QUALE FUTURO?

Forum dedicato alle tecniche di costruzione con materiali naturali.

Moderatori: laura serpilli, michele ricci

maxij
Messaggi: 67
Iscritto il: lun mar 17, 2014 10:12 am
Controllo antispam: diciotto

Re: QUALE FUTURO?

Messaggio da maxij » sab nov 22, 2014 10:16 am

Buongiorno a tutti.
Interessante questo 3nd. Io lo chiamo effetto molla ossia come in tutte le cose c'è un andamento oscillatorio smorzato. Prendete l'esempio della maccatronica. Una volta era tutto meccanico. Poi è arrivata l'elettronica e giù con schede, circuiti, applicata a una meccanica che in nome delle possibilità correttive dei software è andata riducendosi all'inverosimile finchè c'è stata una correzione a si è arrivato al compromesso buona meccanica con buona elettronica. E' così in tutti i campi. La classe energetica delle case uguale. tutti a correre per arrivare alla passiva e poi ci si inizia a chiedere se serve davvero e arriveremo all'ottimo strada facendo.
Comunque io personalmente sono sul procinto di iniziare la platea.
La mia è anche una scelta di vita sarà una classe gold, l'auto è già una ibrida anche se ambisco alla elettrica ma costa ancora troppo.

Saluti a tutti e almeno chi riesce deve cercare di fare del suo meglio quotidianamente per salvare questa palla su cui tutti viviamo.

Buon weekend

luciano
Messaggi: 114
Iscritto il: mer feb 20, 2013 3:36 pm
Controllo antispam: cinque

Re: QUALE FUTURO?

Messaggio da luciano » sab nov 22, 2014 10:27 am

Bha...l'ideale sarebbe trovare un buon punto di equilibrio o compromesso.
Cercare di ottenere una casa salutare nel senso più ampio del termine contenendo i costi potenziando ciò che le singole esigenze (e possibilità) e priorità inpongono.
Io, avendone saggiato la bontà, per es. non rinuncerei mai alla VMC pur vivendo quasi in aperta campagna. Voglio dire che certamente in tarda primavera o in autunno magari sarà spenta perchè anche di notte sarà data la possibiità di un certo ricambio d'aria grazie alla parziale apertura delle finestre della zona notte ma di inverno e nel pieno della caluria estiva le cose cambiano radicalmente e la VMC diviene irrinunciabile se si desidera un certo tipo di comfort.

Lancio una provocazione: ciò che forse manca o comunque pocco diffuso sarebbe la possibilità a dei futuri acquirenti/costruttori di una casa in bioedilizia, ma a questo punto non solo in bioedilizia, di vivere anche per un solo giorno in una casa dove poter saggiare la vivibilità e quindi il comfort che deriverebbe dalla presenza o meno, per ritornare a quanto scritto sopra, ad es. della VMC o altro.
A noi è successo di andare a visionare una casa che fungeva da sede di una ben nota haus che mi guardo bene dal nominare. Era una bella giornata di sole, eravamo in una sala con una vetrata notevole e l'effetto serra che si era venuto a creare rendeva l'aria quasi irrespirabile e quindi quasi da incidere negativamente sul concetto di edificio in bioedilizia.

Saluti

Luciano

Avatar utente
franco mori
Messaggi: 4971
Iscritto il: lun ago 17, 2009 10:10 am
Controllo antispam: Diciotto

Re: QUALE FUTURO?

Messaggio da franco mori » sab nov 22, 2014 6:21 pm

Scusa luciano ma quella vetrata andava oscurata...la vmc non c entra. Ad ogni modo son d accordo con te per la vmc ...è un comfort in più e se il budget non è un problema mettiamola pure!

gbykat
Messaggi: 1048
Iscritto il: dom set 23, 2012 8:21 am
Controllo antispam: diciotto
Contatta:

Re: QUALE FUTURO?

Messaggio da gbykat » dom nov 23, 2014 10:03 am

questa discussione è veramente veramente interessante ed intelligente. bravo franco.
credo che la vi di mezzo sia quella giusta.
fare buone case,con buoni materiali,ben isolate, ma senza esagerare con gli impianti, perchè quando una casa raggiunge una classe energetica alta(perchè da B in su,se veritiera,è alta parecchio)non serve mettere tanta roba,si climatizza con poco,e per quanto riguarda la vmc,credo sia necessaria in questo tipo di case ma tutto sta all utente della casa,se vuoi la accendi altrimenti apri le finestre.non è poi la vmc che influisce tanto nei consumi e nel costo.
quello che influisce molto in prezzo e consumi sono gli impianti esagerati.
che senso ha avere un gran involucro o addirittura aver speso un mare di tempo e denaro per progettazioni passive e poi mettere impianti pazzeschi.
non ha senso avere involucro esagerato e poi pompa di calore,doppi accumuli,termico,ftw e pannelli sottopavimento.
se uno mette tutta quella roba allora era meglio che l involucro lo lasciava fare in classe minore.
da utente non tecnico ne esperto venditore considero questo pensiero "la via di mezzo".
l'importante è che nella bioedilizia vi sia la qualità dei materiali fedele a tale filosofia bio,altrimenti stiamo perlando di un altra cosa.
La stessa filosofia che dovrebbe giustamente rimandarci al tuo pensiero con cui hai aperto la discussione.
ancora complimenti.

Avatar utente
franco mori
Messaggi: 4971
Iscritto il: lun ago 17, 2009 10:10 am
Controllo antispam: Diciotto

Re: QUALE FUTURO?

Messaggio da franco mori » dom nov 23, 2014 12:30 pm

Grazie gyb! Cmque ora che abito sotto lo stadio di san siro la vmc la metterei di sicuro!

gbykat
Messaggi: 1048
Iscritto il: dom set 23, 2012 8:21 am
Controllo antispam: diciotto
Contatta:

Re: QUALE FUTURO?

Messaggio da gbykat » dom nov 23, 2014 1:38 pm

franco mori ha scritto:Grazie gyb! Cmque ora che abito sotto lo stadio di san siro la vmc la metterei di sicuro!
almeno ti senti i concerti gratis :P

Avatar utente
franco mori
Messaggi: 4971
Iscritto il: lun ago 17, 2009 10:10 am
Controllo antispam: Diciotto

Re: QUALE FUTURO?

Messaggio da franco mori » dom nov 23, 2014 1:55 pm

Venendo da parma il trauma smog è notevole! Ho sempre la gola ed il naso irritati..la cosa che mi fa arrabbiare di piu' e' il pensiero che tutte queste case potrebbero inquinare di meno con i loro riscaldamenti e le auto , se fossero ad idrogeno od elettriche, non ne parliamo!!! Forse chi vive in campagna non si rende conto di cosa si respira qui! Per colpa poi di interessi economici !

Avatar utente
franco mori
Messaggi: 4971
Iscritto il: lun ago 17, 2009 10:10 am
Controllo antispam: Diciotto

Re: QUALE FUTURO?

Messaggio da franco mori » dom nov 23, 2014 3:12 pm

Gente che compra l auto nuova e magari a casa ha le finestre del secolo scorso e la caldaia a carbone! E le auto ancora a diesel

Avatar utente
hm52
Messaggi: 885
Iscritto il: gio feb 11, 2010 7:37 pm
Controllo antispam: cinque
Località: Bassano del Grappa
Contatta:

Re: QUALE FUTURO?

Messaggio da hm52 » dom nov 23, 2014 11:13 pm

Il futuro non prossimo per me sará fatto di bio edifici con capacitá auto adattive e predittive basate sull'algenia in cui la componente energetica sará una risorsa a disposizione del fruitore

Avatar utente
franco mori
Messaggi: 4971
Iscritto il: lun ago 17, 2009 10:10 am
Controllo antispam: Diciotto

Re: QUALE FUTURO?

Messaggio da franco mori » lun nov 24, 2014 10:47 am

hm52 ha scritto:Il futuro non prossimo per me sará fatto di bio edifici con capacitá auto adattive e predittive basate sull'algenia in cui la componente energetica sará una risorsa a disposizione del fruitore
Azzz....ma ci vorrà la laurea per abitarci??? :wink:

Paolo Boni
Messaggi: 3590
Iscritto il: gio ott 29, 2009 6:15 pm
Controllo antispam: diciotto
Località: Carpenedolo (BS)
Contatta:

Re: QUALE FUTURO?

Messaggio da Paolo Boni » lun nov 24, 2014 11:49 am

case capacitivo-cognizionali questo sarà il futuro...
Praticamente un computerino che ti manda a cagare quando si accorge che per fare il taccagno e non montare la VMC tieni aperto 1 ora al giorno le finestre :lol:

KCL79
Messaggi: 275
Iscritto il: ven mag 16, 2014 10:42 am
Controllo antispam: diciotto
Località: Treviso

Re: QUALE FUTURO?

Messaggio da KCL79 » lun nov 24, 2014 1:12 pm

Ecco la casa, del futuro, ha vita ed intelligenza propria :mrgreen:

http://www.youtube.com/watch?v=cfg4wUDFnUM

Scusate per l'OT ma non ho potuto resistere :wink:

Avatar utente
hm52
Messaggi: 885
Iscritto il: gio feb 11, 2010 7:37 pm
Controllo antispam: cinque
Località: Bassano del Grappa
Contatta:

Re: QUALE FUTURO?

Messaggio da hm52 » lun nov 24, 2014 6:14 pm

:mrgreen:

limbo
Messaggi: 46
Iscritto il: mer gen 08, 2014 6:01 pm
Controllo antispam: diciotto
Località: Mira VE

Re: QUALE FUTURO?

Messaggio da limbo » mer nov 26, 2014 3:49 pm

bah,..a mio avviso è una questione di mettere le giuste priorità agli argomenti:

1.evitare gli sprechi, perchè non c'è più ciccia ambientale per farlo! (scaldare per poi far uscire il 50% del calore, comprare per poi gettare, edificare per lasciar inabitato, ecc.);

2.come convinci el pueblo a non sprecare?
con la scusa che risparmia (con mia suocera funziona sempre),
con la scusa che fa figo (con mia suocera funziona a volte),
con la scusa del confort e dell'eticità (mia suocera non sa neanche cos'è l'etica :mrgreen: , potrebbe avere una caldaia alimentata a bambini down).

Per quanto mi riguarda non importa per quale di questi motivi ci facciamo convincere, l'importante è convincersi! Putroppo su ogni aspetto esistono possibili derive negative, costi non giustificabili, bisogni che sono dei finti-bisogni, commerviali che fanno troppo bene il loro lavoro, ecc. e tali aspetti si tengono a bada solo con la conoscenza e l'approfondimento.

Quanto al castello di Miyazaki...è pieno di ponti termici! :D

Avatar utente
franco mori
Messaggi: 4971
Iscritto il: lun ago 17, 2009 10:10 am
Controllo antispam: Diciotto

Re: QUALE FUTURO?

Messaggio da franco mori » gio nov 27, 2014 5:58 am

Paolo Boni ha scritto:case capacitivo-cognizionali questo sarà il futuro...
Praticamente un computerino che ti manda a cagare quando si accorge che per fare il taccagno e non montare la VMC tieni aperto 1 ora al giorno le finestre :lol:

Gli si fonderanno i circuiti dalla rabbia quando tua moglie e tua suocera spalancheranno le finestre a gennaio con la neve nonostante la vmc!!! :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

Rispondi