La via per giungere al crudismo

Archivio delle discussioni sui forum non più presenti

Moderatore: laura serpilli

Avatar utente
Sprummiento
Messaggi: 2
Iscritto il: sab giu 15, 2013 10:24 pm
Controllo antispam: cinque
Località: Bologna

La via per giungere al crudismo

Messaggio da Sprummiento » ven giu 21, 2013 6:55 pm

Buongiorno a tutti,
sono nuova di questo mondo che mi affascina molto e vorrei condividere con voi la mia esperienza. Sono ormai diversi mesi che mi sono "infiltrata" nel vostro forum e proprio le vostre discussioni mi hanno messo voglia di provare questa nuova via.
Mi presento brevemente : ho 23 anni e sto ultimando i miei studi universitari, mi piace dedicare la gran parte del mio tempo libero al volontariato e sono molto curiosa riguardo a tutte le scelte di vita che si discostano da ciò che la maggior parte delle persone reputano "normale". Sono poche righe, ma mi sembra di non fare molto altro durante le mie giornate :D
Per quanto riguarda la mia vita alimentare quattro anni fa ho iniziato a mangiare il più possibile biologico, da due anni cerco di produrre tutto ciò che posso in casa. Non sono mai stata ne vegana ne vegetariana, anche se negl' ultimi quattro anni credo di aver consumato carne più o meno una volta al mese.
Mi incuriosisce molto lo stile di vita crudista, soprattutto quando raccontate che mangiando crudo siete più felici, equilibrati e vi sentite pieni di energia.
Ho pensato di pianificare il mio inizio in questo modo:
Prima settimana : colazione con frutta o frullati cercando di aspettare una o due ore dal risveglio
pranzo verdura cruda o frutta
cena libera

Impressioni : la colazione non mi da alcun problema, il pranzo nemmeno ma verso l'ora di merenda mi viene voglia di mangiare il mondo! Alcuni giorni ho mangiato integralmente crudo anche la sera, avevo voglia solo di frutta.
Mi sono stupita di quanto poco sentissi l'esigenza di farinacei (che prima erano molto presenti nella mia dieta), unica eccezione: una sera volevo così tanto una fetta di pizza margherita che stavo per mettermi a impastare all'una di notte :D
Così ho pensato di star correndo troppo, soprattutto se ho intenzione di mantenere l'obiettivo, e ho strutturato la seconda settimana (che è iniziata oggi) in questo modo:
Seconda settimana : colazione : frutta
pranzo : 4 pasti vegani (ma possono essere anche cotti) e 3 crudi
cena : libera

Impressioni di una neofita : sono veramente contenta della scelta che ho deciso di compiere, anche se chi mi sta vicino la sta canzonando. In realtà ora mi capita di essere un pò nervosa e ho la sensazione di non essere sazia, ma come ho potuto leggere da voi, probabilmente è perchè non avevo mai provato prima questa diversa sensazione di sazietà\leggerezza.
Nota positiva: nonostante avessi dato la notizia solo da qualche giorno al mio ragazzo per il mio compleanno mi ha portata in un ristorantino che proponeva anche piatti per crudisti! Ed ora anche lui sta mangiando secondo i miei programmi...sarà che preferisce aggregarsi piuttosto che cucinarsi tutti i pasti? :D

In ultimo, vi ringrazio davvero molto e sappiate che siete una fonte di informazioni inestimabile per tutte le persone che anche se non intervengono nel forum vi leggono con entusiasmo!

Qualsiasi critica\consiglio\suggerimento sono ben accolti,
A presto!

Avatar utente
Crazycommy
Messaggi: 5
Iscritto il: dom mar 10, 2013 9:02 am
Controllo antispam: Cinque

Re: La via per giungere al crudismo

Messaggio da Crazycommy » ven giu 21, 2013 7:48 pm

Cara Spummiento,

Benvenuta nel forum! Anche io sono una neofita e sto gradualmente passando al crudismo senza esser mai stata vegana.
Penso che il desiderio di pizza o altri carboidrati e/o grassi compulsivo è dato dal fatto che nella prima parte della giornata non mangi abbastanza. Difatti a me capita sempre se per un paio di giorni non mangio a sufficienza. Ad esempio se durante la prima parte del giorno non mangio almeno un kg e mezzo di banane più altra frutta natualmente, la sera muoio letteralmente di fame e faccio mola fatica a non sgarrare, invece se mangio a sufficienza non sorge nessun tipo di problema. Poi devo dire che mangio sempre a sazietà, il corpo quando non ne può più te lo fa capire: è fisicamente impossibile mangiare troppa!

Bella la reazione del tuo ragazzo, dev'essere fantastico!! Anche io vorrei conoscere dei bei ristorantini crudisti, e soprattutto vorrei un uomo che non mi dicesse: ma mangiatela una bistecca!!! Non fartelo scappare ;)

Spero di esserti stata utile, presto arriveranno i più informati!

Un abbraccio,
Crazycommy

Avatar utente
gardenia89
Messaggi: 125
Iscritto il: lun dic 17, 2012 9:27 pm
Controllo antispam: diciotto
Località: vicenza, veneto

Re: La via per giungere al crudismo

Messaggio da gardenia89 » sab giu 22, 2013 1:08 pm

BENVENUTA SPRUMMIENTO :D !
hai 23 anni, siamo quasi coetanee, io sono classe 89! :D

ti sosterremo calorosamente in questo cammino.
sono sollevata dal fatto che hai scritto espressamente i tuoi dubbi/perplessità. questo è lo spirito giusto!
non bisogna citare solo i lati positivi, ma si deve mettere da parte la vergogna e chiedere aiuto/consigli, anche perché nessuno è nato imparato e siamo qui x aiutarci a vicenda.

brava che già da 4 anni mangi biologico, complimenti davvero. prendere coscienza dell'importanza del biologico così da giovani, è lodevole.

concordo con Crazy: credo anch'io che il tuo nervosismo, e la tua fame pomeridiana o notturna, siano dovuti dal fatto che assumi troppe poche calorie nella prima parte della giornata.
quindi ti consiglio di provare a mangiare così per una settimana.
colazione: frutta, meglio se acida (arance, pompelmi) o acquosa (anguria, melone)
pranzo: insalata seguita da pasto vegano (meglio cibi integrali, non lievitati, e i cereali meglio decorticati che perlati; perfette le patate lessate a vapore xk saziano)
cena: insalatona gigante(se durante il giorno non hai mangiato molto, dopo questa mangia una verdura cotta)
[magari, se riesci, alterna qlk pranzo con un bel pasto monofrutto]

questo è il mio personale consiglio, per avere un approccio graduale, progressivo.
chiedimi pure se hai dubbi e se non concordi!qlss critica costruttiva è ben accetta.
tu di solito non fai mai la merenda di metà mattinata e metà pomeriggio?
ps: a livello di stomaco, ti senti gonfia? e a livello intestinale?

tanto di cappello al tuo ragazzo. come dice Crazy, tienitelo stretto. io di problemi sociali ne sto attraversando molti.
e il mio ragazzo, non ha reagito come il tuo........il mio dimagrimento ha causato molte preoccupazioni a chi mi circonda.
si, sono dimagrita, ma non deperita, sono piena di vita!!! xk il crudismo ti da forza, sprint!!!
a presto!!!

Avatar utente
Sprummiento
Messaggi: 2
Iscritto il: sab giu 15, 2013 10:24 pm
Controllo antispam: cinque
Località: Bologna

Re: La via per giungere al crudismo

Messaggio da Sprummiento » sab giu 22, 2013 2:12 pm

Ciao Crazy e Gardenia,
grazie mille per le risposte, siete state veramente calorose!
In effetti credo abbiate proprio ragione, la mattina non mangio a sufficienza! E per di più questa scelta era anche voluta! Ho letto sul blog (sito?) di Vaccaro che la mattina era meglio aspettare delle orette prima di mangiare qualcosa, e se si riusciva ad arrivare a pranzo digiuni ancora meglio! Oggi vi ho lette troppo tardi, ma domani seguirò i vostri consigli!
Mi ha colpito molto Crazy che tu mangi un kg e 1\2 di banane la mattina...la mia colazione tipo è stata : 2 pesche oppure 6\7 fragole oppure una fetta d'anguria... ok, miglioriamomi :D
Ora per pranzo ho mangiato un insalatona: 3 tipi di insalata, mandorle, peperoni. Mi sono sentita sazia, ma credo che seguirò immediatamente il consiglio di gardenia e metterò a bollire delle patate. Facciamo questo esperimento e vediamo se pomeriggio avrò nuovamente una crisi di fame!
Ti ringrazio molto per avermi postato una dieta tipo, da oggi a venerdì sicuramente seguirò i tuoi consigli per colazione e pranzo, ma vorrei tenermi un pò più libera sulla cena. Non so, non vorrei che il percorso vegan fatto in pochi giorni possa risultare infruttuoso. Dici che sto solo trovando delle scuse per essere più libera ad orario aperitivo? Può essere, ci rifletterò:D

Per rispondere alle tue domande Gardenia:
Spuntini metà mattina\pomeriggio: in realtà non ho una risposta ben precisa. Nel senso che mangio se ho fame. Mi capita a volte di mangiare due o tre volte fra pranzo e cena oppure nessuna. Comunque questi spuntini ora sono sempre di frutta.
Tu che dici? Dovrei invece programmarmi meglio queste merende? Nel senso, le dovrei fare tutti i giorni come abitudine?
Per quanto riguarda stomaco e intestino: mi sento (anzi, ho visibilmente) la pancia gonfissima! Sembra che mi abbiano impiantato un palloncino sotto la cute (si, ovviamente il mio ragazzo ha passato ore a immaginarsi la scena : alieni che rapendomi di notte mi hanno punita per la scelta crudista ed eccomi con il palloncino!) In realtà questo non lo rilevo come un problema, credo sia normale e che piano piano dovrebbe scomparire, o almeno così ho letto da voi :D
A livello intestinale invece ho avuto qualche evento strano i primi tre giorni dove ho provato a buttarmi nel crudismo puro e mi capitava mi dover andare in bagno anche tre volte al giorno, quasi con una diarrea. Ma poi ho iniziato a pianificare meglio i miei pasti e non rilevo ora degli scompensi rilevanti.

Osservazioni di metà giornata: ieri ho scordato di scrivere che ho iniziato a mangiare verdure solo da quattro anni, ossia qualche settimana prima di iniziare la caccia al tesoro bio! Questa mattina ho avuto un piccolo flash: ma chi l'avrebbe mai detto? :shock: Pensate che questi famosi quattro anni coincidono con la mia indipendenza da casa e quindi con il mio prendere in mano una padella, infatti per i precedenti 19 anni ho mangiato carne a pranzo e cena tutti i giorni e le uniche verdure che ingerivo erano fagiolini verdi e carote... quasi impressionante :cry:
Altro piccolo schock: non sto bevendo caffè da 8 giorni e non ne ho alcuna voglia!

A livello sociale: ho accennato ad un gruppo di amici la mia scelta in questi termini:
una ragazza dice "ma avete sentito che Anna è diventata vegana? Bah, manco sa spiegare il perchè" non ho potuto non cogliere la palla al balzo: "Ma dai, guarda che probabilmente non aveva voglia di ripetere le stesse cose all'infinito! Immagina quanti l'avranno già stressata...ad esempio, ti ho già detto che io sto cercando di migliorare la mia alimentazione per passare al crudismo?" seguono alcune domande su cosa fosse, molta curiosità e nessun palese sconcerto, poi l'attenzione si è spostata su un altro ragazzo che ha annunciato l'inizio del suo sciopero della fame in favore dell'amnistia e indulto. Oserei dire grandioso.
Si, comunque fra poco dovremmo studiare tutti insieme un bel piano per dirlo a mia madre :lol: Proprio a lei...

Ragazze mie vi ringrazio immensamente,
un buon pomeriggio
Sprummiento

Avatar utente
gardenia89
Messaggi: 125
Iscritto il: lun dic 17, 2012 9:27 pm
Controllo antispam: diciotto
Località: vicenza, veneto

Re: La via per giungere al crudismo

Messaggio da gardenia89 » dom giu 23, 2013 1:40 pm

Ciao cara!
cerco di risponderti seguendo l'ordine del tuo messaggio.

diciamo che alcune persone riescono tranquillamente a tirare fino a pranzo a digiuno.
altre persone, come me, sentono la fame e devono mangiare appena si svegliano.
ti faccio l'esempio di una mia giornata tipo.
io come colazione (h 6.15) fino a pochi giorni fa, mangiavo 10 arance (piccoline). [oggi ciliegie]
spuntino (h 9.30) circa 6/8 banane,
pranzo (h 12) altre 8/10 banane
spuntino (h 15.30) ancora banane (il n° dipende se vado in palestra oppure no, o se ho passato una mattinata movimentata oppure totalmente sedentaria)
cena: a volte mi è sufficiente un'insalatona, altri giorni se durante la giornata non ho assunto abbastanza calorie (magari xk ho mangiato frutta meno calorica, tipo pesche o anguria)prima dell'insalata mangio della frutta (circa 1h prima).

riguardo mandorle, noci, nocciole & co., li mangio davvero raramente... arricchisco volentieri le insalate con fruttortaggi come pomodori (li adoro), cetrioli, zucchine e suoi fiori, peperoni (ultimamente apprezzo mlt quelli gialli)+ limone a fettine.
no no tesoro, non ti preoccupare, non penso assolutamente che tu voglia trovare delle scuse.
è giusto che si facciano piccoli passi.
solo tu conosci bene la tua storia alimentare, il tuo corpo, le sue reazioni, quindi agisci come te la senti (magari valuta di fare una sera vegan/crudista, due sere free, una vegan/crudista e così via alternando, ma non voglio forzarti).

MERENDE: ti rispondo in base alla mia personale esperienza, tieni conto che magari una ragazza mia coetanea, può avere esigenze/risposte corporali opposte.
è vero che in natura gli animali mangiano se han fame, quando gli pare. questa verità è intoccabile.
ma io cerco di seguire una certa linea.
anni fa, prima di "razionalizzare" gli orari dei miei pasti, mangiavo qnd ne avevo voglia.
ma, soprattutto di pomeriggio, mi ritrovavo p.e. a mangiare un piccolo frutto alle 14, ma non mi saziava e dopo mezzora ne mangiavo ancora. e così assumevo spuntini a singhiozzo. senza mai saziarmi!

questo perché io credo sia meglio che quando "disturbiamo" lo stomaco, lo si debba riempire, altrimenti resta sgombro e non si raggiunge la sazietà.

una divisione dei pasti come quella che ho citato sopra, la trovo meno stressante per il mio apparato digerente rispetto ad un continuo stuzzichìo (che a mio parere impegnerebbe tutto il giorno stomaco, intestino & co., privandoci di energie x altre attività).
MA...è normale che al principio di un cammino fruttariano, ci si ritrovi a praticare pasti anche ad un'ora di distanza; perché lo stomaco, non abituato a ricevere grandi quantità di frutta, invierà segnali di sazietà in anticipo rispetto ad un fruttariano.
oppure, anche dopo aver mangiato una grossa mela, ti sentirai sazia, ma poco dopo il tuo corpo si renderà conto che è uno spuntino "povero".
o ancora: l'apparato digerente è coperto da muco per via di un'errata alimentazione. quindi le fibre solubili della frutta (che garantiscono un assorbimento + lento dei carboidrati) non riescono a svolgere come si deve questo compito perché il muco impedisce l'assorbimento di esse.

secondo il mio parere, sarebbe meglio optare x gli spuntini, altrimenti in soli 3 pasti della giornata ci si ritroverà a cibarsi di una quantità inverosimile di frutta.ti consiglio di provare, almeno x qlk giorno.

INTESTINO: episodi "eliminativi" sono normali esatto. il tuo corpo vuole disfarsi di score e tossine.
oppure al momento non riesce ad assorbire bene la frutta e la verdura, ci vuole un po' di tempo.
cmq io evacuo molto più di quando ero onnivora: evacuo quasi dopo ogni pasto/spuntino.
ah ah gli alieni! cmq si è un sintomo ordinario anche il pancione gonfio!

ANCHE TU VIVI FUORI CASA DEI TUOI? anch'io, da quando avevo 21 anni. invece io quando vivevo dai miei, prima di iniziare a lavorare (e per lavoro ho sempre mangiato fuori casa, anche ora pranzo in azienda) mangiavo pastasciutta stracotta tutti i giorni a pranzo, tranne la domenica.

CAFFE: anch'io ho rinunciato e non ne sento la mancanza. sto bene anche senza!!!

LIVELLO SOCIALE: bene che i tuoi amici abbiano dato il loro tacito consenso. di solito lo soglio familiare è il più alto e scosceso. infatti io non l'ho mai risalito (probabilmente aiutata/protetta dalla mia vita indipendente fuori casa).

per qualsiasi info son qua! bacio!

Avatar utente
ciclope
Messaggi: 7
Iscritto il: mar lug 10, 2012 7:17 am
Controllo antispam: cinque
Località: Bologna

Re: La via per giungere al crudismo

Messaggio da ciclope » mer giu 26, 2013 9:30 am

ciao Sprummiento
dovè questo ristorante che propone anche piatti crudisti? a Bologna?

Comunque anch'io se non mangio 1/1,5 kg di banane al giorno poi mi viene voglia di cereali... :?

ciao ciao

Avatar utente
Crazycommy
Messaggi: 5
Iscritto il: dom mar 10, 2013 9:02 am
Controllo antispam: Cinque

Re: La via per giungere al crudismo

Messaggio da Crazycommy » dom giu 30, 2013 1:26 pm

Ciao cara! Ho visto che sei anche te di Bologna, che bello!
Come sta andando? Hai risolto i problemi di attacchi di fame?
Io purtroppo due giorni fa sono stata rapita e portata a mangiare le crescentine (senza salumi ovviamente) e non mi sono ancora ripresa..! Sto aspettando che la natura faccia il suo corso ma sto impazzendo!

Per Ciclope: io ho sentito parlare di un posticino in via D'Azeglio che offre dei bei piatti crudisti ma confesso di non esserci mai stata.. Sono un po' di giorni che mi riprometto di andarci ma alla fine non riesco.

Un abbraccio,

Marie

Tintin
Messaggi: 9
Iscritto il: dom giu 30, 2013 11:52 pm
Controllo antispam: cinque

Re: La via per giungere al crudismo

Messaggio da Tintin » lun lug 01, 2013 1:34 am

Ciao a tutti,

Cercavo il 3d delle presentazioni ma non l'ho trovato ed allora ho pensato di inserirmi in questa discussione, visto e considerato che sto attraversando più o meno la stessa fase (a differenza vostra, però, son un maschietto)

Volevo chiedere qualche consiglio, mi son avvicinato all'alimentazione qualche mese fa e son in piena transazione (pur essendo attratto dal crudismo, ed avendolo sperimentato in alcune giornate dove mi sentivo piu pronto, non son sicuro di volerci passare, diciamo che mi accontenterei di un 70/30). La mia giornata tipo è questa:

- COLAZIONE (1 spremuta d'arancia), SPUNTINO (1 frutto scelta, generalmente acquoso)
- PRANZO (insalatone misto + 1 piatto di riso/pasta integrale con verdure cotte al vapore + 1 manciata di mandorle)
- MERENDA (1 tazza di mirtilli + fragole oppure un centrifugato a base di mela + carote)
- CENA (alterno un dì solo super-mega insalatone misto, altro dì insalata + piatto di cereali oppure farifrittata)

So che magari mi prenderete per blasfermo, però per me è già tanto. Vorrei far di piu, ma il mio corpo al momento non riesce a sopportare una quota maggiore di frutta, mentre per quanto riguarda le verdure sembra non esserci alcun problema. Volevo chiedervi alcune cose per voi che siete piu esperti del sottoscritto, e cioè:

1) E' normale che ho ancora, dopo ben 4 mesi, la pancia gonfia come fossi incinta? :?
2) E' normale che adesso faccia piu fatica a digerire le schifezze che mangiavo un tempo?
3) E' possibile che le "famose" crisi eliminative si presentino ad intervalli non regolari nel tempo?
4) Voi inserite anche i semini di solito all'interno delle vs insalate? Se sì, conviene metterli in ammollo, triturarli o cosa?
5) Studiando fuori, vivo da solo, ma ho informato i miei della scelta e son un pelino preoccupati (nonostante abbian avvallato la mia scelta); credono, ad esempio, che non riesca - attraverso un'alimentazione di questo tipo - a coprire non tutto il mio fabbisogno (x quello non c'è problema), bensì che sorga qualche carenza. Come posso monitorare il mio stato di salute? Voi come vi comportate al riguardo? O meglio, come vi siete comportati quando vi siete affacciati al mondo vegan?

Spero di non avervi tediato con le troppe domande, mi farebbe piacere potermi confrontare con ragazzi della mia età, soprattutto perchè (a differenza dei miei) le persone che mi circondano non han visto molto di buon occhio questa mia scelta. Spero di convincerli della bontà della stessa col passare del tempo, quando avrò ripreso i kili e lo stato di salute che una malattia auto-immune (di cui nascondo loro l'esistenza) mi ha tolto :roll: :wink:

Avatar utente
ciclope
Messaggi: 7
Iscritto il: mar lug 10, 2012 7:17 am
Controllo antispam: cinque
Località: Bologna

Re: La via per giungere al crudismo

Messaggio da ciclope » lun lug 01, 2013 12:31 pm

Ti rispondo io anche se non sono della stessa tua età....
1) E' normale che ho ancora, dopo ben 4 mesi, la pancia gonfia come fossi incinta? :?
La pancia gonfia è dovuta alla fermentazione dei cereali e lieviti alimentati dagli zuccheri della frutta, sia quelli che stai mangiando ora, sia quelli incrostati nel tuo intestino. Per i prima capisci da solo che dovresti eliminarli e per i secondi lasci che la depurazione del tuo corpo li elimini, se vuoi aiutare questo processo: un idrocolon terapia e clisteri di acqua e limone aiuta.
2) E' normale che adesso faccia piu fatica a digerire le schifezze che mangiavo un tempo?
In realtà la fatica è uguale, ma confrontata alla facile digestione della frutta che hai, ti fa sembrare più faticoso. Alcune volte poi dopo che il corpo si abitua a mangiare bene, poi si ribella se gli dai delle schifezze.
3) E' possibile che le "famose" crisi eliminative si presentino ad intervalli non regolari nel tempo?
Si specialmente se sgarri. Il tuo corpo sa quando può eliminare e solitamente ha un ciclo regolare, ma non mi sembra preoccupante questo...
4) Voi inserite anche i semini di solito all'interno delle vs insalate? Se sì, conviene metterli in ammollo, triturarli o cosa?
Io personalmente quasi mai. Dipende molto da il genere dei semi per come trattarli, tipo i semi di girasole puoi metterli anche così come li trovi, ma fare qualche salsa ogni tanto può dare qualche gusto, quindi ammollarli e tritarli.
5) Studiando fuori, vivo da solo, ma ho informato i miei della scelta e son un pelino preoccupati (nonostante abbian avvallato la mia scelta); credono, ad esempio, che non riesca - attraverso un'alimentazione di questo tipo - a coprire non tutto il mio fabbisogno (x quello non c'è problema), bensì che sorga qualche carenza. Come posso monitorare il mio stato di salute? Voi come vi comportate al riguardo? O meglio, come vi siete comportati quando vi siete affacciati al mondo vegan?
Per i tuoi basta dirgli che sei seguito da un medico e si rilassano subito, mentre il miglior medico di te sei te stesso! Devi imparare ad ascoltare il tuo corpo dandogli il tempo di cambiare e magari chiedere consiglio a chi ha già passato certi momenti.

Per il resto sei già partito.. ed è già tanto!
Fai le cose con calma non voler fare di più e se ti arriva qualche crisi depurativa troppo forte, basta fare un passo indietro.
Mi sembra ad occhio che non raggiungi le calorie giornaliere neccessarie, dovresti prendere la tabella excell del moderatore da http://www.dietaenergiaalta.com e calcolare il tuo fabbisogno giornaliero. Il mio consiglio personale e di mangiare più banane :D
Io ti sto dando questi consiglio come se volessi diventare crudista, ma siccome leggo che ti acconteresti di un 70/30 poi sarei te a decidere, spero solo che in questo 30 non ci siano inclusi i cereali, ma solo verdure cotto.

Per Crazycommy, grazie della dritta lo cercherò!

Ciao
Cicplope

Tintin
Messaggi: 9
Iscritto il: dom giu 30, 2013 11:52 pm
Controllo antispam: cinque

Re: La via per giungere al crudismo

Messaggio da Tintin » lun lug 01, 2013 2:27 pm

ciclope ha scritto:Ti rispondo io anche se non sono della stessa tua età....

(...cut...)

Per i tuoi basta dirgli che sei seguito da un medico e si rilassano subito, mentre il miglior medico di te sei te stesso! Devi imparare ad ascoltare il tuo corpo dandogli il tempo di cambiare e magari chiedere consiglio a chi ha già passato certi momenti.

Per il resto sei già partito.. ed è già tanto!
Fai le cose con calma non voler fare di più e se ti arriva qualche crisi depurativa troppo forte, basta fare un passo indietro.
Mi sembra ad occhio che non raggiungi le calorie giornaliere neccessarie, dovresti prendere la tabella excell del moderatore da http://www.dietaenergiaalta.com e calcolare il tuo fabbisogno giornaliero. Il mio consiglio personale e di mangiare più banane :D
Io ti sto dando questi consiglio come se volessi diventare crudista, ma siccome leggo che ti acconteresti di un 70/30 poi sarei te a decidere, spero solo che in questo 30 non ci siano inclusi i cereali, ma solo verdure cotto.

Per Crazycommy, grazie della dritta lo cercherò!

Ciao
Cicplope
Ciao, ti ringrazio! sei stato gentilissimo... prendo nota di tutto! :wink:

Per quanto riguarda l'ultima domanda, in realtà, la preoccupazione è più la mia, nel senso - essendo già magro, magrissimo - non vorrei perder altri kg a causa di qualche carenza a livello di dieto. Vero è che presto imparerò ad ascoltare il mio corpo (in parte ci sto già riuscendo), ma per il momento tenere d'occhio qualche valore (che ne so ferro, b12*, ecc. la butto lì) mi avrebbe reso più tranquillo ecco :wink:

Capitolo cereali. In effetti, avevo già letto qualcosa al riguardo proprio qui su Promiseland (o forse sul forum di Ehret, non ricordo!). Non a caso, le crisi che ho avuto (sto portando un diario alimentare) si son verificate in concomitanza con l'assunzione degli stessi (ad es. nell'arco di 24h); però non è che ne faccia un gran uso, tipo max 1 volta a settimana e generalmente decorticati (quelli non-decorticati il mio corpo fatica ad accettarli). Detto questo, volevo chiederti dovrei bandire anche i legumi secondo la tua opinione? (anche in tal caso tieni presente che ne farei uso saltuario e molto modesto, tipo una volta ogni 3 giorni). Sinceramente amo la farifrittata a tendo a digerirla abbastanza bene...generalmente la accompagno con della rucola e pomodorini e la facciò a mo di crepès... ne vado ghiotto (cerco ovviamente di non usare mai piu di 50gr di farina di ceci) :oops:

*nota bene: ho scritto b12 perchè è il primo valore che m'è venuto in mente, non perchè sia realmente impaurito da essa (ho già letto abbastanza al riguardo sul forum di vaccaro :) )

Luna8
Messaggi: 318
Iscritto il: ven lug 27, 2012 6:02 pm
Controllo antispam: cinque

Re: La via per giungere al crudismo

Messaggio da Luna8 » lun lug 01, 2013 5:25 pm

Ciao Tintin e benvenuto,

nemmeno io ho la tua età. Ma che importanza ha?

In linea di massima concordo con Ciclope.

Una dieta crudista, o diciamo ricca di frutta e verdura fresca, dovrebbe coprire il fabbisogno di vitamine, minerali e altre sostanze abbondantemente e meglio della tradizionale dieta mediterranea. Poi prima che ci siano delle carenze passa del tempo, soprattutto per la B12 (anni!) e anche per il ferro. L'anemia è facile da diagnosticare perchè si diventa pallidi e stanchi.
I valori consigliati sono troppo generali e non si sa nemmeno se siano giusti per te.
Tu come ti senti?

Per tener d'occhio i valori bisogna fare le analisi. Sinceramente preferisco evitare di andare dal medico. Magari puoi fare le analisi del sangue adesso e ripeterle fra un anno.

Anch'io direi che se hai la pancia gonfia dopo tanto tempo vuol dire che c'è qualcosa che non va. Mangi rilassato e con gusto? Magari mischi troppe cose. Prova a fare l'insalata meno mista (3-4 ingredienti al massimo) e aspettare una ventina di minuti prima di passare al secondo. Magari le mandorle sono troppe ...

A me i cereali e i legumi non fanno bene. Li trovo pesanti e mi sento pesante anch'io quando li mangio. Quindi per me è meglio evitarli. Un cucchiaio di germogli di lenticchie o soia verde ogni tanto può andare bene ma non li faccio molto spesso.

Hai provato a mettere del cumino o semi di finocchio o dello zenzero fresco grattugiato o l'aneto fresco nella frittata e nei cereali? Magari aiuta. Lo zenzero lo metto volentieri nell'insalata di carote grattugiate. Lo adoro! Come anche le foglie di coriandolo che possono essere utili anche in questo caso, come anche i semi macinati.

Quando ho lo stomaco pesante mi fa bene l'ananas.

Se proprio si vogliono mangiare i cereali di solito si consigliano quelli senza glutine che sarebbero riso, miglio, quinoa e mais.

Tu parli di crisi eliminative, vuoi dire quelle di disintossicazione? Queste sì che vengono a intervalli irregolari. Chiaramente se continui mangiare cose cotte, il corpo non ha la possibilità di disintossicarsi a dovere. Comunque più cose fresche, più il corpo si disintossica.

I semini non li uso praticamente più perchè voglio mantenere bassi i grassi consumati. Prima ogni tanto mettevo quelli di lino o di sesamo macinati (altrimenti non si possono digerire) oppure quelli di girasole che mi piaceva mettere in ammollo almeno per qualche ora. L'ammollo mette in moto il processo di germinazione in cui il seme produce grandi quantità di minerali e vitamine per nutrire la pianta. Per questo, tornando ai legumi, quando il gemoglio ha raggiunto la misura del seme, vengono considerati verdura. Anche i semi di zucca mi piacevano molto.

Io sono passata all'alimentazione vegetariana a 18 anni e fortunatamente i miei genitori erano informati e sapevano di non doversi allarmare. Quando sono passata al crudismo ho detto che faccio un esperimento. In fondo non sai fino a quando resti su questa linea. È un esperimento e se noti che non ti fa bene, cambi. In fondo sei capitato qui perchè c'era qualcosa che non andava e hai sentito la necessità di cambiare qualcosa.

Buon appetito!
Luna

Tintin
Messaggi: 9
Iscritto il: dom giu 30, 2013 11:52 pm
Controllo antispam: cinque

Re: La via per giungere al crudismo

Messaggio da Tintin » lun lug 01, 2013 10:20 pm

Luna8 ha scritto:Ciao Tintin e benvenuto,

nemmeno io ho la tua età. Ma che importanza ha?
Ciao luna, non importa l'età, ho colto la palla al balzo per inserirmi in una discussione che sentivo mia e ne ho approfittato per presentarmi e fare qualche domanda (visto che è da un pò che vi leggevo!) :P
Luna8 ha scritto:Tu come ti senti?
Bella domanda, così così. Nel senso che, come dicevo sopra, sto poco bene per altri motivi (ho una malattia auto-immune abb rara che mi ha messo ko tra le altre cose l'intestino). Due anni di medicinali (vedi antibiotici) non han fatto altro che peggiorare la mia situazione e quindi mi son rifugiato nell'alimentazione vegana, la vedo un pò come la mia ancora di salvezza. Credo, e non dovrei sbagliarmi, che la ripresa parta proprio dall'intestino; se non sistemo quello (e ce ne vorrà di tempo) son fregato, perchè le medicine curan un sintomo e ne fan sorgere un altro... tra l'altro, cosa non da poco, non curano mai all'origine il problema ma vi mettono solo una pezza temporanea!

Tornando a me, a come mi sento, da quando ho cambiato il mio regime alimentare ho visto scomparire una parte dei miei problemi (stitichezza, bruciori, stanchezza cronica, ecc.). Il fatto è che attraverso fasi alterne, mi sembra di star benissimo 2 settimane, poi tutto d'un tratto è come se l'intestino si intasasse e per tipo 2-3 giorni mi devo "fermare". Ormai quando mi accade son solito fare dei semi-digiuni di 24/48h per riprendermi un attimino, e poi mi tocca ripartire pian pianino. Capisci che, non trovando una motivazione valida (crisi eliminative?) a questa situazione, vado un attimino nel panico perchè non vedo ricompensati i miei sforzi (anche se ti dirò, a me piace mangiare così e non rimpiango le vecchie abitudini!)

Infine, resta il problema della pancia gonfia, gonfissima (nuovo per il sottoscritto) e delle difficoltà digestive (ma questo, credo, dipenda dallo stato di partenza non-ottimale del mio intestino). La frutta fermenta come nulla fosse (eppure non faccio mix), le banane non le digerisco benissimo e l'unico modo per consumare in qualche maniera la frutta mi pare al momento la centrifuga...so che non è proprio il massimo, ma tant'è :oops:
Luna8 ha scritto:
Anch'io direi che se hai la pancia gonfia dopo tanto tempo vuol dire che c'è qualcosa che non va. Mangi rilassato e con gusto? Magari mischi troppe cose. Prova a fare l'insalata meno mista (3-4 ingredienti al massimo) e aspettare una ventina di minuti prima di passare al secondo. Magari le mandorle sono troppe ...

A me i cereali e i legumi non fanno bene. Li trovo pesanti e mi sento pesante anch'io quando li mangio. Quindi per me è meglio evitarli. Un cucchiaio di germogli di lenticchie o soia verde ogni tanto può andare bene ma non li faccio molto spesso.

Hai provato a mettere del cumino o semi di finocchio o dello zenzero fresco grattugiato o l'aneto fresco nella frittata e nei cereali? Magari aiuta. Lo zenzero lo metto volentieri nell'insalata di carote grattugiate. Lo adoro! Come anche le foglie di coriandolo che possono essere utili anche in questo caso, come anche i semi macinati.

Quando ho lo stomaco pesante mi fa bene l'ananas.

Se proprio si vogliono mangiare i cereali di solito si consigliano quelli senza glutine che sarebbero riso, miglio, quinoa e mais.
Si, cereali consumo riso integrale, miglio e grano saraceno (tutti senza glutine)

L'ananas, essendo frutta, mi riserva lo stesso trattamento di cui sopra (cioè causa gonfiori)

Onestamente, con i germogli son poco pratico, anche se mi piacerebbe imparare ...

Proverò cumino, semi di finocchio, zenzero e co ... anche se l'impressione è che neanche a me cereali e legumi fan tanto bene! mangiarli germogliati cambia qualcosa in tal senso? (spero non sia una domanda no-sense :) )
Luna8 ha scritto:
Tu parli di crisi eliminative, vuoi dire quelle di disintossicazione? Queste sì che vengono a intervalli irregolari. Chiaramente se continui mangiare cose cotte, il corpo non ha la possibilità di disintossicarsi a dovere. Comunque più cose fresche, più il corpo si disintossica.

Io sono passata all'alimentazione vegetariana a 18 anni e fortunatamente i miei genitori erano informati e sapevano di non doversi allarmare. Quando sono passata al crudismo ho detto che faccio un esperimento. In fondo non sai fino a quando resti su questa linea. È un esperimento e se noti che non ti fa bene, cambi. In fondo sei capitato qui perchè c'era qualcosa che non andava e hai sentito la necessità di cambiare qualcosa.

Buon appetito!
Luna
Si, crisi di disintossicazione. Credo, per i motivi che ho scritto sopra, che il mio corpo parta da una situazione non ottimale e che necessiti per questo di maggiore tempo... questa è perlomeno l'idea che mi son fatto. La mia paura è che se dopo 3/4 mesi ho ancora la pancia gonfia, beh... ci sia qualcosa che non va! Magari sto mandando pian piano fuori tutte le tossine e il mio intestino si sta abituando. Proverò a prestare ancora maggiore attenzione... credo/spero di essere sulla strada giusta... ce la devo fare!! :roll:

Runner
Messaggi: 111
Iscritto il: mer ago 01, 2012 11:50 pm
Controllo antispam: cinque

Re: La via per giungere al crudismo

Messaggio da Runner » mar lug 02, 2013 12:51 am

Ciao Tintin

A leggere quello che mangi in una giornata l'impressione è che tu stia introducendo troppe poche calorie, soprattutto se hai intenzione di aumentare di peso. Magari potresti sostituire una delle due insalate con un frullato di banane e verdure verdi (sedano, insalata, spinaci, ecc.). Le banane se frullate diventano più digeribili e gustose, a mio parere.
La pancia gonfia è piuttosto naturale per uno stomaco non allenato a ingerire grandi quantità di frutta e verdura, ma nel giro di massimo un paio d'ore dopo il pasto dovrebbe tornare a livelli normali.

Ti è stato consigliato di tranquillizzare i tuoi genitori dicendo loro che ti stai facendo seguire da un medico... io eviterei quanto più possibile di mentire, che poi da quello che hai scritto non sembrano particolarmente assillanti. Dì loro che ti stai informando bene, e tanto basta. In casi come questi (un cambio di alimentazione così radicale) le parole stanno a zero, la migliore risposta ai dubbi altrui, anche legittimi, è mostrare uno stato psico-fisico migliore di prima.

Riguardo la percentuale di crudo e cotto da raggiungere, secondo me ha poco senso fissarsi una quota precisa. L'esperienza di molti è che più cereali e cotto vengono ingeriti, a scapito di frutta e verdura cruda, meno energia e vitalità si ha durante il giorno; se anche tu osservi questo, fai le tue conclusioni, e trova un compromesso di cui sei soddisfatto.

Mettere a mollo i semi è consigliabile, in quanto vengono diluiti e rimossi i fitati, si avvia un processo di germogliazione (questo però se la temperatura di essiccamento non è stata troppo alta), e si rendono i semi meno concentrati e quindi più digeribili.

Una postilla sui grassi. Mandorle, noci, avocado... per me è importante assumere una quantità adeguata di grassi, cioè una quantità limitata ma comunque presente. Il grasso è un po' come il sole o l'esercizio fisico: troppo fa male, ma nella giusta misura è indispensabile, nel caso del grasso per proteggerci dal freddo, da una pelle altrimenti troppo fragile e rugosa, ecc.

In bocca al lupo!

Luna8
Messaggi: 318
Iscritto il: ven lug 27, 2012 6:02 pm
Controllo antispam: cinque

Re: La via per giungere al crudismo

Messaggio da Luna8 » mar lug 02, 2013 3:59 pm

Ciao tintin,

se hai preso gli antibiotici per due anni, non mi meraviglia che il tuo intestino sia rovinato. Magari sarebbe utile prendere qualche preparato naturale (microorganismi, non a base di yogurt) per aiutare l'intestino a mettersi in sesto. Ce la fa anche da solo ma avrà bisogno di più tempo. Vedi tu. Io non me ne intendo.

C'è Swami863 (?) che ha/aveva una problematica simile alla tua, cioè molto magra e la pancia gonfia. Aveva iniziato un thread tempo fa, magari lo trovi perchè lì potrai leggere tanti consigli e considerazioni proprio su quest'argomento. Non mi ricordo del titolo.

Secondo te qual è l'origine del tuo problema?

Per i tuoi malesseri che si ripetono, se tu fossi una donna direi che è il ciclo. Ma visto che sei un uomo, direi che sono crisi di disintossicazione. Il corpo umano non è una macchina, e probabilmente oltre alla disintossicazione normale e continua, lavora un po' qua e un po' là per smaltire le tossine immagazzinate, i disturbi potrebbere venire per questo ... Se si ha bisogno di una pausa per potersi concentrare sulla disintossicazione, la stanchezza è ottima ... I cereali a me portano una grande stanchezza, ma non sempre.

I digiuni sono senz'altro ottimi quando te lo segnala il tuo corpo, solo che se hai problemi di poco peso, ti ributtano indietro ... Comunque non hai scelta, se il tuo corpo lo esige, meglio assecondarlo.

I tuoi sforzi vengono ricompensati nel periodo in cui stai bene. Se tornassi all'alimentazione di prima probabilmente staresti molto peggio. Credo che i periodi di malessere, se continui a consumare tanta frutta e verdura fresca, diminuiranno.

Secondo me la centrifuga è un'ottima soluzione temporanea proprio in casi come il tuo. Così assumi molte calorie, vitamine, minerali ecc. in forma concentrata e facilmente digeribile.

Se mangi la frutta da sola, dovresti capire quale ti causa più gonfiori. Scegli per un certo periodo di tempo quella con cui ti senti meglio.

Di germogli generalmente se ne mangiano molto meno dei legumi cotti. Metti che mangi un piatto di lenticchie, di germogli nell'insalata ce ne metti al massimo due cucchiai. Poi i germogli sono verdura, non più legumi (o cereali). Comunque non mi fanno bene lo stesso. Li faccio ogni tanto, e sono facilissimi da fare.

Grazie, Runner, per il tuo valido contributo su cui sono assolutamente d'accordo, e l'ispirazione per mangiare l'insalata che mi hai dato qualche giorno fa. :D
Certamente i grassi, in quantità adeguata, sono fondamentali. La questione è che ci sono delle opinioni molto divergenti riguardo la quantità adeguata ... E probabilmente anche i fabbisogni variano da individuo a individuo (anche se espressi in %). Personalmente mi trovo meglio con quantità minime di grassi aggiunti, visto che anche la frutta e la verdura ne contengono.

Un salutone
Luna

Avatar utente
gardenia89
Messaggi: 125
Iscritto il: lun dic 17, 2012 9:27 pm
Controllo antispam: diciotto
Località: vicenza, veneto

Re: La via per giungere al crudismo

Messaggio da gardenia89 » mar lug 02, 2013 9:50 pm

benvenuto!!!
cerco di risponderti anch'io, anche se vedo che gli altri si sono espressi molto bene! :D
Tintin ha scritto: 1) E' normale che ho ancora, dopo ben 4 mesi, la pancia gonfia come fossi incinta? :?
2) E' normale che adesso faccia piu fatica a digerire le schifezze che mangiavo un tempo?
3) E' possibile che le "famose" crisi eliminative si presentino ad intervalli non regolari nel tempo?
4) Voi inserite anche i semini di solito all'interno delle vs insalate? Se sì, conviene metterli in ammollo, triturarli o cosa?
5) Studiando fuori, vivo da solo, ma ho informato i miei della scelta e son un pelino preoccupati (nonostante abbian avvallato la mia scelta); credono, ad esempio, che non riesca - attraverso un'alimentazione di questo tipo - a coprire non tutto il mio fabbisogno (x quello non c'è problema), bensì che sorga qualche carenza. Come posso monitorare il mio stato di salute? Voi come vi comportate al riguardo? O meglio, come vi siete comportati quando vi siete affacciati al mondo vegan?
1) credo dipenda anche da persona a persona. io ho perennemente la pancia gonfia. sono magra, e mettendomi di profilo, si vede proprio la pancia che salta fuori, come quella degli sfortunati bimbi del 3°mondo. ma ce l'avevo così anche quando ero onnivora. pensati...anche quando mi compro i vestiti, sto attenta a non acquistare magliette troppo strette, perché sembro veramente incinta. credo che il mio problema sia legato ad un discorso di respirazione/tensione. perché per quanto riguarda la digestione, evacuo cmq diverse vlt in un giorno.
2) più che altro un corpo più "pulito" si accorge subito di errati abbinamenti, o di cibo spazzatura, e te lo comunica con acidità, stanchezza e così via.
3) si si le crisi eliminative sono irregolari: dipendono da molti fattori, anche dallo stato d'animo di un individuo.
4) io non metto mai semi, a dire il vero non ne ho mai sentito il bisogno. per quanto riguarda i legumi, li mangio molto di rado (ultimante ho mangiato, un paio di volte in un mese, un po' di piselli crudi dopo l'insalatona serale).ma non li cerco, non ne percepisco l'appetito. quest'ultimo, si rivolge di più verso la frutta.
5) anch'io vivo fuori casa, e non ho mai comunicato ai miei alcuna scelta. il mio dimagrimento ha causato grande preoccupazione nella mia famiglia, purtroppo i miei familiari non si sono fidati quando ho detto loro che ero dimagrita perché stavo migliorando la mia alimentazione, ma che mi sentivo molto bene...è successa una baraonda e volevano mandarmi a casa uno psicologo. pensavano che io fossi bulimica, e anche se lo nego con fermezza non mi credono del tutto. ma non mi pongo grandi problemi.

a presto!!!

Rispondi