Caldaia a GAS :roll:

Forum dedicato alle tecniche di costruzione con materiali naturali.

Moderatori: laura serpilli, michele ricci

Rispondi
Il professore
Messaggi: 35
Iscritto il: mer dic 18, 2019 6:01 pm
Controllo antispam: diciotto

Caldaia a GAS :roll:

Messaggio da Il professore » ven feb 07, 2020 3:51 pm

Buon Giorno,
salve a tutti, facendo il mio lavoro mi imbatto/impatto ancora oggi con aziende di case in legno che propongono la caldaia a Gas a condensazione.
E' inutile nascondere che ho tutti i preventivi della concorrenza e vedere certe proposte mi fa molto strano.
Credo che la caldaia sia un concetto superato (anche se economica), sono circa 9 anni che non monto una caldaia, ma che installo solo pompe di calore.
La mia domanda è semplice:
sbaglio io a proporre la pompa di calore?
Inoltre la normativa è chiara 50% da fonti rinnovabili e con una caldaia a gas ci vedo una grossa forzatura anche se inserisco il fotovoltaico ed il solare termico.
Bha misteri della fede..................... :roll:

Saluti Il professore

Paolo Boni
Messaggi: 3585
Iscritto il: gio ott 29, 2009 6:15 pm
Controllo antispam: diciotto
Località: Carpenedolo (BS)
Contatta:

Re: Caldaia a GAS :roll:

Messaggio da Paolo Boni » ven feb 07, 2020 7:46 pm

Io ho una visione a riguardo.
Se sei in passività come funzionamento di abitazione e intendo certificata passivhaus non le classiche classi A 3 o 4 da certificazione energetica, allora significa che il consumo energetico è estremamente basso.
In casi simili mi ritrovo spessissimo ad avere l'impianto idraulico di 30 mila euro. Ora mi chiedo, che senso ha quando sei in passività avere impianti di minimo 30 mila euro quando con una bupna caldaia a condensazione ne spendi un terzo?
Come farò a recuperare 20 mila euro di spesa.
In quanti anni?
Inoltre quale sarà il mio inquinamento effettivo con una caldaia in una casa che consima 1 euro metro quadro anno di spese?

Il problema è che l'europa vuole un piano energetico che punti sul sostenibile e quindi pretende ancora il 50% di rinnovabili su consumi già ridicoli

Rispondi