NATUROPATIA

Archivio delle discussioni sui forum non più presenti

Moderatore: laura serpilli

Rispondi
valeria to
Messaggi: 233
Iscritto il: mar ott 12, 2004 2:01 pm
Località: torino

NATUROPATIA

Messaggio da valeria to » mer mag 24, 2006 9:37 am

Vorrei scrivervi un po’ di che cosa dovrebbe essere la naturopatia.
Purtroppo mi sono accorta, nella mia esperienza che, non essendo ancora una professione regolamentata, non a tutti è chiaro chi sia un naturopata.
Vorrei provare sinteticamente a spiegarlo in modo che, chi abbia voglia di frequentarne uno, sappia che tipo di lavoro andrà a fare.
Il naturopata non è un medico e quindi non fa diagnosi e non si occupa della malattia.
Questo significa che, in linea generale, bisognerebbe andare dal naturopata quando si sta bene o ai primi sintomi di squilibrio.
Questo è assai difficile nella nostra società abituata a curare e non a prevenire.
Pensate che in passato (oggi non so se è ancora così) in Cina si pagava il medico quando si stava bene, se ci si ammalava non lo si pagava più, perché lui non era stato abbastanza bravo a non far ammalare il suo assistito!
Il naturopata deve educare alla salute attraverso l’alimentazione, gli stili di vita, il modo di essere, pensare ed agire nel mondo, ricercando la causa dello squilibrio con pazienza ed attenzione.
Diciamo che il naturopata propone un percorso di cambiamento e per far questo può aiutare il suo assistito con la cromoterapia, l’aromaterapia, la cristalloterapia, i Fiori di Bach, la pranoterapia,…cercando di non standardizzare i rimedi…ogni individuo è diverso da un altro, come lo è il suo squilibrio. Ad esempio ogni mal di testa è diverso, sopravviene in momenti diversi, in seguito ad atti, pensieri che sono specifici per ognuno. Fattori che vanno tutti indagati tenendo anche conto che viviamo in un sistema intercomunicante: micro e macro cosmo sono in relazione continua tra loro e con noi.

Per un approfondimento sull’argomento vi consiglio il libro di Valerio Sanfo, Naturopatia e competenze del naturopata, Ananke, Torino, 2006.

ciao
Valeria

Rispondi