Caldaia a gassificazione

Forum dedicato alle tecniche di costruzione con materiali naturali.

Moderatori: laura serpilli, michele ricci

Rispondi
HI-TECH
Messaggi: 51
Iscritto il: gio apr 16, 2009 10:06 pm
Località: prov. Varese

Caldaia a gassificazione

Messaggio da HI-TECH » mar set 14, 2010 12:45 pm

Ciao a tutti,
sarei intenzionato a prevedere nella futura casa l'impiego di una caldaia a gassificazione per poter utilizzare la legna.

Mi piacerebbe integrare il tutto in maniera organica.

Le fonti energetiche che prevedo sono:
1) Caldaia a gassificazione
2) Pannelli solari
3) Caldaia a gas

Da queste fonti dovrò ottenere:
1) Riscaldamento con radiatori (alta temperatura)
2) Acqua calda sanitaria

Dovrò sicuramente integrare un boiler ad accumulo per il solare, e probabilmente occorrerà anche un accumulo/volano termico (puffer) per la caldaia a gassificazione.

Qualcuno di voi ha un impianto similare a quello che sto ipotizzando? e mi può dare dei consigli?

Non mi vorrei ritrovare con spazio insufficiente nel locale tecnico visto che gli oggetti considerati sono parecchio voluminosi.

Lore G
Messaggi: 144
Iscritto il: lun ago 02, 2010 12:49 pm
Controllo antispam: cinque

Re: Caldaia a gassificazione

Messaggio da Lore G » mar set 14, 2010 1:07 pm

Ciao! purtroppo non ho ancora avuto modo di confrontarmi concretamente con un impianto simile, però penso possa venir utile se aggiungi un paio di dati in più necessari per potersi regolare con volumetrie ecc.. tipo numero di utenti e altro

HI-TECH
Messaggi: 51
Iscritto il: gio apr 16, 2009 10:06 pm
Località: prov. Varese

Re: Caldaia a gassificazione

Messaggio da HI-TECH » gio set 16, 2010 7:51 am

Aggiungo qualche dato in più...

La casa sarà realizzata in bioedilizia, e penso di raggiungere la classe energetica A. Sarà disposta su due livelli PT di 150mq (netto calpestabile) e P1 di 50mq (netto calpestabile).
L'orientamento è stato preso molto in considerazione, quindi l'esposizione raggiunta è la migliore possibile, tutti i locali si affacciano a sud tranne bagni, cabina armadio e locale tecnico.

La casa sarà abitata da 3 persone per ora, ma tutto verrà dimensionato per un carico di 4 persone.

L'impianto termico dovrà prevedere la suddivisione nelle zone:
1) Zona giorno PT
2) Zona notte PT
3) Zona notte P1
4) Bagni (con possibilità di funzionamento a gas, limitato a qualche ora, anche in stagione estiva per scalda-salviette)

Spero di essere stato chiaro in tutto... e spero che qualcuno si faccia vivo con consigli.

FaManY77
Messaggi: 362
Iscritto il: gio mar 18, 2010 5:54 pm
Controllo antispam: cinque

Re: Caldaia a gassificazione

Messaggio da FaManY77 » gio set 16, 2010 12:39 pm

Ma queste caldaie a gassificazione cosa hanno di differente (in soldoni) da un termocamino? Rendimento più alto?
Assenza di canna fumaria?

HI-TECH
Messaggi: 51
Iscritto il: gio apr 16, 2009 10:06 pm
Località: prov. Varese

Re: Caldaia a gassificazione

Messaggio da HI-TECH » gio set 16, 2010 12:46 pm

Forse l'aspetto principale è proprio che sono delle caldaie, che modulano la combustione nella maniera ottimale (sonda lambda).

Io me ne sto interessando perchè vorrei un sistema che, a parte l'effettuare un carico al giorno, funzioni in maniera autonoma (come se si trattasse di una caldaia a gas per intenderci)

FaManY77
Messaggi: 362
Iscritto il: gio mar 18, 2010 5:54 pm
Controllo antispam: cinque

Re: Caldaia a gassificazione

Messaggio da FaManY77 » gio set 16, 2010 1:49 pm

Be ma da quello che so i termocamini di nuova generazione hanno un autonomia di 5/7 ore (e credo che per una casa in classe A anche di pià di 7 ore) per ogni carico. Si fa un carico di 30/35kg di legna si accende e si ricarica solo dopo aver esaurito tutta la legna e le braci, l'acs che forniscono rimane calda per più di 12 ore, non sarà proprio un carico al giorno, ma al massimo saranno 2.

HI-TECH
Messaggi: 51
Iscritto il: gio apr 16, 2009 10:06 pm
Località: prov. Varese

Re: Caldaia a gassificazione

Messaggio da HI-TECH » lun set 20, 2010 3:44 pm

Da un po di tempo sono affascinato da alcuni impianti visibili on-line:
http://www.portalsole.it/solarthermal-s ... line-F.php

Non ho ancora capito vantaggi e svantaggio di ipotizzare un impianto con due differenti accumuli termici magari in cascata tra loro o comunque abbinati...

HI-TECH
Messaggi: 51
Iscritto il: gio apr 16, 2009 10:06 pm
Località: prov. Varese

Re: Caldaia a gassificazione

Messaggio da HI-TECH » lun set 20, 2010 10:38 pm

Ho disegnato una prima idea di impianto:
Immagine

Provate a dare un'occhiata, e datemi un parere....

Grazie

Benni
Messaggi: 38
Iscritto il: mar ott 19, 2004 5:53 pm
Località: Veneto

Re: Caldaia a gassificazione

Messaggio da Benni » mer dic 08, 2010 9:39 am

casa mia ristrutturato un rustico di 170 mq. classe C dai miei calcoli, Classe A dai consumi. questo è il terzo inverno che ci vivo dentro.
Posso dirti la mia scelta per eseguire una sola carica giorno di legna. Impianto caldaia a legna fiamma inversa Austriaca. collegata a un riscaldamento a pavimento regolazione a punto fisso con aggiunta dei bagni del riscaldamento a parete. Puffer di 1000 litri che riesce a contenere tutta l'energia che mi serve per un giorno. in aggiunta boile per sanitario di 200 litri. poi ho installato i pannelli solari 4mq che scaricano direttamente nel puffer tramite scambiatore in rame alettato.
come vedi il gas non serve. attualmente faccio cariche di 18 Kg di legna secca (umidità <25% scarti di falegnameria) al giorno
e la temperatura interna è di 20°.
consumi posso dirti inverno 2008 25 ql legna inverno 2009 35ql di legna.
unico crucio al momento sono i pannelli solari col seno di poi ne avrei messo almeno 8 mq. i pannelli solari sono stati dimensionati per riscaldare solo l'acqua sanitaria estiva e non dover accendere la caldaia e invece funzionano talmente bene col pavimento che forniscono molta energia anche d'inverno (purchè ci sia sole).
il riscaldamento a pavimento è stata una scelta obbligata se vuoi fare una carica al giorno. In quanto utilizzando acqua a bassa temperatura spremo il puffer e al mattino trovo la temperatura del puffer sui 20° (dopo una carica di legna ol puffer è sui 70 °)
Detta in breve ci sono 50000 kcal di energia stipate.
Quindi secondo me la scelta dei radiatori non è ottimale in quanto la mandata dovà essere almeno di 50° che ti constringeranno a due cariche giorno anche con puffer + grossi.
Per il vano tecnico 9mq ci vogliono di sicuro.
Ciao
Eros B.

CRIS.
Messaggi: 1
Iscritto il: ven dic 10, 2010 11:03 pm
Controllo antispam: cinque

Re: Caldaia a gassificazione

Messaggio da CRIS. » ven dic 10, 2010 11:29 pm

Salve,sto valutando anch'io l'introduzione di una caldaia a legna a gassificazione con 2 puffer,dato che ho l'intenzione di scaldare due unita' abitative da circa 100mq,avrei dei dubbi sul fatto di inserire il vaso d'espansione aperto,qualcuno mi sa' dire se e' obbligatorio?e se si potesse sapere la normativa a riguardo,sarei incuriosito di sapere anche la marca della caldaia austriaca,dato che ha dei consumi cosi' bassi,io ne ho viste di produttori italiani e non mi sembravano male,grazie a tutti ciao CRIS.

Benni
Messaggi: 38
Iscritto il: mar ott 19, 2004 5:53 pm
Località: Veneto

Re: Caldaia a gassificazione

Messaggio da Benni » sab dic 11, 2010 9:45 am

Non è solo la caldaia che che fa consumare poco. E' un grosso errore pensare che la caldaia consuma poco e di conseguenza io spendero pochi soldi per riscaldare.
nulla si crea e nulla i distrugge c'è solo dell'energia calore prodotta dalla combustone di legna e perdite di energia che sono molte. la caldaia produce l'energia che è il dato matematico che sulla sceda tecnica viene evidenziato come rendimento 95% è la mia che è in linea cin tutte le caldaie dotate di sonda lambda all'incirca.
Riassumendo il discorso è molto importante controllare le perdite della casa che alla fine nel mio caso sono quelle che maggiormente mi hanno dato soddisfazione.Tra le cose strane a credere per esempio oeri con temperatura appena sopra lo zero i pannelli solari piani di 4mq hanno mandato acqua a 20 gradi per 4.5 ore che ho spannometricamente calcolato in base al calore rimasto nel puffer questa mattina in 5kg di legna. Il sole è la vera sfera magica che ti aiuta senza ulteriore richiesta.
Tornando alla caldaia devi fare il calcolo di quante volte la vuoi caricare. Per fare questo devi calcolare quanti kg di legna può bruciare per carica e moltiplicarli per 3500 per ottenere le Kcal prodotte dalla legna e ridurlle per il coefficente del rendimento caldaia 95% e comparare se questa energia è sufficiente per riscaldare una giornata la casa. Il mio consiglio comincia a capire quanto perde la casa o meglio di quanto è il fabbisogno energetico della casa.
ciao alla prossima

Rispondi