DIETA DI TRANSIZIONE..indispensabile?

Archivio delle discussioni sui forum non più presenti

Moderatore: laura serpilli

Avatar utente
Veggy
Messaggi: 51
Iscritto il: dom set 30, 2012 11:00 am
Controllo antispam: cinque

DIETA DI TRANSIZIONE..indispensabile?

Messaggio da Veggy » ven ott 12, 2012 7:27 pm

Ciao a tutti...eccomi di nuovo, il vostro incubo peggiore!! :lol:

Avrei una domanda sulla dieta di transizione. Ho letto di questa alimentazione di transizione sul libro della DIETA SENZA MUCO di Ehret, e lo schema sia molto molto simile a quello che propone Vaccaro.
Però mi chiedevo: è davvero indispensabile??
Cioè, avendo già sperimentato la fase delle crisi di eliminazione in passato..e avendo letto miliardi di libri, visto conferenze, letto articoli qui su internet, sono molto informata su tutti i sintomi che potrei avere ( che reggo molto bene!! ), e per questo pensavo : SE MI BUTTO AL 100 % DIRETTAMENTE NEL CRUDISMO??

La volta scorsa, quando ho intrapreso questo percorso, non ero così "preparata" su tutti i sintomi e i disagi che avrei potuto avere nelle crisi eliminative..e infatti sono passata direttamente al crudismo TOTALE senza prima conoscere l'esistenza di una dieta di transizione.
Che ne dite?

1grosso bacio a tutti e Buona serata! :D

arbor
Messaggi: 594
Iscritto il: lun apr 23, 2012 1:54 pm
Controllo antispam: cinque

Re: DIETA DI TRANSIZIONE..indispensabile?

Messaggio da arbor » sab ott 13, 2012 11:40 am

Io credevo che tu avessi già iniziato il tuo percorso, invece vedo che ti sei fermata in attesa di decidere come intraprenderlo, se in forma definitiva oppure passando per una fase di transizione.
Ovviamente la fase di transizione non è obbligatoria, tu stessa la volta scorsa eri passata direttamente al crudismo totale. E’ ben vero che poi hai interrotto quel cammino, e questo dovrebbe forse farti riflettere se sia il caso di ritentare un’esperienza tutto sommato fallita. Quindi forse meglio passare per la via intermedia, essendo sempre a tempo a stringere successivamente i tempi, qualora constatassi che questi sono maturi per il definitivo abbandono della stessa a favore del modello ideale. In tutti i casi non esistono obblighi né regole precise, ma occorre piuttosto fare quel che ci si sente e che è alla nostra portata: meglio più passettini piccoli ma nella giusta direzione, piuttosto che grandi passi a corrente alternata.
Meglio comunque partire anche con poco, piuttosto che aspettare indefinitamente in attesa di conoscere il passo perfetto con cui partire.
Un abbraccio, Arbor

Avatar utente
Veggy
Messaggi: 51
Iscritto il: dom set 30, 2012 11:00 am
Controllo antispam: cinque

Re: DIETA DI TRANSIZIONE..indispensabile?

Messaggio da Veggy » sab ott 13, 2012 1:12 pm

Ciao Arbor!!
Sempre così puntuale nel seguirci! :D Grazie.

In ogni caso, mi ero 1pò persa effettivamente questi giorni, ho eliminato carne, uova, pesce, pane e pasta..ma restavano ancora latte e dolciumi vari (credo siano davvero una dipendenza pari pari alle droghe!!!).....quindi ho ugualmente fatto molti pasticci questa settimana. :oops:
Hai ragione, credo che ognuno sappia quanto può spingersi oltre. Basta sperimentare, e se ci si spinge troppo in là, fare 1piccolo passetto indietro. E per questo il crudismo e in linea generale, il vaganesimo, si adattano a moltissime persone.

PURTROPPO, la mia esperienza passata col crudismo, era fallita non per il fatto di essermi buttata direttamente nel crudismo senza transizione, ma più che altro per essermi fatta "abbindolare" da un medico, che ovviamente tirava l'acqua al suo mulino!!! :cry:
Credo sarà questa una delle cose che non mi perdonerò mai..ma comunque siamo qui per scrivere le pagine del futuro, e non per rileggere quelle passate. Quindi mi metto sotto..e via!

Grazie ancora e 1bacione :mrgreen:

Runner
Messaggi: 111
Iscritto il: mer ago 01, 2012 11:50 pm
Controllo antispam: cinque

Re: DIETA DI TRANSIZIONE..indispensabile?

Messaggio da Runner » sab ott 13, 2012 2:33 pm

In genere affrontare i cambiamenti in modo graduale e costante è preferibile, ed è semplicemente il buon senso a consigliarcelo.
Detto questo, ogni persona fa storia a sé. Io ho fatto il passaggio da un regime alimentare onnivoro a uno vegan-crudista nel giro di pochi giorni, senza dieta di transizione, e non mi sono più guardato indietro. Penso di essere stato facilitato dal fatto di vivere da solo, e non avere costantemente sotto gli occhi il cibo processato e cotto che mangiavo prima; dall'esercizio fisico che faccio quasi ogni mattina, cosa che aiuta il metabolismo; forse dal fatto che ho 24 anni e per questo ho metabolizzato più facilmente un cambiamento così radicale.
In bocca al lupo!

Luna8
Messaggi: 318
Iscritto il: ven lug 27, 2012 6:02 pm
Controllo antispam: cinque

Re: DIETA DI TRANSIZIONE..indispensabile?

Messaggio da Luna8 » sab ott 13, 2012 3:40 pm

Ciao Veggy,

anch'io sono passata da vegetariana a crudista da un giorno all'altro.
Se pensi che vada meglio così per te, fallo. Puoi sempre cambiare se vedi che i sintomi di disintossicazione sono troppo forti.

Ciao
Luna

Avatar utente
Veggy
Messaggi: 51
Iscritto il: dom set 30, 2012 11:00 am
Controllo antispam: cinque

Re: DIETA DI TRANSIZIONE..indispensabile?

Messaggio da Veggy » sab ott 13, 2012 4:47 pm

Grazie ragazzi!!
Anch'io credo che per me, passare direttamente al crudismo totale, sia meglio. Perchè son 4 - 5 giorni che mangio bene tutta la giornata...poi mangio qualcosa di cotto (siano patate bollite o fagiolini..) e crollo! E mangio sempre qualche dolce perchè mi dico: "Ormai ho sgarrato! Ho rovinato la giornata...Domani si ricomincia!!" E questo pensiero, questo modo di comportarmi mi sta portando alla depressione e alla stanchezza perenne... :( :(

Grazie mille per i consigli! :wink:
1bacione

Luna8
Messaggi: 318
Iscritto il: ven lug 27, 2012 6:02 pm
Controllo antispam: cinque

Re: DIETA DI TRANSIZIONE..indispensabile?

Messaggio da Luna8 » sab ott 13, 2012 8:23 pm

Ciao Veggy,

anche a me succede, o meglio succedeva, di considerare il successo a giornate. Uno sgarro rovinava la giornata, quindi può seguire un ulteriore sgarro. :(

Sarebbe forse meglio rimanere al presente, invece di deprimermi pensando allo sgarro passato. :)
A me riesce sempre meglio ricordarmi che voglio offrire al mio corpo le condizioni migliori perchè stia bene e si possa purificare. Mi piace sentirmi libera di scegliere il crudismo, per il suo effetto positivo, senza per questo rinunciare a qualcos'altro. Capisci? Sono libera di scegliere in ogni momento quello che mi pare e scelgo il crudismo perchè è quello con cui mi sento meglio.

In bocca al lupo!
Luna

Avatar utente
ross0
Messaggi: 350
Iscritto il: mar apr 22, 2008 7:42 am

Re: DIETA DI TRANSIZIONE..indispensabile?

Messaggio da ross0 » sab ott 13, 2012 11:54 pm

Carissima Veggy!!! :D :D :D

Ti aggiungo il mio parere, che conta quel che conta, cioè poco, ma insomma, per raccogliere le idee molti pareri possono essere utili.

Passare al crudismo 100% puo' andare bene, se si è in grado di mangiare sufficienti calorie, senza abboffarsi di grassi. Se no si cade continuamente nella trappola degli attacchi compulsivi, che torneranno a ripresentare il loro conto, a breve distanza dall'inizio. E gli attacchi compulsivi distruggono l'autostima e fanno buttare i propri successi alle ortiche, assumendo appunto atteggiamenti tipo "tanto ormai...". E non si costruisce molto.
Io non avrei paura della detox in se', sei giovane, come Runner, puoi tenere "botta", poi la detox passa.

Avrei paura delle compulsioni alimentari, che si nascondono dietro ad ogni schema alimentare carente e sbilanciato.
E arrivano a presentare i loro conti se non si hanno gambe sufficietemente forti per affrontarli.

Sai che io parlo direttamente, e sai che capisco "bene" la sofferenza dei tuoi chili di troppo (nessuno puo' capire fino in fondo cosa gli altri provino, ovvio), ho il timore che tu, per vedere quei chili sparire dal tuo corpo in fretta, possa cedere alla comprensibile tentazione di stare bassa con le calorie.
Il risultato lo conosci anche tu= periodicamente si presenterebbero attacchi di fame compulsiva, a cui si cede per chiare e semplici ragioni fisiche, o meglio chimiche direi (eh...mi dispiace, ma da chimico, penso come un chimico). Il peggio di queste crisi è lo strascico emotivo che lasciano, la rabbia, la sensazione di repulsione e odio per se stessi, la totale disistima per se stessi e l'odio per il proprio corpo e per la propria mente...tu puoi spiegarmi molto meglio di quanto io non possa immaginare.

Chiederti di essere onesta e di valutare se hai davvero la convinzione di volere arrivare a 2000 calorie di crudo al giorno o di capire se sotto sotto pensi di "fare tu" con le calorie, tenendoti magari sulle 1000, " in modo da perdere peso in fretta"("eh...ma solo per un po' eh...poi, quando saro' magra vedremo")...è la premessa alla mia reale opinione sul fatto se a te serva una dieta di transizione o meno.

Io penso che per Runner sia stato un passo enorme e coraggiosissimo quello di saltare, ma lui di fatto non aveva nessun problema di dca, e non credo si facesse un problema di mangiare calorie a sufficienza.

Io SO per esperienza che è quasi impossibile mangiare calorie a sufficienza di solo crudo buttandosi da uno stato di intossicazione al crudo 100%. Sei giovane, ma sei intossicata.

Luna...credo abbia una totale avversione per controllare cio' che fa e affidi tutto il successo delle sue strategie al fatto di accettare con affetto e serenità anche le conseguenze degli eventuali errori alimentari, che molto probabilmente fa.
Ma anche lei, credo mangi sufficienti calorie. A me sembra che il suo approccio vada bene per lei e si adatti meglio di altri approcci alle sue esigenze fisiche ed emotive. Ma è un approccio che odia le analisi e per questo evita le correzioni e rallenta le soluzioni.

Tu mangeresti sufficienti calorie?
Se la risposta onesta e vera è si', bene, credo che il crudo 100% sia meglio della strada valdiana (che è validissima, a patto che uno sia in grado di mangiare comunque almeno 2500 calorie di solo crude a cui aggiungere altre badilate di calorie di cotto). Per la serenità e la pace interiore il solo crudo è il massimo, ma si deve essere in grado di mangiare sufficienti calorie. E lo stomaco normalmente NON è in grado di mangiare tanto crudo, partendo da situazioni tanto complicate come la tua.

Quello che tu credi riguardo al dimagrimento è abbastanza impreciso.

E' la formula 80-10-10 che fa dimagrire i crudisti (non l'unica formula per dimagrire, per carità, si dimagrisce, in modo temporaneo con mille altri sistemi). NON il deficit calorico. Il deficit calorico fa fallire OGNI crudista.

Nel crudismo il deficit calorico è sinonimo assoluto di fallimento, farebbe venire solo attacchi compulsivi di appetito a cui una persona con dca cederebbe con crollli continui e il mantenimento dello stato di malattia senza regressione alcuna, fino a che arriverebbero i medici e ti farebbero rinunciare di nuovo...te lo dico e te lo ripeto: il deficit calorico SAREBBE IL TUO PEGGIORE NEMICO.

Beh...magari sto parlando a fantasmi che non esistono.
Credo sia meglio che io lasci parlare te, e sia disposta a capire quello che scriverai e spero di sapere ascoltare e comprendere e non darti messaggi inutili o peggio.

Nel frattempo pero' vorrei farti un sacco di complimenti, perchè leggo che hai cominciato ad eliminare tanti cibi e sinceramente ogni cambiamento alimentare comporta un lavoro enorme, sei grandissima!!!!!

Forza carissima Veggy, mi raccomando, non raccontarti storie, se passi al crudismo, devi capire che il corpo ha le SUE regole, la sua biochimica che noi non possiamo sovvertire con la "volontà". Non ti liberi dagli attacchi compulsivi se non mangi davvero a sufficienza. E forse mi sbaglio, ma mi sembra che su questo punto tu possa essere vittima della "paura" di mangiare tanto e a sufficienza. Della paura di non dimagrire in fretta (ma no, si dimagrisce in fretta mangiando 2000 calorie di frutta e verdura, davvero piu' in fretta di quanto credi).
Basta con le mie "paure", magari tutte infondate...paure che derivano pero' dal grande desiderio di non vederti spiccare il volo e precipitare contro il suolo duro di continue crisi alimentari.

Spero che in funzione del mio sincero desiderio di vederti stare bene, potrai perdonarmi il "noioso pistolotto"...
abbracci sinceri, bacioni e mille mille complimenti per i passi che hai fatto e per la scelta davvero coraggiosissima e difficilissima di offrirti a noi su questo forum, siamo persone molto ricche...buona domenica carissima :D

Avatar utente
Veggy
Messaggi: 51
Iscritto il: dom set 30, 2012 11:00 am
Controllo antispam: cinque

Re: DIETA DI TRANSIZIONE..indispensabile?

Messaggio da Veggy » dom ott 14, 2012 1:43 pm

Okkeiiii..avevo scritto tutto 1bel messaggio..e mi s'è cancellato tutto!!!! :lol: Che gioia!!

Coooomunque dicevo: Rosso, il tuo parere VALE eccome, togliti queste ideuzze da quella capoccetta! :wink:
"Il peggio di queste crisi è lo strascico emotivo che lasciano, la rabbia, la sensazione di repulsione e odio per se stessi, la totale disistima per se stessi e l'odio per il proprio corpo e per la propria mente...tu puoi spiegarmi molto meglio di quanto io non possa immaginare. " => immagini benissimo!!! E' un mese buono che vado avanti così, mi sento una fallita, una schifezza, mi sento davvero come se non avessi 1via d'uscita..non ho forze per rimettermi in piedi.. :cry:
Cerco di resistere resistere ...digiunando, finchè poi non crollo e mi butto sui dolci, sempre sui dolci! :shock: E ne mangio fino a star male..fino a sentire i dolori alla schiena, da quanto i muscoli lavorano per digerire tutto quello schifo che mangio!!

Ed è vero quando dici "eh...ma solo per un po' eh...poi, quando saro' magra vedremo" => io sarei disposta a QUALUNQUE cosa pur di dimagrire e penso sempre : "INTANTO TORNO MAGRA..POI ALLA SALUTE CI PENSO DOPO!!" e me ne vergogno..perchè so che è 1pensiero malatissimo.
Ho paura, tanta, a mangiare 2000 kcal perchè ho paura di non perdere 1etto. Oltretutto ho fatto il calcolo delle kcal che mi servirebbero in 1giorno e mi è uscito tipo 1700 kcal.
Mi sento pesante e noiosa a parlare in questo modo..ma non ho forze. Davvero, credo di non aver mai toccato questi livelli di schifo e repulsione per me stessa..

1grosso grosso bacione ...e GRAZIE!!

PS: nessun "noioso pistolotto", hai 1dolcezza nel dire le cose..che non riusciresti mai a ferirmi o confondermi. Davvero. Da persone come voi posso solo che imparare, ed è per questo che sono sincera e vi dico anche i pensieri più malati e radicati che ho, altrimenti farei del male ancora a me stessa..ancor più di quanto già faccio! :roll:

Avatar utente
ross0
Messaggi: 350
Iscritto il: mar apr 22, 2008 7:42 am

Re: DIETA DI TRANSIZIONE..indispensabile?

Messaggio da ross0 » dom ott 14, 2012 3:32 pm

Carissima Veggy,
devi davvero essere una persona speciale, se sopporti con tanta pazienza i miei discorsi, e a maggior ragione, proprio perchè avverto da tutte le tue parole e dal desiderio di aiutare gli altri che ti anima, penso che tu MERITI davvero di risolvere i tuoi guai e di uscirne, una volta per tutte.

Meriti di dimagrire, perchè 20 chili di sovrappeso sono un peso per il corpo e per l'anima, ma prima di tutto meriti di trovare il tuo equilibrio interiore e vivere libera da tutto quello che il tuo passato ti ha lasciato in eredità.

Capisco tutto quello che scrivi, anche se non posso calarmi completamente nei panni di nessuno. Ma comprendo bene che ora per te sia molto difficile pensare a nutrirti come si deve senza che ti prenda il terrore di non riuscire a conquistare in fretta una nuova linea in cui tu possa riconoscerti.

Sappiamo tutte e due che in questi casi un atteggiamento di serena e affettuosa accettazione del tuo corpo, cosi' come è e come diventerà (molto diverso), come Luna ti suggerisce, sarebbe una vera conquista.
So anche pero' che questa conquista è una delle cose piu' difficili, soprattutto se non si possiede già un'alimentazione tranquilla e ordinata.

Premetto che io ho una funzionalità pancreatica ed epatica tale che, per natura, per anni, fino a che sono stata una vegana "cottista", anche senza mangiare che minime quantità di grassi (perchè mi facevano semplicente schifo di sapore), ha sempre sofferto di sbalzi di glicemia. Che comportavano attacchi di fame improvvisa ed in generale un appetito veramente serio. Certo che, avendo fame, e avendo la fortuna di non soffrire di disturbi alimentari, ho sempre semplicemente mangiato, ma mangiando in modo molto vario, odiando i dolci (proprio non ne sopporto il sapore) e detestando i grassi, non sono mai ingrassata particolarmente (attirando spesso l'attenzione di chi, purtroppo, respira e ingrassa). Certo questo non significa che non sappia o non capisca che quando si ha quel tipo di fame, che deriva da disordini della glicemia e del metabolismo, si mangi tutto quello che capita a tiro senza freno. L'ho sempre considerato un mio "aspetto", ma non avendone mai patito le conseguenze, se non nomignoli tipo "betoniera", "aspirapolvere", "bue" (tutti affettuosi a cui io per prima ho sempre avuto la fortuna di potere ridere, visto che poi il mio corpo era quanto meno del tutto "normale")...non ho mai capito quanto fosse fastidioso essere sempre "governata" da attacchi di fame improvvisa e iperimpellente. Ora che tutti questi scompensi glicemici sono un ricordo del passato, mi rendo conto dell'enorme differenza e...WOW che libertà!!! Comprendo bene che, questi scompensi, sovrapponendosi ai disordini alimentari creino una combinazione veramente TERRIBILE. Vedi, io di fronte agli attacchi di fame ho sempre mangiato, come fai anche tu. Ma, odiando i cibi peggiori, per puro caso e non per merito personale (non è un merito odiare i dolci, io sono nata cosi', mi fanno semplicemente schifo, da sempre, pure da piccola non li potevo vedere), magari mi mangiavo al posto dello "spuntino", quello che gli altri considerano un pasto normale, una bella e generosa insalata, un piatto di patate e spinaci (il mio piatto cottista preferito), verdura al vapore con limone e senape e peperoncino, tutto in quantità da bue, ma è chiaro, se mangi cosi' non potrai mai diventare "grassa", anche se mangi 4 0 5 pasti del genere al giorno. Non è una questione di "QUANTE calorie" si mettono insieme. E' una questione di "DA DOVE" vengono le calorie che immagazzini e COME vengono ripartite. Cotto o crudo, piu' ti avvicini all'80-10-10 meno riuscirai ad ingrassare, per quante calorie tu mangi. E' il corpo che decide da solo se le calorie sono troppe ed eventualmente ti fa andare in bagno piu spesso. Quello che pero' mi succedeva, era di sentirmi spesso molto indigesta, perchè per soddisfare la mia "famona", mangiavo piu' di quanto magari il mio stomachino potesse permettersi. Ora sto bene davvero, ma prima non sapevo che fosse possibile. E io, ripeto, avevo l'enorme fortuna di non soffrire di disturbi dca, quindi mangiavo quando avevo fame, SENZA mai sentirmi in colpa per questo. Il che è un vantaggio e una fortuna enorme!!!

Ora, metto da parte per un po' i discorsi profondi e verissimi sul fatto che bisogna educare la mente ad amare noi stessi come siamo, discorsi che ritengo io stessa basilari, e so che una parte di te è d'accordissimo. Ma so anche che la parte di te che sta male purtroppo su questo tasto per ora non ci sente e non riesce a sentirci, NON perchè non voglia, ma perchè proprio NON ci riesce. Vorrei ben vedere...se ci riuscissi sarebbe sinonimo del fatto che sei completamente guarita, cosa che per ora non rappresenta il presente. E' il nostro obiettivo. E meriti profondissimamente un riscatto da quanto hai patito fino ad oggi. Non so cosa darei per vederti uscire dal tuo tunnel. Lo meriti con ogni elettrone del tuo corpo (che io sento "buono e positivo" con i suoi chili di troppo, allo stesso modo di come lo vedro' e sentiro' "positivo e buono" quando sarai in gran forma).

Siamo qui non per darci ragione con le parole e rimanere da soli con i nostri problemi dietro allo schermo del pc, senza riuscire a porre delle basi di semplicità sincera che assicurino comunicazioni vere e per questo utili.

Ora parlo un attimo alla parte di te che sta male e cerco di stabilire con lei una specie di patto.

Diciamo che vorrei spiegarle come dare dei VERI strumenti al tuo corpo per tornare in forma in fretta (non in modo folle, ma in modo vero) e cosa invece NON funziona e non funzionerà mai.

Non sono un guru e non ne so a pacchi, ma quel poco che so, è fortunamente semplice e facile da afferrare.

-1) Quello che non va nella tua situazione attuale è che hai il metabolismo completamente disastrato da digiuni e abbuffate. SE vuoi dimagrire, devi rimettere in sesto il metabolismo. NON perderai mai peso con le diete ipocaloriche arrivata a questo punto. Qualsiasi schema alimentare tu adotti devi essere consapevole che hai bisogno di riavviare la macchina metabolica, o non perderai un etto per davvero, anche mangiando 800 calorie di dolci al giorno e poi digiunando. Non devi puntare a abbassare le calorie PERCHÈ cosi' facendo abbasserai ancora di piu' un metabolismo ormai agli sgoccioli. E INGRASSERAI ancora piu' facilmente. Ripeto: SE vuoi dimagrire (e so che tu lo vuoi) DEVI rimettere in ordine il tuo metabolismo.

NON puoi pensare di accelerare il tuo metabolismo con diete iperproteiche (hanno l'effetto del famigerato caffè, se per un po' il metabolismo accelera, poi precipita ancora piu' in basso di prima, il peggio che tu possa fare a te stessa, condannandoti a ri-ingrassare in tempi rapidissimi). NON puoi pensare di accelerare il metabolismo riducendo le calorie. Chi riduce le calorie ORDINA al corpo, senza nessuna alternativa, di ridurre il metabolismo. E quindi forza il corpo a cercare di ingrassare piu' che puo'.

Che strumenti hai per ristabilire la salute del tuo metabolismo?
-cibo crudo (quanto e in che percentuale si decide)
-attività fisica adeguata alla tua situazione reale
-calorie sufficienti (diciamo 1750 per ora, a 2000 ci arriveremo appena vedremo che stai padroneggiando la tua alimentazione con tranquillità).

Vedi carissima Veggy, nei disordini alimentari, per quello che ho sempre potuto constatare io (ma non conosco migliaia di casi, solo i miei familiari e qualche amica)le persone che ne soffrono hanno spesso in comune una grande intelligenza. E una tendenza spiccatissima ad usare la propria intelligenza per cercare di "sottomettere" il proprio corpo a delle regole piuttosto rigide create dalla mente, in modo progressivamente sempre meno flessibile. Si diventa letteralmente schiavi di "fissazioni" e "principi" e si pretende che il corpo si adegui ed "esegua" dei programmi che hanno tutti l'enorme e grandissimo limite di non capire assolutamente niente di come il corpo in realtà POSSA funzionare.

Non posso andare in garage, mettere del fieno nel serbatoio della mia Saxo scassata e pensare di usare quello per andare al lavoro. Perchè la macchina NON PUO' fare quello che vorrei io. Posso piangere, disperarmi, battere la testa contro il muro. Ma un'automobile a benzina non puo' funzionare con il fieno. E' progettata per la benzina. Con il fieno NON puo' funzionare.

Chi soffre di dca ha grosso modo la pretesa che il corpo faccia cio' che lui/lei vuole. Ma non ci si occupa di capire il fatto che il nostro corpo ha una sua biochimica che semplicemente NON ENTRERÄ MAI a servizio delle fissazioni di nessuno. Possiamo mandarlo in crisi, farlo ammalare, distruggerlo e morirne. Ma il corpo ha e continuerà ad avere una sua stupenda logica chimica, che non si sovverte. Il corpo è certamente molto flessibile, e si adatta a molte delle nostre scelte sbagliate. Ma tutto questo ha sempre un prezzo. NON ci sono sconti. C'è chi ha pancreas e fegato forti, piu' forti dei miei. C'è chi ha un intestino pigro, chi ama per natura i dolci. Ognuno ha un suo patrimonio piu' o meno fortunato o piu' o meno ricco. Ma NON si puo' sovvertire con la volontà la biochimica con cui il nostro corpo è costruito, se abbiamo l'arroganza di farlo, dobbiamo prima o poi pagare un conto salato o salatissimo per questo.

NON è cercando di sovvertire la biochimica del tuo corpo che dimagrirai. NON puo' funzionare. Ogni passo che fai allontandoti dalle necessità del tuo corpo lo obbliga solo a porre le basi per ulteriore sovrappeso (se non immediato a breve termine, non ti illudere). NON ne esci.

Parliamo concretamente: che esercizio fisico fai ora? Per le persone in sovrappeso un esercizio di breve durata e impegno articolare minimo (quindi molto adatto) è la cosa migliore. Ma per MASSIMIZZARE la ripresa metabolica devi unire l'esercizio a una tecnica respiratoria molto profonda. Per questo ti consiglio subito, per dimagrire in fretta (visto che ci tieni e lo so), di imparare davvero con molta pazienza e PRECISIONE gli esercizi Equilos (il libro da cui li puoi imparare costa circa 10 euro). Fai la routine mattino e sera, appena svegliata e prima di andare a dormire. Sfido chiunque a non riuscire a vedere risultati in breve. Ti costa circa un quarto d'ora una sessione Equilos, una volta imparato bene. Chiunque puo' farla. Nel giro di pochi mesi dovremo arrivare davvero alle 2000 calorie, se arrivi a fare davvero quello che ti consiglio, perchè se no ci troveremo a vederti perdere peso troppo in fretta, cosa che intossica il corpo in modo eccessivo.

Carissima Veggy, credimi, se ti dico che, fatti i calcoli e visto che hai un fabbisogno minimo di 1750 calorie, le calorie sono la tua salvezza e non la tua condanna, so quello che dico.

Tu devi rimettere in moto quella tiroide ormai fiaccata da digiuni e abbuffate che per anni la hanno distrutta. Senza calorie hai già perso ogni tua partita. Se vuoi dimagrire, DEVI rimettere in moto il tuo metabolismo. DEVI evitare di ricadere nelle continue abbuffate.
E, anche se tu non ci credi, o anche se quella famosa parte di te a cui sto parlando ora, pensa di saperla molto piu' lunga del tuo corpo e di me...beh...PER EVITARE LE ABBUFFATE E' INDISPENSABILE MANGIARE TUTTE LE CALORIE CHE TI SERVONO.

E' altrettanto indispensabile, per uscire dalla catena dei disturbi della glicemia, che tu ti avventuri dolcemente nel regno dell'80-10-10. Ammesso ovviamente che il tuo obiettivo sia quello di approdare nella baia del crudismo e farti cullare dalle calde onde amorevoli della Natura.

Per oggi la pianto, non voglio tediarti, so bene poi che questi discorsi vanno assimilati con calma e con il tempo e con le tranquille e continue e serene ripetizioni. Io voglio vederti stare meglio. E tutti quanti qui sul forum penso provino lo stesso sentimento.

Sei una persona che ha sofferto molto e sei anche tu, scusa la mia monotonia, tanto "tenera". Mi ispiri davvero un sentimento di commozione, come quando vedo un Bamby passare sulla mia strada.

Bacioni carissima, alla prossima :D

Avatar utente
ross0
Messaggi: 350
Iscritto il: mar apr 22, 2008 7:42 am

Re: DIETA DI TRANSIZIONE..indispensabile?

Messaggio da ross0 » dom ott 14, 2012 3:35 pm

PS: leggendo di tutto quello che stai passando con questi terribili dolci (si' danno una dipendenza bestiale, chi non la conosce non puo' comprendere, lo ho visto) avrei tanto voluto poterti stringere in un fortissimo abbraccio, è davvero ora di scrivere la parola fine a questo brutto tratto del percorso della tua vita. Forza mia carissima!!! Siamo tutti con te!!!!!!

arbor
Messaggi: 594
Iscritto il: lun apr 23, 2012 1:54 pm
Controllo antispam: cinque

Re: DIETA DI TRANSIZIONE..indispensabile?

Messaggio da arbor » dom ott 14, 2012 4:25 pm

Veggy, non pensi che lo schema di transizione alla "Ross0" potrebbe costituire per te una valida alternativa al modello Valdiano? Quest'ultimo rimane sempre valido, ma in casi come il tuo, caratterizzati da grandissima fragilità e dunque esposti alle micidiali tentazioni dei pasti cotti in stile Vaccaro (troppo buoni, come dice un noto slogan pubblicitario), è più che giusto nutrire un forte scetticismo. D'altra parte il crudo totale non mi sembra al momento alla tua portata. E allora perchè non tentare questa via, e se la tua giovane età ti consentirà, come nel caso di Runner, di bruciare le tappe, tanto meglio, nessuno ti impedirà di smettere di cuocere le banane e di passare al crudo totale. Anche nel tuo caso, come in quello di Ale, mi sembra proprio la soluzione che andavamo cercando, non pare anche a te, Veggy?
Un abbraccio, Arbor

swami863

Re: DIETA DI TRANSIZIONE..indispensabile?

Messaggio da swami863 » dom ott 14, 2012 7:13 pm

Arbor, sorry, com'è nella pratica lo schema di transizione "alla Rosso"?
Grazie! :P

Avatar utente
Veggy
Messaggi: 51
Iscritto il: dom set 30, 2012 11:00 am
Controllo antispam: cinque

Re: DIETA DI TRANSIZIONE..indispensabile?

Messaggio da Veggy » dom ott 14, 2012 7:24 pm

Okkei...è mezz'ora che piango!!! Ma è un pianto bello..di quelli che mi fanno passare per la mia testolina malaticcia, l'idea che in fondo DAVVERO merito di essere felice..merito di vivere una vita piena e vera! :D

Purtroppo ho avuto un passato ORRENDO, mi sono ammalata a soli 8 anni ..e i disturbi alimentari sono stati l'ovvia conseguenza di genitori non troppo "adatti" a me diciamo. Non condanno nessuno, ognuno è fatto a modo suo, soltanto che, specialmente mio padre, non è una persona che mi fa bene avere vicina..le sue continue grida, percosse, prese in giro e parole di sfiducia nella persona che sono, mi hanno solo portata a volermi distruggere, massacrandomi. :cry:

Rosso, tesoro, io NON "SOPPORTO" i tuoi discorsi, per me sono aria fresca, sono SPERANZA e VOGLIA di farcela. Sono la certezza che ciò che sto vivendo avrà una fine, e potrò svegliarmi al mattino col sorriso. Credimi, oggi è il mio più grande sogno: svegliarmi ogni mattina con la voglia di saltare giù dal letto saltellando. Cosa che oggi, non accade..poichè aspetto semplicemente che le giornate passino, sperando che si concludano presto.
Posso avere questi pensieri così brutti a soli 23 anni??? :shock: NO! NON VOGLIO!

E vedo bene che, continuando a digiunare e abbuffarmi, sto solo tanto, tano male (mentalmente e fisicamente). Quindi ti dico che vorrei davvero tentare di stare meglio...sono disposta anche ad andare contro quella parte di me che continua a "vietarmi" di ascoltare il mio corpo, perchè una vita così spenta e faticosa, non riesco più a reggerla. Sono troppo apatica e stanca per decidere ancora di IMPUNTARMI a volere aver ragione e fare di testa mia. Non ne ho più le forze. :cry:
Quindi mi affido! Totalmente e davvero!! (E' una delle cose che di più devo imparare, FIDARMI...e credo che iniziare da qui, dal forum, dall'alimentazione soprattutto, sia 1passone enorme! :o )

PERCIò, ditemi cosa fare e lo faccio!!!!! :D
1)- intanto domani vado a prendere il libro per gli esercizi :D
Per ora come attività fisica faccio camminate, per andare in Uni, e cammino circa 1ora e mezza al giorno, però divisa in 2 manche, andata e ritorno tra metro e università.
2)- per l'alimentazione..come potremo fare? Avrei anche una domandina da farvi: non ho mai calcolato le percentuali 80-10-10 perchè non so da che parte iniziare, quindi semplicemente non mettevo grassi, ZERO carbonella. Nè semi, nè frutta secca, nè avocado o frutti grassi (come cocco o mango..). Però mi piacerebbe imparare a calcolare il mio fabbisogno calorico giornaliero. Sono anche disposta a pesare tutto. Non mi dà nè ansie nè problemi particolari farlo. :D
In che senso, il cibo crudo dobbiamo decidere la quantità?? :)

Arbor: intendevi l'alimentazione consigliata anche ad Ale?? Quella con la frutta cotta invece dei cereali? :)

Perciò un digiuno terapeutico iniziale non sarebbe indicato vero??? Adesso mi picchiano.. :lol:

VOGLIO DAVVERO PROVARCI. ANZI, VOGLIO RIUSCIRCI. E sono pronta a prendere ogni consiglio! Di ogni tipo! :D
1bacione enorme!!!!! Enorme!!!!! :P
e.. GRAZIE!! Non so davvero come ringraziarvi!!!

Avatar utente
ross0
Messaggi: 350
Iscritto il: mar apr 22, 2008 7:42 am

Re: DIETA DI TRANSIZIONE..indispensabile?

Messaggio da ross0 » dom ott 14, 2012 8:44 pm

Piccola mia Veggy!!!

Pensare a tutto quello che hai passato e stai passando anche ora...è uno degli aspetti della vita che è davvero difficile da comprendere... :( Lo so, i genitori non si scelgono e non sono tutti "adatti" ad avere dei figli. Purtroppo chi nasce non puo' scegliere se finire in una casa dove verrà accolto come un Dono, come dovrebbe essere per tutti, o purtroppo trovarsi in un contesto dove un piccolo non dovrebbe mai trovarsi.
E il peggio del peggio, non c'è vera protezione quando questo accade :-(
Non so, non ho mai saputo darmi pace che questa sia la realtà, so solo che è cosi' e che il meglio che possiamo fare è curare chi è ferito, visto che non si puo' impedire alla vita di fare il suo strano corso, spesso cosi' incomprensibile e apparentemente ingiusto, in modo quasi aberrante.
E non c'è gioia piu' grande del vedere una persona sollevarsi dopo anni e anni di sofferenza...
Tu davvero hai in te grandi semi, grandi potenzialità, devi davvero trovare la tua strada di pace con te stessa, "so", "sento" che hai un ruolo molto importante da svolgere nel tuo futuro e ci devi arrivare forte, perchè affronterai battaglie importanti non solo per te stessa, ma con significato piu' ampio...Non sono una strega, non vedo il futuro, ma sento che, se potrai riguadagnare la tua pace, userai la tua vita per metterti a servizio di chi è debole e indifeso, come lo sei stata tu.

E a maggior ragione, dobbiamo provare a venire a capo dei tuoi guai, hai molto da fare nella vita. Ne hai piu' che mai bisogno.

Bene carissima, veniamo quindi alle proposte pratiche. Io non introdurrei grassi in una prima fase iniziale, a meno che tu non li desideri (che potrebbe essere, vediamo), perchè tanto consumerai quelli già presenti nel tuo corpo, altri grassi non è che ti servano veramente per fissare le vitamine liposolubili. Non ti dico di "vietarli", ti dico solo "non sono particolarmente necessari". Se desideri olio crudo per condire l'insalata, mettilo, tanto so già che non ne abuseresti. Non è quello il pericolo che corri tu. Semi e altre cose...per ora no...cibo di serie C. Tu devi riprenderti, curare il tuo metabolismo, hai bisogno della massima quantità di cibo di serie A (=frutta di stagione fresca).

Allora, come primo giorno "serio" ti chiederei di approviggionarti di banane e cachi in quantità, e vedere per prima cosa quanti riesci a mangiarne in giornata. Sarebbe ideale (ma non impressionarti minimamente se scopri che proprio non ci puoi riuscire, sarebbe normalissimo) se tu potessi mangiare un chilo di cachi, tondo tondo, e di banane, quelle che ti riesce.
Non forzarti. Prova a vedere cosa ti va giu' oltre al chilo di cachi. Quello, se ci riesci, mangialo tutto, come "base". Sono frutta di stagione a km 0. E' il meglio. Se arrivi a mangiare 5 banane ad esempio, e senti che piu' di cosi' ti nauseano, semplicemente fai stop. Se sono solo 3, fermati a 3. Solo non fermarti prima di essere sazia o nauseata.
Se hai fame mangia, non aspettare, non digiunare, non chiederti se è troppo. Mangia serena, il tuo corpo incomincerà finalmente a avere cibo che rispetta le SUE regole e comincerà a fare il suo lavoro con calma. Mangia OGNI volta che hai fame e mangia fino a che ti senti davvero sazia. Non fermarti prima di sentirti DAVVERO a posto. E' molto importante, per capire cosa puoi mangiare e cosa no, che tu faccia una "giornata di prova", in cui valuti cosa il tuo corpo ti permette e cosa no.
Il primo giorno poi sarà "roseo" perchè di detox non si parla. Ma da qualche parte dobbiamo iniziare. E percio' dobbiamo capire cosa possiamo aspettarci e cosa no.

Messe in cantiere tutte le calorie che vengono da cachi e banane (anche l'uva andrebbe bene), è probabile che tu non abbia piu' alcuna voglia di cibo crudo o di cibo dolce. E quindi hai libero accesso al mondo dell'insalata e del cibo cotto dopo l'insalata. Cosa e quanto? Cosa= diciamo la verdura che piu' ti attrae, i cardi, le patate, la zucca, quello che è ora di stagione da te, quello che ti va. Quanto? fino a che sei sazia e stai bene davvero, senza "sforzarti" di fermarti. Vorrei capire quanto e cosa riuscirebbe a mangiare il tuo corpo spontaneamente, se tu lo indirizzi verso questi cibi. E' la prima indicazione per fare un piano alimentare.

Parliamoci chiaro: i dolci danno una dipendeza molto forte, ma con cachi e banane la dipendenza da zucchero la spegni, dovresti avere una giornata migliore,se parti con questi frutti.

Mi sembra di capire che per te non sarebbe un grave problema frammentare il cibo in molti pasti piccoli (molti potrebbe significare 5 o anche 6), nè fare conti o pesare e questo è un enorme aiuto.

Per tenere sott'occhio l'andamento della giornata hai diverse opzioni, una è quella di scaricare la tabella dal sito di marco http://www.dietaenergiaalta.com/ l'altra è quella di usare ad esempio www.fitday.com.
Quale che sia la tua opzione, entrambe calcoleranno per te e per noi le calorie e le percentuali.

Io prima di sera non riesco a leggere il forum. Ma Arbor forse si', quindi anche se scrivi durante la giornata un eventuale "HELP" mi sa che qualcuno potrebbe anche correre in soccorso.

Come detto: prima di farti proposte serie, devo capire quanto crudo puoi mangiare senza grossi sforzi.

Ti ri-spiego per chiarezza: parto dalla frutta zuccherina perchè è il carburante migliore e di prima qualità per il tuo corpo. Quello che ripara al meglio il tuo metabolismo compromesso. E ha anche il pregio di mettere a cuccia la dipendenza da zucchero e tenere alla larga il desiderio compulsivo di dolci. Chiaro che se mi dici che sei riuscita a mangiare senza sforzo un chilo di cachi e un chilo di banane ho una informazione utilissima, se mi dici che il tuo massimo sono stati 600 g di cachi e una banana, ho un altro punto di partenza. Come già detto dopo avere esaurito tutte le capacità del tuo corpo a mangiare crudo, puoi passare ad altri sapori, se senti di desiderarli, prima un'insalata e poi anche cotto, se ne senti desiderio e ti viene ancora fame, ma non ti va piu' crudo.

Lo scopo non è mangiare tutto crudo, lo scopo è capire quale è il livello oggettivo del tuo corpo ora, che capacità avrebbe.
Poi si puo' fare un piano.

Che ne dici? Si puo' provarci? io direi di si :D :D

Bene carissima Veggy, rimbocchiamoci le maniche, ci aspettano molte cose nel nostro futuro. E il tuo futuro da adesso lo scrivi tu, nessuno potrà piu' strapparti la matita di mano e sporcare la pagina della tua vita. Noi siamo tutti con te.

Rispondi