tesi di laurea

Forum dedicato alle tecniche di costruzione con materiali naturali.

Moderatori: laura serpilli, michele ricci

Rispondi
nuzzo.elisa
Messaggi: 5
Iscritto il: mar gen 18, 2005 2:01 pm
Località: Trieste-Treviso

tesi di laurea

Messaggio da nuzzo.elisa » gio gen 20, 2005 8:30 pm

Gentilissimi utenti,
mi chiamo Elisa Nuzzo e sono una studentessa di Ingegneria Edile presso l'Università degli Studi di Trieste; sto cominciando a cercare materiale per la mia tesi ma ho difficoltà a reperirlo. Mi piacerebbe che la tesi vertesse sul "recupero di edifici di pregio con i principi della bioarchitettura", ma ho notato che, anche su internet, non si trova praticamente nulla su tale argomento.
Qualcuno mi può indicare qualche libro o qualche rivista che mi possa essere d'aiuto? Esistono esempi pratici in cui la bioarchitettura è stata applicata per il recupero di edifici storici? O qualche professionista che si occupa di ciò?

Grazie per l'attenzione e ringrazio anticipatamente tutti coloro che mi daranno un aiuto.

Elisa
[email protected]

Serena O.
Messaggi: 49
Iscritto il: lun ott 18, 2004 1:33 pm
Località: milano
Contatta:

Messaggio da Serena O. » dom gen 23, 2005 6:59 pm

cara Elisa,
ribadisco quanto più volte detto su qs tema: il restauro storico DOVREBBE per sua natura seguire SEMPRE dei criteri compatibili con la bioedilizia e bioarchitettura, in quanto dovrebbe utilizzare materiali appunto storici, e quindi per loro natura naturali. Invece in epoca contemporanea si è assistito al fiorire di molti prodotti chimici destinati a risolvere (come sempre "più rapidamente") i problemi del recupero. Va da sè però che questi (appunto per loro natura) non sono stati sufficientemente testati nel tempo, - infatti molti degli interventi realizzati in qs modo hanno rivelato nel giro di tempi relativamente brevi un sacco di magagne. Oppure l'uso di cementi (il + delle volte additivati in modo imprecisato con sostanze chimiche) al posto della calce ha creato problemi di diverso comportamento termico e di reazione all'umidità rivelando così cattivo comportamento nel tempo. Non parliamo dell'uso di intonaci e pitture di tipo sintetico anzichè alla calce.
Dunque la cosa da fare per qualunque architetto che aspiri a diventare un bravo restauratore secondo me sarebbe di imparare metodologie e tecniche della bioarchitettura e poi applicarle al cantiere di restauro.
nei mesi scorsi sul forum si era già parlato di una tesi su un soggetto simile (nel mess "tesi, per serena o." inviato da alessandro) per quella tesi anche lui ha fatto delle ricerche, puoi provare a contattarlo e chiedergli qualche suggerimento.

nuzzo.elisa
Messaggi: 5
Iscritto il: mar gen 18, 2005 2:01 pm
Località: Trieste-Treviso

Grazie

Messaggio da nuzzo.elisa » dom gen 23, 2005 7:21 pm

Grazie per le informazioni...
proverò a contattare Alessandro, sperando che possa aiutarmi.

Buon lavoro, Elisa

Rispondi