Pareri su sistema di riscaldamento

Forum dedicato alle tecniche di costruzione con materiali naturali.

Moderatori: laura serpilli, michele ricci

Rispondi
Giorgio
Messaggi: 32
Iscritto il: mer ott 06, 2004 10:46 am
Località: Como

Pareri su sistema di riscaldamento

Messaggio da Giorgio » gio ott 07, 2004 8:24 am

Volendo ristrutturare completamente un sottotetto, mi interessava un parere su alcuni punti riguardanti il riscaldamento.
1) E’ possibile fare un impianto misto composto da tradizionali radiatori in alluminio e da ventilconvettori? Ritengo possa essere una soluzione per ottenere un veloce riscaldamento (ventilconvettori) e il successivo mantenimento della temperatura (abbinamento caloriferi-ventilconvettori) considerando che la casa durante il giorno non è abitata. E’ possibile utilizzare un impianto unico?. Se fattibile, sarebbe possibile evitare l’accensione della ventola dei ventilconvettori una volta a temperatura?
2) Avevo letto un post di robvi riguardante la possibilità di stendere i tubi che alimentano i radiatori sotto il pavimento, idea che aveva dato origine al riscaldamento a pavimento. Pensavo di applicarla per avere un debole riscaldamento del pavimento ai fini di renderlo solo tiepido (come attualmente avviene nel mio appartamento in corrispondenza del passaggio dei tubi) facendo fare alle tubazioni qualche ‘giro’ in più. Cosa ne pensate?
3) Il tetto, che attualmente non ha alcun isolamento, verrà rifatto ventilato; consente un buon isolamento dal caldo estivo?
4) Nel mio appartamento ho come radiatori delle ‘piastre ellen’ (non so se il nome è corretto) di circa 30 anni; me ne sono rimaste alcune che potrei riutilizzare per la ristrutturazione di cui sopra. Potete darmi un parere in merito alla loro efficacia?

Ciao a tutti e … grazie anticipate.

AleTS
Messaggi: 26
Iscritto il: mar ott 05, 2004 12:45 pm
Località: Trieste

Messaggio da AleTS » gio ott 07, 2004 2:07 pm

1) radiatori e ventilconvettori: non credo sia un buon sistema. A parte il costo del doppio impianto (apparecchi, tubi, ma sopratutto disp elettronici e di comando) sono dell'opinione che così riusciresti ad ottenere solo la somma dei difetti dei due impianti: polvere, aria secca, rumore di elettroventole, etc. Ho dubbi anche sulla gestibilità, ovvero quando far smettere i ventilconvettori e far entrare i radiatori.
2) Il pavimento caldo dovuto ai tubi non è un pregio ma un difetto dell'impianto e non credo sia il caso di allargarlo ad una superficie più ampia. Gli impianti a pavimento lavorano a temperature basse mentre la mandata per i radiatori arriva a 70-80 °C e senza i dovuti accorgimenti il pavimento si creperà a causa delle dilatazioni inconsuete.
3) Il solo tetto ventilato non consente un buon confort estivo. Rivestilo di sughero: costa ma è sano ed efficente.
Quanto spessore?
Bisogna riesumare una frase ad hoc del carissimo robvi:
Più isolamento c'è e meglio è!!!

Inoltre, siamo in un forum BIO.
Qui tutti sono daccordo nel sostenere che è meglio investire per isolare la casa che per comprare un sacco di apparecchi che una volta accesi consumeranno un sacco d'energia inquinando il ns. amato pianeta.

Colgo l'occasione per salutare tutti ora che il sito ha un vestito tutto nuovo.
Ciao Alessandro

Giorgio
Messaggi: 32
Iscritto il: mer ott 06, 2004 10:46 am
Località: Como

Pareri su sistema di riscaldamento

Messaggio da Giorgio » gio ott 07, 2004 2:47 pm

Grazie per la risposta. In riferimento al punto 1 intendo dire che pensavo ad un collegamento in serie tra radiatori e venticonvettori sfruttando lo stesso impianto perchè se non erro la temperatura è uguale per entrambi. Pensavo inoltre di mettere solo 1 o 2 ventilconvettori nei locali che più mi interessa avere subito caldi abbinadoli al radiatore.
Per il punto 2 il problema è quindi nella probabile crepatura del pavimento? Francamente il pavimento tiepido - da utente - mi sembra una comodità e non un difetto. Mi riferisco soprattutto a locali quali il bagno e le camere.
Seguo il forum da molto e, ovviamente, per l'isolamento sono con te. Ritengo però che il mettere 2 ventilconvettori, a fronte di un aumento del consumo di energia elettrica dovrebbe consentirmi di mandare a regime molto prima l'impianto e quindi probabilmente i due consumi si equilibrerebbero.
Saluti a tutti.
PS: spero di vedere qualche post!!!! Tutti leggono ma nessuno scrive hihi.

Avatar utente
robvi
Messaggi: 144
Iscritto il: mer ott 06, 2004 1:17 pm
Controllo antispam: diciotto
Contatta:

Messaggio da robvi » gio ott 07, 2004 3:39 pm

Condivido in pieno quanto detto da AleTS.

Se vuoi scaldare in fretta qualche locale, aumenta semplicemente la superfice dei radiatori (anche x 1,5 o x 2) e montaci sopra le valvole termostatiche; otterrai così un riscaldamento più rapido, spenderai meno, non avrai la presenza contemporanea di radiatori e ventilconvettori ed il relativo ingombro ed inoltre potrai (con una caldaia a condensazione) far funzionare l'impianto a temperature molto più basse semplicemente con una centralina climatica a punto fisso comandata da una sonda ambiente.
Se vuoi il pavimento caldo nel bagno (te lo consiglio), posa del pannello radiante tipo Rotex DUO, adatto per funzionare con impianti a radiatori; è fatto apposta e non compromette il rendimento dei radiatori.

Ciao

Giorgio
Messaggi: 32
Iscritto il: mer ott 06, 2004 10:46 am
Località: Como

Pareri su sistema di riscaldamento

Messaggio da Giorgio » gio ott 07, 2004 4:06 pm

Grazie dei consigli.
Purtroppo la caldaia è già installata e non è a condensazione. Vedrò sulla rete se trovo informazioni in merito al tubo da te consigliato.
Hai qualche info sulle 'piastre ellen'?
Ciao a tutti.

Avatar utente
robvi
Messaggi: 144
Iscritto il: mer ott 06, 2004 1:17 pm
Controllo antispam: diciotto
Contatta:

Piastre ellen

Messaggio da robvi » gio ott 07, 2004 4:17 pm

Mi spiace ma non le conosco.

Ciao

Giorgio
Messaggi: 32
Iscritto il: mer ott 06, 2004 10:46 am
Località: Como

Tubo Rotex DUO

Messaggio da Giorgio » ven ott 08, 2004 3:37 pm

Il tubo Rotex DUO richiede le stesso modalità di posa degli altri tubi per riscaldamento a pavimento o può essere messo direttamente sotto il pavimento come se fosse un normale tubo per la conduzione dell'acqua calda? Avrei in quest'ulitmo caso i problemi sul pavimento citati da AleTS?
Grazie. Ciao.

Avatar utente
robvi
Messaggi: 144
Iscritto il: mer ott 06, 2004 1:17 pm
Controllo antispam: diciotto
Contatta:

Messaggio da robvi » sab ott 09, 2004 6:21 am

Il tuob Rotex Duo si posa esattamente come gli altri tipo di tubo.

Ciao

AleTS
Messaggi: 26
Iscritto il: mar ott 05, 2004 12:45 pm
Località: Trieste

Re: Tubo Rotex DUO

Messaggio da AleTS » lun ott 11, 2004 8:27 am

Volevo solo spiegarmi meglio sul discorso delle crepe sul pavimento: il pavimento radiante è anche "flottante", ovvero, non fa corpo unico con il solaio ed i muri ma ha dei materiali che gli consentono di "muoversi" un pochino, quanto basta per consentire la dilatazione causata dal suo riscaldamento a bassa temperatura;
i pavimenti tradizionali sono incollati sul massetto di cemento posato direttamente sul solaio e quindi fanno corpo unico con tutta la casa; se tu li riscaldi "di brutto" (la mandata ai radiatori è di 30° minimo più alta della mandata verso i pav. radianti) su una superficie larga sarà difficile assorbire la dilatazione e i problemi saranno assicurati (oltre alle crepe anche il distacco delle piastrelle); concordo con il fatto che avere il pavimento caldo è sfizioso ma fallo con sistemi progettati per questo!
ciao

Giorgio
Messaggi: 32
Iscritto il: mer ott 06, 2004 10:46 am
Località: Como

Pareri su sistema di riscaldamento

Messaggio da Giorgio » lun ott 11, 2004 9:16 am

Grazie per la precisazione. Vedrò di fare come consigliate tu e robvi. Il mio intento era di limitarmi a far passare i tubi di mandata 2 o 3 volte sotto il pavimento e non solo una in un unico punto. Grazie per l'aiuto. A presto.

Rispondi