Certificato Energetico non + obbligatorio

Forum dedicato alle tecniche di costruzione con materiali naturali.

Moderatori: laura serpilli, michele ricci

Avatar utente
robertopanizza
Messaggi: 35
Iscritto il: gio mag 01, 2008 9:18 am

Re: Certificato Energetico non + obbligatorio

Messaggio da robertopanizza » mer lug 23, 2008 9:48 am

Ah! parlavo di austriaci e alto atesini, non di tedeschi....leggere e poi pensare è sempre buona cosa.

robrossi

Re: Certificato Energetico non + obbligatorio

Messaggio da robrossi » mer lug 23, 2008 9:56 am

si è vero .... ma la sostanza non cambia .... se secondo te i "mangia wurstel" hanno motivi per riderci addosso .... ti consiglio di cambiare cittadinanza .... vedrai quanto starai meglio là .... certo non da turista come presumibilmente hai fatto sino ad ora ....

... conoscere e sapere pensare .... è sempre meglio di qualsiasi altra cosa .

Roby

Emc
Messaggi: 2547
Iscritto il: mar gen 09, 2007 2:23 pm
Località: Mantova
Contatta:

Re: Certificato Energetico non + obbligatorio

Messaggio da Emc » mer lug 23, 2008 10:48 am

I mangia wurstel non abitano il paradiso certo che no! E non sono perfetti, ma della nostra mancanza di senso della cosa comune, delle istituzioni e del rispetto delle regole possono purtroppo permettersi di farci qualche risatina addosso!
E' inutile cercare di autodifenderci, in Europa siamo l'ultimo paese in termini di economia, stato sociale e sentimento civico. Solo riconoscendo i nostri limiti potremo cercare di sollevarci, se pensiamo di arroccarci sulle barricate dell'amor patrio verremo travolti...soprattutto da noi stessi. Per onestà comunico che sono Crucco di nascita anche se di origini italiane e oggi sono un Italiano a tutti gli effetti.
Un saluto

pomola
Messaggi: 83
Iscritto il: dom apr 27, 2008 11:01 am
Località: torino
Contatta:

Re: Certificato Energetico non + obbligatorio

Messaggio da pomola » mer lug 23, 2008 11:08 am

quoto roby per un semplice motivo ,diciamola tutta, le certificazioni sono fatte spesso con i piedi o poco veritiere ( farla su un edificio esistente significa ipotizzare un po' troppo sui materiali del fabbricato, ponti termici etc etc.... farla bene significherebbe alzare i costi in maniera improponibile)... quindi ci troveremmo di fronte a migliaia di certificazioni "farlocche" a fronte di alcune diciamo "accettabili" perchè fatte su una nuova costruzione (ma quante sono in rapporto al patrimonio edilizio italiano?)...
penso che il discorso sia parecchio complesso e difficilmente risolvibile con un certificato.
cosa diversa è inasprire i limiti di legge riguardanti le nuove costruzioni...
mi da l'impressione che siamo un popolo di lamentosi...
bah... omar

robrossi

Re: Certificato Energetico non + obbligatorio

Messaggio da robrossi » mer lug 23, 2008 11:28 am

Ciao EMC !
dai su ... la difesa dei crucchi fatta da un "crucco" (tu l'hai detto :D :D ) e la difesa dell'obbligatorietà del certificato energetico fatta da un professionista (se non ricordo male) che probabilmente con i certificati ci guadagna .... mi sembra un pochetto flebile ....
Comunque sia .... in merito alla rigidità e al rispetto delle regole ANCHE dei "crucchi" nulla da obiettare ... anzi io stesso li portati nel mio post come esempio di cultura (evidentemente non sono io che leggo male) ..... ma il senso del mio intervento era un altro ... poi lo si è voluto spostare su altro .... vabbe' ....
Comunque riassumendo : se POSSO decidere se far certificare la mia casa sono più felice . Se sono OBBLIGATO sono meno felice .... l'importante è che io sia cosciente .
Quindi non vedo male la norma che toglie l'obbligo (con tutti i "se" "ma" "però" relativi alla applicazione di cui si stava discutendo)

tutto qua

ciao di nuovo

Roby

sandrobiker
Messaggi: 40
Iscritto il: mar apr 01, 2008 4:19 pm

Re: Certificato Energetico non + obbligatorio

Messaggio da sandrobiker » mer lug 23, 2008 1:11 pm

L'obbligatorietà del certificato energetico secondo me è buona cosa nel momento in cui per legge ci si trovi vincolati a costruire in modo più efficiente el nostre case... e non con le logiche da strapazzo - propria di gran parte dei geometri negli ultimi 50 anni - con cui si è costruito finora...

Quanto alla capacità dei tedeschi di guardare avanti rispetto a noi e di saper progettare megli oil futuro... Deutschland uber alles... ! :D

Emc
Messaggi: 2547
Iscritto il: mar gen 09, 2007 2:23 pm
Località: Mantova
Contatta:

Re: Certificato Energetico non + obbligatorio

Messaggio da Emc » mer lug 23, 2008 1:57 pm

Hai ragione Roby sulla faccenda dell'obbligo e del non obbligo,...vista la speculazione in termini di costo delle certificazioni.
D'altro canto se fosse rimasto l'obbligo ad allegarla ai rogiti sarebbe sinceramente stata una cosa estremamente positiva, ma la lobby cemetaria non ha voluto!!! La soluzione corretta era forse quella di stabilire un costo "onesto" per legge ed evitare speculazioni.
Un saluto

Avatar utente
robertopanizza
Messaggi: 35
Iscritto il: gio mag 01, 2008 9:18 am

Re: Certificato Energetico non + obbligatorio

Messaggio da robertopanizza » mer lug 23, 2008 2:28 pm

Per Robrossi: sia chiaro che non difendo la certificazione per partito preso, io non ne ho mai redatta neanche una mezza e non mi occupo di cose simili e credo che non rientrerà nei miei piani perchè non ho la competenza necessaria.
In quanto ai mangia wurstel : l'ho già detto anche alla tua "amica" che ti ha costruito la casa che io ci lavoro anche con gli austriaci, non sono solo un turista.
Non mi piacciono le allusioni ai wurstel, agli spaghetti o al mandolino, perchè semplificano e appiattiscono il tutto, sono velature razziste che non mi appartengono, anche se sono fiero di essere Italiano, pregi e difetti compresi.
Dato di fatto: in Germania (vedi Stoccarda) progettavano edifici passivi e autosufficienti quando ancora tu pensavi che L'Italia fosse il paese dei balocchi.


Bonjour Tristesse,

roberto

dotting
Messaggi: 955
Iscritto il: lun nov 20, 2006 9:48 pm

Re: Certificato Energetico non + obbligatorio

Messaggio da dotting » mer lug 23, 2008 2:34 pm

Emc ha scritto:Hai ragione Roby sulla faccenda dell'obbligo e del non obbligo,...vista la speculazione in termini di costo delle certificazioni.
D'altro canto se fosse rimasto l'obbligo ad allegarla ai rogiti sarebbe sinceramente stata una cosa estremamente positiva, ma la lobby cemetaria non ha voluto!!! La soluzione corretta era forse quella di stabilire un costo "onesto" per legge ed evitare speculazioni.
Un saluto
Forse non avete capito il problema.
La lobby cementaria non vuole la certificazione perchè le loro case potrebbero rientrare tuttalpiù in classe E o F e chi le comprerebbe.
Guardate qualche palazzina in costruzione e osservate con quali criteri e con quali materiali costruiscono.
La relazione legge 10, il rispetto della trasmittanza limite sancita dalle legge 311, l'attestato di qualificazione energetica sono tutte norme che dovrebbero essere rispettate ed invece sono ignorate alla grande.
Per quanti non lo sapessero per le nuove costruzioni o nel caso di interventi di manutenzione straordinaria la legge 311 in vigore prevede:
Art. 8
(Relazione tecnica, accertamenti e ispezioni)

1. La documentazione progettuale di cui all’articolo 28, comma 1, della legge 9 gennaio 1991, n. 10, è compilata
secondo le modalità stabilite con decreto del Ministro delle Attività Produttive di concerto con il Ministro
dell’ambiente e della tutela del territorio, da emanare entro centottanta giorni dalla data di entrata in vigore del
presente decreto, sentita la Conferenza Unificata.

2. La conformità delle opere realizzate rispetto al progetto e alle sue eventuali varianti, ed alla relazione tecnica di
cui al comma 1, nonché l’attestato di qualificazione energetica dell’edificio come realizzato, devono essere
asseverati dal direttore dei lavori, e presentati al Comune di competenza contestualmente alla dichiarazione di
fine lavori senza alcun onere aggiuntivo per il committente. La dichiarazione di fine lavori è inefficace a
qualsiasi titolo se la stessa non è accompagnata da tale documentazione asseverata.


In presenza di un attestato di qualificazione energetica realizzare la Certificazione energetica degli edifici è semplice ed il suo costo dovrebbe essere abbastanza basso, i dati di input ci sono tutti.

pomola
Messaggi: 83
Iscritto il: dom apr 27, 2008 11:01 am
Località: torino
Contatta:

Re: Certificato Energetico non + obbligatorio

Messaggio da pomola » mer lug 23, 2008 2:49 pm

ok... certo... ma per le ristrutturazioni, ovvero per la maggior parte del patrimonio edilizio italiano, dove per ovvi motivi non posso che ipotizzare ciò che c'è dentro i muri (a parte rari casi), dove ipotizzo come sono stati risolti i ponti termici (vabbè si potrebbe fare una termografia...) produrrei di fatto cartaccia senza troppo valore...
Se gli 800 euro della certificazione si buttassero in qualcosa di più costruttivo forse sarebbe meglio.
non so...

robrossi

Re: Certificato Energetico non + obbligatorio

Messaggio da robrossi » mer lug 23, 2008 3:38 pm

"Dato di fatto: in Germania (vedi Stoccarda) progettavano edifici passivi e autosufficienti quando ancora tu pensavi che L'Italia fosse il paese dei balocchi.!"

Ma tu ... non parlavi degli austriaci ? Ma sono Tedeschi, sono Austriaci o altoatesini ?
AHAHAHAHAHAH ... dai ... hai ragione, ma lascia perdere è meglio per me , per te ... per tutti noi .... io la chiudo qua .

Poi se altri vorranno sentire le tue storielle dei wurster, dei crauti e dell'uber alles, dell'october fest, dello strudel, degli zoccoli di legno , e di heidi ... a me va bene uguale .

Torno al mio macello

Nano nano
Roby

Luisa Simoncelli
Messaggi: 172
Iscritto il: dom feb 17, 2008 10:57 am
Controllo antispam: cinque
Località: Brescia
Contatta:

Re: Certificato Energetico non + obbligatorio

Messaggio da Luisa Simoncelli » mer lug 23, 2008 8:34 pm

Buonasera Roberto, buonasera Sig. Panizza .
Leggo ora il forum .... non ho capito molto della controversia
austriaci, tedeschi , altoatesini .... credo interessante invece
che si apporofondisca l'effetto dell'abrogazione dei commi già citati .
Mi meravigliavo che non venisse affrontata qui questa novità legislativa e ringrazio
Carletto per il giusto topic che ha aperto la discussione in corso .

Scrivo ora qualcosa fuori tema... non me ne abbiate
ma mi sono sentita tirata in ballo dalla discussione sterile già prima menzionata .

Sig. Panizza... Lei puo' togliere le virgolette quando mi cita come "amica"
di roberto . Lo puo' fare anche quando si riferisce alla moglie di Roberto, a svariati altri utenti del forum e a
tante altre persone e famiglie in Europa che abitano una nostra casa .
Non credo interessi ad altri (roberto incluso) che Lei mi abbia spiegato telefonicamente per chi lavora .
Per discrezione e corretteza commerciale io non riporterò i contenuti di quella telefonata nè pubblicamente
nè privatamente e credo di farLe una suntuosa cortesia .... veda lei ...
fermiamoci qui ....e torniamo alla questione in esame in questo topic .

Siamo tutti persone serie giusto ?

Buon lavoro a tutti
La saluto .
Luisa Simoncelli

Avatar utente
fermacell
Messaggi: 495
Iscritto il: lun gen 21, 2008 9:00 pm
Località: tra le montagne

Re: Certificato Energetico non + obbligatorio

Messaggio da fermacell » gio lug 24, 2008 4:33 am

robertopanizza ha scritto:Per Robrossi:
In quanto ai mangia wurstel : l'ho già detto anche alla tua "amica" che ti ha costruito la casa che io ci lavoro anche con gli austriaci, non sono solo un turista.
@ robertopanizza:
Certificati o meno... crauti & company.... tutto - e il contrario di tutto - si può dire....
ma non mi trovi d'accordo sulla tua frase - e tono della stessa - che ti ho quotato...
il forum "pretende" che sia rispettata e garantita la riservatezza di quanto ci si comunica in privato...
Con rispetto per chi la pensa diversamente... questo penso e questo ti dico...
Ciao!

Sulla certificazione... penso che la documentazione che - entro la fine dei lavori - dovrebbe essere allegata la pratica della concessione edilizia sia di per sè stessa una valida dichiarazione che la casa:
- è stata costruita secondo le indicazioni progettuali, le varianti e le eventuali prescrizioni indicate dal Comune
- ha i requisiti qualitativi minimi di risparmio energetico indicati dalle norme in vigore...
- eventualmente ha - in più - ulteriori e migliori caratteristiche di risparmio energetico: K termico x, sfasamento y, impianto geotermico, eolico, fotovoltaico, etc... etc...
Secondo il mio parere - e partendo dal presupposto che tutti dobbiamo essere responsabili di quanto si fa - questo attestato potrebbe essere sufficiente per "chiudere la pratica burocratica" , ma soprattutto sarebbe la garanzia "reale" per noi che abitiamo la casa...
Mi diventa difficile (ma se penso a dove abito non tanto...) trovare una logica al fatto che ci si debba procurare un ulteriore pezzo di carta inutile, questo benedetto certificato energetico che - nella sostanza - non è altro che una fotocopia dell'attestato di qualificazione energetica....
Ma forse questo certificato mette la firma su un dato di fatto: che è "meglio" non fidarsi più di nessuno.... brutta situazione... povera società...
Ciao!

Avatar utente
alexbio
Messaggi: 534
Iscritto il: lun feb 27, 2006 6:05 pm
Località: Sulle dolci colline friulane

Re: Certificato Energetico non + obbligatorio

Messaggio da alexbio » gio lug 24, 2008 11:24 am

Buon giorno. Certi toni sarebbe meglio lasciarli perdere, perché non danno nulla al forum in termini di conoscenza e credibilità.

In merito alla certificazione, credo che Dotting abbia messo il dito nella piaga: io parlo della mia situazione in Friuli e vi dico che certi fabbricati non sono neppure degni di essere abitati dalle vacche. L'obbligo di certificazione avrebbe costretto molti palazzinari a fare le cose con maggiore decenza, evitando alla gente sonore fregature, almeno nel caso dei nuovi fabbricati che continuano a spuntare come funghi.
Il certificato energetico ha un suo valore oggettivo, ma non può trasformarsi nella solita italianata, nel senso che a redarlo non dovrebbe essere il professionista di turno che scrive quello che gli pare e che chiede quello che vuole, sperando di trovarsi davanti un pollo.
L'esperienza in corso a Bolzano con Casaclima, dove esiste un protocollo chiaro e l'ente certificatore è terzo rispetto ai soggetti interessati, mi pare un buon esempio da seguire.
Qualcosa del genere stava avvendendo anche a Udine, dove l'Agenzia provinciale per l'energia aveva avviato, a prezzi forse non bassi, ma sicuramente chiari e accessibili (più o meno 500 euro), la certificazione degli edifici. Peccato che la Regione vada in altra direzione, di fatto vanificando quest'esperienza già in corso.
Come dire: siamo così cretini che non ci accorgiamo di esserlo! :evil: :evil: :evil: :evil:

Un ultimo appunto, dedicato ai nostri vicini germanofoni: a volte possiamo insegnare loro qualcosa, ma quando si parla di amministrazione pubblica e senso civico, pur con alcune scivolate, siamo parecchio indietro. Basta varcare il confine di Stato per accorgersi che sono diversi e, in certi casi, più avanti di noi. :mrgreen:
Mandi
Alex

robrossi

Re: Certificato Energetico non + obbligatorio

Messaggio da robrossi » gio lug 24, 2008 2:04 pm

Attenzione Alex anche all'intervento di Pomola .
Secondo me quell'intervento mette la sciabola nella piaga ... non solo il dito .
Lo riassumo sapendo che Pomola lo direbbe ancor meglio : se un tecnico deve (per obbligo di legge) certificare una cascina di 60 anni fa come puo' fare ?
Semplice ! Si deve costruire un "castello" di ipotesi relativo ai materiali impiegati alle loro caratteristiche e al loro mix, ai ponti termici esistenti ecc. ....per cui alla fine il risultato non puo' che essere una ipotesi costruita su ipotesi ........ e se quella cascina è casa per vacche , il certificato che ne scaturirebbe sarebbe all'altezza della costruzione ! (una vaccata) ..........che poi io, consumatore, debba pagare un milione e seicento mila lire per 5 fogli di ipotesi .... non ci sto !.... e buona parte del patrimonio edilizio italiano è in effetti messo così ..... (ammesso e non concesso che gli 800 euro citati siano veritieri e tariffa valida per tutte le situazioni .....)
Credo cioè che Pomola abbia sollevato anche il problema della possibile applicazione di quei commi sulle abitazioni vecchie ed esistenti .... e visto il problema in quell'ottica non posso che dargli ragione . Io (ma mi ripeto) ..... a questa sua bella considerazione aggiungo che preferisco non essere obbligato da nessuno a pagare .... e poi nell'azienda in cui lavoro con 1.200 euro al mese ci si scampa (erano 2 milioni e 400 mila lire accidenti !!!)... dai ... non se ne può più .... vogliamo levare a chi si vuole comprare la tanto sospirata casetta un altro stipendio per la certificazione energetica ? ... NO ... non se ne può più dai ...

Per quanto riguarda invece i germanici ( portati da me come esempio di buona cultura - e mi ripeto di nuovo -) dico che non deve pero' passare (come in un paio di interventi si è fatto intendere) che una casa germanica è migliore perché i germanici hanno una migliore gestione dell'organizzazione statale o perché hanno più senso civico ... ahahahaha ...... allora dovremmo tutti mangiare crauti o vestirci con i sandali e le calzine bianche oppure lasciarci crescere e mantenere i primi baffi della pubertà ............... ahahahahaha ! Oppure dovremmo vendere noi case in Germania perché il nostro è uno dei più bei mari d'Europa ..... ahahahah .... togliamoci quindi dalla bocca gli "uber alles" e dimentichiamo le risatine idiote che un germanico vorrebbe fare di noi quasi a giustificare : "se è tetesko è migliore ! Punto e basta"
Stiamo al pezzo ! e se parliamo di bioedilizia e vogliamo parlare di un sistema migliore o più conveniente di un altro, motiviamolo il più possibile scientificamente .

Ciao
Roby

Rispondi