Presentazione e domande su progetto di ristrutturazione

Forum dedicato alle tecniche di costruzione con materiali naturali.

Moderatori: laura serpilli, michele ricci

Rispondi
pippi2012
Messaggi: 1
Iscritto il: ven gen 31, 2014 3:54 pm
Controllo antispam: diciotto

Presentazione e domande su progetto di ristrutturazione

Messaggio da pippi2012 » ven giu 21, 2019 1:15 pm

Ciao a tutti,
sono un po' di anni che seguo questo forum, da quando accarezzo il sogno di una casa mia in campagna. Non ho mai scritto prima ma negli anni ho letto un po' tutto e mi rendo conto che qui si tratta per lo più di nuove costruzioni in bioedilizia, idea che ho accarezzato anche io per un po'.
Attualmente però abbiamo individuato finalmente "La Casa", e dopo una trattativa estenuante hanno accettato la nostra offerta, dovremmo rogitare entro ottobre. Si tratta quindi di una casa esistente, completamente da ristrutturare in zona lago Maggiore.

Vi scrivo perchè negli anni ho visto uno sfoggio di professionalità e di disponibilità notevole in questo forum e ho davvero un sacco di dubbi e domande.
La casa in questione è stata costruita negli anni settanta (credo), in origine era un capannone in cui venivano tenute le quaglie, poi negli anni ottanta è stato venduto, tramutato parzialmente in casa e mai più toccato. In pratica è un rettangolo di circa 200 metri quadri, con un tetto a 2 falde (in Eternit!!) di cui attualmente circa 65 sono destinate a rimessa. La casa attualmente è abitata e asciutta , o almeno da quest'impressione.
Ora, noi pensiamo di usarlo così com'è per un primo periodo, come seconda casa per i weekend e nel frattempo fare un progetto (farlo fare, ovviamente) e poi con calma iniziare i lavori (idealmente farli scaglionati).

La prima domanda: per iniziare a ragionare su un progetto, che credo sia il primo e più importante passaggio, a che figura dovrei rivolgermi? Architetto? Ingegnere? Diversi professionisti?
Seconda domanda, mi rendo conto che è un po' generica, ma che tipo di investimento dovrei fare per un progetto sensato? Quanto mi dovrebbe costare?

Avrei fiumi di altre richieste ma per ora mi sembrano sufficienti...

Intanto ringrazio chiunque abbia voglia e tempo di rispondermi, anche solo per un commento!
Ciao a tutti,
Federica

Paolo Boni
Messaggi: 3499
Iscritto il: gio ott 29, 2009 6:15 pm
Controllo antispam: diciotto
Località: Carpenedolo (BS)
Contatta:

Re: Presentazione e domande su progetto di ristrutturazione

Messaggio da Paolo Boni » lun giu 24, 2019 10:02 am

Dopo aver letto che l'abitazione è un semplice rettangolo con tetto a falde mi verrebbe da buttare l'idea di isolarlo esternamente con un buon cappotto in balle di paglia e andare con le balle di paglia pure sulle falde così da chiudere l'involucro.
Naturalmente sto pensando a voce alta senza conoscere bene le situazioni di contorno e quindi qualche stupidata posso anche dirla. Prendila solo come pensiero e valuta tu se è una soluzione che potrebbe funzionare.
Per quel che riguarda i professionisti ed il progetto (pur essendo io di parte) ti consiglio sempre di valutare con cura le persone e soprattutto di scegliere professionisti che lavorano in questo mondo . Non affidarti ciecamente alle aziende ed ai loro professionisti. Per un buon progetto serve sempre e comunque un progettista, un termotecnico, un ingegnere strutturista. Queste le professionalità iniziali da cui avere un progetto.
Consiglio ulteriore fatti fare un progetto esecutivo in ogni campo e cerca poi i preventivi, non il contrario. Un buon progeto esecutivo completo di progetto generale, strutturale, impiantistico ed esecutivo con capitolati ti può costare dai 10 ai 15 mila euro.
Naturalmente sto parlando di esecutivo architettonico completo di matreriali e sviluppo di tuttii punti di aggancio, esecutivo strutturale completo di disegni specifici e relazione di calcolo, progetto impiantistico completo di schemi, passaggi tubi e capitolati da far quotare.
Per ora mi fermo anche io. Buona ricerca Paolo

Avatar utente
tmx64
Messaggi: 2348
Iscritto il: gio lug 02, 2009 3:25 pm
Controllo antispam: diciotto
Località: Milano

Re: Presentazione e domande su progetto di ristrutturazione

Messaggio da tmx64 » lun giu 24, 2019 1:31 pm

Ciao Federica
pippi2012 ha scritto:
ven giu 21, 2019 1:15 pm
...tramutato parzialmente in casa e mai più toccato. In pratica è un rettangolo di circa 200 metri quadri, con un tetto a 2 falde (in Eternit!!) di cui attualmente circa 65 sono destinate a rimessa...
Ti consiglierei di interpellare un progettista prima di acquistare l'immobile.
Giusto anche che catastalmente sia veramente tutto ok.
Parli poi anche di Eternit: occhio che è sempre un bel guaio gestirlo, a cominciare dal suo smaltimento.
pippi2012 ha scritto:
ven giu 21, 2019 1:15 pm
La prima domanda: per iniziare a ragionare su un progetto, che credo sia il primo e più importante passaggio, a che figura dovrei rivolgermi? Architetto? Ingegnere? Diversi professionisti?
Seconda domanda, mi rendo conto che è un po' generica, ma che tipo di investimento dovrei fare per un progetto sensato? Quanto mi dovrebbe costare?
Alla prima domanda ti rispondo in modo che può sembrare banale ma è il vero punto fondamentale di ogni intervento edilizio: l'importante che il tecnico sia veramente capace, non importa poi che sia geometra o architetto.
Per quanto riguarda i costi, è impossibile fare una valutazione. Anche perchè, in questi casi, forse l'unico vero intervento sensato è sempre l'abbattimento e ricostruzione. Mi riferisco al caso che uno voglia ristrutturare completamente e profondamente un edificio, senza particolare valore storico o architettonico, facendo i lavori in un unica soluzione. Non è il tuo caso naturalmente perchè parli d'intervenire piano piano (magari con lavorazioni fatte da voi stessi).


ciao
Thomas

IngMR
Messaggi: 613
Iscritto il: mer dic 05, 2012 10:27 am
Controllo antispam: cinque

Re: Presentazione e domande su progetto di ristrutturazione

Messaggio da IngMR » mar giu 25, 2019 8:40 am

quoto in toto TMX, soprattutto nella raccomandazione nell'appoggiarti a un tecnico valido PRIMA di definire l'acquisto dell'immobile.

Aggiungo solo di non scaglionare troppo i lavori.. il rischio è di aver perennemente qualcuno da gestire, di scordarti dei pezzi (e magari non farli), di arrivare in fondo con la somma delle spese più alta rispetto al concentrare il maggior numero di lavori in una volta sola, di aver un infinito rimbalzo di responsabilità se qualcosa va storto.

Rispondi