3 2 1..via!

Archivio delle discussioni sui forum non più presenti

Moderatore: laura serpilli

karmilla
Messaggi: 13
Iscritto il: lun dic 17, 2012 2:11 pm
Controllo antispam: cinque

3 2 1..via!

Messaggio da karmilla » lun dic 17, 2012 2:27 pm

Salve! :)
Ho sempre praticato sport, a livello agonistico per 10 anni e poi palestra (sono istruttrice) fino ad oggi e sono sempre stata interessata ad uno stile di vita sano e nel rispetto della natura. Mia mamma è vegana da anni, segue la macrobiotica e insomma...piano pian sto cercando di adottare anche io un'alimentazione vegana (non mangio carne, ogni tanto pesce, nè uova nè latticini, etc..., non amo i cereali, ma il cammino è lungo)e più salutare. Mi sono documentata sul crudismo e lo trovo veramente valido. Inoltre, io adoro frutta e verdura e già ne mangio molta..questa estate per un pio di settimane ho mangiato solo cibo crudo e mi sentivo bene...limito la soya, adoro la frutta secca..ecco che vorrei provare...Inizio non in maniera drastica (anche perchè ho alcune cose da consumare e non mi piace sprecare cibo), ma abbastanza decisa..e calcolando questo periodo di feste, ci sarà sicuramente qualche "sgarro" che mi toccherà per motivi sociali/lavorativi...ma meglio che niente no? :)

la mia giornata di oggi è stata:
Colazione: 2 gallette di farro (senza sale) con un po' di burro di arachidi (100% arachidi), + 4 mandorle, 2 mele e 1 arancia;
Pranzo: 1 mela, 1 zucchina a spaghetti, 6 pomodorini, 3 olive, semi mix di girasole, lino, etc, + un po' di crusca di avena, 1 pomodoro secco e un po' di pesce (cucinato al vapore avanzato da ieri), 2 fichi secchi.

Insomma...come va come inizio? Consigli? Critiche o suggerimenti?
Non ho problemi di peso e svolgo attività fisica intensa almeno 1 ora e 30' minuti ogni giorno.
Grazie :)

arbor
Messaggi: 594
Iscritto il: lun apr 23, 2012 1:54 pm
Controllo antispam: cinque

Re: 3 2 1..via!

Messaggio da arbor » lun dic 17, 2012 3:34 pm

Essendo istruttrice sportiva, sicuramente conoscerai il tuo fabbisogno calorico approssimativo. Supponiamo che questo sia di 2500 calorie: questo è il tuo target. Il vincolo da osservare è quello di non superare il 10% di tali calorie con i grassi: quindi max 250 calorie da grassi. Idem per le proteine, cioè max 10%. Il resto, cioè min. 80%, dovrà essere costituito da carboidrati, in particolare dai carboidrati semplici della frutta, quindi min. 2000 calorie da frutta (e le pochissime della verdura). Stiamo parlando di 3 chili almeno di frutta, dipende se più o meno calorica. Per evitare di incorrere in carenze di frutta, cosa molto facile i primi tempi (quando non si è avvezzi a tali quantitativi), noi consigliamo di controllare il contenuto calorico di quanto si mangia utilizzando la tabella delle calorie/grassi di Marco Urbisci (il nostro moderatore), che puoi scaricare dal suo sito http://www.dietaenergiaalta.com . Il rischio infatti è che si scatenino voglie compulsive di dolci e di cibi concentrati, per compensare l’insufficienza di zuccheri della propria dieta, con conseguenze disastrose sul nostro metabolismo. Un consiglio che pure diamo in genere è quello di stare il più possibile su pasti monofrutto: io ad esempio la mattina mi faccio un megasucco da più di un chilo (netto) di arance; a pranzo mi faccio un megafrullato di un chilo circa di banane (magari con un paio di datteri taglia grande); poi mi faccio un altro paio di pasti di frutta, uno ad esempio di cachi e l’altro di mele; e infine, di solito la sera, mi faccio il pasto di verdure, prima quelle crude (un’insalatona da almeno mezzo chilo) poi, se mi resta ancora fame, quelle cotte (da ½ chilo a 1 chilo).
Dal tuo menù vedo che hai la tendenza a largheggiare con i semi noci e relativi grassi: un errore molto comune, che occorrerebbe mettere sotto stretto controllo, che ci riesce tanto meglio quanta più frutta fresca riusciamo a mangiare (e dunque a fare concorrenza agli altri alimenti, certamente meno raccomandabili della frutta).
In bocca al lupo.

karmilla
Messaggi: 13
Iscritto il: lun dic 17, 2012 2:11 pm
Controllo antispam: cinque

Re: 3 2 1..via!

Messaggio da karmilla » lun dic 17, 2012 3:43 pm

Grazie della risposa precisa e dettagliata...crepi il lupo.. :)
In effetti si, utilizzo molto la frutta secca...un po' per gusto, un po' perchè ci hanno inculcato da anni, sopratutto nell'ambiente sportivo, dell'importanza di proteine etc etc...insomma, c'è il timore di non assumerne abbastanza...Inoltre, io ho fame molto spesso...Non ho problemi a mangiare molta frutta, mi piace..ma non si rischia di assumere troppi zuccheri in questo modo? La soya andrebbe pian piano eliminata giusto? Grazie mille.
Ora do uno sguardo alla tabella :D

arbor
Messaggi: 594
Iscritto il: lun apr 23, 2012 1:54 pm
Controllo antispam: cinque

Re: 3 2 1..via!

Messaggio da arbor » lun dic 17, 2012 5:53 pm

In effetti ho trascurato un “piccolo dettaglio”, e cioè che il quadro che ti ho descritto è quello che si realizza alla fine del percorso (di transizione), e tu sei, non dico all’inizio, ma ancora ad una certa distanza dalla meta: non ti sei ancora liberata del tutto dai cibi di origine animale, sei ancora alle prese con l’assuefazione ai cereali e ai legumi (soia), sei molto attaccata alla frutta secca. Dunque di strada ne hai sicuramente ancora. Una strada che comporta cambiamenti anche profondi nelle abitudini di vita e nell’atteggiamento mentale, coi quali occorre prendere confidenza fino ad arrivare a un modo nuovo di considerare le cose: le malattie, per esempio, che per noi sono uno strumento benefico di pulizia dell’organismo; il timore per gli zuccheri della frutta, altro tabù che va superato (se siamo d’accordo di contenere proteine e grassi al 10 + 10% massimo, allora gli zuccheri non potranno che essere l’80% minimo, questa è matematica. Noi preferiamo poi gli zuccheri semplici della frutta, facilmente digeribili e accompagnati da una miriade di micronutrienti (che non fanno calorie ma che sono massimamente importanti lo stesso), piuttosto che gli zuccheri complessi dei cereali, laboriosissimi da digerire e deprivati dai suddetti micronutrienti anche in quanto quei pochi che ci sono vengono distrutti nella cottura.) (Il libro di Marco Urbisci aiuta molto a capire questi concetti, te lo consiglio vivamente). Naturalmente si tratta di un percorso che richiede tempo e gradualità, più o meno maggiore secondo i casi e la storia personale di ognuno di noi (io ci ho messo anni a liberarmi dei cereali, c’è chi l’ha fatto in un amen). E poi bisognerà vedere la detox come impatta su di te e quale sarà la tua reazione. Non conviene avere fretta, abbiamo tutto il tempo, l’importante è procedere nella giusta direzione, anche se a piccoli passi (se poi saranno grandi passi, meglio così).

karmilla
Messaggi: 13
Iscritto il: lun dic 17, 2012 2:11 pm
Controllo antispam: cinque

Re: 3 2 1..via!

Messaggio da karmilla » lun dic 17, 2012 7:18 pm

Ciao e grazie. I cereali ne mangio ancora sotto forma di gallette e sfoglie, ma non mangio pasta, riso, etc ( nemmno dolci, biscotti e cibi "industriali".. ) e a questo mi è più facile rinunciare, per abitudine, piuttosto che alla soja. Un'altra cosa a cui forse devo disabituarmi è il the (bancha)...però come dici appunto tu...non c'è fretta...e inoltre vedremo anche come risponde il mio corpo. ci vuole tempo. Concordo con te sulla visione della malattia.

karmilla
Messaggi: 13
Iscritto il: lun dic 17, 2012 2:11 pm
Controllo antispam: cinque

Re: 3 2 1..via!

Messaggio da karmilla » mar dic 18, 2012 3:58 pm

Oggi:
colazione con due gallette di farro, burro di arachidi e mezza banana, 1 mela
spuntino: mezza banana
pranzo: 2 mele, insalata mista con carota, funghi crudi, 3 pomodorini, un po' di limone e lievito in scaglie.
non ho cali di energia, mi sembra di non avere fame però... cioè di mangiare meno rispetto prima, ma con meno fame...vedremo :)

arbor
Messaggi: 594
Iscritto il: lun apr 23, 2012 1:54 pm
Controllo antispam: cinque

Re: 3 2 1..via!

Messaggio da arbor » mer dic 19, 2012 8:32 am

Immagina una scena cosiffatta. Dobbiamo risalire a circa un milione di anni fa, il fuoco non è ancora conosciuto (lo sarà di lì a poco). Ti stai aggirando in zona con la tua famigliola, alla ricerca di cibo, che è la vostra occupazione principale, dopo le relazioni familiari e sociali, ivi compresa la spulciatura reciproca. Ad un certo punto vi imbattete in una pianta di mango e, ovviamente, non vi lasciate scappare l’occasione per farvi una bella scorpacciata: anzi progettate di rimanere in loco fino a quando il mango sarà in grado di offrirvi i suoi frutti succosi, solo dopo vi sposterete in un’altra zona, alla scoperta di altro cibo, perché è così che ci si guadagna da vivere, questa è la vita diremmo oggi. Come credi che potesse essere il vostro pasto nella circostanza ricordata: non c’erano certo scorte di cibarie da tirar fuori da qualche dispensa, per farne antipasti o contorni o dessert, il pasto si riduceva semplicemente ad un rapporto diretto con la pianta, perché è sulla pianta, e solo su questa, che il cibo stava. E poiché i frutti della pianta erano di un solo tipo, ecco che il pasto non poteva essere che monofrutto: niente antipastini multicolori e multisapori, niente stuzzichini sfiziosetti, niente dessert o dulcis in fundo, niente di tutto ciò né di nient’altro, ma solo lui, il mango, che il cielo ce ne dia tanti di questi frutti benedetti.
Questo, Karmilla, mi ha suggerito la lettura del tuo complicato menù, peraltro molto povero (così mi pare a naso) di calorie. Ed è avendo a mente questa scena che l’igienista s’ispira nella preparazione e nel consumo del suo pasto monofrutto.

karmilla
Messaggi: 13
Iscritto il: lun dic 17, 2012 2:11 pm
Controllo antispam: cinque

Re: 3 2 1..via!

Messaggio da karmilla » mer dic 19, 2012 2:18 pm

Ciao arbor e grazie per la risposta.
Io sono ignorante in materia e una neofita, ma mi sembra di capire che non tutti i crudisti seguono una dieta monofrutto..o mi sbaglio? Grazie per la storia, illuminante :)

karmilla
Messaggi: 13
Iscritto il: lun dic 17, 2012 2:11 pm
Controllo antispam: cinque

Re: 3 2 1..via!

Messaggio da karmilla » mer dic 19, 2012 6:36 pm

Ho notato di avere mal di gola e un po' di raffeeddore...
lo avevo anche prima, ma ora mis embra un po'più forte...forse è unpo' di detox :)

arbor
Messaggi: 594
Iscritto il: lun apr 23, 2012 1:54 pm
Controllo antispam: cinque

Re: 3 2 1..via!

Messaggio da arbor » mer dic 19, 2012 10:02 pm

Quasi certamente si tratta di detox (intendo dire detox di origine virtuosa, posto che la malattia è sempre detox ma può anche essere di origine viziosa. Se fai una mega abbuffata, poi la paghi con la detox, che in questo caso sarà di origine viziosa, ben diverso dal tuo caso invece in cui ti sei messa a regime alimentare virtuoso, per la qual cosa il tuo organismo ti ha ricompensato con una bella detox). Se questa ipotesi è corretta, dovresti essere felice, vuol dire che la dieta sta funzionando e che il tuo organismo è molto reattivo, cioè molto energico e vitale (più violentemente ci s ammala e prima se ne esce, come ci insegnano i bambini coi loro febbroni). Io personalmente quando mi becco una costipazione alle vie respiratorie (l’ultima volta è successa più di due anni fa, a causa di alcune infreddature che mi ero proprio andato a cercare), mi ritiro a riposo al calduccio senza mangiare (tutt’al più prendo qualche succo) fino a ristabilimento: un lusso, mi rendo conto, che non tutti possono permettersi, per via del lavoro voglio dire. Non so tu cosa farai, ma potrebbe essere una buona occasione per dare un’accelerata alla frutta, per non appesantire la tuo digestione con altri cibi (cereali ecc), che sottrarrebbero energia preziosa alla risoluzione della detox in corso.

karmilla
Messaggi: 13
Iscritto il: lun dic 17, 2012 2:11 pm
Controllo antispam: cinque

Re: 3 2 1..via!

Messaggio da karmilla » mer dic 19, 2012 11:02 pm

Ciao Arbor!
Si, penso sia detox e sono contnta infatti. C'è da dire che io venivo da un'alimentazione che la maggior parte definirebbe "sana" , ma comunque questo cambiamento è un'altra cosa..magari è ancora presto per dirlo, sarà l'entusiasmo, ma mi sento bene e poi ioamo mangiare frutta e verdura.
Ho un dubbio però..vedo che "insisti" molto con la frutta, senza citare troppo la verdura..come dovrebbe essere un pasto? sempre monofrutto? scusami, ma questa cosa non mi è chiara, inoltre sul web c'è un po' di tutto...
Domani sera sono invitata ad una cena fuori ed una festa in cui molto probabilmente ci saranno solo cibi cotti...ma vedrò che fare..poi ovviamente riprendo come stavo andando :)

arbor
Messaggi: 594
Iscritto il: lun apr 23, 2012 1:54 pm
Controllo antispam: cinque

Re: 3 2 1..via!

Messaggio da arbor » gio dic 20, 2012 5:24 am

Insisto con la frutta perché è lei a fare necessariamente la parte del leone. Un esempio ti può chiarire ogni cosa. Poniamo che il tuo fabbisogno calorico sia di 2000 calorie. Ebbene mangiando un chilo di verdure (dunque un bel quantitativo) si riesce a consumare, mediamente, circa 200 calorie: hai voglia di coprire il tuo fabbisogno calorico facendo ricorso alla lattuga, per dire. Chiaro che dobbiamo allora affidarci alla frutta, che pur essendo dieci volte meno calorica di un piatto di cereali, è comunque molto più calorica della verdura. Alcuni esempi: con un chilo di banane sei sulle 900 calorie, cachi/fichi/uva/mango/ciliege sulle 600-700, arance/mele/pere/pesche/susine/albicocche sulle 400-500. Ecco perché occorre mangiare molta frutta, perché è l’unico modo sano e realisticamente possibile, in ambito vegan-crudista, per raggiungere le tue 2000 calorie: non certo con un massiccio ricorso alle verdure, di cui servirebbero quantitativi spropositati e fuori dalla nostra portata (fatta eccezione per le verdure amidacee, patate in primis, per le quali però valgono cautele analoghe a quelle per i cereali); né attraverso un eccessivo ricorso, in quanto malsano, alla cosiddetta frutta secca (noci e semi) e ai grassi aggiunti (come fanno molti crudisti inesperti, che si rimpinzano di grassi – di cui pure la frutta secca è molto ricca – per compensare l’insufficienza calorica conseguente alla scarsa assunzione di frutta).
Un discorso a parte merita la verdura cotta, cui sia Marco che io facciamo un certo ricorso (precisamente nel pasto serale) nella stagione fredda. Diciamo che la verdura cotta ha il pregio di soddisfare la particolare voglia di cotto che ci assale nella stagione fredda, senza fare troppi danni alla salute (se abbiamo l’accortezza di contenere le patate, che fanno sballare la glicemia). Io personalmente la assumo di sera, dopo l’insalatona cruda, sempre che abbia della fame residua. Incidentalmente posso ricordarti che le verdure cotte (lesse, grigliate o al forno) possono rappresentare una valida soluzione quando si va al ristorante, se si è fortunati riuscendo a farla capire al cuoco. Le ricette delle verdure cotte sono infinite, vanno dalle verdure cotte al vapore, alla sobbolli tura in un dito d’acqua a gas minimo sotto coperchio, alle verdure alla griglia e al forno, alle zuppe di verdure, alle ratatuie di ogni tipo. Attenzione ai condimenti, perché richiamano facilmente molto (troppo) olio (da versare comunque crudo a fine cottura), che invece va drasticamente contenuto o, meglio ancora, eliminato e sostituito con aromi vari (erbe aromatiche e pomodorini secchi). Chiaro che le verdure cotte non sono certo il massimo per un crudista, ma un buon compromesso invernale.
Ciao Arbor

arbor
Messaggi: 594
Iscritto il: lun apr 23, 2012 1:54 pm
Controllo antispam: cinque

Re: 3 2 1..via!

Messaggio da arbor » gio dic 20, 2012 8:33 am

Mi chiedi come dev'essere un pasto, se monofrutto o come altro. Certo il pasto monofrutto sarebbe l'ideale: ti ricordi che fa la nostra antica famigliola appena avvistato il mango? si soddisferà con quello, naturalmente, solo con quello e per più pasti consecutivi fino ad esaurimento delle scorte di frutti maturi. Ma certo non mi formalizzerei troppo sul monofrutto: meglio persino la macedonia piuttosto che i cereali, non ti sembra?
Io personalmente in genere tengo la frutta separata dalle verdure: o faccio un pasto di frutta o faccio quello di verdure. Può tuttavia capitare, in genere col pasto serale, di iniziare il pasto con della frutta (ad esempio un paio di mele), per poi passare (magari dopo un quarto d'ora o mezz'ora) alle verdure. In tutti i casi, volendo mescolare frutta con verdura, meglio la frutta prima di passare alle verdure. Quest'ultime consistono nella famosa insalatona, a base principalmente di lattuga o simili, accompagnata da qualche fruttortaggio (pomodoro, peperone, cetriolo, zucchina, zucca), sedano ecc, insalatona che io in genere non condisco (ci sono comunque ottime ricette per i condimenti, con avocado pomodorini secchi olive ecc senza ricorrere all'olio).

karmilla
Messaggi: 13
Iscritto il: lun dic 17, 2012 2:11 pm
Controllo antispam: cinque

Re: 3 2 1..via!

Messaggio da karmilla » gio dic 20, 2012 2:21 pm

Allora se non faccio un pasto monofrutto non sbaglio comunque. Preferisco mangiare 1 o due mele e poi insalatona "Mista", simile a quella descritta da te. Nemmeno io utilizzo condimenti, tranne un po' di limone a volte, un pomodoro secco.... Comunque per ora cereali, tranne nei due giorni in cui ho mangiato 2 gallette di farro, non ne sto mangiando.
Il mio raffreddore è aumentato un po' ..penso proprio si tratti di detox :D che pero' interrompero'stasera con una pizza, ma riprenderò domani mattina per continuare sempre, tranne Natale e Capodanno :)

karmilla
Messaggi: 13
Iscritto il: lun dic 17, 2012 2:11 pm
Controllo antispam: cinque

Re: 3 2 1..via!

Messaggio da karmilla » gio dic 20, 2012 8:04 pm

oggi:
colazione: 2 mele, 2 kiwi piccoli con 5 nocciole, the bancha
spuntino: 1 mele
pranzo: 1 mela, frullato di spinaci e carote, alga nori con insalata mista, funghi crudi, 2 pomodorini.
spuntino: 2 mele
spuntino 2: spinaci, 1 banana, latte di mandorla fatto da me, 2 datteri e una punta di semi di lino.
:)

Rispondi