Bambini vegan: dallo svezzamento alla scuola

Archivio delle discussioni sui forum non più presenti

Moderatore: laura serpilli

Avatar utente
mammafelice
Messaggi: 706
Iscritto il: sab nov 10, 2007 11:03 am
Controllo antispam: cinque
Località: provincia di torino
Contatta:

Bambini vegan: dallo svezzamento alla scuola

Messaggio da mammafelice » gio ott 28, 2010 5:28 pm

Ciao a tutti! Su invito di Daria apro un topic per raccogliere domande e suggerimenti riguardo all'alimentazione vegan nella primissima infanzia (periodo durante il quale il bambino ha esigenze nutritive diverse rispetto all'adulto).
Mi chiamo Isa, ho un bimbo prevalentemente vegan di 3 anni e mezzo. Sono biologa ed ho un Master di I livello in nutrizione e dietetica. Da poco accolta nello staff di moderatori del forum SSNV
(http://www.ssnv.it/forum/viewforum.php?f=6)
(assieme a Daria e Davide80 :D che moderano anche qui), sono anche moderatrice della sezione "Vegetarismo e veganismo nell'infanzia" di ForumEtici
(http://www.forumetici.it/viewforum.php?f=32)
Spero che il 3d possa essere utile!
Aprirei sottolineando al volo alcuni piccoli, ma importanti, capisaldi che sono da tenere a mente nell'affrontare uno svezzamento vegan:
-il latte materno o formulato è importante per il bambino fino ai 3 anni. Fino all'anno è l'alimento più importante e da cui deve continuare ad arrivare la maggior parte dell'apporto calorico. Ciò semplifica da una parte, ma delega alla madre l'attenzione che deve essere data all'assunzione di vitamina B12 e di acidi grassi della serie omega3.
- a differenza degli adulti, fino ai 2 anni, non vi sono restrizioni nella quantità di grassi della dieta e cià vale ancor più per i bimbi vegan, in cui la dieta è più facilmente povera di grassi (ottimo per l'adulto, nel caso di un organismo in rapida crescita significa invece ricordarsi di aggiungere sempre buon olio extra vergine di oliva e creme di semi oleaginosi). Sappiamo tutti che il fabbisogno proteico è facilmente raggiunto con gli alimenti vegetali e ciò resta vero anche per l'infante, purchè sia sufficiente l'apporto calorico. Il latte materno è sì un latte più zuccherino e meno proteico rispetto ai latti di mucca/capra ecc., ma ricordiamo che oltre il 50% delle calorie del latte materno viene dai grassi, quindi non assomiglia al succo di uva come certi igienisti amano raccontare :wink:
-lo stomaco del bambino/a piccolo/a è molto piccolo: piccoli volumi possono riempirlo, perciò, a differenza di quanto facciamo noi adulti, il pasto deve essere ad elevata densità calorica e gli alimenti più calorici vanno dati ad inizio pasto. Per lo stesso motivo vanno limitate le bevande, sopratutto se rischiano di togliere posto al magico latte materno.
-a differenza dell'adulto l'intestino di un bambino piccolo (lattante fino a 3 anni e oltre) non è ancora attrezzato per gestire grandi quantità di fibra: i cereali devono essere ben cotti e poi passati (o raffinati) e lo stasso vale per i legumi. Non si deve assolutamente esagerare con le verdure! Inizialmente servono più che altro a dare sapore :)
-nel momento in cui il latte (materno o formulato) viene ridotto, diventa essenziale controllare che l'alimentazione comprenda adeguate quantità di vitamina B12 e di grassi omega 3.

Per il momento chiudo segnalando i libri sull'argomento disponibili in Italiano:
"Figli vegetariani" di Luciano Proietti: una piccola bibbia che spiega molto bene i perchè ed i percome di molte cose cui qui ho solo accennato.
"La cucina etica per mamma e bambino" di Emanuela Barbero e Antonella Sagone.
"Ricette da favola" di Michela DePetris.
Gli ultimi due con tante idee e ricette per non esaurire mai la fantasia!
E ovviamente la sezione "Ricette per bebè" di veganblog: http://www.veganblog.it/category/ricette-per-bebe/ :mrgreen:

Naturalmente ho dimenticato un'infinità di argomenti (per esempio la vitamina D: fin da piccini è necessaria l'esposizione al sole! In gravidanza e allattamento la madre deve godersi i raggi del sole!), ma spero che possano essere approfonditi man mano che ve ne sarà l'esigenza.
:D

Daria
Messaggi: 4908
Iscritto il: mar nov 14, 2006 7:43 pm
Controllo antispam: cinque
Località: mantova
Contatta:

Re: Bambini vegan: dallo svezzamento alla scuola

Messaggio da Daria » gio ott 28, 2010 5:52 pm

Ciao carissima,
grazie per avere accettato l'invito di "occuparti" dei nostri bambini vegani.. :)
una domanda: preferisci essere chiamata Mammafelice oppure Isa?
Ad ogni modo benvenuta nella tua nuova veste di esperta in questo forum.

Invito tutti quelli che hanno scelto di crescere bambini vegani di rivolgere in questo topic tutti i loro quesiti, dubbi, curiosità..ecc.

Buon lavoro!
:)

Avatar utente
francy71
Messaggi: 702
Iscritto il: sab ago 30, 2008 12:57 pm
Controllo antispam: cinque
Località: provincia di Vicenza

Re: Bambini vegan: dallo svezzamento alla scuola

Messaggio da francy71 » ven ott 29, 2010 12:01 am

ciao a tutti!
questa sezione mi piace molto :D
cara mammafelice
cosa intendi per cibi calorici? (non sono del tutto inesperta, ma ogni suggerimento è sempre utile)
a inizio pasto a mia figlia di 6 anni dò sempre o uno spicchio di mela o una forchettata (di + non ne mangia) di carote grattuggiate perchè vale la regola: per primo sempre cibo crudo.
per pranzo poi di solito mangia pasta (con pesto, pomodoro, in bianco con germe di grano e lievito in scaglie), ricotta o uovo o wurstel vegetale..verdure niente tranne piselli o patate
la sera passati di verdura o riso/cereali poi legumi in forme diverse
cerco di tenere un pranzo vegetariano e la cena prevalentemente vegana
creme di semi oleaginosi:tipo?
essendo una bambina che mangia poco non so mai se assume calorie e proteine sufficienti
mi sono sempre chiesta: i bambini che hanno una corretta dieta vegana è perchè mangiano sufficienti quantità di verdure unite ovviamente a cereali, legumi e frutta, vero? dato che le mie figlie mangiano pochissime verdure (quasi niente) e pochi legumi non credo che possano passare ad una dieta vegana bilanciata
grazie
francesca

RiccardoC
Messaggi: 142
Iscritto il: mar ott 19, 2010 10:50 am
Controllo antispam: cinque

Re: Bambini vegan: dallo svezzamento alla scuola

Messaggio da RiccardoC » ven ott 29, 2010 12:20 pm

Per chi ha difficoltà a far mangiare le verdure, specialmente quelle "filamentose" come cicoria, bieta e spinaci o altre verdure a foglia (problema riscontrato con altre mamme e papà), posso dirvi come ho risolto io
Mi figlia è una polpettomane, nel senso che gli piace tanto mangiare polpette e burgers (che io mi diletto a fare la sera per il giorno dopo, mentre la moglie guarda la TV), per cui cucino lo spinacio, lo frullo PER BENE, fino a farlo diventare praticamente una crema, lo amalgamo con un po' di farina di ceci e fecola di patate, faccio polpette o burgers che ricopro di pan grattato e cuocio poi al forno o in padella. La bimba non sente i filamenti di verdura in bocca che le danno il senso di rifiuto e si mangia tutto. Poi ovviamente le dico cosa c'era nel burger, così si abitua al fatto che lo spinacio (o quello che è) è buono

Daria
Messaggi: 4908
Iscritto il: mar nov 14, 2006 7:43 pm
Controllo antispam: cinque
Località: mantova
Contatta:

Re: Bambini vegan: dallo svezzamento alla scuola

Messaggio da Daria » ven ott 29, 2010 12:25 pm

RiccardoC ha scritto:Mi figlia è una polpettomane, nel senso che gli piace tanto mangiare polpette e burgers (che io mi diletto a fare la sera per il giorno dopo, mentre la moglie guarda la TV)
Che carino che sei!
davvero un bravo papà.. e marito :)

Avatar utente
francy71
Messaggi: 702
Iscritto il: sab ago 30, 2008 12:57 pm
Controllo antispam: cinque
Località: provincia di Vicenza

Re: Bambini vegan: dallo svezzamento alla scuola

Messaggio da francy71 » ven ott 29, 2010 8:57 pm

Daria ha scritto:
RiccardoC ha scritto:Mi figlia è una polpettomane, nel senso che gli piace tanto mangiare polpette e burgers (che io mi diletto a fare la sera per il giorno dopo, mentre la moglie guarda la TV)
Che carino che sei!
davvero un bravo papà.. e marito :)
concordo con Daria!!
anch'io "uso" questo metodo ma non avete idea di quanto sono difficili le mie figlie! diciamo che si sono abituate abbastanza alle polpette di legumi e verdure o alle crocchette di verdure, non ne mangiano grandi quantità (la piccola non + di 1), all'inizio erano diffidenti e dire che mi vengono anche bene da quando soprattutto uso per la panatura la farina di mais.
Con la farina di ceci devo stare attenta perchè non piace loro molto il suo sapore (del resto non piace molto neanche a me)
quando faccio la farinfrittata devo mettere parecchie spezie x coprirne il sapore particolare.
mi piacerebbe che mangiassero di + le verdure senza doverle cammuffare.

Avatar utente
mammafelice
Messaggi: 706
Iscritto il: sab nov 10, 2007 11:03 am
Controllo antispam: cinque
Località: provincia di torino
Contatta:

Re: Bambini vegan: dallo svezzamento alla scuola

Messaggio da mammafelice » sab ott 30, 2010 3:28 pm

Ottima idea Riccardo! :D

Francy: le tue figlie sono grandi però, vero? Nel titolo ho scritto dallo svezzamento alla scuola, perchè da quel momento in avanti, sebbene possano valere trucchetti particolari, l'alimentazione ha le stesse caratteristiche e tipicità di quella dell'adulto (a parte che solitamente il dispendio energetico è maggiore, in rapporto al peso ed a parte un secondo periodo "critico" sopratutto per alcuni nutrienti che è l'adolescenza). Le attenzioni particolari di cui ho scritto, sopratutto la preferenza per alimenti anche grassi e cereali raffinati, è limitata esclusivamente ai primi anni di vita, sopratutto i primi 3.
Per delle bambini delle elementari (quali penso siano le tue figlie) è un'ottima cosa cominciare il pasto con le verdure crude e poi cereali (meglio integrali anche per loro, se appropriatamente cucinati); frutta per spuntini quanta se ne vuole; legumi e verdure a cena, va benissimo. Se si trattasse di bambini sotto i 4 o 5 anni, invece, direi di saltare l'obbligo delle verdura prima del primo!
Abituare al sapore delle verdure, quante più possibile, è importantissimo, ma è meglio farlo nei condimenti (es, pasta e broccoli, riso con il cavolo, patate col cavolfiore, ecc.) oppure proponendole come secondo, dopo che le esigenze caloriche sono state perlopiù coperte dal primo piatto e magari "arricchite" con salse nutrienti.
Però mi ripeto, non credo sia il caso delle tue bimbe, quanti anni hanno?

P.S. creme di oleaginosi? Sono la crema di sesamo (tahin), crema di nocciole, crema di mandorle, noci tritate, semi di girasole/zucca tritati.
Noci e nocciole sono consigliate dopo l'anno di età, ma mandorle e poi sesamo possono essere introdotti a partire dai sei mesi.
P.S.2: ottima idea aggiungere germe di grano, che integra in vitamine del gruppo B, minerali tra cui il ferro e vitamina E importante anche per proteggere dall'ossidazione gli acidi grassi omega 3 dell'olio di lino. Ho da poco imparato che bisogna scegliere quello in confezioni di cartone, piyttosto che quelle in plastica trasparente che lascia passare la luce (grazie a SSNV)! :wink:

Avatar utente
francy71
Messaggi: 702
Iscritto il: sab ago 30, 2008 12:57 pm
Controllo antispam: cinque
Località: provincia di Vicenza

Re: Bambini vegan: dallo svezzamento alla scuola

Messaggio da francy71 » sab ott 30, 2010 7:37 pm

sì mammafelice, le mie figlie in effetti sono + grandi...beh, Asia ha appena compiuto 6 anni ma Nicole ne ha 11.
Infatti ero indecisa se scrivere in questa sezione ma credo che nessuno "mi butti fuori", giusto? :lol: :mrgreen:
a parte gli scherzi, posso avere cmq consigli ad es. a proposito dell'alimentazione da adottare per Nicole nella fase pre e mestruale? oppure devo rivolgermi da un'altra parte? (mi indicate dove? sul sito di SSNV magari?)
per quanto riguarda le creme di semi oleaginosi, l'altro ieri ne ho fatta una con mandorle pelate, semi di sesamo-lino-girasole, per me è venuta buonissima ma ho dovuto praticamente mangiarmela perchè ad Asia non è piaciuta molto nei crackers.
L'olio di lino ho smesso di prenderlo dopo che ho saputo che al naturasì deve stare nel frigo (invece lo tengono sullo scaffale), però non l'ho mai visto in confezione di cartone, dove lo trovi? al naturasì?

Avatar utente
mammafelice
Messaggi: 706
Iscritto il: sab nov 10, 2007 11:03 am
Controllo antispam: cinque
Località: provincia di torino
Contatta:

Re: Bambini vegan: dallo svezzamento alla scuola

Messaggio da mammafelice » dom ott 31, 2010 9:41 am

Nessuno ti butta fuori :lol: , anzi, può essere occasione giusta per mettere in luce le differenze (quando ce ne sono).
Nel cartone parlavo del germe di grano, che in scaglie o polvere, non dell'olio di semi di lino :wink:
Per l'olio ti consiglio di dire esplicitamente al naturasì che l'olio baule volante riporta un tagliandino con la dicitura "da frigo" e che lì dovrebbe stare! In ogni caso finchè non lo trovi vanno altrettanto bene i semi di lino tritati al momento, che oltretutto sono insapori :)
Ah! Per l'adolescenza: il punto della questione è che sono anni di crescita intensa, quindi come nella primissima infanzia le esigenze di alcuni nutrienti aumentano (calcio e zinco, e per le bimbe al cominciare del ciclo, il ferro!).
Siccome è durante l'adolescenza e poco oltre che si forma il picco di massa ossea, è un periodo critico per formare le ossa più robuste che si può! Dal momento di picco osseo in avanti si lavora per mantenere la massa e non perderla (evitando sale, cole, eccesso proteico, con il sole e il movimento).
Non spaventarti in anticipo pensando al latte! A parte il fatto che potrai usare i latti vegetali addizionati, diversi studi hanno dimostrato che il fattore critico per lo sviluppo della massa ossea ina dolescenza è il movimento, mentre il consumo di latte non aveva nessuna influenza. Pertanto la vera regola sarà NON stare tutti i pomeriggi alla Tv o videogiochi, ma fare moto e all'aria aperta....
Quando sarà il momento immagino che la "battaglia" più dura sarà questa :wink:

Avatar utente
francy71
Messaggi: 702
Iscritto il: sab ago 30, 2008 12:57 pm
Controllo antispam: cinque
Località: provincia di Vicenza

Re: Bambini vegan: dallo svezzamento alla scuola

Messaggio da francy71 » dom ott 31, 2010 11:15 am

mi sembrava strano l'olio di lino in confezione di cartone :oops:
per quanto riguarda l'assunzione di calcio per Nicole, non c'è pericolo per il latte nel senso che, anche prima di abbandonare il latte di mucca, lei già aveva smesso di volerlo (intorno ai 6 anni, facevo perfino gli sforzi a colazione da quanto lo rigettava).
Non vuole però neanche il latte vegetale se non poche gocce nei cereali x colazione, ma solo ogni tanto (vario molto la loro colazione), non parliamo poi del calcio che si trova nelle verdure! potrei prendere in considerazione qualche integratore naturale?
per il fatto di stare all'aria aperta non ci sono problemi e neanche di tenerla lontana da Tv e videogochi (ama molto entrambi) dato che i pomeriggi sono già occupati dai molti compiti (questo è un altro argomento, ha cominciato la 1 media ed è piena di compiti :( ), per fortuna ama molto stare con le amiche al parco.
Quando comincerà il ciclo (non credo ci vorrà molto, ha già avuto qualche "segnale", alcune sue amiche hanno già cominciato) non devo potenziare anche il ferro?

per Asia su cosa devo puntare di + per la sua crescita?
calcio: beve latte vegetale a colazione e frutta secca ogni giorno o quasi.

grazie x tutti i consigli

Daria
Messaggi: 4908
Iscritto il: mar nov 14, 2006 7:43 pm
Controllo antispam: cinque
Località: mantova
Contatta:

Re: Bambini vegan: dallo svezzamento alla scuola

Messaggio da Daria » gio dic 09, 2010 8:30 pm

Posto questo video trovato sul forum vegano sportivo...

mamma vegana bimbo vegano
http://www.youtube.com/watch?v=Lw-OELwg ... r_embedded

NaturAoDistruzione

Re: Bambini vegan: dallo svezzamento alla scuola

Messaggio da NaturAoDistruzione » ven feb 11, 2011 10:28 am

Salve sono molto interessato a sapere come si trovano i bambini con un alimentazione vegetariana quindi senza cibo animale e senza nemmeno integratori.
Vorrei sapere alle famiglie con bambini vegetariani se riscontrano dei malesseri nei loro bambini soprattutto in età molto giovani 2-10 anni.
MI farebbe piacere inotlre avere magari dei riscontri scientifici su bambini e/o famiglie che hanno avuto esperienze di alimentazione vegetariana senza integratori di B9-B12 e/o altri fino all'età adulta e dove la madre sia in gravidanza che in allattamento non ha introdotto integratori nella sua dieta nè alimenti animali.

Davide'80
Messaggi: 954
Iscritto il: gio gen 24, 2008 9:33 pm
Controllo antispam: cinque
Località: Milano

Re: Bambini vegan: dallo svezzamento alla scuola

Messaggio da Davide'80 » ven feb 11, 2011 11:42 am

C'è da dire che l'integratore di acido folico (vitamina B9) da 400 mcg è raccomandato a tutte le donne, indipendentemente dal tipo di dieta, nei primi 3 mesi di gravidanza e se si cerca il concepimento, anche se le donne vegane assumono molto più acido folico delle onnivore. Qualche decennio fa non lo prescrivevano neanche, come non prescrivevano DHA.

Invece la vitamina B12 è di importanza fondamentale ed è parte integrante di una sana dieta vegana, al feto arriva solo la vitamina B12 assunta, non quella di deposito, quindi è importante assumerla sempre, ma in particolare durante tutta la gravidanza e l'allattamento.

Su www.scienzavegetariana.it trovi diversi articoli sulla dieta vegetariana nell'infanzia, durante la gravidanza e l'allattamento.

raffaella71
Messaggi: 1
Iscritto il: lun feb 21, 2011 10:15 am
Controllo antispam: cinque

Re: Bambini vegan: dallo svezzamento alla scuola

Messaggio da raffaella71 » lun feb 21, 2011 10:35 am

Ciao a tutti, scrivo per chiedere se ci sono famiglie alle prese con l' alimentazione di un asilo nido di quelle previste dalla dietista ussl , cioè se in quanto vegani avete scelto un nido apposito (ce ne sono? ) o se richiedete una dieta diversa per i vostri figli.

premessa doverosa e importante: non siamo vegani nè vegetariani, sono per un'alimentazione con poche proteine animali, l'uso di cereali non raffinati e l'eliminazione degli zuccheri, per motivi di salute, nel senso che il mio compagno ha il diabete mellito tipo 1 (insulinodipendente) e abbiamo un bambino di 20 mesi svezzato e alimentato con le accortezze di cui sopra.
Mi rendo conto che non essenodo vegana, forse non èprorpio il forum più appropriato, ma le difficoltà riguardano l' alimentazione di mio figlio all' asilo, dove forse anche qualcuno di voi può aver trovato problemi.

In questa dieta ai miei occhi davvero demenziale per l'alto contenuto di proteine animali (in inverno poi ancora di più, non c'è UN giorno in cui non ve ne siano e una zuppa di legumi è proposta DUE volte al mese!) , ho chiesto di non dare a mio figlio carne rossa, prosciutto... ma non c'è una possibile sostituzione ( e poi anche se fosse cosa gli darebbero ? formaggio? non certo ad ese mpio un buon tortino di miglio e zucca!) perchè non vi sono allergie ecc quindi il pediatra non ha nulla da certificare.

premetto che per le educatrici è la prima volta che capita (escludendo appunto diete di bimbi di altre religioni o intoleranti...), mi hanno sempre riportato la cosa che mio figlio rifiuterebbe anche il contorno di verdure se ad esempio non gli danno la carne che lo accompagna , che ci rimane male, che forse si sente diverso....

Io ho notato che il rifiuto delle verdure avviene anche quando mangia il secondo e secondo me perchè queste sono presentate veramente in modo poco appetibile (praticamente quasi sempre bollite)tipo ospedale e mai una bella pasta con verdure che sò di cui peraltro a casa è ghiotto;

il fatto di sentirsi diverso secondo me è un po' presto per questa percezione, forse pùò essere che ci sia una piccola frustrazione al momento se vede che i suoi compagni mangiano una cosa e lui no, ma poi mi dicono che è buonissimo, non ha nessuna difficoltà relazionale, generoso con i nuovi bambini ...non so sono in difficoltà perchè non socosa fare, vi ringrazio e chiedo scusa se ho sbagliato "posto" per scrivere, non sono avvezza ai forum, è la prima volata, grazie, Raffaella

Avatar utente
mammafelice
Messaggi: 706
Iscritto il: sab nov 10, 2007 11:03 am
Controllo antispam: cinque
Località: provincia di torino
Contatta:

Re: Bambini vegan: dallo svezzamento alla scuola

Messaggio da mammafelice » gio feb 24, 2011 1:58 pm

Ciao, io non ho esperienza di mensa al nido, ma solo di scuola materna, ma dal punto di vista legale (e pratico) la situazione è identica: un pasto diverso devono fartelo anche per motivi etici. Io ho richiesto il menù vegetariano senza foglio del medico nè usare la religione come scusa.
Poi ho concordato il menù con la mensa per verificare che non inserissero troppi latticini con la scusa di sostitutire la carne...
Questo però si può fare solo c'è la cucina, se c'è un servizio di mensa a distanza (tipo milano ristorazione su milano) devi rivolgerti al servizio mensa per chiedere di visionare i loro menù alternativi.
Le uniche scuole con attenzione particolare all'alimentazione sono le scuole steineriane, private e care e non so nemmeno se esista il nido.
Detto questo, riuscirai sicuramente ad ottenere una riduzione (o eliminazione) dei prodotti animali, ma se ti preme anche la bontà del pasto l'unica soluzione sarebbe selezionare il nido in base al tipo di mesa presente (ossia se cucinano le cose fresche oppure no).
In ogni caso non otterrai mai che utilizzino cereali integrali (e guarda che, al nido, nonostante una possibile famigliarità per il diabete, è comunque meglio non esagerare con le fibre!!!), nè che omettano del tutto lo zucchero o il sale, ecc.
Però tieni presente che compensi ampiamente con l'alimentazione sana a casa! Non si deve nemmeno essere ossessivi :wink:
Le sostituzioni alla carne esistono, anche se non sono perfette: a mio figlio portano alternativamente formaggio fresco locale, un uovo a settimana, legumi 2 volte alla settimana e il resto contorni di verdure che mangia senza problemi.
Io non ho chiesto di togliere il formaggio (ho solo controllato che non fosse quotidiano!) perchè mio figlio è più grande della tua ed ha scelto lui, per ora, di mangiare vegetariano e non vegan, ma questo è un altro discorso.
Ricordati che gli altri bimbi poi rimangiano carne o pesce o formaggio anche a cena! E che tutti consumano latte vaccino a colazione :evil: Se riesci a limitare l'eccesso proteico nei pasti all'asilo (anche se non perfetti) ed eviti i latticini nell'alimentazione a casa, credo che tu possa riuscire a giostrartela bene.
Purtroppo le mense sono ben lontane dalla perfezione, si fa quel che si può :?
P.S. puoi cercare anche nidi alternativi? Se le maestre già in anticipo ti dicono "rifiuta le verdure senza la carne" (ma chi l'ha detto?) o "ci rimane male se mangia diverso" (e allora i bambini allergici non li prendono e non sanno gestirli?), non dimostrano di essere molto propense alla comprensione. I bambini si sentono diversi solo se qualcuno glie lo fa notare/pesare e le maestre sono le prime indiziate, sopratutto così piccini come al nido!

Rispondi