Costo caldaia

Forum dedicato alle tecniche di costruzione con materiali naturali.

Moderatori: laura serpilli, michele ricci

Rispondi
Bradipoveloce
Messaggi: 22
Iscritto il: sab lug 09, 2005 10:46 am

Costo caldaia

Messaggio da Bradipoveloce » mer ago 03, 2005 8:21 pm

Ciao a tutti, vorrei sapere se qualcuno sa indicarmi il prezzo della caldaia a fiamma rovescia della Thermorossi modello Aspirotronic LE.

CIAO

Benni
Messaggi: 38
Iscritto il: mar ott 19, 2004 5:53 pm
Località: Veneto

Messaggio da Benni » mer ago 24, 2005 9:59 pm

aspirotronic Le 24 vetrificata 3000 € più iva questo è il preventivo fatto a me in aprile .
ti sei informato anche dei costi per il resto dell'impianto

Bradipoveloce
Messaggi: 22
Iscritto il: sab lug 09, 2005 10:46 am

Messaggio da Bradipoveloce » mer ago 24, 2005 11:06 pm

Questo era il preventivo:

"Preventivo si spesa
-fornitura e posa in opera caldaia a legna marca MBZ mod. FA28 da alloggiarsi nel vano sottoterra posto all'interno del fabbricato, completa di accessori di sicurezza, cassoncino d'espansione, circolatore e tutto quanto si rende necessario per una corretta installazione.
-fornitura e realizzazione canna fumaria in accia inox monoparete Dm 200 dalla caldaia al tetto (escluso opere di muratura per il rivestimento della canna fumaria)
-fornitura e collegamento n° 1 bollitore da Lt 200 teflonato per la produzione di acqua calda, da installarsi all'interno del fabbricato completo di valvole, termostati, termometro, staffe e quanto altro si rende necessario per una corretta installazione.
-fornitura e posa in opera scambiatore a piastre Kcal/h 30.000 per la gestione dell'impianto (legna-gas) vaso aperto lato caldaia a legna, vaso chiuso lato caldaia a gas, completo di valvole motorizzate e tre vie, raccorderie varia, staffe, valvolame e quanto altro si rende necessario per una corretta installazione.
-collegamento di tutti gli accessori agli attuali impianti termici e sanitari.
-messa in servizio e collaudo.

TOTALE OFFERTA : EURO 7308,55 + IVA

N.B. l'impianto preso in esame considera le gestione del termo alimentato a legna completamente automatico gestito elettricamente nella possibilità di funzionamento gas o legna, pur rimanendo i due impianti termici completamente separati al momento del funzionamento del gas.

N.B. restano escluse dal presente preventivo le opere elettriche, le opere di progettazione e la pratica I.S.P.E.L., l'I.V.A. e quanto altro non espressamente specificato. "

F I N E P R E V E N T I V O




Adesso me lo dovrebbe rifare cambiando la caldaia e cioè mettendo la aspirotroni e il puffer in +....... sto aspettando.
A te che preventivo (se te lo hanno fatto) per l'impianto ti hanno fatto? Potresti scrivermelo?

CIAO

Benni
Messaggi: 38
Iscritto il: mar ott 19, 2004 5:53 pm
Località: Veneto

Messaggio da Benni » dom ago 28, 2005 10:08 pm

Sono ancora in atesa di riceverlo non ho molta fretta visto che la casa la sto ristrutturando ora e che l'impianto mi servirà tra 6 mesi comunque cerco di capirci qualcosa visto che è una giungla.
Ho dovuto chiedere specificatamente un accumulo puffer di 1000 lt in quanto secondo l'idraulico poteva bastare un 400 lt.
Per il momento ho installato il primo tratto della canna fumaria che ho deciso di metterla in acciaio diametro 180mm coibentata solo per la metà parte esterna, per risolvere problemi di dilatazione e ponte termico nel muro. Ho dato un'occhiata a varie caldaie vedi baxi solo innova o unical gasogen2 e i diametri consigliati sono addirittura di 150mm .
Quindi visto che la termorossi è peggiorativa 180 risparmia già sul tuboche la spesa non è poca.
Per l'acqua ti installano un boiler da 200lt che sarebbe un accumolo in previsione di installare un solare, visto che ti darà un'autonomia di 2 giorni per 3 persone circa. Però dovrebbe avere già la sepentina interna per fare da scambiatore.
in ultima lo scambiatore a piastre che avrebbe il funzionamento di produrre acqua calda come un istantaneo perche ti serve?
Se hai il boiler da 200lt (se non usi il solare per me basta anche 150) quando accendi la caldaia prima dai il consenso a caricare il boiler acqua è poi passi a caricare il puffer.
Questo è il sistema che usero anchio.
ti faro sapere appena avrò un preventivo completo.
ciao a risentirci

Benni
Messaggi: 38
Iscritto il: mar ott 19, 2004 5:53 pm
Località: Veneto

Messaggio da Benni » dom ago 28, 2005 10:37 pm

scusa non ci avevo pensato lo scambiatore a piastre serve per tenere i due circuiti separat gas-legna.
Quindi il mio commento di prima non era adeguato.
Puo esserti utile invece questa dritta, ho parlato con un mio amico che ha installato la gasogen due senza puffer con boiler per l'acqua di 80 lt su una vecchia casa. Non sono riuscito a capire quanto dura una carica di legna in quanto lui mi diceva che bruciava un pò di tutto non legna di faggio e che comunque doveva caricare la caldaia almeno ogni 2-3 ore.
Quindi l'accendeva alle 14.00 in quanto dice che prima la casa è ancora calda ci fa 2 o 3 cariche e l'ultima alle 22.30 circa e lui così è contento.
ci sentiamo

Bradipoveloce
Messaggi: 22
Iscritto il: sab lug 09, 2005 10:46 am

Messaggio da Bradipoveloce » lun ago 29, 2005 2:31 am

Benni ha scritto:Puo esserti utile invece questa dritta, ho parlato con un mio amico che ha installato la gasogen due senza puffer con boiler per l'acqua di 80 lt su una vecchia casa. Non sono riuscito a capire quanto dura una carica di legna in quanto lui mi diceva che bruciava un pò di tutto non legna di faggio e che comunque doveva caricare la caldaia almeno ogni 2-3 ore.
Quindi l'accendeva alle 14.00 in quanto dice che prima la casa è ancora calda ci fa 2 o 3 cariche e l'ultima alle 22.30 circa e lui così è contento.
ci sentiamo
Questo fatto mi mette in allarme in quanto quello che voglio proprio evitare è il fatto di doverla ricaricare ogni 2-3 ore (in casa non c'è nessuno per almeno 8 ore consecutive) infatti sto cercando un impianto che, una volta caricato, mi garantisca che la caldaia rimanga accesa almeno 6-7 ore. Trovo strano che ricarichi così frequentemente perchè a questo punto tanto vale mettere una stufa stile maiolica che , se non sbaglio, ti fa la stessa funzione (o quasi) e risparmi diversi soldi...... non trovi?
Sicura è una cosa: questi impianti costano uno sproposito e, per chi come me, non può nemmeno detrarre il 36% (visto che ho già raggiunto il tetto massimo di 48.000 euro in fase di ristrutturazione), diventa ancora + pesante la spesa..... chissà se mai riuscirò a "guadagnarci" prevedendo una spesa di 9-10.000 euro !!!!!
Beh comunque informati meglio da questo tuo amico e fammi sapere.
CIAO

Bradipoveloce
Messaggi: 22
Iscritto il: sab lug 09, 2005 10:46 am

Messaggio da Bradipoveloce » lun ago 29, 2005 2:33 am

P.S. ma l'esperto Psq che fine ha fatto....... sempre in vacanza???

Benni
Messaggi: 38
Iscritto il: mar ott 19, 2004 5:53 pm
Località: Veneto

Messaggio da Benni » lun ago 29, 2005 9:47 pm

adesso chiedero meglio penso che per fine settimana lo incontro.
Per la detrazione del 36% la puoi ottenere se non sbaglio dopo finito la ristrutturazione apri una nuova pratica per sostituzione caldaia che se non sbaglio già hai.
Per i miei preventivi in settimana o la prossima dovrebbe arrivarmi.
Per il calcolo di quante volte caricare la caldaia ho provato ad informarmi per capirci qualcosa apparte che costano una fortuna.
Bisogna avere quanto brucia una carica completa di legna che si dovrebbe ricavare dal volume della camera di combustione della caldaia non ho mai trovato questo parametro sui depliant per stabilire quante calorie produce poi bisogna calcolare quanto disperde la casa per vedere quante calorie mangia e dalla differenza si ottiene quanto bisogna caricarla.
Possibile che siamo gli unici a chiedercelo?
Non ci sia nessuno che oltre la teoria mi dica in pratica quanta autonia ci sia.
Penso a naso e spero che una carica dovrebbe portare in temperatura il puffer nel mio caso stimato di 1000lt a circa 70° avendo opptato per il riscaldamento a pavimento L'utilizzero fino a circa 35° quindi a naso penso e spero di avere 8 ore di autonomia quindi il mio massimo sarebbe due cariche al giorno una al mattino e una alla sera che mi sembrava fosse anche la tua idea. La differenza di puffer può essere per la differenza di impianto radiatori in ghisa che usano l'acqua a temperatura più elevata.
Hai provato a chiedere all'idraulico a che temperatura fa funzionare i radiatori in ghisa ? Se ti risponde 80° credo ci siano seri problemi con il puffer in quanto non si può caricarlo sopra gli 85° per dei problemi tecnici che non ricordo.
a risentirci

Benni
Messaggi: 38
Iscritto il: mar ott 19, 2004 5:53 pm
Località: Veneto

Messaggio da Benni » ven set 02, 2005 7:51 pm

trovato l'amico e chiesto meglio spiegazioni.
Lui brucia i bancali di legno che gli avanza dal cantiere li taglia grossolanamente in tre pezzi e poi li taglia a metà .
quindi si trova ad avere dei pezzi di legno di circa 4cmx2cmx45cm con inchiodati ogni 10cm un pezzo di legno di 2cmx1cmx10cm questi fanno si che ci siano molti vuoti d'aria e quindi la sua carica non è comparabile con una carica di legno di qualità. Ho chiesto se bruciando di tutto avesse molta cenere e lui mi ha risposto circa un secchio da pittore alla settimana e un secchiello di chiodi. Ho provato a chiedere in giro quanto ci impiega la caldaia a caricare il puffer e quanta autonomia puo dare. Al momento sto ancora aspettando.

Benni
Messaggi: 38
Iscritto il: mar ott 19, 2004 5:53 pm
Località: Veneto

Messaggio da Benni » dom set 18, 2005 8:46 pm

Per calcolare la durata della carica della caldaia dovresti fare due conti veloci che sono:kg di legna per potere calorifico che per legna =4,0 KWh/Kg (con due stagioni si aggira sul 25% umidità) . Quindi calore Max = 45Kg legna x 4=180KW dividendo per la potenza della caldaia si ottiene la durata della carica . 180KW/28kw=6,5 ore di funzionamento a regime massimo.
una seconda considerazione è il puffer che ora sto pensando anchio a 1500lt che fornisce 1 caloria per ogni litro di H2O per la differenza di un grado.Partendo dal puffer penso che dovrebbe arrivare a 85° per la temperatura di mandata ai radiatori che prevedo minimo di 60° otterrai 85-60=25°di delta termico moltiplicato per 1500Lt =25x1500=37500Kcal. Ipotizando che la tua casa consuma circa 15000 Kcal/h avrai una autonomia del puffer di 37500/15000=2,5 ore.Per fare un calcolo spanometrico delle Kcal/h che consuma la tua casa puoi fare il volume per 35 Kcal/mc.
Ci sentiamo alla prossima.

Benni
Messaggi: 38
Iscritto il: mar ott 19, 2004 5:53 pm
Località: Veneto

Messaggio da Benni » gio nov 03, 2005 9:22 pm

Preventivo fornitomi dall'idraulico caldaia Aspirotronic LE24 Vetrificata comprensiva di termocoppi per sanitario e termocoppia per riscaldamento €3425.- n.4 Serbatoio 300litri per un totale di 1200litri in acciaio zincato per riscaldamento €673x4=2692€ - Bollitore in acciaio inossidabile da 350litri con serpentino scambiatore per futuro solare €2178 -Lavoro di montaggio e collegamenti con 1 collettore da 2 uscite; 2 circolatori per circuito primario;1 circolatore per impianto a pavimento;1 valvola miscelatrice a punto fisso da 1"; 1 kit di by pass da circuito riscaldamento;n 5 valvole a sfera da 1"1/4;5 valvole a sfera da 1";2 valvola di ritegno da 1"1/4; 2 valvola di ritegno da 1";1 valvola di scarico termico ad azione positiva con reintegro incorporato da1/2 il tutto €1655;Attacco camino da caldaia a muro 2curve da 180x90+1 tubo da 180h100+2tubi da 180h50+4 fascette da 180=227 totale 3425+2692+2178+1655+227=10177+iva
e manca ancora il resto dell'impianto.
Ho chiesto del ricircolo acqua in caldaia per evitare la condensa in quanto non previsto, e della valvola di scarico termico se acquisto l'accessorio di resistenza scarico termico per capirci quello che fa passare H2O per raffreddare la caldaia.

Rispondi