VMC e apertura finestre

Forum dedicato alle tecniche di costruzione con materiali naturali.

Moderatori: laura serpilli, michele ricci

Avatar utente
franco mori
Messaggi: 4971
Iscritto il: lun ago 17, 2009 10:10 am
Controllo antispam: Diciotto

Re: VMC e apertura finestre

Messaggio da franco mori » sab gen 16, 2016 8:46 am

ovviamente gyb se hai quel tipo di impianto la vmc e' necessaria. Per Davide, non so dove hai la casa, ma ad ogni modo se la hai in aperta campagna la tua vmc non aspirera' polveri o schifezze particolari ma quel poco che c'e in giro sicuramente lo attira come ,se fosse un aspirapolvere, nei filtri e siamo sicuri che i filtri riescano a filtrarla tutta? avete mai aperto un filtro dell'aria di un auto dopo un certo periodo in cui non lo cambiate? troverete delle sorprese....e poi l'aria che respirate passa tutta di li....attraverso filtri sporchi...ho quindi parlato , e l ho anche scritto, con un associazione di impiantisti a livello nazionale, i quali mi hanno detto che loro raccomandano la vmc con una macchina indipendente per ogni stanza proprio per evitare i tubi che, a loro dire, non si ha la certezza di riuscire nel tempo a sanificarli. Non voglio criticare la vostra scelta, ma mi permetto di osservare che voi avete vissuto "solo" la vostra esperienza. Io ho invece vissuto l' esperienza di una trentina di famiglie che , senza la vmc, non hanno nessuno dei problemi da voi citati. Non citatemi l'esperienza del sig Oliva il quale non areava mai( credo per un errore di traduzione di una lettera in cui gli si raccomandava di non aprire mai le finestre, ricevuta dalla mia ditta tedesca! ma caro collega che gli hai venuto la casa possibile che non ti sei mai interessato di cosa succedeva in casa del tuo cliente???? per chi ha seguito la vicenda sa che la casa non la ho venduta io) e per mai dico MAI, anzi teneva le finestre rigorosamente chiuse. Sono stato due volte a Coazze ( che per me ' e' un viaggio non indifferente ) e da quando gli ho detto di areare l unica muffa che si e' creata in 4 mesi (da settembre ad oggi) e' limitata ad una striscia larga 2 mm e lunga 3/4 cms su un cordolo di silicone ( penso sia dovuta all'acqua ristagnante dopo il lavaggio delle finestre ) ( scusatemi se mi tolgo un sassolino dalle scarpe)

Quindi per me , che sono un sostenitore del detto latino " in medio stat virtus" , tutti questi impianti sono uno spreco di denaro. Io ho venduto una sola casa con vmc e pompa di calore Zendher, ad un ingegnere informatico che giustamente mi ha detto " lo so franco che ho speso un sacco di soldi che non recuperero' mai, ma amo la comodita' che mi da la vmc ". E a questo punto non posso che dargli ragione....altrimenti non ci sarebbero i vetri elettrici nelle auto, i sensori di parcheggio etc etc.....

scusate la lunga dissertazione ma era per sviscerare l'argomento.....SCUSATE L'HO MODIFICATO TROPPO TARDI QUINDI LO HO RIPUBBLICATO INTEGRALMENTE

Avatar utente
franco mori
Messaggi: 4971
Iscritto il: lun ago 17, 2009 10:10 am
Controllo antispam: Diciotto

Re: VMC e apertura finestre

Messaggio da franco mori » sab gen 16, 2016 8:55 am

Paolo Boni ha scritto:Anche io ne sono convinto.
Unico problema che rilevo sempre sono i progettisti.
Non tanto i progettisti impiantisti o i progettisti della VMC quanto i progettisti architettonici che non tengono minimamente conto di dove posizionarla, come distribuire le canalizzazioni per limitarne al massimo le lunghezze, gli ingombri e le manutenzioni.
Questa è la cosa più grave.
Paolo
copio incollo questo intervento di Paolo per sottolineare che non sono il solo a dire che le canalizzazioni "possono" presentare problemi di manutenzione (angel non sono il solo che parla di "problemi" con la vmc :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: )

Avatar utente
franco mori
Messaggi: 4971
Iscritto il: lun ago 17, 2009 10:10 am
Controllo antispam: Diciotto

Re: VMC e apertura finestre

Messaggio da franco mori » sab gen 16, 2016 9:11 am

gbykat ha scritto:per la cronaca

ho acceso la vmc ,che nel mio caso fa anche da clima, in autunno.
dal misuratore di umidità si nota che ogni volta che lascio spenta la macchina sale l umidità anche parecchio.
con la ventilazione accesa l umidità si riduce a livelli quasi ottimali.
con acceso anche la funzione termodinamica ,l umidità va al 50% ,precisa e non si muove, come da regolazione.
ho avuto occasione di pulire i filtri due volte, la prima volta ci ho trovato un mucchio di polvere ,anzi di segatura finissima, nel filtro del recuperatore,dovuta ai lavori , mentre nel filtro che fa l aria in arrivo dall esterno non era nemmeno sporco, perchè l ho lavato, vi ho trovato una piuma,e basta.
io sono tra quelli che erano assolutamente contrari alla vmc.
mi sono ricreduto.
devo dire che la casa,questo tipo di case, non possono stare senza vmc.
si posono aprire le finestre continuamente, ma non è la stessa cosa.sopratutto se si hanno vetrate particolari,doppie altezze ecc.
e poi se ,come nel mio caso, utilizzi una fonte di energia piccola e senza inerzia,per riscaldare la casa, se apro le finestre ci metto poi 4 ore per riportare in temperatura la casa, con i conseguenti costi.
Mi permetto di correggerti, queste case POSSONO stare senza vmc. Certamente nel tuo caso no per il tipo di riscaldamento che hai scelto ( vuoi mettere un bel massetto caldo con una bella inerzia? Tutto un altro comfort)

Avatar utente
greenpeace
Messaggi: 96
Iscritto il: dom mar 16, 2008 4:57 pm
Località: Piemonte

Re: VMC e apertura finestre

Messaggio da greenpeace » sab gen 16, 2016 9:49 am

franco mori ha scritto:... ho venduto una sola casa con vmc e pompa di calore Zendher, ad un ingegnere informatico
Ops...anch'io sono in ingegnere informatico. Allora la VMC sarà una fissazione della nostra categoria... :lol:

Seriamente, con il mio post non volevo riaprire la questione VMC sì o no, semplicemente volevo focalizzare l'attenzione sul confronto fra VMC e apertura finestre per il ricambio d'aria (si legga il titolo del post).

Quello che ho verificato e a mio avviso è oggettivamente incontestabile è che il ricambio d'aria lento e costante delle VMC non può essere paragonato all'apertura delle finestre (non so se avete guardato con attenzione il grafico). Poi anch'io in primavera lascio spalancato tutto il giorno e...chi se ne frega della VMC, vivo in aperta campagna e mi godo l'aria pulita; ma ad esempio stamattina ci sono -8°. Apro le finestre per cambiare l'aria ? per quanto tempo ? 30-40 secondi ?
Oppure le apro per un paio d'ore ottenendo un buon ricambio d'aria ma...portando la temperatura interna intorno allo 0° ?

Avatar utente
franco mori
Messaggi: 4971
Iscritto il: lun ago 17, 2009 10:10 am
Controllo antispam: Diciotto

Re: VMC e apertura finestre

Messaggio da franco mori » sab gen 16, 2016 9:55 am

Sei esagerato Greenpeace....la realtà è...ben diversa. Però come ho scritto la vmc e' sicuramente una comodità

Avatar utente
franco mori
Messaggi: 4971
Iscritto il: lun ago 17, 2009 10:10 am
Controllo antispam: Diciotto

Re: VMC e apertura finestre

Messaggio da franco mori » sab gen 16, 2016 9:59 am

Per risponderti 10 minuti sono sufficienti. E la casa perde un grado o due al massimo che recupera in breve e senza spese grazie all inerzia del pavimento (se lo hai). E l umidità anche....perche se riscaldi l aria l umidita si asciuga...certo se hai i riscaldamenti spenti questo non succede

Avatar utente
greenpeace
Messaggi: 96
Iscritto il: dom mar 16, 2008 4:57 pm
Località: Piemonte

Re: VMC e apertura finestre

Messaggio da greenpeace » sab gen 16, 2016 10:32 am

10 minuti servono a ben poco, come si vede dal grafico che ho postato (non so se lo hai guardato con attenzione).
In quell'occasione avevo aperto per 15 minuti, giustamente come dici tu la temperatura è scesa solo di un paio di gradi ma la CO2 è ritornata allo stesso livello di prima in meno di mezz'ora.

Avatar utente
franco mori
Messaggi: 4971
Iscritto il: lun ago 17, 2009 10:10 am
Controllo antispam: Diciotto

Re: VMC e apertura finestre

Messaggio da franco mori » sab gen 16, 2016 12:01 pm

E' ovvio che la vmc garantisca col ricambio costante di aria una maggior quantità di ossigeno Nell aria ma mi permetto di farti notare che migliora ma è ben lontana da quella Dell aria fresca. Il che vuol dire che anche i livelli di co2 che hai nel grafico con la sola apertura delle finestre sono ampiamente sufficenti per il nostro benessere.

gbykat
Messaggi: 1048
Iscritto il: dom set 23, 2012 8:21 am
Controllo antispam: diciotto
Contatta:

Re: VMC e apertura finestre

Messaggio da gbykat » sab gen 16, 2016 6:54 pm

franco mori ha scritto:
gbykat ha scritto:per la cronaca

ho acceso la vmc ,che nel mio caso fa anche da clima, in autunno.
dal misuratore di umidità si nota che ogni volta che lascio spenta la macchina sale l umidità anche parecchio.
con la ventilazione accesa l umidità si riduce a livelli quasi ottimali.
con acceso anche la funzione termodinamica ,l umidità va al 50% ,precisa e non si muove, come da regolazione.
ho avuto occasione di pulire i filtri due volte, la prima volta ci ho trovato un mucchio di polvere ,anzi di segatura finissima, nel filtro del recuperatore,dovuta ai lavori , mentre nel filtro che fa l aria in arrivo dall esterno non era nemmeno sporco, perchè l ho lavato, vi ho trovato una piuma,e basta.
io sono tra quelli che erano assolutamente contrari alla vmc.
mi sono ricreduto.
devo dire che la casa,questo tipo di case, non possono stare senza vmc.
si posono aprire le finestre continuamente, ma non è la stessa cosa.sopratutto se si hanno vetrate particolari,doppie altezze ecc.
e poi se ,come nel mio caso, utilizzi una fonte di energia piccola e senza inerzia,per riscaldare la casa, se apro le finestre ci metto poi 4 ore per riportare in temperatura la casa, con i conseguenti costi.
Mi permetto di correggerti, queste case POSSONO stare senza vmc. Certamente nel tuo caso no per il tipo di riscaldamento che hai scelto ( vuoi mettere un bel massetto caldo con una bella inerzia? Tutto un altro comfort)
:P
va la che il massetto ormai è preistoria.
star li a installare accumuli, dover aprire le finestre perchè magari è uscito il sole e hau 30 gradi in casa per via del massetto che continua a cacciare caldo, e 1000 lt di acqua calda scaldata per nulla,magari con il gas (roba da cavernicoli)resto dell idea che la vmc è una gran comodità e fa anche risparmiare. io ho esagerato un attimo però devo dire che si sta bene . i tubi e i filtri non sono un problema basta pulirli spesso(i filtri) e i tubi bisogna usare il cervello quando si installano facendo in modo che vi si possa intervenire facilmente per sostituirli, modificare ecc....

Avatar utente
franco mori
Messaggi: 4971
Iscritto il: lun ago 17, 2009 10:10 am
Controllo antispam: Diciotto

Re: VMC e apertura finestre

Messaggio da franco mori » sab gen 16, 2016 7:31 pm

:D pensa che io ho assistito ad un convegno dove si dichiarava che il riscaldamento ad aria e' poco confortevole e quindi poco consigliabile....ma come qualcuno ha scritto non esiste la soluzione perfetta....esiste la soluzione migliore per ciascuno di noi che non è detto sia uguale per tutti

Avatar utente
franco mori
Messaggi: 4971
Iscritto il: lun ago 17, 2009 10:10 am
Controllo antispam: Diciotto

Re: VMC e apertura finestre

Messaggio da franco mori » sab gen 16, 2016 10:36 pm

gbykat ha scritto:
franco mori ha scritto:
gbykat ha scritto:per la cronaca


dal misuratore di umidità si nota che ogni volta che lascio spenta la macchina sale l umidità anche parecchio.
con la ventilazione accesa l umidità si riduce a livelli quasi ottimali.....
e poi se ,come nel mio caso, utilizzi una fonte di energia piccola e senza inerzia,per riscaldare la casa, se apro le finestre ci metto poi 4 ore per riportare in temperatura la casa, con i conseguenti costi.
Per forza hai un umidità alta se tieni spenta la macchina! Non hai nessun riscaldamento che asciughi l aria! La vmc non c entra un piffero! Qui in padani a ti tireresti in casa aria fresca con un bel 100% di umidità!....poi io una casa dove se apro le finestre mi ci vogliono "4 ore" per recuperare la temperatura non la godrei per nulla!

gbykat
Messaggi: 1048
Iscritto il: dom set 23, 2012 8:21 am
Controllo antispam: diciotto
Contatta:

Re: VMC e apertura finestre

Messaggio da gbykat » dom gen 17, 2016 9:46 am

franco mori ha scritto:
gbykat ha scritto:
franco mori ha scritto:
gbykat ha scritto:per la cronaca


dal misuratore di umidità si nota che ogni volta che lascio spenta la macchina sale l umidità anche parecchio.
con la ventilazione accesa l umidità si riduce a livelli quasi ottimali.....
e poi se ,come nel mio caso, utilizzi una fonte di energia piccola e senza inerzia,per riscaldare la casa, se apro le finestre ci metto poi 4 ore per riportare in temperatura la casa, con i conseguenti costi.
Per forza hai un umidità alta se tieni spenta la macchina! Non hai nessun riscaldamento che asciughi l aria! La vmc non c entra un piffero! Qui in padani a ti tireresti in casa aria fresca con un bel 100% di umidità!....poi io una casa dove se apro le finestre mi ci vogliono "4 ore" per recuperare la temperatura non la godrei per nulla!
ho una parte di riscaldamento che è separato . nei bagni ci sono i termoarredi e in soggiorno ho gli infrarossi, tutto regolato da cronotermostati. la mydatec fa il grosso ma non tutto se fa tanto freddo poscegliere di lasciar lavorare gli ir o far lavorare le resistenze. ma in ogni caso la vmc è sempre accesa.
anche se spengo la pdc la ventilazione naturale continua ad andare.
l impianto è molto versatile.
la vmc alla fine si sotituisce all apertura delle finestre con la differenza che non devi lavorarci,non devi ricordarti, è continua e costante, recupera parte del calore.
insomma dai franco,un bagno che potrebbe avere problemi di umidità ,( a prescindere dalla qualità della costruzione in genere i bagni hanno sempre qualche angolo sofferente) ti farà sempre l angolino nero,anche se ti ricordi di aprire e sopratutto se è fatto con il cartongesso,la ventilazione continua degli ambienti evita completamente questi inconvenienti.
naturalemnte poi il discorso che una casa può non avere l impianto vmc ci sta tutto. basta aprire le fineste,e passare un pò di candeggina ogni tanto nei bagni, e anche l umidità dell aria non fa mica male a nessuno se è in termini naturali, magari in estate un condizionatore e via.
su una cosa mi vedi sicuramente concorde, sull estate che me ne frego dell umidità e aprirò tutti i miei bei finestroni.
ovviamente non abito in padania ma noi che stiamo sui laghi abbiamo aria fresca tutto l anno. :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

Avatar utente
franco mori
Messaggi: 4971
Iscritto il: lun ago 17, 2009 10:10 am
Controllo antispam: Diciotto

Re: VMC e apertura finestre

Messaggio da franco mori » dom gen 17, 2016 10:56 am

A pensare a come funziona il tuo riscaldamento mi viene il mal di testa......!!!! Vmc pdc ir hg ttt rrrr gtyfy.....ci vuole mago Merlino per trovare l'alchimia giusta!!!! Il cartongesso se è di gesso puro di cava aiuta a regolare l'umidità altro che muffa!!!

Comunque tu sei soddisfatto ed è quello che conta

IngMR
Messaggi: 658
Iscritto il: mer dic 05, 2012 10:27 am
Controllo antispam: cinque

Re: VMC e apertura finestre

Messaggio da IngMR » lun gen 18, 2016 1:24 pm

Anche io sono dell'idea che se le condizioni lo consentono, non c'è nulla di meglio dell'aprir le finestre senza affidarsi alle macchine. Macchine che se non ben manutenute diventano un problema. Pur riconoscendo tutti i pregi della vmc

maxij
Messaggi: 67
Iscritto il: lun mar 17, 2014 10:12 am
Controllo antispam: diciotto

Re: VMC e apertura finestre

Messaggio da maxij » lun gen 18, 2016 4:28 pm

Ciao Ragazzi, vi porto anche la mia testimonianza.
Casa a telaio su un piano.
Premetto che io ritengo indispensabile la VMS non solo su queste case ma ogni volta che si adottano infisso molto performanti.
Comunque io ho una viessman (sia come VMC che come PDC e solare termico)
Il minimo di 50mc/h lo lascio garantito per le 24h (praticamente 1 cambio totale in 9 ore)
Al mattino dopo che usciamo di casa gli faccio fare una oretta a 100mc/h
Dalle 12.30 fino alle 14.30 sempre 200mc/h (orario pranzo)
Dalle 14.30 alle 19.00 100mc/h
dalle 19.00 alle 22.00 200mc/h
Quando facciamo doccie la faccio girare a 250mc/h
A parte il discorso che si evita di aprire finestre (è come acquistare un'auto a gpl per risparmiare e poi lasciare la bombola aperta ogni tanto), la VMC tende ad omoneizzare la temperature nei locali.
Ieri c'era una giornata limpidissima e il sole essendo basso (inverno) penetrava abbondantemente della scorrevole di 3 metri della mia sala (rigorosamente a sud), ho voluto provare a spegnere la VMC e a non abbassare frangisole, la temperatura interna della sala è salita dai 20,5 a 23,5 gradi a quel punto ho azionato la VMC a 300mc/h (al massimo) e la temperatura lentamente si è portata a 21,5° alzando quella dei locali più a nord.
Io non ci rinuncerei mai

Rispondi