DIETA DI TRANSIZIONE..indispensabile?

Archivio delle discussioni sui forum non più presenti

Moderatore: laura serpilli

arbor
Messaggi: 594
Iscritto il: lun apr 23, 2012 1:54 pm
Controllo antispam: cinque

Re: DIETA DI TRANSIZIONE..indispensabile?

Messaggio da arbor » dom ott 14, 2012 9:54 pm

Sì, Veggy, intendevo proprio quella. Prima però vediamo quanta frutta cruda sei in grado di assumere, come ti suggerisce Ross0, la quale introduce anche il discorso della verdura cotta, che rappresenta (al pari della frutta cotta) una valida valvola di sfogo alla voglia di cotto. Io stesso ne faccio un certo uso (di verdura cotta), ora che comincia a far freddino: inizio la cena con la frutta cruda (es. 1 kg di cachi), dopo un'ora circa passo alla verdura cruda (almeno 1/2 chilo, per lo più a foglia verde), e se mi rimane della fame residua (e magari un pò di voglia di cotto) passo infine alla verdura cotta (in genere mi faccio un chilo di mista, evitando quanto più possibile la patata sostituendola con la zucca).
Allora ci sentiamo in settimana
Arbor

Runner
Messaggi: 111
Iscritto il: mer ago 01, 2012 11:50 pm
Controllo antispam: cinque

Re: DIETA DI TRANSIZIONE..indispensabile?

Messaggio da Runner » lun ott 15, 2012 1:01 am

Non esiste la bacchetta magica per raggiungere un buono stato psico-fisico, e certo non una dieta alimentare, che comunque può essere uno strumento per stare un po' meglio.
Quando mi trovo incastrato in meccanismi mentali negativi e autocommiseratori, mi aiuta ricordare a me stesso quanto sia inutile perdere tempo e energie dietro a cose che non posso controllare: la famiglia in cui sono nato non la posso controllare, i 24 anni che ho vissuto non li posso controllare, il tempo perso, le occasioni perse, gli sbagli fatti non li posso controllare. Quello che le altre persone pensano di me non lo posso controllare. Adesso, le decisioni che prendo adesso, che sto prendendo in questo istante, le posso controllare. E quando mi ritrovo nel circolo vizioso di seghe mentali, rimorsi, rimpianti, cerco di fermarmi e ricordarmi di questo: quello che ho fatto dieci anni fa, dieci giorni fa, dieci ore fa, dieci minuti fa, dieci secondi fa, non lo posso controllare; ma adesso, in questo istante, posso decidere, sto decidendo, cosa fare. E riporta la responsabilità (e il potere) su di me.
In bocca al lupo!

Runner
Messaggi: 111
Iscritto il: mer ago 01, 2012 11:50 pm
Controllo antispam: cinque

Re: DIETA DI TRANSIZIONE..indispensabile?

Messaggio da Runner » lun ott 15, 2012 2:24 am

E un grazie a ross0 per le sue parole sul "salto enorme e coraggiosissimo" che avrei fatto cambiando regime alimentare in pochi giorni.
Pensarlo da soli è una cosa, sentirselo dire è un'altra. Mi hai strappato un sorriso.

arbor
Messaggi: 594
Iscritto il: lun apr 23, 2012 1:54 pm
Controllo antispam: cinque

Re: DIETA DI TRANSIZIONE..indispensabile?

Messaggio da arbor » lun ott 15, 2012 7:06 am

Ritorno sulla domanda che mi ponevi, Veggy, su mio invito a considerare l’eventuale assunzione di frutta cotta. La soluzione proposta da Ross0 è stata pensata come strumento innocente di integrazione calorica in sostituzione dei cereali (che creano acidità e sbalzi glicemici), nell’ipotesi che non vi sia capacità sufficiente di coprire il proprio fabbisogno calorico con la sola frutta (e verdura) cruda: non riesco a raggiungere le mie 2000 o 2500 (o quante sono) calorie necessarie per me con la sola frutta (e verdura) cruda, allora integro con della frutta cotta (banane in particolare), che non è l’ideale ma che è comunque esente dagli inconvenienti dei cereali. Questo è certamente il caso di Ale, ma potrebbe benissimo non fare al caso tuo, posto che tu riesca tranquillamente a papparti senza difficoltà i tuoi tre chili di frutta al giorno. Di qui la prudenza di Ross0, che ti propone appunto di fare questa verifica, prima di prendere decisioni . Se da tale verifica risultasse una tua seria difficoltà a nutrirti in quantità sufficiente con il solo crudo, allora l’integrazione con la frutta cotta sarebbe certamente la benvenuta, magari fin quando lo stomaco non si sia adattato a consumare le maggiori quantità di crudo necessarie. Se invece da tale verifica risultasse che non hai problemi ad ingerire frutta cruda a sufficienza, allora l’integrazione con la frutta cotta non sarebbe certamente necessaria da un punto di vista strettamente calorico (aspetto, questo, piuttosto determinante, anche nel tuo caso di evidente sovrappeso, come sottolineava giustamente Ross0); tale integrazione potrebbe tuttavia rivelarsi utile in caso di una detox particolarmente virulenta, che la parziale sostituzione di frutta cruda con frutta cotta potrebbe alleviare e tenere sotto controllo; oppure, tale integrazione, potrebbe semplicemente offrire una sponda innocente alla voglia di cotto, di cui però fare uso con la dovuta misura. Quest’ultima raccomandazione vale anche per il ricorso alla verdura cotta, e vale anzitutto per me stesso, che da qualche giorno, con la scusa del freddino, alla sera mi faccio un chilozzo di verdura cotta (niente o quasi patate)con un cucchiaio d’olio. Risultato, un bel chilo di aumento di peso (che nel mio caso non guasterebbe neanche), ma al prezzo di ricaduta in disturbi intestinali. Questo non va per niente bene, segno che devo limitare fortemente il ricorso alla verdura cotta, a non più di una o due volte a settimana anche nella stagione fredda. Questo naturalmente vale in particolare per me, che sono un po’ delicato d’intestino (sono un vecchio appendictomizzato), ma credo che, in mancanza di valide giustificazioni (integrazione calorica, controllo della detox), il ricorso al cotto, anche nella forma innocente della frutta e della verdura cotte, sia comunque da tenere a freno.
Scusa la pedanteria, ma desideravo fare la massima chiarezza.
Un abbraccio, Arbor

arbor
Messaggi: 594
Iscritto il: lun apr 23, 2012 1:54 pm
Controllo antispam: cinque

Re: DIETA DI TRANSIZIONE..indispensabile?

Messaggio da arbor » lun ott 15, 2012 7:16 am

Complimenti, Runner, anche da parte mia. Avessi avuto, alla tua giovanissima età, anche solo la minima parte della tua lucidità e della tua determinazione ... Certo oggi c'è maggiore consapevolezza, maggiori opportunità di capire, ma casi come il tuo restano pur sempre delle rarissime eccezioni, e quindi onore al merito. Ciao, Arbor

Avatar utente
Veggy
Messaggi: 51
Iscritto il: dom set 30, 2012 11:00 am
Controllo antispam: cinque

Re: DIETA DI TRANSIZIONE..indispensabile?

Messaggio da Veggy » lun ott 15, 2012 7:53 am

BuonGiorno Splendori!
Innanzitutto vi ringrazio dal cuore...non lo farò mai mai abbastanza. Siete meravigliosi davvero.
Alloooora, rispondo 1pò a tutti, perchè ci tengo. :D

Rosso: Ciao cucciolina (So che sei più grande di me, ma mi viene spontaneo chiamarti così.. :o ), ogni volta mi fai scendere dei lacrimoniiii per quanto sei dolce. Punti al cuore e lo prendi preciso. :P
Non sarai una strega, ma ci prendi forse anche meglio: perchè dopo 3 anni di Lingue all'Università, quando mi mancavano solo 6 esami per laurearmi, ho deciso di cambiare facoltà..non la sentivo la "mia" strada e così ho scelto Psicologia. La scelta è stata soprattutto per il fatto che NON VOGLIO che altre persone soffrano quanto ho sofferto io, voglio che possano trovare qualcuno che abbia vissuto i loro stessi dolori, che sappia di cosa parla, cosa si prova e sulla quale possa contare in ogni momento.
E' il mio sogno più grande diventare Psicoterapeuta. :wink:

Hai intuito bene un'altra volta sulla situazione della mia famiglia..un padre ai limiti del violento (verbalmente e fisicamente), e una madre che sta a guardare, e che, anzi, se gliene parlo ora, nega tutto, dicendo: "Tuo padre è fatto così, non mi sembra poi abbia fatto chissà quali danni, no?". Bene, direi che si comprende già così la mia situazione. E' rarissimo che ne parli con qualcuno, ma mi sento di farlo (almeno in parte qui), perchè credo possiate comprendere. E magari è un tassello in più per capire alcuni miei pensieri "malaticci" :lol:

Okkei, passiamo al pratico: per me va benone non introdurre Grassi, perchè, come mi sa ho già scritto, non ho proprio desiderio, l'olio non lo uso mai, e i semini e frutta secca meno che mai. QUindi per ora, aboliamoli :wink: !
Mi ispira molto la prova dei cachi..e spero possa essere utile per capire come muoverci in futuro..
Posso dirti già che, uscendo ora da un perdiodo di abbuffate bulimiche, direi che il mio stomaco è più che allargato, e ricordo che pochi mesi fa, mangiavo moltissima frutta al giorno. Quindi non dovrei aver problemi.
Che tipi di cachi sono meglio?? Quelli duri o quelli morbidi? :roll:

L'unica cosa che avevo notato, era che le banane, seppure ne mangiavo anche solo una, mi davano un sacco di nausea, le sentivo come mi fossero rimaste pesanti.. Eppure le adoro. Magari sono ancora 1pò troppo intossicata e la banana mi fa questo effetto..non lo so proprio :oops:

Grazie Arbor, ho capito molto bene il discorso che mi fai. :D
Ti dico che riesco a sopportare bene le crisi eliminative, ho RI-tolto il caffè da poco, e ho di quei mal di testa UNICI..ma resisto bene. E anche in passato, mi ricordo che al massimo ho avuto crampi allo stomaco, e giramenti di testa, ma mai cose estreme come vomito o dissenteria, anzi, sono particolarmente stitica. :oops:

Grazie mille anche Runner, è verissimo che non esiste la bacchetta magica, e infatti sono convinta che le persone non si cambino, genitori soprattutto. Sto lottando tanto per avere una vita BELLA, ma in tutto ciò non chiedo l'appoggio dei miei, o non chiedo loro di cambiare per me. QUle che è fatto è fatto, i traumi che ho ci sono, e punto. Da qui posso solo andare avanti. Scegliendo la strada migliore! :D
1grosso bacione a tutti e ..Mille Grazie

Avatar utente
Veggy
Messaggi: 51
Iscritto il: dom set 30, 2012 11:00 am
Controllo antispam: cinque

Re: DIETA DI TRANSIZIONE..indispensabile?

Messaggio da Veggy » lun ott 15, 2012 8:18 am

..invevce dei cachi, i kiwi come andrebbero??
Perchè in casa ho già 1kg di quelli gialli, così per oggi provo! :D
1bacioneeee :P

Avatar utente
Veggy
Messaggi: 51
Iscritto il: dom set 30, 2012 11:00 am
Controllo antispam: cinque

Re: DIETA DI TRANSIZIONE..indispensabile?

Messaggio da Veggy » lun ott 15, 2012 10:26 am

okkei...stamattina finora non avevo mangiato nulla..
adesso alle 11:10 ho mangiato 840 grammi di kiwi gialli....
mi sento così tanto in colpa però... :oops: :oops:

Avatar utente
Veggy
Messaggi: 51
Iscritto il: dom set 30, 2012 11:00 am
Controllo antispam: cinque

Re: DIETA DI TRANSIZIONE..indispensabile?

Messaggio da Veggy » lun ott 15, 2012 11:18 am

+ 300 gr di cachi duri. :oops: :oops:
E mi mangerei una montagna adesso... :roll:
A me sembra di ABBUFFARMI anche così..ho fatto già "schifo" come al solito? :shock:

arbor
Messaggi: 594
Iscritto il: lun apr 23, 2012 1:54 pm
Controllo antispam: cinque

Re: DIETA DI TRANSIZIONE..indispensabile?

Messaggio da arbor » lun ott 15, 2012 11:58 am

Il fatto è, Veggy, che molti di noi qui (chi più chi meno) siamo stati a nostro tempo piuttosto provati nella salute; ora che abbiamo superato in tutto o in buona parte i nostri problemi grazie al vegan crudismo, ci sentiamo quasi in dovere di dare una mano a chi, e sono una moltitudine, è ancora al di qua del guado. Nel tuo caso, poi, questo proposito discende direttamente da una scelta di carattere professionale, che non puoi quindi assolutamente permetterti di tradire. Quindi, “medice Veggy, cura te ipsum”, come dicevano gli antichi Romani: vale a dire, caro il mio signor dottore, cura te stesso, se vuoi essere credibile quando curi gli altri.
Venendo alle nostre banane e cachi, la nostra insistenza per questi frutti e altri simili (fichi, uva) sta nel loro elevato (si fa per dire) potere calorico. Considera un menù di questo tipo (che potrebbe essere basato su tre pasti di frutta e uno di verdura: 1 kg banane, 1 kg cachi, 1 kg arance/kiwi, 1 kg verdure miste (per metà a foglia verde). Ebbene un menù cosiffatto fornisce circa 2.300 calorie, non male direi, in quanto abbastanza vicino al fabbisogno calorico medio che sta tra le 2000 e le 3000 calorie. Con frutta diversa da questa, le cose non sarebbero altrettanto rosee: ad esempio con tre chili di mele saresti sulle 1300 calorie, che sommate alle 200 del chilo di verdura farebbero in tutto 1500 calorie, del tutto insufficienti quindi. Questo non lo dico per demonizzare le mele, che anzi fanno benissimo e possono dare il loro contributo, ma che se si sceglie della frutta più calorica si ottiene il vantaggio di poterne mangiare di meno per raggiungere il proprio fabbisogno calorico: e trattandosi di chili e non di pochi etti, la differenza conta eccome.
Nel menù tipo ti ho indicato non a caso anche il chilo di arance e kiwi: tale associazione non è casuale, trattandosi per entrambi di frutta acida, che è buona norma consumare separatamente da quella dolce. Anche Marco consiglia di fare almeno un pasto di frutta acida, ecco perché l’ho messa nel mio menù dell’esempio. I kiwi comunque sono ottimi, tra l’altro sono anche discretamente calorici; però non li vedo in alternativa alle banane o ai cachi, ma piuttosto inseriti nel pasto di frutta acida.
Quanto ai cachi, più maturi sono meglio è, quindi meglio quelli belli teneri.
Infine le banane. Anzitutto devono essere belle mature, quindi tigrate o maculate; quelle ancora acerbe contengono troppo amido e sono difficili da digerire. Se non è questa la ragione della tua nausea, allora è da ricercare piuttosto nella tua attuale condizione di intossicazione. E’ chiaro comunque che difficilmente si potrà fare a meno delle banane, è il frutto per eccellenza.
La verità, cara Veggy, è che è molto difficile abbuffarsi con la frutta: già riuscire a saziarsi (non ad abbuffarsi, ma solo saziarsi) è una bella impresa, come puoi desumere dagli esempi che ti ho fatto prima, figuriamoci poi andare oltre fino ad abbuffarsi, sarebbe praticamente impossibile trovare spazio per tutta quella roba.
Auguri, Arbor

Avatar utente
Veggy
Messaggi: 51
Iscritto il: dom set 30, 2012 11:00 am
Controllo antispam: cinque

Re: DIETA DI TRANSIZIONE..indispensabile?

Messaggio da Veggy » lun ott 15, 2012 7:40 pm

Eccomi qui! Vi faccio il resoconto della giornata COMPLETA:

ore 11:10 => 840 gr di kiwi gialli
ore 12:00 => 2 cachi mela (credo si chiamino così, sono i cachi duri, avevo solo quelli in casa! :P )
ore 17:40 => 500 gr mele
ore 20:00 => una mega insalata con pomodori e 2 carotine + 1ciuffetto di fagiolini cotti + mezza mela..la mela sapevo che dopo il pasto è uno dei pochi frutti che non fermenta vero?? :) Avevo troppa voglia di dolce..e mi sono buttata sulla mela. :oops:

Ecco qui...a me sembra di aver mangiato come una pazza e PER FORTUNA son stata fuori casa fino alle 17 e qualcosa... :oops: Aspetto voi!

Arbor, sai? Le banane che mangio sono tutte con puntini neri e belle mature, perchè so che è il livello di maturazione migliore per mangiarle. Soltanto che non capisco come mai, ogni volta che le mangio, sento che impiego moltissimo a digerirle. Tanto che spesso, quando facevo il pasto con banane 1mesetto fa, ne riuscivo a mangiare al massimo 3 e poi la sera non cenavo quasi mai, poichè mi sentivo davvero "nauseata". Bah.. :shock:

E poi Arbor, riprendo una tua frase : "ci sentiamo quasi in dovere di dare una mano a chi, e sono una moltitudine, è ancora al di qua del guado". Io non la vedo affatto così..secondo me siete semplicemente persone stupende, che HANNO SCELTO di mettersi a disposizione di altre che stanno ancora maluccio, e con una pazienza e disponibilità incredibili...davvero.
Io mi sento FORTUNATISSIMA ad aver trovato, su un forum, persone così di cuore come voi.
Non tutti, dopo che hanno passato la tempesta, "si sentono in dovere" di aiutare chi sta ancora male e in bilico..molti se ne fregano, scordandosi di quanto a disagio stavano prima. GRAZIE.. non riuscirò mai a farlo abbastanza.
1grossissimo bacione a tutti voi... :wink:

Avatar utente
ross0
Messaggi: 350
Iscritto il: mar apr 22, 2008 7:42 am

Re: DIETA DI TRANSIZIONE..indispensabile?

Messaggio da ross0 » lun ott 15, 2012 8:30 pm

Carissima Veggy,

Ammetto che mi sarebbe molto piu' facile capire i fenomeni paranormali, telecinesi, fantasmi, viaggi astrali...che comprendere come possa accadere che due persone con patologie complementari possano unirsi e non rendersi conto in nessun modo di quanto danno si faccia ai propri piccoli per tanti lunghi anni...so che nella pratica è cosi'...so bene che una persona come tuo padre non avrebbe mai sposato e non sarebbe certo rimasto assieme ad una compagna che comprendesse le sue azioni e le valutasse per quello che sono.
E anche se mi ripeto...alla violenza, all'umiliazione si aggiunge la ferita ancora piu' dolorosa dell'essere abbandonati a se stessi di fronte al collasso di ogni necessità emotiva. Ogni essere vivente ha bisogno di essere capito, almeno in minima parte, di trovare negli occhi altrui (e non solo in se stessi), una luce che si accende alla nostra presenza, qualcuno che si riempia di gioia per il nostro "esistere"...essere rigettati, calpestati e derisi dal proprio padre, nell'indifferenza assoluta, è lacerante. Sentire la propria madre che classifica i tuoi 16 anni di dca( una tortura quotidiana che si è aggiunta all'abisso che già vivevi) come "non è successo niente"...è annientante.

Vederti cercare con tutte le tue forze una via d'uscita oggi...è quasi incredibile. Penso solo che è davvero necessario che noi amici cerchiamo di dare il massimo, se qualcuno se lo merita, sei certamente tu.

Vorrei dire e scrivere tante cose, ma il tempo che ho è tanto poco, e scelgo di parlare ora di cose "pratiche", tu hai bisogno di una rotta da seguire, mia tenera piccola Veggy!
mi sentirei di discutere con te già un paio di cose.

Vedi, il motivo per cui non ero molto sicura della fattibilità del salto, stava anche nel fatto che, per mangiare crudo bisogna mangiare grandi volumi di cibo.
E immaginavo che questo avrebbe anche potuto darti angoscia.

Con le banane: provare nausea e avversione per le banane è normale in detox, se non ti vanno ora, ci arrangeremo per ora con i cachi. Quando la detox sarà in discesa, non ti daranno piu' fastidio (è probabile che l'avversione dipenda anche dal fatto che hai smesso con il caffè, repulsione per banane e arance è tipico di queste fasi).Tutt'al piu', se non ti impressiona provarle cotte, nessuno ce lo vieta. Da cotte, anche in detox, di solito la repulsione viene meno.
Sono cibi tipici dell'africa, dell'india e del sudamerica le banane cotte, puoi sempre ispirarti ai loro usi (grigliate, al forno con buccia e poi condite con curry in india, al forno senza buccia, passate in crema -per accompagnare altri cibi etcetc.).

Quello che di molto molto buono le banane hanno è la loro gentilezza con la glicemia. Non turbano la stabilità della glicemia, cosa di cui tu hai molto bisogno per stare alla larga dagli attacchi non controllabili di appetito impazzito.

Ma non forziamo nulla. E torniamo al punto di partenza: pensi che ti sentiresti meglio mangiando cibi meno voluminosi e piu' concentrati? Dove possiamo stabilire un buon compromesso?

Pensi che sia fattibile mangiare un chilo di cachi ogni giorno, per cominciare? tipo oggi?
Come le vedi le castagne (le banane cotte sono un'opzione migliore,ma comunque indaghiamo, visto che di castagne è anche stagione)? Caldarroste, lesse, sotto forma di castagnaccio, gnocchi, zuppa...la scelta è vasta. Ti fanno schifo, ti farebbero sentire in colpa?

So bene che non sei una fan dei grassi, l'ho capito, ma i dolci comunque ne contengono parecchi, e l'assunzione di grassi e zuccheri contemporaneamente impedisce all'insulina prodotta dal pancreas di fare il suo lavoro, per cui poi periodicamente si arriva ad avere un attacco compulsivo di fame incontrollabile.

Soprattutto se non si immagazzinano sufficienti calorie, e mi sa che oggi ne hai messe insieme troppo poche. In proposito, per non farti venire un colpo, volevo dirti che ricordo molto bene di una ragazza che aveva cominciato con una dieta di transizione molto molto molto piu' ricca della tua giornata odieran (sopra le 2000 kcal al giorno), alta un metro e 60, che in un mese aveva perso piu' di 3 chili...lo dico solo per aiutarti a non avere "paura", se ti fidi del fatto che le calorie ti servono, non verrai delusa.

Se hai fatto i conti con fitday o con la tabella di Marco, ti causerebbe stress condividerli con noi? Per regolarci meglio.

Credo che tu abbia ben capito (se mi ripeto troppo scusami eh...)che io vorrei disinnescare la bomba a orologeria dei tuoi attacchi ipoglicemici a cui seguono compulsioni rovinose.

Il fatto che tu con la frutta mangi molto volume non è abbuffarsi di certo...è una precisa missione che di solito riempie di orgoglio il crudista "allegro" (quello che per sua fortuna non deve fare i conti che con la detox e non ha il dolorosissimo trauma di lunghissimi anni di tortura con una dca alle spalle), che dopo avere mangiato il suo megaciotolone, si sente un eroe :-)

So bene che pero' la ragione e i sentimenti spesso non possono andare di pari passo. Posso chiederti quanto ti ha fatto stare male provare a mangiare tanta frutta oggi?

Tornero' a leggere appena posso, e rispondero' purtroppo in breve, non riesco durante la settimana, ma altri risponderanno molto piu' esaurientemente...e nel we saro' molto piu' prodiga, se capisco di non essere importuna.

Ma ritengo che una prima proposta di base potrebbe essere partire da un chilo di cachi maturi (cachi mela o cachi normali morbidosi, fa lo stesso, quelli che ti piacciono di piu'), aggiungere kiwi se ti piacciono, tenendo pero' i due frutti separati, come hai fatto oggi. La mela alla sera va benissimo, non ci sono problemi, piuttosto: invece delle ipocaloriche mele a metà pomeriggio, come vedresti altri cachi? Ti creerebbero ansia? Ti stuferebbero? L'insalatona serale va benone, i fagiolini cotti pure...oggi hai tenuto il cotto al minimo. Ma le calorie...uhm a occhio sono poche. Un po' di castagne? Cosa potresti mangiare ancora per arrotondare un po' il bilancio calorico?

Detto questo, chiariamo: sei stata straordinaria. Bisognerà seguire il percorso, ma le basi di partenza almeno ci sono. Fatti aiutare dal nostro amatissimo Arbor ad aggiustare il piano per quanto riguarda le calorie, se io nn riesco a farlo, lui è eccezionale :) :) :) :) :) :)

Sarebbe ideale che tu potessi passare una giornata con un crudista per vedere quanto mangiamo noialtri :lol: :lol: :lol: :lol: :lol:
Ti sembrerebbe di essere allo zoo nel recinto degli elefanti, se vedessi me che "termino" i miei quasi tre chili di frutta al giorno :-)
E forse questo ti aiuterebbe, si impara sempre meglio "copiando" da chi lo fa già, che provando da soli.
La natura non aveva pensato che ci fossero animali che avrebbero tentato di trasferire dei comportamenti via mail... :D

Ma insomma, è ovvio che il problema dell'angoscia che ti colpisce nel mangiare non possa essere sottovalutato, è un problema serio e concreto. Ci serve che tu ci aiuti ad individuare dei compromessi che potrebbero aiutarti a essere piu' serena.

Quindi ti passo la palla per aiutarci a capire cosa ti è pesato di piu' e cosa potrebbe farti sentire meglio.
Pensi che ti potrebbe aiutare passare una giornata con un crudista in carne e ossa e vederlo all'opera? Non so dove tu abiti e se la cosa sia fattibile, ma sai...io non pongo mai confini alla mia immaginazione.

Bene, ora aspetto di leggere cosa pensi tu, in questo momento posso solo dirti che quello che hai scritto è stato molto utile, hai fatto un ottimo lavoro, mi serve ancora un po' di aiuto per individuare dove dobbiamo mettere dei confini e cose potresti fare.

Un abbraccio immenso e stretto stretto :D Forza carissima Veggy, facciamo quadrato attorno a te, come fanno gli elefanti quando uno di loro è indebolito da qualche incidente e ha bisogno dei suoi amici :D :D :D :D :D :D buona notte piccola stellina!!!!

arbor
Messaggi: 594
Iscritto il: lun apr 23, 2012 1:54 pm
Controllo antispam: cinque

Re: DIETA DI TRANSIZIONE..indispensabile?

Messaggio da arbor » mar ott 16, 2012 7:55 am

Chi ha ragione, Veggy, tu che sostieni di aver mangiato tantissimo, oppure Ross0 che invece ha l’impressione opposta? Ebbene mi sono fatto due conti, e il risultato sono 1300 calorie in tutto, un bilancio cioè largamente deficitario, buono solo come punto di partenza su cui lavorare, per giungere a risultati più sostanziosi che ti mettano al riparo dagli attacchi compulsivi di fame che, con così poche calorie, diventano inevitabili. Come vedi, Veggy, sei ben lontana dall’abbuffata di frutta, direi piuttosto che sei denutrita di frutta. La verità è che è molto difficile, per non dire impossibile, abbuffarsi di frutta: è già così difficile semplicemente saziarsi di frutta, figuriamoci abbuffarsi. Se quello di abbuffarti è dunque il tuo timore, allora puoi stare tranquilla, con la frutta questo non si dà: ci si abbuffa di dolci, di cioccolato, di cibi cotti elaborati, ma di frutta non direi proprio, è tecnicamente quasi impossibile, quando si arriva alla sazietà il nostro corpo chiude lo sportello della dispensa sotto chiave.
Cosa fare adesso? Beh, la prima cosa è imparare a tenere il conto delle calorie: non è difficile, Veggy, è davvero questione di un attimo, se ti avvali della tabella di Marco, e nel giro di una settimana puoi diventare un’esperta, nel senso che il conteggio delle calorie diventa un automatismo. La ragione della necessità di questo primo passo è evidente: il mancato raggiungimento della tua quota calorica ideale è ovviamente perdonabile se, pur volendolo, non riesci a mangiare di più, ma non è scusabile se è dovuto a “ignoranza” (in senso letterale di non conoscere) del quantitativo di calorie che assumi col tuo menù, visto che tale mancanza è facilmente rimediabile con l’uso di una tabella e un minimo d’impegno.
Fatta questa premessa veniamo alle proposte concrete. Mi unisco a Ross0 nel perorare la causa dei cachi ben maturi. Io me ne pelo 1 chilo (almeno otto cachi) e li metto in una ciotolona e poi li mangio piano piano col cucchiaio (io li compro al mercato generale dell’ortofrutta, dove costano molto meno e sono squisiti). Ti assicuro che sono un nettare divino quanto a bontà. Se non riesci a mangiarne così tanti in una sola volta, puoi seguire il consiglio di Ross0 di riservarne una parte a uno spuntino.
Per i kiwi va benissimo, puoi pure aumentarne la quantità, badando a non mescolarli con altra frutta (a meno che non sia acida, come gli agrumi, ma per le arance non è ancora stagione).
Per le banane, queste sono un bel problema per ora, ma forse il rimedio c’è come suggerito da Ross0: vale a dire provare a mangiarle cotte, visto che crude ti provocano repulsione, come conseguenza della detox e quindi destinata a passare. Davvero un peccato, perché un chilo di banane mature e frullate sono squisite almeno quanto i cachi, e sono facilmente ingeribili (frullate), senza contare che sono una bella botta di energia (quasi 900 calorie).
Tu capisci Veggy cosa intendo dire: con un chilo di cachi e uno di banane si mette in cascina la bellezza di 1600 calorie, una vera assicurazione sulla vita, tanto più preziosa in casi come il tuo. Poi ci si può sbizzarrire con i kiwi, con l’uva, con le mele, con i meloni gialli (sono ancora molto buoni, vengono dal Sud Italia) e altre prelibatezze che puoi trovare nei vari punti di vendita della frutta (supermercato o mercatini rionali o il contadino di fiducia ecc).
Quanto alle verdure, vedi di riservarne una bella quota (anche ½ chilo) all’insalata a foglia verde (lattuga o altro), per il resto ti puoi sbizzarrire a tuo piacimento: sedano, pomodori, peperoni, cetrioli, zucchine, finocchi ecc. Poi c’è tutta la verdura che è preferibile mangiare appena scottata: cavoli e broccoli di tutti i tipi, patate, carote, zucca, carciofi ecc.
Ora vediamo se riesci ad aumentare i quantitativi di frutta (puoi testare tu stessa questo obiettivo servendoti appunto della tabella di Marco). Se non ce la farai, bisognerà pensare ad un’integrazione calorica appropriata, che si tratti di frutta cotta (a partire dalle banane) o di verdura cotta (cercando se possibile di evitare il ricorso ai cereali), perché, come avrai capito, un organismo denutrito (anche se in sovrappeso come nel tuo caso) è facile preda dei devastanti attacchi compulsivi di fame. Dunque, primum nutrirsi a sufficienza, tutto il resto si risolve da sé.
Un abbraccio, Arbor

arbor
Messaggi: 594
Iscritto il: lun apr 23, 2012 1:54 pm
Controllo antispam: cinque

Re: DIETA DI TRANSIZIONE..indispensabile?

Messaggio da arbor » mar ott 16, 2012 9:06 am

Dimenticavo una soluzione molto semplice che si chiama centrifugato, o meglio ancora sarebbe il succo di un estrattore (ad averlo, ma costa molto di più della centrifuga). Il centrifugato di carote sedano e mela è squisito, ma ti puoi sbizzarrire in mille soluzioni, con quasi ogni tipo di verdura o di frutta. E' al tempo stesso un modo efficacissimo per aumentare il proprio apporto calorico, visto che bere del liquido è molto più agevole che masticare del cibo fibroso come la verdura o la frutta.

Avatar utente
Veggy
Messaggi: 51
Iscritto il: dom set 30, 2012 11:00 am
Controllo antispam: cinque

Re: DIETA DI TRANSIZIONE..indispensabile?

Messaggio da Veggy » mar ott 16, 2012 10:16 am

BuonGiorno Angioletti!! :P

Innanzitutto GRAZIE, sempre e di tutto. Ogni mio messaggio sarà SICURO ricco ricco di un Grazie immenso..per ora è così, non riesco a farne a meno!! Eheheh :lol:

Rosso..mi fai sempre sempre scendere mille lacrimoni quando ti leggo! :cry:
Credo che, avessi avuto una mamma con anche solo un quarto della tua sensibilità, magari non sarei qui a scrivere e farvi sorbire il mio dolore enorme e tutte le mie paturnie. :oops:
"essere rigettati, calpestati e derisi dal proprio padre, nell'indifferenza assoluta, è lacerante. Sentire la propria madre che classifica i tuoi 16 anni di dca( una tortura quotidiana che si è aggiunta all'abisso che già vivevi) come "non è successo niente"...è annientante." => Esattamente! In tutti questi anni, il mio pensiero costante e martellante ogni santo giorno è "DEVO DISTRUGGERMI, DEVO MASSACRARMI, SONO CATTIVA E DEVO PUNIRMI" Ogni minuto della mia giornata è una lotta contro questo pensiero..
La cosa che forse mi spinge a lottare ancora, è che io, paradossalmente, RINGRAZIO il mio passato, le mie difficoltà, lo schifo della mia famiglia.. perchè senza di queste, forse, non avrei avuto la possibilità di lavorare su me stessa, di CRESCERE, di cercare sempre nuove vie per arrivare alla FELICITà VERA. E probabilmente, sarei stata "maluccio" tutta la vita..invece SO che dopo questo inferno, ci sarà solo una vita bellissima ad aspettarmi. :wink:

Allooooora..provo a spiegare un pochino le mie più grandi ansie sul cibo. Ho seguito e seguo molto anche il diario di Ale, e, rispetto a lei, la mia difficoltà maggiore è FIDARMI. Fidarmi di me, del mio corpo, della certezza e sicurezza che mi date voi ogni giorno. E' la cosa su cui sto tanto tanto lavorando in queste settimane a terapia (perchè sì, in effetti sono seguita da una psicoterapeuta :D ).
Vi spiego, stamattina mi son pesata, dopo la giornata di ieri..e sono ingrassata di 500 gr. Ora so che il fisico deve comunque abituarsi un minimo..lo so! E ho anche molta lucidità nel capire che non è che si perdono 100 kg in una notte. Solo che vedere quel numero in più sulla bilancia, mi fa star male. Tanto.
Non ho problemi a mangiare tanto..ANZI. Soffrendo di Binge adesso ( abbuffate senza metodi di eliminazione come vomito ecc) ..mangiare tanto mi darebbe molta serenità. Ma poi vedo quel peso in più e mi agito..inizio a pensare di digiunare, anche se so che dopo forse 2giorni (se mi va bene!!) mi abbufferei delle peggiori schifezze.

Ora rispondo anche alle tue proproste: Oggi ho fatto lo spuntino con 1mela, 1 pera e 1banana...e stavolta non ho provato disgusto o senso di pesantezza con la banana, ma mi è venuto un mal di stomaco unico! So però che è la detox, quindi mi son sdraiata 1pò, e dopo mezz'oretta ho mangiato 1pò di melanzane cotte, sui 400 gr. Non volevo..ma non son riuscita a tenermi. :oops:

Le castagne non mi piacciono proprio..ma i cachi, e adesso vedendo anche che le banane non mi portano nausea, possiamo considerarli come assodati! :D
Io se avessi la certezza che mangiando TANTO, non prendo peso, ma guarda..mi ci butto proprio a capofitto senza problemi. :lol:
Vedo spesso i video di quelle ragazze crudiste su youtube, molto famose credo, Elizabeth e Kristina..e loro vedo che mangiano DAVVERO TANTO. Ma davvero. Spesso mi spavento..ma poi vedo come sono fisicamente, quanta energia e gioia emanano, e mi si apre il cuore.. Ecco quando vedo che mangiando così tanto, ci si mantiene così magri e belli..mi pervade un senso di serenità enorme. Ma poi, mi guardo e dico: "Forse dovrei prima dimagrire molti molti chili..e pooooi posso "permettermi" di mangiare in quel modo".
Capisco che seguire il mio cervellino non è semplice per una persona esterna..a volte sono ESAUSTA anch'io da tutto questo arrovellamento di pensieri.. :(

Arbor, si si da stamattina ho iniziato a tenere il conto delle calorie e dei grassi con la tebella di Marco, e, è brutto dirlo, ma avendo sofferto di anoressia in passato, riesco abbastanza bene a calcolare le kcal. Avevo perso 1pò l'allenamento, ma certe "pratiche" è difficile scordarle. PURTROPPO. :roll:
E credo abbia pienamente ragione Rosso quando mi dice di star tranquilla che di frutta non ci si può abbuffare...anche se a me sembra così, so che ho una visione molto distorta di ciò che "entra" nel mio corpo. :roll:
E come ho scritto anche sopra, non avrei problemi a mangiare di più..ho solo tanta paura. Solo questo!

un MEGA ENORME BACIONE CALDISSIMO :P

Rispondi