Sodium lauryl glucose carboxylate

Forum di supporto al nuovo Biodizionario.it
per approfondimenti sui giudizi espressi del BioDizionario sugli ingredienti Cosmetici e Alimentari

Moderatori: laura serpilli, Erica Congiu

Rispondi
Jenny
Messaggi: 791
Iscritto il: mar gen 31, 2006 10:20 pm
Località: provincia di Pesaro...

Sodium lauryl glucose carboxylate

Messaggio da Jenny » mar mar 25, 2008 6:04 pm

Caro Fabrizio, altro quesito ecobio.
Che pallino daresti a questa sostanza? L'ho cercata sul biodizionario ma non c'è.
Grazie mille sin d'ora :D

Fabrizio Zago
Messaggi: 16837
Iscritto il: mar ott 05, 2004 10:38 pm
Controllo antispam: diciotto

Re: Sodium lauryl glucose carboxylate

Messaggio da Fabrizio Zago » mar mar 25, 2008 10:02 pm

Ciao Jenny,
purtroppo, nonostante il bellissimo nome è piuttosto tossico per gli organismi acquatici. Bollino rosso (uno solo).

Jenny
Messaggi: 791
Iscritto il: mar gen 31, 2006 10:20 pm
Località: provincia di Pesaro...

Re: Sodium lauryl glucose carboxylate

Messaggio da Jenny » gio mar 27, 2008 2:59 pm

Peccatooooooooooo!!!
E Jenny ricomincia la sua ricerca della miscela perfetta... :(
Però un'altra curiosità me la devo togliere: che funzione ha? L'ho visto in una miscela preconfezionata di tensioattivi, contenente sicuramente un anfotero e un non ionico... a che cosa dovrebbe servire? E' solo un tensioattivo secondario o ha funzioni surgrassanti/filmanti/condizionanti/addensanti?
Thank you :)

Fabrizio Zago
Messaggi: 16837
Iscritto il: mar ott 05, 2004 10:38 pm
Controllo antispam: diciotto

Re: Sodium lauryl glucose carboxylate

Messaggio da Fabrizio Zago » gio mar 27, 2008 8:20 pm

Ciao Jenny,
serve a dare la pappa pronta a chi non è capace di formulare. Prendi la miscela preconfezionata, la diluisci con acqua, ci metti del profumo e del conservante ed il prodotto è fatto. Non ci vuole mica un fenomeno per lavorare in questo modo, ti pare?

Jenny
Messaggi: 791
Iscritto il: mar gen 31, 2006 10:20 pm
Località: provincia di Pesaro...

Re: Sodium lauryl glucose carboxylate

Messaggio da Jenny » ven mar 28, 2008 2:16 pm

Eh, lo so che è pappa pronta :)
So anche che per chi produce piccole quantità come noi spignattatori sarebbe comodissima, perchè non saremmo costretti a caricarci di 5-6-7 taniche di tensioattivi diversi. Dura la vita segli hobbysti della detergenza :(
Vabbè, comunque sia... niente miscele pronte, non di questo tipo, almeno. Però ho un'ultima domanda: fra i carbossilati ce n'è qualcuno meno letale per i pesciolini o sono tutti uno peggio dell'altro?

Fabrizio Zago
Messaggi: 16837
Iscritto il: mar ott 05, 2004 10:38 pm
Controllo antispam: diciotto

Re: Sodium lauryl glucose carboxylate

Messaggio da Fabrizio Zago » ven mar 28, 2008 3:16 pm

Ciao Jenny,
"fra i carbossilati ce n'è qualcuno meno letale per i pesciolini o sono tutti uno peggio dell'altro?" Cero che no, ce ne sono che non sono affatto tossici per gli organismi acquatici. Quello che si deve fare è controllare la scheda di sicurezza della sostanza (e se non ce l'hai la trovi in internet) ed andare al punto 12.
In questa sezione troverai le informazioni relative sia alla biodegradabilità (ed è facile leggere il dato perché è o no biodegradabile) ma anche i valori di tossicità per gli organismi acquatici espresso come LC50.
La leggenda è la seguente:
tossicità inferiore a 1 mg/l = pessimo, due pallini rossi
da 1 a 10 mg/l = cattivo, 1 pallino rosso
da 10 a 100 mg/l = si può fare di meglio = un pallino giallo
oltre 100 buono = pallino verde
oltre 1000 ottimo = due pallini verdi.

Jenny
Messaggi: 791
Iscritto il: mar gen 31, 2006 10:20 pm
Località: provincia di Pesaro...

Re: Sodium lauryl glucose carboxylate

Messaggio da Jenny » dom mar 30, 2008 4:13 pm

Bene, oggi ho imparato come interpretare certi dati :)
Di nuovo grazie :wink:

biopietro
Messaggi: 111
Iscritto il: mer gen 05, 2005 6:47 pm
Località: colline piacentine

Re: Sodium lauryl glucose carboxylate

Messaggio da biopietro » mer apr 02, 2008 9:42 am

Jenny ha scritto:Bene, oggi ho imparato come interpretare certi dati :)
Di nuovo grazie :wink:
Ciao Janny
immagino che ti faccia riferimento al Plantapon SF che è un miscela di Sodium Cocoamphoacetate, Glycerin,Lauryl glucoside, Sodium Cocoyl Glutamate e Sodium Lauryl Glucose Carboxylate. Leggo aL punto 12 della scheda di sicurezza che riguarda le informazioni ecologiche che la tossicità ittica acuta LC 50 è compresa tra 10 e 100 . Stando quindi alla classificazione fatta da Fabrizio è un pallino giallo e non rosso
Saluti
Biopietro

Jenny
Messaggi: 791
Iscritto il: mar gen 31, 2006 10:20 pm
Località: provincia di Pesaro...

Re: Sodium lauryl glucose carboxylate

Messaggio da Jenny » gio apr 03, 2008 2:24 pm

Caro Biopietro, centrato in pieno :) è proprio lui (e speriamo che il moderatore non si arrabbi).
Non ho avuto ancora tempo di cercare la MSDS di questo prodotto, ma se mi dici che non è così male sono contenta; a vedere la composizione, di quel carbossilato ce n'è davvero poco. Farò la mia brava ricerchina in rete :D

Fabrizio Zago
Messaggi: 16837
Iscritto il: mar ott 05, 2004 10:38 pm
Controllo antispam: diciotto

Re: Sodium lauryl glucose carboxylate

Messaggio da Fabrizio Zago » ven apr 04, 2008 7:08 pm

Mi arrabbio leggermente perché non mi piace che vengano fatti nomi commerciali di prodotti, anche dei miscuglioni.
Ricordo perç che la domanda iniziale non era sul miscuglione ma una singola materia prima. Io confermo il mio punto di vista.

Jenny
Messaggi: 791
Iscritto il: mar gen 31, 2006 10:20 pm
Località: provincia di Pesaro...

Re: Sodium lauryl glucose carboxylate

Messaggio da Jenny » sab apr 05, 2008 8:38 am

Ok Fabrizio, non picchiarmi... la tiro per le lunghe, ma adesso devo capire.
Questo carbossilato sta in una miscela di tensioattivi "ready to use", e qui non ci piove.
Per quanto possano stare antipatiche le certificazioni, questa miscela ha una certificazione Ecocert.
Allora: questa certificazione è stata data a cuor leggero, visto l'uso di quello specifico carbossilato?
Ultima domanda: il fatto che sia miscelato ad altri tensioattivi cambia qualcosa dal punto di vista "tossicità per la fauna acquatica"?

All'inizio ho chiesto la tua valutazione sul singolo tensioattivo perchè al fattore "miscela" non ci avevo pensato. Ma ad occhio e croce non credo che cambi niente: se una molecola è tossica rimane tossica anche nel prodotto finito, visto che non avviene alcuna reazione chimica tra i componenti.

Ripeto, è solo per capire: lungi da me il voler polemizzare :D

Fabrizio Zago
Messaggi: 16837
Iscritto il: mar ott 05, 2004 10:38 pm
Controllo antispam: diciotto

Re: Sodium lauryl glucose carboxylate

Messaggio da Fabrizio Zago » sab apr 05, 2008 10:42 am

Ciao Jenny,
neppure io volevo polemizzare ma ribadisco che è meglio non citare nomi e cognomi di prodotti (puri o miscele). Ma questa è una mia fissa e quindi passiamo ci sopra.
Per la questione Ecocert il ragionamento da fare è questo: lei (Ecocert) e praticamente tutti i disciplinari Bio badano moltissimo alla "provenienza" delle materie prime quindi la loro origine e, come è noto, se sono biologiche prendi la certificazione se non lo sono non la prendi. Che poi la sostanza sia più o meno tossica per l'ambiente non è molto considerato. L'unica cosa che si fa è di stilare una lista di sostanze proibite e in questa lista ci sono certamente delle sostanze che sono molto pericolose per l'ambiente acquatico. Ma, ripeto, non viene fatto nessun calcolo preciso e scientificamente sostenibile dell'impatto ambientale. In questo modo viene escluso il famoso lauril etere solfato di sodio solo per la sua parte petrolifera ma non viene tenuto in nessun conto che è molto poco impattante per gli organismi acquatici.
Ecolabel inevece fa il percorso relativo al "destino" delle sostanze e non bada per nulla all'origine delle sostanze. Che sia anche petrolifera la sostanza non importa nulla quello che importa è il suo potenziale di biodegradabilità aerobica, anaerobica e di tossicità per gli organismi acquatici.
E' quindi del tutto evidente che la soluzione è di unire le due filosofie di certificazione al fine di avere delle garanzie sia per l'origine che per il destino delle sostanze impiegate.
Speriamo che un giorno questo si avveri.

Rispondi