BIOEDILIZIA E RICALDAMENTO A PAVIMENTO (alla c.a. di Robvi)

Forum dedicato alle tecniche di costruzione con materiali naturali.

Moderatori: laura serpilli, michele ricci

Rispondi
Oscar
Messaggi: 4
Iscritto il: gio ott 07, 2004 4:49 pm

BIOEDILIZIA E RICALDAMENTO A PAVIMENTO (alla c.a. di Robvi)

Messaggio da Oscar » mar feb 22, 2005 6:09 pm

Sono in procinto di installare a casa mia un impianto di r.a.p. nella zona giorno (trattasi di una cinquantina di mq).
Nella zona notte, che si trova al piano superiore, abbiamo invece previsto un classico impianto a radiatori.
L’ impianto di r.a.p. è costituito da pannelli in polistirene fornito da una ditta di Salorno - BZ e dal solito tubo in polietilene reticolato.
Avendo recentemente letto su questo forum la seguente affermazione da parte di Michele da Verona (installatore):
“Il polietilene reticolato Pe-Xc o Pe-Xb lo trovo molto interessante nell'impianto a pavimento, anche se nutro fortissimi dubbi per quanto riguarda l'utilizzo del polistirolo come supporto ed isolante. Ricordo che è fatto con stirene e benzene sostanze volatili (dopo anni) ed accertatamente cancerogene….”
gradirei avere, al riguardo, un parere da Robvi o da altra persona altrettanto saggia e competente.
Ringraziando chi vorrà dedicarmi un po’ di attenzione, distinti saluti
Oscar Andreis (TN)

Antonio M.
Messaggi: 49
Iscritto il: mar nov 30, 2004 4:40 pm

Messaggio da Antonio M. » gio feb 24, 2005 9:27 am

Ciao Oscar, sono in attesa anche io di una risposta a questo quesito, l'ho pure chiesto nel mio post rigurdante i coefficienti delle perline, anche se mi sembra un attimino strano che si commercializzino prodotti cancerogeni accertati...sicuramente non saranno prodotti bioedili però da qui a diventare tossici mi sembra un po eccessivo...aspettiamo lumi...

Antonio M.
Messaggi: 49
Iscritto il: mar nov 30, 2004 4:40 pm

Messaggio da Antonio M. » gio feb 24, 2005 9:31 am

ah dimenticavo sul sito della coverd realizzano il manto sotto l'impianto con sughero granulare e poi vi mettono sopra un foglio con anima di alluminio termoriflettente, nel catalogo prodotti c'è proprio una foto...anche se non ho capito bene come vi legano il tubo sopra...

Avatar utente
robvi
Messaggi: 144
Iscritto il: mer ott 06, 2004 1:17 pm
Controllo antispam: diciotto
Contatta:

Messaggio da robvi » ven feb 25, 2005 11:19 am

Sapete che non sono un tipo "allarmista", però questa questione del polistirolo ...

Penso che se fosse accertato che il polistirolo è in qualche maniera dannoso per la salute, sarebbe già stato ritirato dal commercio; praticamente tutti gli imballaggi dei giocattoli e degli elettrodomestici sono fatti con il polistirolo, nonchè gran parte dei contenitori per gli alimenti.
Per quanto riguarda il suo utilizzo negli impianti a pavimento, chiaramente il suo utilizzo, non piace neanche a me per i seguenti motivi:
1) E' un derivato del petrolio quindi per produrlo si fanno guerre e porcherie di ogni genere.
2) Non è riciclabile e quindi provoca anche danni ambientali.
3) Sapremo forse tra alcuni anni se può provocare danni all'uomo, ed in che misura.

Detto ciò, però vorrei fare alcune considerazioni:
- Come è potenzialmente dannoso il polistirolo degli impianti a pavimento, lo è anche quello con cui si costruiscono molte solette ed anche tutti i capannoni prefabbricati nei quali molta gente lavora e trascorre gran parte della propria vita.
- Non esistono alternative altrettanto valide dal punto di vista pratico (a quando qualche produttore di pannelli in sughero o fibra di legno si deciderà a costruire un pannello preformato adatto ad ospitare il tubo per il riscaldamento radiante?).

Ciao

psq
Messaggi: 72
Iscritto il: mar ott 05, 2004 9:32 am

Messaggio da psq » ven feb 25, 2005 12:41 pm

(a quando qualche produttore di pannelli in sughero o fibra di legno si deciderà a costruire un pannello preformato adatto ad ospitare il tubo per il riscaldamento radiante?)


leggo sul sito dell'istituto italiano del rame :"Il rame è facilmente PIEGABILE e non subisce "l'effetto memoria": quindi sono inutili i cosidetti pannelli isolanti a "funghetti", che oltretutto riducono lo scambio termico"
http://www.iir.it/newslett/prof_11_1.htm

Secondo me alla fine il problema e in gran parte di tipo economico:
Il pavimento radiante confezionato con pannelli in sughero e con tubo in rame costera' almeno il doppio rispetto ad un pavimento in polistirolo e pe-x. Senza contare le speculazioni di alcuni istallatori di nicchia che con la scusa del termine "bio" raddoppiano il costo di materiali e posa in opera.

Altra considerazione:
Se al posto del polistirolo (imballi solette pannelli etc) fosse usato solo sughero o legno forse il danno ambientale sarebbe ancora superiore a quello generato dalla produzione industriale delle materie sintetiche.

Ricordiamoci che nei secoli scorsi l'uomo ha compiuto scempi ed incuinamento maggiori rispetto ad oggi. Tanto per fare due esempi:

La metallurgia del piombo largamente usato 2000 anni fa' per l'oggettistica comune le tubazioni e persino le pentole!! o il massiccio disboscamento del nord operato dalla Serenissima per la costruzione delle galee. Hanno raso al suolo superfici da far impallidire cio' che accade oggi nelle foreste amazzoniche.

michele tubo
Messaggi: 13
Iscritto il: ven feb 11, 2005 8:55 am
Località: Verona sud
Contatta:

Bioedilizia e riscaldamento a pavimento

Messaggio da michele tubo » mer mar 02, 2005 12:43 pm

Volevo far presente che diverse aziende produttrici di case prefabbricate utilizzano pannelli in agglomerato di legno " a basso contenuto di FORMALDEIDE " sostanza che non dovrebbe nemmeno essere in commercio per la sua accertata cancerogenità.
Ricordo che alcuni anni fa' al largo della Normandia una nave carica di stirene si rovesciò a causa del maltempo, ed al TG1 le associazioni ambientaliste erano preoccupate perchè nei prossimi anni si sarebbero verificati moltissimi casi di tumori ed avvelenamento dei pesci in quella zona.

Rispondi