Canapa e salubrità

Forum dedicato alle tecniche di costruzione con materiali naturali.

Moderatori: laura serpilli, michele ricci

Rispondi
yatahaze
Messaggi: 57
Iscritto il: sab giu 16, 2012 9:04 pm
Controllo antispam: cinque

Canapa e salubrità

Messaggio da yatahaze » dom mar 24, 2019 10:20 pm

Il problema degli effetti più o meno euforici e/o allucinogeni della pianta di canapa dipendono dalla quantità di resina contenuta, precisando che la canapa coltivata in Europa è a basso contenuto e se le percentuali di THC sono inferiori ad 1% allora non si tratta di droga bensì di canapa industriale e può essere usata tranquillamente.
Non si capisce come si misurano queste percentuali. Se sono riferite solo al fiore oppure anche alle foglie od anche allo stelo, la parte legnosa cosiddetta canapulo.
E’ del tutto chiaro che la parte resinosa si trova soprattutto nel fiore o pannocchia, ma non è chiaro se e il THC è del tutto assente dal canapulo o è invece presente in quantità molto piccola tale da non essere considerata pericolosa oppure alterante per la salute.
Completamente assente oppure presente in quantità molto piccola è una differenza importante.
Se pensiamo a sostanze potenzialmente pericolose quali ad esempio la formaldeide, il benzene, VOC,fumo, campi elettromagnetici, ecc…, la logica della soglia stabilita per legge da non superare, in quanto non è garanzia di salubrità per le persone, in considerazione del fatto che sostanze non salubri in presenza molto contenuta non provocano danni alla salute in tempi più o meno brevi, ma li possono provocare e molto probabilmente li provocano in tempi lunghi o molto lunghi come è il caso dell’abitare in luoghi confinati.
Si diceva ad esempio che i mattoni dovevano essere porizzati con la farina di legno perche quelli porizzati con il polistirolo portavano inquinamento dentro casa. A chi obbiettava che si trattava di valori molto bassi controllati e consentiti dalla legge, si obbiettava che era vero che ciascun mattone portava una quantità di inquinamento piccolissima, ma che in una casa i mattoni erano tanti e che dentro casa si viveva la gran parte del nostro tempo e probabilmente una vita intera.
Mi chiedo pertanto e vi chiedo: siamo tutti così tranquilli che avvolgerci completamente in case di calce e canapa non abbia alcuna conseguenza negativa sulla salute delle persone che vi andranno a soggiornare per lunghi periodi, per tutta la loro vita?
Ci sono studi precisi in merito?

Paolo Boni
Messaggi: 3500
Iscritto il: gio ott 29, 2009 6:15 pm
Controllo antispam: diciotto
Località: Carpenedolo (BS)
Contatta:

Re: Canapa e salubrità

Messaggio da Paolo Boni » lun mar 25, 2019 12:14 pm

yatahaze ha scritto:
dom mar 24, 2019 10:20 pm
Il problema degli effetti più o meno euforici e/o allucinogeni della pianta di canapa dipendono dalla quantità di resina contenuta, precisando che la canapa coltivata in Europa è a basso contenuto e se le percentuali di THC sono inferiori ad 1% allora non si tratta di droga bensì di canapa industriale e può essere usata tranquillamente.
Non si capisce come si misurano queste percentuali. Se sono riferite solo al fiore oppure anche alle foglie od anche allo stelo, la parte legnosa cosiddetta canapulo.
E’ del tutto chiaro che la parte resinosa si trova soprattutto nel fiore o pannocchia, ma non è chiaro se e il THC è del tutto assente dal canapulo o è invece presente in quantità molto piccola tale da non essere considerata pericolosa oppure alterante per la salute.
Completamente assente oppure presente in quantità molto piccola è una differenza importante.
Se pensiamo a sostanze potenzialmente pericolose quali ad esempio la formaldeide, il benzene, VOC,fumo, campi elettromagnetici, ecc…, la logica della soglia stabilita per legge da non superare, in quanto non è garanzia di salubrità per le persone, in considerazione del fatto che sostanze non salubri in presenza molto contenuta non provocano danni alla salute in tempi più o meno brevi, ma li possono provocare e molto probabilmente li provocano in tempi lunghi o molto lunghi come è il caso dell’abitare in luoghi confinati.
Si diceva ad esempio che i mattoni dovevano essere porizzati con la farina di legno perche quelli porizzati con il polistirolo portavano inquinamento dentro casa. A chi obbiettava che si trattava di valori molto bassi controllati e consentiti dalla legge, si obbiettava che era vero che ciascun mattone portava una quantità di inquinamento piccolissima, ma che in una casa i mattoni erano tanti e che dentro casa si viveva la gran parte del nostro tempo e probabilmente una vita intera.
Mi chiedo pertanto e vi chiedo: siamo tutti così tranquilli che avvolgerci completamente in case di calce e canapa non abbia alcuna conseguenza negativa sulla salute delle persone che vi andranno a soggiornare per lunghi periodi, per tutta la loro vita?
Ci sono studi precisi in merito?
Non mi risulta che il THC sia emanato ma è semplicemente contenuto all'interno della fibra e quindi non crea sostanze volatili.
Vedrò di informarmi rispetto all'emanazione.
Ciao Paolo

Avatar utente
hm52
Messaggi: 823
Iscritto il: gio feb 11, 2010 7:37 pm
Controllo antispam: cinque
Località: Bassano del Grappa
Contatta:

Re: Canapa e salubrità

Messaggio da hm52 » gio mar 28, 2019 7:18 am

Non posso pubblicare ancora i dati perché in fase di ETA
Posso solo dire che i valori di emissione VOC con mattoni e intonaci calcecanapa sono decisamente confortanti
Settimana prox sono al corso BioSafe per approfondire altri aspetti oltre le VOC e poi procedere ad altri tipi di analisi per misurare la qualità dell’aria indoor di strutture calcecanapa

P.

Avatar utente
hm52
Messaggi: 823
Iscritto il: gio feb 11, 2010 7:37 pm
Controllo antispam: cinque
Località: Bassano del Grappa
Contatta:

Re: Canapa e salubrità

Messaggio da hm52 » sab mar 30, 2019 9:16 pm

orgoglioso del nuovo blocco HEMP52 da 38 cm, maschiato e fatto solo con calce canapa altoatesina e veneta, pula di riso e acqua

BD42F5EB-3FB9-4B03-B021-3509B6C1EB0E.jpeg
BD42F5EB-3FB9-4B03-B021-3509B6C1EB0E.jpeg (238.6 KiB) Visto 443 volte

P.

Rispondi