dovuta ad acido citrico

Messaggio da Fabrizio Zago » ven lug 20, 2012 7:11 pm

Fermo lì!
Prima di cominciare voglio sfidare ancora una volta i sostenitori dell'aceto. Se ce ne sono che si facciano avanti e che collaborino a questo test. Ripeto, io non ne ho bisogno. Quelli a cui serve sono loro. Dove sono finiti? Perché non collaborano?
Ciao
Fabrizio

Avatar utente
manux
Messaggi: 69
Iscritto il: mar gen 11, 2011 5:53 pm
Controllo antispam: cinque

Re: Corrosione dovuta ad acido citrico

Messaggio da manux » ven lug 20, 2012 11:34 pm

Prima ero "aceto" ma da quando frequento questo forum sono passata al "citrico" e mi trovo bene...forse perchè avevo una prova scientifica? macchè!!.. istinto e fiducia nei confronti di Fabrizio!!!..
tra l'altro, una delle motivazioni addotte, se non ricordo male, era anche che l'utilizzo di aceto sull'acciaio inox libera nickel e questo non è da poco... (l'aceto lo uso ancora sulle piastrelle di bagno/cucina sporadicamente )...
cmq, quasi quasi, potrei fare un esperimento assolutamente scientifico: inserire una moneta da 10cent in un bicchiere con dell'aceto diluito e un'altra in un bicchiere con del citrico al 20% (che è quello che uso per il lavello inox ogni tanto..) e vedere quale si corrode prima o di più!! (questo esperimento me l'hanno fatto fare a 18 anni nel mio primo viaggio a Londra quando ho scoperto la ketchup e me ne mangiavo troppa x farmi capire quanto è corrosiva: l'ho capito ma continua a piacermi...l'ho ridotta, però...)
Manu

Fabrizio Zago
Messaggi: 16837
Iscritto il: mar ott 05, 2004 10:38 pm
Controllo antispam: diciotto

Re: Corrosione dovuta ad acido citrico

Messaggio da Fabrizio Zago » dom lug 22, 2012 9:59 pm

Ciao Manux,
se vuoi fare un esperimento "serio" devi prendere dell'aceto di vino (che è al 5% di acido acetico) e confrontarla con una soluzione di citrico sempre al 5% (5 grammi su cento ml di acqua). Ci metti dentro un chiodino esattamente uguale nell'una e nell'altra soluzione ed aspetti a vedere chi si scioglie prima.
Ciao
Fabrizio

salice
Messaggi: 42
Iscritto il: sab ott 15, 2011 2:43 pm
Controllo antispam: cinque

Re: Corrosione dovuta ad acido citrico

Messaggio da salice » ven lug 27, 2012 5:00 pm

Ho comperato una bottiglia in acciaio inossidabile e una in alluminio per portarmi a lavoro l'acqua del rubinetto al posto delle bottiglie di plastica (sto convincendo anche mia moglie). Aggiungo sempre uno spruzzo di limone per il sapore e perchè mi stimola a bere di più.
La percentuale di a.citrico è quindi molto bassa ma (avendo letto che l'aceto mobilizza il nikel) volevo sapere se con una pratica quotidiana del genere a lungo andare assumo comunque qualcosa che non va bene, con l'inox o con l'alluminio.

Fabrizio Zago
Messaggi: 16837
Iscritto il: mar ott 05, 2004 10:38 pm
Controllo antispam: diciotto

Re: Corrosione dovuta ad acido citrico

Messaggio da Fabrizio Zago » dom lug 29, 2012 4:56 pm

Direi proprio che puoi stare tranquillo. Nessun problema.
Anzi il piccolissimo contributo in acido ditrico derivante dal succo di limone, ti aiuta a etenere batteriologicamente sotto controllo l'acqua da bere.
Ciao
Fabrizio

salice
Messaggi: 42
Iscritto il: sab ott 15, 2011 2:43 pm
Controllo antispam: cinque

Re: Corrosione dovuta ad acido citrico

Messaggio da salice » dom lug 29, 2012 8:25 pm

In effetti un po' speravo in qualche effetto del genere.
Grazie per la rassicurazione.

Avatar utente
manux
Messaggi: 69
Iscritto il: mar gen 11, 2011 5:53 pm
Controllo antispam: cinque

Re: Corrosione dovuta ad acido citrico

Messaggio da manux » lun lug 30, 2012 12:10 am

Ciao Fabrizio,
dunque son partita con l'esperimento ma, non avendo letto in tempo il tuo post, ho utilizzato 2 monetine da 1cent mettendone una dentro un bicchiere contenente aceto bianco di vino diluito in un tot di acqua e l'altra in una soluzione al 20pct di citrico...
l'esperimento non è quindi valido perchè non ho usato due "potenze" pari ma mi è servito cmq perchè adesso "so" quanto pulisce immediatamente il citrico: sconvolgente vedere la faccina della moneta sporca sbiancare subito (non altrettanto rapido l'aceto, invece...)
l'ho fatto lunedì 23jul e l'ho lasciato lì fino ad oggi quindi quasi una settimana: il risultato è che la faccia della monetina "citrico" non ha quasi più l'1 visibile da una parte mentre è pulitissima e non corrosa dall'altra (strano, questo..) mentre la monetina "aceto" è pulita da tutte e due le facce senza nessuna corrosione visibile.
Stasera ho riprovato con l'esperimento usando, come da tuo post, 5gr di citrico in 100ml d'acqua e aceto bianco di vino puro..
niente chiodini ma altre 2 monetine perchè fa troppo caldo x tirar fuori la cassetta degli attrezzi...
Ti farò sapere cosa succede ma adesso, avendo visto la potenza pulitrice nella prima prova del citrico, ci andrò un filino più calma con le dosi perchè tanto PULISCE...(siamo noi che troppo abituati a vedere le pubblicità dei detersivi iperchimici in TV che sbiancano pavimenti lerci, non ci rendiamo conto della forza di quelli più naturali...e ti assicuro che le monetine erano zozze!!)
p.s. il tavolo sembra un piccolo laboratorio xchè sto facendo anche l'esperimento del riso di Masaru Emoto...
ciao/grazie
Manux

Fabrizio Zago
Messaggi: 16837
Iscritto il: mar ott 05, 2004 10:38 pm
Controllo antispam: diciotto

Re: Corrosione dovuta ad acido citrico

Messaggio da Fabrizio Zago » lun lug 30, 2012 11:38 am

Ciao manux,
insisto per i due chiodini perché fatti di un metallo ferroso che assomiglia molto di più ai metalli usati per fabbricare le lavastoviglie, lavatrici e lavelli. La lega con cui sono fatte le monetine non ha nulla a che vedere.
Ciao
Fabrizio

Avatar utente
manux
Messaggi: 69
Iscritto il: mar gen 11, 2011 5:53 pm
Controllo antispam: cinque

Re: Corrosione dovuta ad acido citrico

Messaggio da manux » lun lug 30, 2012 10:17 pm

...ahh..cosa non si fa x la scienza!!..
ho tirati fuori le monetine e messo al loro posto 2 chiodini uguali e puliti..e adesso rimetto in circolazione 4 cents immacolati!!
non so quanti giorni ci vorranno ma ti farò sapere..
ciao
Manux

Rispondi