Riscaldamento a pavimento elettrico bassa tensione

Forum dedicato alle tecniche di costruzione con materiali naturali.

Moderatori: laura serpilli, michele ricci

Avatar utente
Edra
Messaggi: 54
Iscritto il: dom nov 02, 2014 10:01 am
Controllo antispam: Diciotto

Riscaldamento a pavimento elettrico bassa tensione

Messaggio da Edra » mar nov 15, 2016 8:14 pm

Buona sera, siamo in fase di progettazione di due uove abitazioni dove la specifica richiesta è il riscaldamento a pavimento elettrico a bassa tensione, come integrazione ad una VMC che fa caldo e freddo.
Cosa ne pensate?
http://www.epwarmfloor.com/it/riscaldam ... -volt.html

cri_15
Messaggi: 672
Iscritto il: gio lug 10, 2008 3:51 pm

Re: Riscaldamento a pavimento elettrico bassa tensione

Messaggio da cri_15 » mar nov 15, 2016 9:57 pm

1) che è una porcheria
2) che non rispetta la legge (quote rinnovabili)

Avatar utente
franco mori
Messaggi: 4971
Iscritto il: lun ago 17, 2009 10:10 am
Controllo antispam: Diciotto

Re: Riscaldamento a pavimento elettrico bassa tensione

Messaggio da franco mori » mer nov 16, 2016 8:52 am

Puoi motivare Cri perché pensi di una porcheria? Io non ho idee precise sul merito

Avatar utente
Edra
Messaggi: 54
Iscritto il: dom nov 02, 2014 10:01 am
Controllo antispam: Diciotto

Re: Riscaldamento a pavimento elettrico bassa tensione

Messaggio da Edra » mer nov 16, 2016 10:24 am

In che senso che non rispetta la legge (quote rinnovabili)?

cri_15
Messaggi: 672
Iscritto il: gio lug 10, 2008 3:51 pm

Re: Riscaldamento a pavimento elettrico bassa tensione

Messaggio da cri_15 » mer nov 16, 2016 10:45 am

Porcheria perché scalda per effetto joule (ha solo un sistema di regolazione "intelligente" e anche costoso).
Non rispetta le quote rinnovabili richieste dal 28/2011.
In ogni caso, leggendo meglio, vedo che fa da integrazione ad una vmc che fa caldo e freddo (quindi immagino si tratti di una termodinamica), perciò andrebbero fatti dei calcoli

Avatar utente
Edra
Messaggi: 54
Iscritto il: dom nov 02, 2014 10:01 am
Controllo antispam: Diciotto

Re: Riscaldamento a pavimento elettrico bassa tensione

Messaggio da Edra » mer nov 16, 2016 11:16 am

Ciao Cri,

una dei progetti in questione sarà una costruzione Passiva in provincia di Brescia, circa 190 mq di abitazione su due livelli , consumo stimato circa 8 kWh all'anno, l'impianto sarà del tipo Clivet Elfo da 4/5 kw per riscaldamento e raffrescamento,
Per integrare in riscaldamento avevamo pensato ad un sistema radiante a pavimento poiché la gestione di acqua calda sanitaria verrà gestita da una pompa di calore autonoma.
Nello specifico cercavamo di capire se questa tipologia di riscaldamento a pavimento può essere utile, che complicazioni può avare, e se ci sono controindicazioni generali, e se può avare vantaggi rispetto ad altre soluzioni.

Grazie Ciao

Paolo Boni
Messaggi: 3585
Iscritto il: gio ott 29, 2009 6:15 pm
Controllo antispam: diciotto
Località: Carpenedolo (BS)
Contatta:

Re: Riscaldamento a pavimento elettrico bassa tensione

Messaggio da Paolo Boni » mer nov 16, 2016 1:00 pm

Giuro che non l'ho progettata io

Paolo Boni
Messaggi: 3585
Iscritto il: gio ott 29, 2009 6:15 pm
Controllo antispam: diciotto
Località: Carpenedolo (BS)
Contatta:

Re: Riscaldamento a pavimento elettrico bassa tensione

Messaggio da Paolo Boni » mer nov 16, 2016 1:05 pm

Queste cose doverebbero servire ad integrazione del sistema per gestire i picchi.
Oppure potrebbero essere utili sotto grandi pareti finestrate per ovviare alla mancanza di uniformità di temperatura superficiale dovuta all'apertura.
Non lo trovo un sistema "conveniente"

Avatar utente
tmx64
Messaggi: 2442
Iscritto il: gio lug 02, 2009 3:25 pm
Controllo antispam: diciannove
Località: Milano
Contatta:

Re: Riscaldamento a pavimento elettrico bassa tensione

Messaggio da tmx64 » mer nov 16, 2016 1:32 pm

Paolo Boni ha scritto:Giuro che non l'ho progettata io
...non è sempre la prima gallina che canta quella che ha fatto l'uovo??!? Se la casa passiva ha pure un cappottone in EPS non puoi più negare!!!

Avatar utente
Edra
Messaggi: 54
Iscritto il: dom nov 02, 2014 10:01 am
Controllo antispam: Diciotto

Re: Riscaldamento a pavimento elettrico bassa tensione

Messaggio da Edra » mer nov 16, 2016 1:41 pm

No il progetto non è di Paolo Boni , la casa non ha il cappotto i EPS
la parete è a telaio se volete vi elenco la stratigrafia così la possiamo commentare insieme che dite?

gbykat
Messaggi: 1048
Iscritto il: dom set 23, 2012 8:21 am
Controllo antispam: diciotto
Contatta:

Re: Riscaldamento a pavimento elettrico bassa tensione

Messaggio da gbykat » gio nov 17, 2016 5:05 pm

una casa passiva si riscalda in fretta.usare così la corrente cop 1:1 per scaldare l inerzia del massetto non mi pare una genialata. secondo me è meglio intgrare la pdc nell aria stessa. tanto c'è già. meno spese e meno consumi e riscaldamento immediato. io ho fatto così e i costi effettivamente son bassi.la casa è bella calda.poi la parola ai termoesperti... :mrgreen:

Avatar utente
Edra
Messaggi: 54
Iscritto il: dom nov 02, 2014 10:01 am
Controllo antispam: Diciotto

Re: Riscaldamento a pavimento elettrico bassa tensione

Messaggio da Edra » gio nov 17, 2016 5:41 pm

Ciao gbykat,

in realtà l'impianto a pavimento elettrico, verrà utilizzato solo come integrazione, la filosofia del progetto è quella di non realizzare massetti ma lavorare tutto a secco quindi la quasi istantaneità del caldo quando richiesto. Inoltre si pensava di non coprire per intero il pavimento con i moduli elettrici ma solo quelli necessari a coprire i picchi di freddo nei periodi novembre/dicembre/ gennaio dove magari il sistema VMC in caldo non dovesse riuscisse a garantire la temperatura richiesta.
Il dubbio in realtà come segnali tu, sono i consumi e soprattutto che cosa può invece succedere nel periodo estivo.
E capire se c'era qualcuno che avesse già provato questa tecnologia di impianti.

gbykat
Messaggi: 1048
Iscritto il: dom set 23, 2012 8:21 am
Controllo antispam: diciotto
Contatta:

Re: Riscaldamento a pavimento elettrico bassa tensione

Messaggio da gbykat » gio nov 17, 2016 5:52 pm

Edra ha scritto:Ciao gbykat,

in realtà l'impianto a pavimento elettrico, verrà utilizzato solo come integrazione, la filosofia del progetto è quella di non realizzare massetti ma lavorare tutto a secco quindi la quasi istantaneità del caldo quando richiesto. Inoltre si pensava di non coprire per intero il pavimento con i moduli elettrici ma solo quelli necessari a coprire i picchi di freddo nei periodi novembre/dicembre/ gennaio dove magari il sistema VMC in caldo non dovesse riuscisse a garantire la temperatura richiesta.
Il dubbio in realtà come segnali tu, sono i consumi e soprattutto che cosa può invece succedere nel periodo estivo.
E capire se c'era qualcuno che avesse già provato questa tecnologia di impianti.
anche io volevo fare così ma poi si sono presentate delle problematiche tecniche.
intanto volevo fare ,e ho fatto, il pavimento in listoni di larice VERO e quindi con sotto qualcosa che riscaldava si sarebbe piegato,inoltre il legno non è certo il miglior conduttore. poi sotto ho il masetto leggero,è vuoto,sistema expander12,insomma non cè cemento ma solo legno e cellulosa. quindi che scaldavo? poi il termotecnico mi diceva che scaldare una casa in legno con un sistema ad inerzia (che non ho) sarebbe stato semplicemente stupido per questioni fisiche.
da questi ragionamenti la scelta era tra i caloriferi o il riscaldamento ad aria. quindi avendo optato già per un sistema di ventilazione meccanica con recupero a pdc la scelta è diventata facile. il problema era identico al tuo, l integrazione. perchè quando fa tanto freddo la pdc fa fatica. la scelta era tra aggiungere alla pdc aria aria una stufa a pellets il cui calore sarebbe stato distribuito dal sistema stesso della vmc. oppure aggiungere un paio di resistenze alla macchina. ho scelto le resistenze e sono contento di averlo fatto. gestisce tutto il termostato e i consumi sono bassi.
ho calcolato di consumare in tutto ,ma compresi anche i consumi di luce,asciugatrice lavastoviglie boiler elettrico,in totale 6500kwh all anno.da cui bisogna scalare la produzione del ftw. forse il sistema a resistenze sotto il pavimento è più adatto per piccole case vacanza.

Avatar utente
franco mori
Messaggi: 4971
Iscritto il: lun ago 17, 2009 10:10 am
Controllo antispam: Diciotto

Re: Riscaldamento a pavimento elettrico bassa tensione

Messaggio da franco mori » ven nov 18, 2016 6:47 am

Cioè scusa 6500 kWh quanto corrispondono a in euro?

Avatar utente
hm52
Messaggi: 884
Iscritto il: gio feb 11, 2010 7:37 pm
Controllo antispam: cinque
Località: Bassano del Grappa
Contatta:

Re: Riscaldamento a pavimento elettrico bassa tensione

Messaggio da hm52 » ven nov 18, 2016 8:07 am

Per i picchi valuta sugli alzanti scorrevoli di usare un vetro radiante tipo warmglass

P.

Rispondi