Riscaldamento a pavimento nei bagni

Forum dedicato alle tecniche di costruzione con materiali naturali.

Moderatori: laura serpilli, michele ricci

Rispondi
garra
Messaggi: 1
Iscritto il: ven gen 28, 2005 8:54 pm

Riscaldamento a pavimento nei bagni

Messaggio da garra » lun gen 31, 2005 12:21 pm

Premetto che sono ignorante in materia, quello che so lo ho appreso da questo forum e navigando qua e là. Vorrei che qualche esperto verificasse se quello che scrivo di seguito è corretto e mi desse dei consigli, appunto da esperto.

Mi sembra che il problema principale per chi desideri installare un riscaldamento di tipo radiante a pavimento alimentato da una caldaia a condensazione (e io sono tra quelli) sia come risolvere il problema dei bagni. Questi infatti hanno bisogno di una temperatura più elevata del resto dell'abitazione e con il solo riscaldamento prodotto dal pavimento non è possibile ottenerla. La soluzione offerta di solito dai progettisti mi pare sia quella di creare due circuiti separati, uno a bassa temperatura per il riscaldamento radiante e uno ad alta temperatura per alimentare i radiatori o termoarredo dei bagni, molto spesso evitando di predisporre il riscaldamento a pavimento nei bagni stessi (quando il bagno è il luogo per eccellenza dove si cammina scalzi...). Questo elimina tra l'altro le problematiche legate all'installazione del riscaldamento a pavimento nell'ambiente dove è più difficile installarlo per via di scarichi, tubazioni ecc. Purtroppo però per chi dovrà poi pagare le bollette, il doppio circuito impone che la caldaia lavori a temperature elevate che non consentono la condensazione dei fumi di scarico, quindi risulta inutile installare una caldaia a condensazione (la caldaia riscalda l'acqua ad es. a 70 gradi poi la pompa direttamente a questa temperatura ai radiatori/termoarredo dei bagni mentre una valvola di miscelazione la mescola ad acqua fredda per raggiungere la temperatura di 40-50 gradi per il riscaldamento a pavimento).

Nelle mie ricerche ho trovato una ipotesi di soluzione del problema che mi sembra molto interessante: non capisco perché non venga proposta dai progettisti: l'indirizzo internet dove trovare la relazione completa è http://www.edilio.it/news/edilionews.as ... e&cod=7059 ma ve la riassumo brevissimamente. Si progetta l'impianto a pavimento per una temperatura di 50 gradi (le moderne caldaie a condensazione funzionano a rendimento massimo anche con queste temperature di mandata, vedi ad esempio la Immergas Victrix 27 Zeus); nei bagni si installa il riscaldamento a pavimento con l'interasse minimo possibile e lo si integra con un termoarredo dimensionato opportunamente per integrare la differenza di temperatura mancante ed alimentato dalla stessa acqua a 50 gradi dell'impianto a pavimento (niente valvola di miscelazione, niente doppio impianto): le dimensioni del termoarredo corrisponderanno circa a quelle necessarie per riscaldare il bagno solo con il termoarredo (senza riscaldamento a pavimento) ad una temperatura di 75 gradi.

Come detto in testa vorrei commenti e consigli relativamente a quanto scritto.

Ciao e grazie.

Neo
Messaggi: 25
Iscritto il: mer ott 06, 2004 1:59 pm
Località: Milano

Messaggio da Neo » gio feb 03, 2005 3:31 pm

perdonami ma.... la tua soluzione è banale ! nel senso benevolo del termine. è normale risolvere il problema in questo modo. a casa mia sto facendo esattamente così e ti posso assicurare che installando il riscaldamento a pavimento anche sotto docce e vasche (con opportuni accorgimenti) non c'è neppure bisogno di progettare l'impianto per funzionare a 50°
insomma io ho fatto proprio così, tuttto con riscaldamento a pavimento e integrazione con termoarredi a bassa temperatura nei bagni
a settembre comunque ti darò conferma se tutto funziona ad hoc
ciao

domotec
Messaggi: 2
Iscritto il: mer feb 09, 2005 10:35 pm

Messaggio da domotec » gio feb 10, 2005 4:28 pm

Le soluzioni al tuo "problema" sono molteplici! esempio: puoi installare una parte di impianto a parete all'interno del bagno in modo da integrare quello a pavimento senza termoaaredo o doppio circuito......oppure puoi informarti sulla tecnologia ROTEX che offre la possibilità di installare termoarredo senza dover fare il doppio cicuito 70/40 e così puoi anche installare altri radiatori e ventilconvettori (esempio taverna) senza ulteriori spese di regolazione di temperatura ...

Grownboy
Messaggi: 19
Iscritto il: mar ott 05, 2004 9:04 pm

D'accordo con Neo.

Messaggio da Grownboy » gio feb 10, 2005 8:50 pm

Sono d'accordo con Neo. Mi sembra la soluzione più sensata senza ingarbugliare troppo le cose.(come se fossero semplici..)
Anch'io adotterò questa soluzione e spero di sapervi dire prima della fine dell'anno..
Ciao.

michele tubo
Messaggi: 13
Iscritto il: ven feb 11, 2005 8:55 am
Località: Verona sud
Contatta:

Impianto di riscaldamento nei bagni

Messaggio da michele tubo » dom feb 13, 2005 10:27 am

Il problema di riscaldare il bagno con il riscaldamento a pavimento si può risolvere con diverse soluzioni sempre alla medesima temperatura utilizzando l'integrazione
1) termoarredo opportunamente dimensionato per quelle temperature.
2) pannello di riscaldamento a parete ( tubazione sottointonaco )
3) pannello di riscaldamento a soffitto
delle tre soluzioni, personalmente preferisco la 2 e la 3

Rispondi