Possibile staccarsi dalla rete gas metano?

Forum dedicato alle tecniche di costruzione con materiali naturali.

Moderatori: laura serpilli, michele ricci

lukino
Messaggi: 42
Iscritto il: gio mag 14, 2009 11:46 am

Re: Possibile staccarsi dalla rete gas metano?

Messaggio da lukino » sab ago 29, 2009 9:42 am

Mentecatto o no!!! i nostri bravi governanti si riempiono la bocca con ecosostenibilità, fonti rinnovabili ecc. ecc. poi mandano avanti i cittadini a spendere e installare; quando poi si sono resi conto che i "fessi" (con tutto il rispetto, chi ha usufruito del conto energia se proprio non ci ha guadagnato almeno è andato alla pari) sono finiti, mettono obbligatorio 1Kw. Possiamo chiamarli "furbetti del governino"

Luca

luigi09
Messaggi: 39
Iscritto il: lun mar 30, 2009 8:46 am

Re: Possibile staccarsi dalla rete gas metano?

Messaggio da luigi09 » dom ago 30, 2009 2:18 pm

dotting ha scritto:Con il vecchio SSP si poteva anche valutare l'opportunità di installarli.
Con il nuovo SSP e con le tariffe elettriche in vigore dal 1° gennaio 2009 solo un mentecatto potrebbe metterli.
I fornelli ad induzione sono incompatibili con la richiesta del secondo contatore per pdc.
I dettagli nel forum cercaenergia
Di colpo sono diventato un mantecatto ed un pazzo (perchè voglio mettere i pannelli fotovoltaici e i fornelli a induzione)
Cavolo Dotting ... di giorno in giorno dai nuovi appellativi che non mi aspettavo!!!! dallo stridore di unghie al mantecatto (forse intendevi mantecato visto che si parlava di cucine ?)
A parte gli scherzi ci sono due cose, per me, da puntualizzare:
1. per quanto riguarda il fotovoltaico il calcolo è complicato e sto contiuando gli studi: rimane il fatto che il conto energia ripaga il costo dei pannelli e quindi se non altro l'acquisto non è un costo. Per quanto riguarda invece il nuovo scambio sul posto è decisamente inferiore a quello dello scorso anno ... ma comunque è un gadagno (minore di una volta ... ma un guadagno). Adesso per chi si sta rivolgendo alle pompe di calore per il riscaldamento sconsigliare il fotovoltaico solo perchè dà minori guadagni non la vedo una cosa sensata ... se ne può discutere ma dare del mantecatto non è precisamente una discussione!
2. i piani ad induzione: forse definire pazzo uno che non utilizza il gas per cucinare è un pò troppo: ammesso per assurdo (da quello che ho letto fino ad ora non lo è del tutto ...) che per cucinare a induzione costi il doppio del gas ... si sta parlando di 500/600kwh all'anno (cioè il consumo annuale di una famiglia media che utilizza il piano ad induzione) che a 0.27 € fa 162 € e cioè circa 80/100 € in più all'anno. Se per di più ha la fortuna di avere i pannelli fotovoltaici che gli ritornano circa 0.10€ per kwh la differenza è pressochè irrilevante. Se è pazzo uno che spende 100€ in più per cucinare con il piano ad induzione ... che dire di uno che va a mangiare la pizza con la famiglia e ne spende 50€?
Nel mio caso si riduce alla scelta se mettere o no un bombolone esterno e pagare i fissi solo per cucinare.
Luigi

dotting
Messaggi: 955
Iscritto il: lun nov 20, 2006 9:48 pm

Re: Possibile staccarsi dalla rete gas metano?

Messaggio da dotting » dom ago 30, 2009 3:37 pm

Ho detto: i dettagli nel forum cercaenergia:
a.- per quanto riguarda il fotovoltaico il calcolo è complicato e sto contiuando gli studi: rimane il fatto che il conto energia ripaga il costo dei pannelli e quindi se non altro l'acquisto non è un costo.
http://cercaenergia.forumcommunity.net/?t=27978915 titolo della discussione il fotovoltaico ora conviene? Risposta sì.

b.- Per quanto riguarda invece il nuovo scambio sul posto è decisamente inferiore a quello dello scorso anno ... ma comunque è un gadagno (minore di una volta ... ma un guadagno).
nella discussione suddetta vi è una tabella che confronta vecchio e nuovo SSP, basta leggere!

c.- Adesso per chi si sta rivolgendo alle pompe di calore per il riscaldamento sconsigliare il fotovoltaico solo perchè dà minori guadagni non la vedo una cosa sensata ... se ne può discutere ma dare del mantecatto non è precisamente una discussione!
Il mentecatto è riferito a chi installa fornelli ad induzione non a chi installa pdc e FV.
Però se uno installa una pdc per riscaldamento e non richiede il secondo contatore:
http://cercaenergia.forumcommunity.net/?t=27238615
possiamo dare anche a lui la patente di mentecatto.

d.- la patente di mentecatto gliela possiamo attribuire a chi mette il piano a induzione con una pdc perchè ho detto:
I fornelli ad induzione sono incompatibili con la richiesta del secondo contatore per pdc.
Perchè sono incompatibili non l'hai capito perchè non leggi i dettagli illustrati nel forum, se tu chiedi il secondo contatore sul primo residenziale ti abbassano il contratto a 3 kW.
In una casa con 3 kW e i fornelli a induzione ci fai la birra.
Quindi sei costretto a chiedere i 6 kW in tariffa D3 e con una pdc + fornelli a induzione in tariffa D3 fai un bagno di sangue:
http://cercaenergia.forumcommunity.net/?t=27502837

Ragazzi leggete avete molto da imparare

AndyB72
Messaggi: 1933
Iscritto il: mar giu 23, 2009 9:56 am
Controllo antispam: diciotto
Località: prov. di Udine
Contatta:

Re: Possibile staccarsi dalla rete gas metano?

Messaggio da AndyB72 » dom ago 30, 2009 7:04 pm

dotting ha scritto:Ragazzi leggete avete molto da imparare
Ma chiaro, siamo qui per questo. Speriamo solo di saper filtrare bene chi ci insegna :wink:

luigi09
Messaggi: 39
Iscritto il: lun mar 30, 2009 8:46 am

Re: Possibile staccarsi dalla rete gas metano?

Messaggio da luigi09 » dom ago 30, 2009 9:54 pm

Egregio ingegnere, ci siamo già scontrati a riguardo del comfort termico e non hai fatto una gran bella figura: non tanto per quanto dici ma per come lo dici (o meglio scrivi).
Anche in questo caso ... stesso modo di scrivere ... e l'italiano è per tutti uguale e quindi tutti possono leggere cosa scrivi nei post precedenti e cosa io scrivo.
Ma non è più facile scrivere "mi sono spiegato male" invece di offendere tutti gli altri?
Io nel mio caso, adesso rileggendo meglio i vecchi interventi ho trovato che ti riferivi ai fuochi ad induzione e non ai pannelli solari ... meglio ... (era il punto C) ... ma tutto il resto ...
Allora adesso veniamo al punto D: avevo già avuto occasione di leggere quell'altro forum e probabilmente neanche allora ero riuscito a trovare i dettagli a cui ti riferisci: la mia domanda è quindi perchè la PDC e i i fuochi ad induzione sono incompatibili? e perchè 500kwh all'anno alla tariffa D3 sono un bagno di sangue: quanto fa in € 500 kwh sopra i 4400 kwh di consumo?
grazie, Luigi
p.s.: quando si costruisce una casa spesso si leggono molti forum e quindi si raccolgono molte informazioni discordanti. Ad un certo punto si trova interessante un posto e si comincia a scrivere in quel forum. A volte non è del tutto inerente alla categoria ... ma la discussione è interessante ... altrimenti il post si blocca da solo.

p.s.2: "ragazzi leggete avete molto da imparare" ... magari fossi un ragazzo con tutto il tempo per imparare tante cose in più di quelle che già conosco ... sarebbe un bellissiomo regalo. Le persone più intelligienti sono quelle che non pensano mai di aver imparato abbastanza!

dotting
Messaggi: 955
Iscritto il: lun nov 20, 2006 9:48 pm

Re: Possibile staccarsi dalla rete gas metano?

Messaggio da dotting » lun ago 31, 2009 7:08 am

luigi09 ha scritto: Allora adesso veniamo al punto D: avevo già avuto occasione di leggere quell'altro forum e probabilmente neanche allora ero riuscito a trovare i dettagli a cui ti riferisci: la mia domanda è quindi perchè la PDC e i i fuochi ad induzione sono incompatibili? e perchè 500kwh all'anno alla tariffa D3 sono un bagno di sangue: quanto fa in € 500 kwh sopra i 4400 kwh di consumo?
Perchè sono incompatibili non l'hai capito perchè non leggi i dettagli illustrati nel forum, se tu chiedi il secondo contatore sul primo residenziale ti abbassano il contratto a 3 kW.
In una casa con 3 kW e i fornelli a induzione ci fai la birra.
Quindi sei costretto a chiedere i 6 kW in tariffa D3 e con una pdc + fornelli a induzione in tariffa D3 fai un bagno di sangue:
http://cercaenergia.forumcommunity.net/?t=27502837

Una pdc commerciale aria/acqua ha una potenza minima di circa 1,5 kW; le uniche eccezioni sono rappresentate dalle Daikin Altherma da 6/7/8 kW termici e dalla Aermec ANLI da 6 kW termici.
Sono pompe inverter che a regime possono abbassare il loro assorbimento fino a 1 kW, ma attenzione allo spunto possono richiedere fino a 2 kW, quindi il contatore va dimensionato minimo a 2 kW per le 6 kW e a 2,5 per le 7/8.
Ogni fuoco del fornello ad induzione assorbe circa 1,5 kW, vi è un piano di cottura ad induzione il Whirpool che se si accendono contemporaneamente 3 fuochi limita la potenza assorbita a 3 kW.

Se si richiede il secondo contatore per le pdc, l'ENEL secondo la delibera abbassa automaticamente la possibilità di prelievo sul contatore domestico, quello a cui si deve allacciare obbligatoriamente il piano di cottura ad induzione, a 3 kW.
Non si possono collegare al secondo contatore infatti altre utenze oltre alla pdc.
E' l'unico caso in cui il personale dell'ENEL è autorizzato a entrare in casa vostra senza preavviso e senza la scorta della forza pubblica, in quanto si ravvisa l'ipotesi di "furto" di energia elettrica.
Con 3 kW in una casa in cui si usano alcuni elettrodomestici tipo lavatrice, asciugacapelli, anche le sole luci, se usate due fornelli ad induzione dovete spegnere tutto l'altro.
Poi se uno usa un solo fornello per cucinare, dico beato lui, a casa mia si mangia e diverse volte ho visto mia moglie usare quattro fornelli contemporaneamente.

Nell'ipotesi del secondo contatore ( quindi un contratto D2 con potenza di 3 kW ed un contratto BTA1/2/3 ecc fino a 16,5 kW e oltre) succede che i consumi della pdc con la BTA1 non si sommano a quelli del contratto D2.
Le tariffe sulla BTA sono INDIPENDENTI dai consumi, che voi consumiate 1 o 10000 kWh è lo stesso, si paga sempre 0,105510 (Energia) + 0,026110 (A/UC/MCT):
http://www.enel.it/sportello_online/ele ... a_bt/BTA1/

Se non si richiede il secondo contatore si deve richiedere il contratto D3 per potenze minime di 4,5 kW.
In questo caso non è SOLO l'energia assorbita dai fornelli ad induzione , a cui fai riferimento tu, che vai a pagare con la tariffa D3, ma sopratutto l'energia assorbita dalla PDC che paghi in D3 con una tariffa che sale a dismisura fino a raggiungere i 35 centesimi totali (IVA, oneri addizionali, Enti locali ecc) quando superi i 4440 kW.
Se uno ha una pdc sfora decisamente i 7500 kWh, posso monitorare almeno un centinaio di installazioni di questo tipo.
Le centinaia di persone che avevano installato pdc in Sardegna all'arrivo della prima bolletta del 2009 si sono rivolte disperate alle associazioni dei consumatori, perchè erano passate da bollette di 6-700 euro a bollette di 1400-1500 euro, chiedendo se le bollette erano corrette.
Le associazioni dei consumatori mi hanno interpellato e ho dovuto rilevare che le bollette erano corrette per via degli aumenti imposti dall'Autorità per l'Energia Elettrica e del Gas (AEEG) e spiegati quà:
http://cercaenergia.forumcommunity.net/?t=27502837

La fregatura sta tutta quà: mentre fino al 31 dicembre 2008 con il contratto D3 il kWh non si pagava per fascia di consumo, (dalle vecchie bollette del 2008 si può rilevare che si pagava 0,184890 euro), adesso va per fascia di consumo e i soldi vengono addirittura anticipati con il meccanismo perverso del "pro-quota giorno".

Concludendo colui che mette una pdc + fornelli ad induzione dal 1° gennaio 2009 può definirsi un mentecatto.
Poi ognuno è libero di buttare i suoi soldi dalla finestra come meglio crede.

luigi09
Messaggi: 39
Iscritto il: lun mar 30, 2009 8:46 am

Re: Possibile staccarsi dalla rete gas metano?

Messaggio da luigi09 » lun ago 31, 2009 7:38 am

grazie
luigi

Avatar utente
audioban
Messaggi: 244
Iscritto il: ven apr 27, 2007 10:07 am
Località: Padova
Contatta:

Re: Possibile staccarsi dalla rete gas metano?

Messaggio da audioban » lun ago 31, 2009 10:32 am

dotting ha scritto: Concludendo colui che mette una pdc + fornelli ad induzione dal 1° gennaio 2009 può definirsi un mentecatto.
Poi ognuno è libero di buttare i suoi soldi dalla finestra come meglio crede.
Grazie Dotting. Mi sentivo un mentecatto ma ho solo l'induzione e (forse perchè non cuciniamo molto) non ho visto bollette alte pur avendo i 6 kw.

Avatar utente
cosmic
Messaggi: 83
Iscritto il: sab ott 11, 2008 10:19 pm

Re: Possibile staccarsi dalla rete gas metano?

Messaggio da cosmic » lun ago 31, 2009 3:56 pm

dotting ha scritto:Passiamo alla sezione Bioedilizia/Bioarchitettura.
Ho detto spesso che si associa spesso il termine bio con il legno, se uno costruisce in legno è bio, se uno costruisce nonlegno è un distruttore dell'ambiente.
Personalmente ritengo che per chi vuole rispettare l'ambiente la direttiva da seguire è l'ecocompatibilità, ovvero se i materiali che sto adoperando nella zona in cui sto edificando sono bioecocompatibili.
Fra il scegliere una parete in legno o in generale una casa in legno, che in Sardegna deve essere portata dal Nord Italia o anche da fuori e scegliere una parte in Poroton che viene fabbricato in aziende nel territorio, una a Cagliari ed una a Sassari, con materiali da cave locali, in cui uno dei due costruttori ha piazzato pannelli FV che alimentano gli impianti di produzione, preferisco costruire e consigliare di costruire in tradizionale.
Se poi mi servono materiali per l'isolamento non ho che l'imbarazzo della scelta fra la perlite espansa che producono in provincia di Oristano, il sughero della Gallura, la lana di pecora di Guspini e la lana di roccia della Rockwell di Iglesias, che però ha chiuso proprio in questi giorni, hanno spostato gli impianti in Croazia!
Scusate il ritardo della citazione, ma sono appena rientrato dalle ferie...
...bravo dotting :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: ... questo forum è molto interessante e ovviamente dedicato alle costruzioni in legno ma è abbastanza superficiale definire "bio" chi costruisce in legno e "delinquente" chi è per il tradizionale... il discorso come hai meravigliosamente esposto è molto più complesso e con molte variabili in gioco :!:
Io stesso sono ancora indeciso su come realizzerò la mia nuova casa anche se l'ago della bilancia è più vicino "al legno"...
Grazie a tutti, soprattutto a dotting, per gli interventi in questo interessantissimo topic che mi hanno chiarito le idee... anch'io pensavo all'ipotesi di non avere il gas, ma ora...
CIAO :wink:

luigi09
Messaggi: 39
Iscritto il: lun mar 30, 2009 8:46 am

Re: Possibile staccarsi dalla rete gas metano?

Messaggio da luigi09 » lun ago 31, 2009 5:19 pm

Rieccomi ... ci ho pensato un pò ... ma perchè non chiedere un terzo contatore? (magari solo per i fuochi a conduzione?) (sempre che non elimini automaticamente la richiesta per il contatore per la pompa di calore)
Ho provato a chiamare l'Enel e mi dice che si possono mettere 2 contatori sulla stessa utenza, ho cercato un pò in giro in intenet e alcuni dicono che è possibile ... mah ... potrebbe essere una idea.
Per me forse è un pò più facile perchè ho anche una ditta individuale e magari lo intesto alla ditta ... qualcuno ha provato a chiederlo?
... facendo una prova converrebbe (ho fatto una prova usando il preventivo online http://trovaofferte.autorita.energia.it ... TKStart.do )
luigi

lukino
Messaggi: 42
Iscritto il: gio mag 14, 2009 11:46 am

Re: Possibile staccarsi dalla rete gas metano?

Messaggio da lukino » lun ago 31, 2009 6:17 pm

Ok, se la soluzione Pdc+induzione è un suicidio e dato che è la prima che porta l'incremento maggiore sulla bolletta, sempre volendo fare a meno del metano, del tutto, non ce lo voglio portare affatto in casa, anche perchè mi risulta che anche se non mi ci allaccio, una volta che c'è l'ho disponibile sono costretto a fare i fori per l'aerazione (mandando a farfalle tutti i discorsi su coibentazioni e risparmio energetico). Da quanto mi ha detto un idraulico (di cui non è che mi fidi ciecamente) la pdc secondo la normativa provinciale non assolve al ruolo, anche se lo fa ed anche meglio. E' vero?? e siamo in mano a degli "ottusi" o c'è una qualche speranza di far valere le proprie convinzioni.

Luca

dotting
Messaggi: 955
Iscritto il: lun nov 20, 2006 9:48 pm

Re: Possibile staccarsi dalla rete gas metano?

Messaggio da dotting » lun ago 31, 2009 7:22 pm

Luigi non puoi chiedere un secondo contatore con tariffa usi diversi in abitazioni residenziali, se non per alimentare una pdc.
Già questo strappo alla regola del singolo contatore è una grossa conquista, che molti operatori del cal center ENEL neppure conoscono.
Vi sfido a telefonare, uno su due non lo sanno.
Lukino puoi spiegare questa frase: la pdc secondo la normativa provinciale non assolve al ruolo
I fori di aerazione possono essere canalizzati verso la cucina e le relative serrandine possono essere motorizzate.

cri_15
Messaggi: 672
Iscritto il: gio lug 10, 2008 3:51 pm

Re: Possibile staccarsi dalla rete gas metano?

Messaggio da cri_15 » mar set 01, 2009 10:25 am

lukino ha scritto:Ok, se la soluzione Pdc+induzione è un suicidio e dato che è la prima che porta l'incremento maggiore sulla bolletta, sempre volendo fare a meno del metano, del tutto, non ce lo voglio portare affatto in casa, anche perchè mi risulta che anche se non mi ci allaccio, una volta che c'è l'ho disponibile sono costretto a fare i fori per l'aerazione (mandando a farfalle tutti i discorsi su coibentazioni e risparmio energetico). Da quanto mi ha detto un idraulico (di cui non è che mi fidi ciecamente) la pdc secondo la normativa provinciale non assolve al ruolo, anche se lo fa ed anche meglio. E' vero?? e siamo in mano a degli "ottusi" o c'è una qualche speranza di far valere le proprie convinzioni.

Luca
Mi risulta che con la norma UNI 7129/2008 è possibile, a determinate condizioni, non avere i fori di ventilazione per gli apparecchi di cottura.
Ciao

Avatar utente
cosmic
Messaggi: 83
Iscritto il: sab ott 11, 2008 10:19 pm

Re: Possibile staccarsi dalla rete gas metano?

Messaggio da cosmic » mer set 02, 2009 6:35 am

Volendo fare a meno del gas metano e scartando la pdc che sembra essere "un suicidio"... cosa ne pensate di una soluzione di questo tipo:
-riscaldamento tramite stufa di steatite o pietra ollare da 20-25 quintali sapientemente inserita nel progetto della casa
-sola predisposizione dei tubi per un eventuale riscaldamento a termosifoni, non si sa mai...
-acqua sanitaria riscaldata da pannelli solari con boiler a resistenze elettriche quando il sole non ce la fa
-fornelletti elettrici programmabili nei bagni
-fuochi cucina elettrici o a induzione
Ovviamente la struttura abitativa deve avere una buona esposizione solare e una buona isolazione termica :!:
CIAO :wink:

lukino
Messaggi: 42
Iscritto il: gio mag 14, 2009 11:46 am

Re: Possibile staccarsi dalla rete gas metano?

Messaggio da lukino » mer set 02, 2009 6:42 pm

..............Lukino puoi spiegare questa frase: la pdc secondo la normativa provinciale non assolve al ruolo.............

............Mi risulta che con la norma UNI 7129/2008 è possibile, a determinate condizioni, non avere i fori di ventilazione per gli apparecchi di cottura.
Ciao................
cri_15

Non conosco bene le normative UNI, so solo che ho provato ad informarmi, come detto, da un idraulico (o termotecnico) e in provincia per sapere se nel caso non abbia fiamme libere in cucina o in casa, posso evitare i fori d'aereazione e la risposta è stata dopo una sospettosa attesa che ce li vogliono ugualmente perchè non si mai quello che uno monterà. In pratica una PDC abbinata ad una VMC ovviamente (era sottinteso), evita il ristagno dell'aria e dei gas in caso di perdite per cui penso che se uno la installa può evitare i fori. Risposta uguale a prima: i fori ce li vogliono. Forse devo insistere e/o trovare l'interlocutore giusto, ma nella pubblica amministrazione è veramente snervante......

Rispondi