Cominciamo dalla platea

Forum dedicato alle tecniche di costruzione con materiali naturali.

Moderatori: laura serpilli, michele ricci

dotting
Messaggi: 955
Iscritto il: lun nov 20, 2006 9:48 pm

Re: Cominciamo dalla platea

Messaggio da dotting » sab nov 28, 2009 11:50 am

Premessa
Il radon è un gas radioattivo, può risultare cancerogeno se inalato, in quanto emettitore di particelle alfa.
La principale fonte di questo gas risulta essere il terreno (altre fonti possono essere in misura minore i materiali di costruzione, specialmente se di origine vulcanica come il tufo o i graniti e l'acqua), dal quale fuoriesce e si disperde nell'ambiente, accumulandosi in locali chiusi ove diventa pericoloso.
Un metodo immediato per proteggersi dall'accumulo di questo gas è l'aerazione degli ambienti, soprattutto nei casi in cui questi siano interrati o a contatto diretto col terreno.
Il radon, in generale, ha una grande volatilità e inerzia chimica: per cui, difficilmente reagisce con altri elementi, e tende a risalire in superficie.
Il radon e i suoi discendenti nella catena di decadimento a loro volta emettono particelle alfa e un'elevata densità di radiazioni ionizzanti. I livelli di guardia sono 150 Bq/m3, corrispondenti a circa 4 pCi/l.
Le particelle alfa, a causa della loro carica elettrica, interagiscono fortemente con la materia e quindi vengono facilmente assorbiti dai materiali e possono viaggiare solo per pochi centimetri nell'aria.
Possono essere assorbiti dagli strati più esterni della pelle umana e così generalmente non sono pericolosi per la vita a meno che la sorgente non venga inalata o ingerita.
In questo caso i danni sarebbero invece maggiori di quelli causati da qualsiasi altra radiazione ionizzante.
Se il dosaggio fosse abbastanza elevato comparirebbero tutti i sintomi tipici dell'avvelenamento da radiazione.
Considerazioni
Il radon è un elemento che si trova in natura: nelle acque, nel suolo e nel sottosuolo.
Noi respiriamo normalmente radon.
Quello che è pericoloso è la sua concentrazione, oltre la quale vi sono rischi per la salute quando ne inaliamo una quantità elevata.
Il terreno è una fonte naturale di emissione di gas radon, terreni con tufo e granito emettono radon più di altri tipi.
Se noi sul terreno gettiamo il magrone, e poi mettiamo un tessuto non tessuto blocchiamo la diffusione del radon verso il vespaio aerato.
Quel poco che dovesse passare con l'aerazione COSTANTE, sottolineo la parola COSTANTE, abbatterebbe completamente la concentrazione del radon.
Non mi sembra proprio il caso di preoccuparsi più di tanto.
Poi ciascuno le pipe le può mettere alte come vuole, l'importante è non farsi le pipe mentali.
Mi sembra che ci siamo molto vicini.

luigi09
Messaggi: 39
Iscritto il: lun mar 30, 2009 8:46 am

Re: Cominciamo dalla platea

Messaggio da luigi09 » sab nov 28, 2009 5:31 pm

Mi spiace dotting ... proprio non riesco a capirti.
Quello che ho scritto e modificato è presente in tutti i siti che trattano il gas radon in modo professionale e con cognizione di causa. Se avrai la modestia di informarti forse sarà più facile anche per te capirlo.
Per chi invece, e non penso sia Dotting, vuole realmente informarsi sul gas possono partire da questi siti internet:
http://www.epa.gov/radon/pubs/hmbyguid.html
http://www.epa.gov/radon/pubs/citguide.html
oltre a quelli che ho già indicato.
Se poi volete fare delle ricerche, come io ho fatto, sulla posizione della dispersione del gas potete cercare con radon mitigation system pipe.
Forse sapere che il radom è la seconda causa di cancro ai polmoni dopo il fumo (e negli Usa è stimato un numero di circa 20.000 morti all'anno dovuti a questa causa) ... può aiutare a volerne capire qualcosa di più.
Luigi

birozzi
Messaggi: 95
Iscritto il: mer nov 26, 2008 10:59 pm

Re: Cominciamo dalla platea

Messaggio da birozzi » sab nov 28, 2009 9:52 pm

ho letto entrambe le opinioni, vi ringrazio

Fritz
Messaggi: 258
Iscritto il: lun lug 27, 2009 10:00 am
Controllo antispam: cinque

Re: Cominciamo dalla platea

Messaggio da Fritz » sab lug 24, 2010 7:55 am

Ritiro su questo interessantissimo topic per fare una domanda riguardo la descrizione di dotting per la realizzazione dello scantinato: da quello che capisco le pareti possono essere realizzate solamente con un cassero a perdere di celenit e calcestruzzo...nessuna altra protezione dall'umidità?
Il celenit è lana di legno...a contatto con l'umidità non perde le sue caratteristiche isolanti? (mi riferisco allo strato esterno).

Grazie

Avatar utente
specialdue
Messaggi: 620
Iscritto il: mer set 30, 2009 1:41 pm
Controllo antispam: cinque
Località: EMILIA R.

Re: Cominciamo dalla platea

Messaggio da specialdue » sab lug 24, 2010 9:48 am

Fritz ha scritto:Ritiro su questo interessantissimo topic per fare una domanda riguardo la descrizione di dotting per la realizzazione dello scantinato: da quello che capisco le pareti possono essere realizzate solamente con un cassero a perdere di celenit e calcestruzzo...nessuna altra protezione dall'umidità?
Il celenit è lana di legno...a contatto con l'umidità non perde le sue caratteristiche isolanti? (mi riferisco allo strato esterno).

Grazie
ci sono anche blocchi cassero in materiale estruso(xps),in ogni caso andrebbe protetto esternamente con platon in rotoli h.250/300 per esempio

Avatar utente
franco mori
Messaggi: 4971
Iscritto il: lun ago 17, 2009 10:10 am
Controllo antispam: Diciotto

Re: Cominciamo dalla platea

Messaggio da franco mori » sab lug 24, 2010 10:52 am

specialdue ha scritto:
Fritz ha scritto:Ritiro su questo interessantissimo topic per fare una domanda riguardo la descrizione di dotting per la realizzazione dello scantinato: da quello che capisco le pareti possono essere realizzate solamente con un cassero a perdere di celenit e calcestruzzo...nessuna altra protezione dall'umidità?
Il celenit è lana di legno...a contatto con l'umidità non perde le sue caratteristiche isolanti? (mi riferisco allo strato esterno).

Grazie
ci sono anche blocchi cassero in materiale estruso(xps),in ogni caso andrebbe protetto esternamente con platon in rotoli h.250/300 per esempio

e i cappotti in fibra di legno allora? in ambiente umido tipo le nostre pianure non assorbono umidita' e perdono potere isolante?

Avatar utente
specialdue
Messaggi: 620
Iscritto il: mer set 30, 2009 1:41 pm
Controllo antispam: cinque
Località: EMILIA R.

Re: Cominciamo dalla platea

Messaggio da specialdue » sab lug 24, 2010 10:57 am

Umidita' costante senza areazione(interrato) e' una cosa un po diversa.Franco lo sai anche tu che nelle nostre zone in alcuni zone c'e' l'acqua sotto 2 metri dal livello stradale.

Avatar utente
franco mori
Messaggi: 4971
Iscritto il: lun ago 17, 2009 10:10 am
Controllo antispam: Diciotto

Re: Cominciamo dalla platea

Messaggio da franco mori » sab lug 24, 2010 11:00 am

specialdue ha scritto:Umidita' costante senza areazione(interrato) e' una cosa un po diversa.Franco lo sai anche tu che nelle nostre zone in alcuni zone c'e' l'acqua sotto 2 metri dal livello stradale.

ma la mia era una domanda....tu cosa ne pensi a tal proposito? cosa ne pensi di una parete con fibra di legno come isolante senza barriera al vapore?

Avatar utente
specialdue
Messaggi: 620
Iscritto il: mer set 30, 2009 1:41 pm
Controllo antispam: cinque
Località: EMILIA R.

Re: Cominciamo dalla platea

Messaggio da specialdue » sab lug 24, 2010 4:18 pm

franco mori ha scritto:
specialdue ha scritto:Umidita' costante senza areazione(interrato) e' una cosa un po diversa.Franco lo sai anche tu che nelle nostre zone in alcuni zone c'e' l'acqua sotto 2 metri dal livello stradale.

ma la mia era una domanda....tu cosa ne pensi a tal proposito? cosa ne pensi di una parete con fibra di legno come isolante senza barriera al vapore?
Ti rispondo solo questa volta (siamo totalmente fuori argomento e mi becco sempre cazziettoni)riguardo alla fibra di legno non vedo problemi,per l'assenza barriera al vapore e' da valutare l'intera stratigrafia della parete e il luogo.Parere mio naturalmente

Fritz
Messaggi: 258
Iscritto il: lun lug 27, 2009 10:00 am
Controllo antispam: cinque

Re: Cominciamo dalla platea

Messaggio da Fritz » sab lug 24, 2010 11:01 pm

specialdue ha scritto:
Fritz ha scritto:Ritiro su questo interessantissimo topic per fare una domanda riguardo la descrizione di dotting per la realizzazione dello scantinato: da quello che capisco le pareti possono essere realizzate solamente con un cassero a perdere di celenit e calcestruzzo...nessuna altra protezione dall'umidità?
Il celenit è lana di legno...a contatto con l'umidità non perde le sue caratteristiche isolanti? (mi riferisco allo strato esterno).

Grazie
ci sono anche blocchi cassero in materiale estruso(xps),in ogni caso andrebbe protetto esternamente con platon in rotoli h.250/300 per esempio
anch'io immaginavo fosse necessario una guaina isolante...ma dalle foto postate mi pare non ci sia altro che cemento armato e celenit...

Avatar utente
specialdue
Messaggi: 620
Iscritto il: mer set 30, 2009 1:41 pm
Controllo antispam: cinque
Località: EMILIA R.

Re: Cominciamo dalla platea

Messaggio da specialdue » dom lug 25, 2010 10:01 am

Fritz ha scritto:
specialdue ha scritto:
Fritz ha scritto:Ritiro su questo interessantissimo topic per fare una domanda riguardo la descrizione di dotting per la realizzazione dello scantinato: da quello che capisco le pareti possono essere realizzate solamente con un cassero a perdere di celenit e calcestruzzo...nessuna altra protezione dall'umidità?
Il celenit è lana di legno...a contatto con l'umidità non perde le sue caratteristiche isolanti? (mi riferisco allo strato esterno).

Grazie
ci sono anche blocchi cassero in materiale estruso(xps),in ogni caso andrebbe protetto esternamente con platon in rotoli h.250/300 per esempio
anch'io immaginavo fosse necessario una guaina isolante...ma dalle foto postate mi pare non ci sia altro che cemento armato e celenit...
No guaina isolante,io parlavo di rotoli in polietilene protettiva(tipo platon o fondaline con tacchetti),non so il tuo terreno interrato come possa essere ,come hai detto giustamente tu isolante umido perde proprieta',gia' deve uscire umidita' del calcestruzzo liquido all'interno del cassero e sinceramente non so quanti mesi ci mettera',io preferisco sempre applicare dopo l'isolante ma naturalmente si allungano i tempi ecosta di piu ,come e' stato gia'detto

Avatar utente
franco mori
Messaggi: 4971
Iscritto il: lun ago 17, 2009 10:10 am
Controllo antispam: Diciotto

Re: Cominciamo dalla platea

Messaggio da franco mori » dom lug 25, 2010 11:37 am

esiste un prodotto chiamato vetrofluid che isola perfettamente dall'umidita' il vostro scantinato. www.ecobeton.it. non lo vendo io , non e' pubblicita' , lo potrete comprare online

dotting
Messaggi: 955
Iscritto il: lun nov 20, 2006 9:48 pm

Re: Cominciamo dalla platea

Messaggio da dotting » mer lug 28, 2010 7:04 am

Il Celenit è costituito da fibra di legno mineralizzata.
Mineralizzata significa che la fibra ha perso tutto il suo contenuto d'acqua ed è insensibile all'umidità.

Avatar utente
mige04
Messaggi: 47
Iscritto il: dom ott 11, 2009 2:14 pm
Controllo antispam: CINQUE

Re: Cominciamo dalla platea

Messaggio da mige04 » lun ago 09, 2010 2:33 pm

Il Celenit è costituito da fibra di legno mineralizzata.
Mineralizzata significa che la fibra ha perso tutto il suo contenuto d'acqua ed è insensibile all'umidità.
Ciao Dotting,
Ho letto il tuo post molto interessante sulla tecnica ideale per la costruzione di un seminterrato.
Siccome anche io a breve (speriamo) dovrei iniziare i lavori della nuova casa che avrà un seminterrato su 4 lati di circa 180mq, sto cercando informazioni sulle migliori tecniche di costruzione, in particolare, quelle che permettono di evitare la fuoriuscita di muffe ed umidità.
Se ho ben capito tu consigli di usare i casseri a perdere Celenit così da risparmiare sul disarmo e contemporaneamente avere un ottimo isolamento (oltre che un minor spessore necessario del muro in calcestruzzo)
Non ho ancora chiaro invece se oltre al pannello Celenit occorre poi applicare ulteriori guaine protettive (penso esternamente).
Mi puoi spiegare meglio? Inoltre un dettaglio: quanto costano i pannelli Celenit (giusto per farmi un'idea)?
Grazie

Paolo Boni
Messaggi: 3585
Iscritto il: gio ott 29, 2009 6:15 pm
Controllo antispam: diciotto
Località: Carpenedolo (BS)
Contatta:

Re: Cominciamo dalla platea

Messaggio da Paolo Boni » lun ago 09, 2010 2:51 pm

dotting ha scritto: Se noi sul terreno gettiamo il magrone, e poi mettiamo un tessuto non tessuto blocchiamo la diffusione del radon verso il vespaio aerato.
Il radon non lo blocchi sicuramente mettendo tessuto non tessuto, per bloccarlo devi mettere guaine completamente impermeabili al vapore.
Unico modo sicuro per eliminarlo è creare un semplicissimo vespaio aereato con possibilità di decompressione all'interno.
Poi se uno non vuole farsi seghe mentali fa senza farlo...
In fondo il formaggio di fossa mi sa che è buono proprio per l'altissima concentrazione di radon oppure il lardo di colonnata.
Ciao Paolo

Rispondi