Intervista esclusiva a Robrossi

Forum dedicato alle tecniche di costruzione con materiali naturali.

Moderatori: laura serpilli, michele ricci

arch.uterzi
Messaggi: 818
Iscritto il: dom giu 01, 2008 6:08 pm

Intervista esclusiva a Robrossi

Messaggio da arch.uterzi » sab dic 05, 2009 9:26 pm

Signore e signori buonasera
Siamo finalmente in grado di riportare in versione integrale l'intervista fatta al sig. Roberto Rossi, in arte Robrossi.

D.
Salve sig. Robrossi e grazie per averci accolto.
I nostri lettori sono ansiosi di ascoltare il suo racconto.
Cominciamo subito con la prima domanda: quando ha deciso di andare a vivere in una casa in legno? E come mai?

robrossi

Re: Intervista esclusiva a Robrossi

Messaggio da robrossi » sab dic 05, 2009 11:56 pm

:shock: :roll:

arch.uterzi
Messaggi: 818
Iscritto il: dom giu 01, 2008 6:08 pm

Re: Intervista esclusiva a Robrossi

Messaggio da arch.uterzi » dom dic 06, 2009 10:03 pm

robrossi ha scritto::shock: :roll:
56 visite.
Cosa aspetta a rispondere?

rovabile
Messaggi: 300
Iscritto il: gio ago 27, 2009 8:04 pm
Controllo antispam: cinque
Località: prov. TO

Re: Intervista esclusiva a Robrossi

Messaggio da rovabile » mer dic 09, 2009 1:33 pm

:roll:

Avatar utente
ECOFABRI
Messaggi: 243
Iscritto il: gio mar 12, 2009 9:19 am
Località: Provincia di rn

Re: Intervista esclusiva a Robrossi

Messaggio da ECOFABRI » mer dic 09, 2009 1:42 pm

beh roby,
mi sembra una bella idea quella dell'intervista, perchè non rispondi?
tu sei uno degli "anziani" del forum penso che interesserebbe a tutti sapere il tuo punto di vista...

robrossi

Re: Intervista esclusiva a Robrossi

Messaggio da robrossi » mer dic 09, 2009 3:46 pm

mmmmm .... ho già risposto privatamente al mio intervistatore .
Non so se valga la pena occupare "suolo pubblico" in modo così esclusivo per la mia (anzi nostra... ) esperienza che è piena di personalissimi punti di vista e che è ugualmente degna di attenzione di quella degli altri .

Do' comunque la risposta : quando ha deciso di andare a vivere in una casa di legno e come mai : in effetti non ricordo che ci sia stato un momento preciso .... sono un curioso per natura .... e sono stato educato guardare le cose che mi apparivano diverse solo come una opportunità . Non è un modo di dire che potrebbe sembrare fare figo :lol: .... io vivo in questo modo e guardo con questi occhi .
Mio padre , quando ero piccolo al mare con lui, mi diceva di provare qualche volta a guardare il mare e le nuvole a testa in giu' spiegandomi che con un po' di fortuna si poteva scorgere qualcosa di nuovo e piacevole guardando anche le stesse cose semplicemente da un punto di vista diverso ! .... sembra follia ......... ma è uno dei ricordi più teneri che ho di mio padre e uno degli insegnamenti più cari e preziosi .

Così quando ho avuto la fortuna di vedere che c'erano persone che vivevano normalmente in "case di legno" che sembravano in tutto e per tutto come le case che ero abituato a vedere non mi sono posto troppi quesiti . Troppi se, ma , però, miiiiiiii, muuuuuuuuu, maaaaaaaaaa ..... tante cose che si leggono anche qui sul forum e che mi fanno realmente e fragorosamente ridere .......................(anche sudare .... direbbe il mio intervistatore .... :lol: .... per fortuna senza pericolo di vita :lol: )
Mi è sembrato subito normale ! Ci vivevano loro senza nessuna enfasi né stupore ... perchè non io ???!!!!
Scemo io cavolo !!!!!... non loro !!! muahahahah .... :lol: :lol: :lol:
Ho pensato inoltre che una "casa di legno" fosse più economica di una casa tradizionale . L'idea poi del prefabbricato subito pronto mi ha fatto impazzire di gioia e crescere l'interesse . La necessità di un tetto e 2 "satrapi" .... hanno fatto il resto .
Nessuna idea cioè di salvare il mondo , nessun ideale ecologico all'inizio ..... la "casa di legno" mi è subito parsa una cosa normalissima (e lo è !), molto meno costosa del cemento e mattoni, pronta "subito" e che potevo "adattare" alle nostre esigenze senza troppi problemi . Quindi ... abbiamo iniziato a.... guardarci intorno .... tutto qua ....

Penso sia più o meno l'iter di tutti ...o no ? :wink: ... forse qualcuno parte da ideali di bioecologicità , di stile di vita , di salvaguardia dell'ambiente .... ma la sostanza è la stessa : la ricerca di un tetto (bisogno primario) , la considerazione banale che una casa di legno è come una qualsiasi altra casa (conoscenza) ..... anzi .....meglio di una casa cemento e mattoni (esperienza e cultura) ! Io quest'ultima cosa l'ho compresa però un po' dopo ...... prima ho guardato ai dindi (necessità)... :roll:

ciao

Roby
Ultima modifica di robrossi il mer dic 09, 2009 11:23 pm, modificato 3 volte in totale.

Avatar utente
ECOFABRI
Messaggi: 243
Iscritto il: gio mar 12, 2009 9:19 am
Località: Provincia di rn

Re: Intervista esclusiva a Robrossi

Messaggio da ECOFABRI » mer dic 09, 2009 5:43 pm

aspetto con curiosità la 2° domanda!

arch.uterzi
Messaggi: 818
Iscritto il: dom giu 01, 2008 6:08 pm

Re: Intervista esclusiva a Robrossi

Messaggio da arch.uterzi » ven dic 11, 2009 12:16 am

Quant anni sono passati dalla prima idea?
Il primo passo sarà stato senz'altro quello di cercare spunti e idee su riviste o libri. E' stato difficile trovarne?
Oppure hai seguito la strada classica dell'amico architetto?

arch.uterzi
Messaggi: 818
Iscritto il: dom giu 01, 2008 6:08 pm

Re: Intervista esclusiva a Robrossi

Messaggio da arch.uterzi » ven dic 11, 2009 9:55 pm

Aveva delle competenze tecniche al riguardo?

robrossi

Re: Intervista esclusiva a Robrossi

Messaggio da robrossi » ven dic 11, 2009 11:28 pm

Buongiorno Architetto .
Le rispondo .
Tempo : mmmm è passato circa un anno, un anno e mezzo tra l'dea di farci casa di legno e la realizzazione . Il calcolo della durata di questo periodo non è una certezza perchè in effetti è stato un momento molto "buio" .... con molta confusione ... sono stati mesi trascorsi alla ricerca di un terreno alla portata di budget, di corse in banca a prendere palettate sui denti alla ricerca di qualcuno che ci finanziasse a tassi decenti . Fu un periodo di terreni che comparivano e poi "sparivano" improvvisamente, di terreni troppo grossi e di altri troppo piccoli, di terreni in cima alla montagna o sotto il livello della strada di un metro, terreni troppo lontani o troppo vicini ............... e di aziende su cui pensavamo di puntare per poi decidere, preventivi alla mano, di lasciar perdere . ..................per permetterci certe cifre avremmo dovuto ridurre drasticamente le nostre pretese .......... tanto quasi da far sparire la casa ..... :roll:

Architetto, riviste ecc. : no no ... nessun architetto amico , nessuna rivista . O meglio .... avevamo individuato un architetto .... un conoscente .... amico è una parola grossa. Un ragazzo giovane, all'apparenza dinamico ...senza nessuna esperienza in bioedilizia ma che tutto sommato pareva potesse seguirci . Si rivelò un farabutto . Sulla base di un generico incarico verbale di verifica di fattibilità si invento' alcune attività mai svolte e ci scucì circa 6.000 euro .... questa fu la prima spesa della nostra avventura ..... senza nemmeno avere un progetto in mano e con una parcella inventata di sana pianta e fatta liquidare all'ordine ci trovammo a dover pagare una somma notevole . Ci siamo sentiti violentati e derubati . Vittime di un sistema, quello degli ordini professionali, che oltre ad essere una distonia tutta e solo italiana , invece che tutelare chi si affida alla professionalità degli iscritti, tutela in modo corporativistico solo gli iscritti stessi ..... Superato ... anzi pagato questo scoglio, ci siamo decisi per un tecnico segnalatoci dall'azienda che pagammo in modo moderato (4.800 euro circa... "più" cpa, ppa, iva, trallallà ... mi permetta di non essere troppo preciso sulle cifre anche se l'orizzonte è quello.... ) e che svolse decorosamente il suo lavoro. Mentre affrontavamo il cammino leggevamo forum, ci documentavamo su internet e chiedevamo .... coscienti che piuttosto che scucire altri 6 mila euro per nulla era meglio incaricare un testa di legno qualsiasi e fare noi da "direttore lavori" affidando il lavoro all'azienda e alle sue competenze e al testa di legno la sola attività amministrativa .....
Furono molto utili la mia laurea, ingforum (se non sbaglio a scrivere e riportare il nome) , promolegno e dataholz oltre alle spiegazioni ricevute direttamente dall'azienda prima, durante e al termine dei lavori ....

Roby

M3M
Messaggi: 637
Iscritto il: mar mar 03, 2009 9:05 pm

Re: Intervista esclusiva a Robrossi

Messaggio da M3M » sab dic 12, 2009 12:09 pm

robrossi ha scritto:si invento' alcune attività mai svolte e ci scucì circa 6.000 euro ....
ste cose mi mandano fuori di testa... ma hai pagato?!

arch.uterzi
Messaggi: 818
Iscritto il: dom giu 01, 2008 6:08 pm

Re: Intervista esclusiva a Robrossi

Messaggio da arch.uterzi » sab dic 12, 2009 12:53 pm

Da alcuni suoi vecchi commenti mi sembra di aver capito che ha preferito affidarsi ad una ditta straniera.
E' stato perchè non è riuscito a trovare aziende italiane, o perchè quelle italiane l'hanno delusa?
E' stato complicato realizzare la casa?

robrossi

Re: Intervista esclusiva a Robrossi

Messaggio da robrossi » sab dic 12, 2009 2:29 pm

M3M ha scritto:
robrossi ha scritto:si invento' alcune attività mai svolte e ci scucì circa 6.000 euro ....
ste cose mi mandano fuori di testa... ma hai pagato?!

Sì . Siamo stati costretti . Il farabutto facendosi liquidare la parcella all'ordine (che ovviamente non fa alcuna verifica sulla veridicità dei contenuti della stessa...) ha ottenuto un decreto ingiuntivo immediatamente esecutivo . Ci siamo trovati quindi di fronte al bivio tutto italiano : o pagare tutto e subito e attendere 10 anni, spendendo altri soldi per avere giustizia in tribunale oppure trovare un compromesso, pagare una parte e chiudere per sempre la faccenda (quel cane aveva emesso una fattura da ben 14.000 euro confidando poi di estorcene la metà) ........ abbiamo preferito la dolorosa soluzione di accordarci a sei mila euro .... Non parlate mai con un professionista iscritto ad un albo dei vostri progetti e delle vostre idee, non lasciategli mai alcun vostro riferimento, una piantina, una planimetria senza farvi elaborare prima un disciplinare di incarico in cui egli esponga dettagliatamente ciò che farà e a quali costi ! Rischiate la truffa legalizzata . Metteteli poi in competizione economica l'uno con gli altri (oltre ovviamente a valutarne curriculum, esperienza e quindi competenza) .

Ciao

Roby
Ultima modifica di robrossi il sab dic 12, 2009 10:46 pm, modificato 2 volte in totale.

robrossi

Re: Intervista esclusiva a Robrossi

Messaggio da robrossi » sab dic 12, 2009 2:55 pm

arch.uterzi ha scritto:Da alcuni suoi vecchi commenti mi sembra di aver capito che ha preferito affidarsi ad una ditta straniera.
E' stato perchè non è riuscito a trovare aziende italiane, o perchè quelle italiane l'hanno delusa?
Sì ! Ci siamo affidati ad un gruppo straniero con una sede operativa anche in Italia .
La preferenza accordata a questo gruppo è derivata dai i costi contenuti della soluzione che ci hanno proposto e dalla qualità che ci hanno offerto rispetto a tutte le altre soluzioni vagliate (tra cui anche quella di una ditta italiana) . Non c'erano paragoni . Come non c'erano paragoni rispetto agli altri per quanto concerne l'attenzione prestata a nostri personalissimi problemi e al desiderio di trovare una soluzione insieme . Qualcuno l'ha definita empatia . E' un buon termine per definire questa sensazione .
Non credo sia giusto parlare di delusione nei confronti di qualcuno .... semplicemente ai prezzi che gli altri ci proponevano non ci potevamo arrivare !
arch.uterzi ha scritto: E' stato complicato realizzare la casa?
Mmmmm .... molta apprensione ..... più che difficoltà . La scelta fatta ci poneva inizialmente qualche dubbio . Ci sentivamo inotre i primi a costruire in legno ... un po' degli alieni . Ciò ci ha indotto a seguire tutte le fasi con grande attenzione , cercando di non tralasciare alcun particolare .... col senno di poi potevamo farne anche a meno .... ma non potevamo saperlo . Non è stato certamente come comprare casa da una immobiliare ... un po' di stress, un po' di paura (anche ingiustificata), un po' di ore investite .... ma per il risultato ottenuto ne è valsa la pena ! Se dovessi rifare una casa non penserei nemmeno mezzo secondo ai mattoni e al cemento ! Questo è fuori di dubbio !

Roby

Paolo Boni
Messaggi: 3501
Iscritto il: gio ott 29, 2009 6:15 pm
Controllo antispam: diciotto
Località: Carpenedolo (BS)
Contatta:

Re: Intervista esclusiva a Robrossi

Messaggio da Paolo Boni » dom dic 13, 2009 3:37 pm

M3M ha scritto:
robrossi ha scritto:si invento' alcune attività mai svolte e ci scucì circa 6.000 euro ....
ste cose mi mandano fuori di testa... ma hai pagato?!

In qualità di Architetto non posso che dissentire in parte...
Ricordiamoci sempre che la colpa sta spesso da entrambe le parti...
Naturalmente non volgio dare del bugiardo a robrossi in quanto non conosco bene quanto è successo ma voglio parlare in generale...
Quante volte mi capitano clienti saccenti che considerano il mio lavoro come un disegnare la piantina di casa (cosa che possono benissimo fare loro) oppure che non ascoltano minimamente i consigli argomentati perchè sono convintissimi d'avere ragione oppure ancora che vanno dal tecnico di paese intraminato perchè così non hanno problemi col comune... Oppure che si accordano loro su come eseguire i lavori edili direttamente con l'impresa escludendo dalla decisione il direttore lavori e poi trovarsi a fare lo scaricabarile su problematiche nate dalle loro decisioni... spessissimo sbagliate in quanto non a conoscenza della dinamica completa del cantiere...
Inoltre prima di scegliere un tecnico uno dovrebbe chiedergli le referenze... esistono in ogni provincia tecnici bravi che hanno poco lavoro pur essenrdo seri... tali tecnici spesso hanno vinto premi oppure sono stati selezionati in concorsi o meglio ancora hanno continuato ad aggiornarsi mediante corsi. Il cliente come in ogni campo dovrebbe iniziare ad informarsi e a muoversi con calma e tranquillità e chiedere... non fermarsi SEMPRE su quanto gli fa spendere un tecnico rispetto ad un altro... Un buon progetto ha un costo e quel costo vale quasi sempre quanto viene dato. Se poi si decde di confrontare solamente il costo pensando d'ottenere un risparmio perchè il progetto tanto è un'insieme di spazi e basta e poi la direzione lavori non conta tanto le ditte del legno arrivano con la casa già realizzata da montare poi si arriva a quanto sento su questo forum...
Esempio classico è il post sul software sulla progettazione tipica considerazione del lavoro e della professionalità dei tecnici.
Cari i miei committenti, come vi informate su tutto se acquistate un'auto pur non essendo meccanici ma chiedendo le prestaioni, smettetela di considerare la casa come un insieme di ambienti ma come un complesso sistema da far funzionare nel modo giusto. Inoltre (contestazione fatta alle ditte dei prefabbricati in legno) smettiamola di prpporre case tipo da posizionare su di un qualsiasi lotto perchè non è così che funziona... Le case tipo hanno solamente vantaggi per le ditte produttrici non per i clienti... nemmeno sui prezzi ci sono vantaggi... un buon progetto fatto su msura costa uguale ai progetti tipo... Non esiste standardizazione nel lego esistono macchiena taglio numerico e per loro tagliare una parete in un modo o in un altro non comporta differenze di costo.
Inoltre mi è capitato molte volte di valutare progetti standard fatte da ditte del prefabbricati e scoprire che non avevano nessun tipo di ottimizzazione sui tagli dei materiali o su altro...
Vi stanno repndendo in giro quando lo capirete forse vi affiderete ad un buon tecnico.
Inoltre altro aspetto negativo è quello di affidarsi a tecnici delle ditte prefabbricatrici e poi essere contenti del lavoro... ma dico io non vi sfiora minimamente l'idea che stanno facendo gli interessi della ditta stessa? e non vi sfriora l'idea che se tutto procede bene è perchè stannop applicando per filo e per segno le linee di risparmio e contenimento dei costi della ditta stessa?
Purtroppo no, continuate a valutare il tutto con i soldi spesi... così non si arriva a nulla. ogni cliente deve essere esigente e pretendere chiarezza da parte di tutti.
Poi sono il primo a considerare gli ordini professionali una casta da eliminare...
Ciao Paolo

Rispondi