DIGIUNO PER DIMAGRIRE

Archivio delle discussioni sui forum non più presenti

Moderatore: laura serpilli

Rispondi
Avatar utente
Veggy
Messaggi: 51
Iscritto il: dom set 30, 2012 11:00 am
Controllo antispam: cinque

DIGIUNO PER DIMAGRIRE

Messaggio da Veggy » dom set 30, 2012 1:06 pm

Ciao a tutti...
So bene che magari qualcuno potrà prendermi per pazza..! =)

Ho un passato 1pò burrascoso riguardo la mia salute, e pian piano sto cercando di rimettermi in sesto..ho assunto forti ansiolitici per circa 9 mesi che mi hanno portata ad accumulare circa 25 kg in pochi mesi! Partivo da 1peso di 47 kg.
Oggi sono a 70 kg per 1,55 cm di altezza
Penso immaginiate quanto per me sia stato traumatico.
Per questo ora vorrei eliminare molti chili facendo 1digiuno, magari anche di 30 giorni..è la cosa che adesso mi fa soffrire più di ongi altra..e volevo risolvere!
..e volevo digiunare fino ad arrivare almeno a 55 kg!

E mi piacerebbe avere anche 1vostro parere, perchè ho letto qui, che il digiuno non è 1pratica che è molto "amata" nel forum vero?? =)
1bacione..e aspetto vostri consigli!

Avatar utente
silvy
Messaggi: 1137
Iscritto il: gio gen 26, 2006 11:30 am

Re: DIGIUNO PER DIMAGRIRE

Messaggio da silvy » dom set 30, 2012 1:12 pm

Ma un periodo di alimentazione fruttariana o crudista no?? Il digiuno dopo i problemi e i farmaci che hai assunto potrebbe non essere una passeggiata e comunque, nel caso tu decida di farlo ugualmente, ti consiglio di farti seguire da un esperto.

Avatar utente
marco'72
Messaggi: 269
Iscritto il: gio ott 13, 2011 2:16 pm
Controllo antispam: cinque

Re: DIGIUNO PER DIMAGRIRE

Messaggio da marco'72 » dom set 30, 2012 3:58 pm

Secondo me un digiuno così lungo ti porterebbe il metabolismo a terra perchè il tuo corpo non capisce che lo fai a fin di bene e brucia meno calorie per tenere il grasso accumulato come riserva in caso l'insufficente apporto calorico dovesse proseguire. Quando ricomincerai a mangiare il metabolismo sarà più lento e le stesse calorie che assumi adesso saranno troppe e ingrasserai di nuovo. (conosco il meccanismo :roll: ). Cerca di liberare la mente da diete estreme e scegli cibi sani riducendo le calorie ma aumentando l'attività fisica. Non serve una dieta a termine. Per dimagrire bisogna trovare uno stile di vita che sia praticabile in base ai nostri impegni quotidiani e piacevole da seguire per andare avanti tutta la vita, se no stressi solo il corpo e la mente e prima o poi ti stufi frustrata ed abbandoni tutto. Nel topic Equilibrio col cibo e con la mente ci sono interventi di rosso e arbor molto belli che ti puoi leggere. In bocca al lupo :wink:

Avatar utente
Veggy
Messaggi: 51
Iscritto il: dom set 30, 2012 11:00 am
Controllo antispam: cinque

Re: DIGIUNO PER DIMAGRIRE

Messaggio da Veggy » dom set 30, 2012 4:43 pm

Grazie infinite per le risposte!!
E' che sono seriamente disperata...non ne posso più di perdere 2kg, poi rimetterli, poi riperderli..è snervante!! :cry:

Andrò a leggere la discussione che mi avete consigliato!
Grazie ancora! :D

Avatar utente
ross0
Messaggi: 350
Iscritto il: mar apr 22, 2008 7:42 am

Re: DIGIUNO PER DIMAGRIRE

Messaggio da ross0 » dom set 30, 2012 8:57 pm

Ciao carissima!!!

Ho letto al volo il tuo post anche sull'altro thread e confermo quello che dice il nostro ottimo "orsetto" Marco72. Purtroppo i digiuni, anche quelli brevi, tendono a essere molto pericolosi per chi ha tendenze di tipo bulimico. Oltre al fatto che gli psicofarmaci sono molto intossicanti e quindi avresti reazioni di detox estremamente pesanti, che non sarebbero di tipo solo fisico, ma anche di tipo "mentale", con il riacutizzarsi di tutti i vecchi schemi, di cui è bene liberarsi, con il tempo, i passi successivi, la gradualità e un lavoro umile, ma buono.

Penso che comunque gli psicofarmaci a cui ti riferisci ti abbiano fatto soffrire di quella che in gergo si chiama "fame chimica", per cui i tuoi attacchi bulimici sono stati veramente causati da scompensi di tipo farmacologico.

Unitamente al fatto che un corpo denutrito di nutrienti veri, è sempre soggetto a "fame nervosa", "attacchi compulsivi", "manie alimentari", "repulsioni alimentari". Il bello è almeno che, imparando a nutrire bene il corpo, questi fenomeni spariscono. Mangiando bene si riesce a liberarsi da questi comportamenti, perchè è il corpo stesso a essere a posto con se stesso, e gli input di mangiare cibi in eccesso non sussistono piu'.

Non si arriva certo dall'oggi al domani in questa zona franca, ma ci si puo' arrivare se si è disposti a fare un lavoro semplice, ma ben impostato, lontano dalla fretta, lontano dagli eccessi, lontano dal "tutto e subito".

Credo che tu ora potresti associarti alle diverse persone che cercano di costruirsi uno schema alimentare nello stile di Valdo, per spostarsi con gradualità verso lo schema di Marco Urbisci, che trovi esposto nel suo bellissimo libro. Dove stia il tuo punto di equilibrio ideale, lo vedrai e valuterai tu, diciamo pero' che la DEA sicuramente è un modo di alimentarsi davvero molto valido, non solo per il corpo, ma anche e soprattutto per la mente.

Per oggi mi limito a mandarti un abbraccio enorme, forza carissima, vogliamo vederti uscire dai problemi che ora ti fanno soffrire. Capisco benissimo come tu possa sentirti, ho una sorella che vive lo stesso dramma, psicofarmaci, attacchi compulsivi, aumento ponderale incontrollato e disperazione nel ritrovarsi un corpo che non riconosce piu' come proprio e che la fa sentire malissimo. Su questo forum purtroppo non ci sono "soluzioni", ma ci sono degli amici e questo sicuramente non guasta, credo :-)
Siamo tutti con te, non tanto per vederti "dimagrire", noi ti vogliamo bene sia che tu sia "rotonduccia" sia che tu sia "magrolina" (comunque una buona alimentazione è sinonimo di peso forma), ma per vedere il sorriso accompagnare i tuoi pasti e le tue giornate senza piu' dolore a tormentare la tua vita.

Bacionissimi cara!!!!! :D :D :D :D :D :D :D

arbor
Messaggi: 594
Iscritto il: lun apr 23, 2012 1:54 pm
Controllo antispam: cinque

Re: DIGIUNO PER DIMAGRIRE

Messaggio da arbor » lun ott 01, 2012 6:18 am

Noi siamo amanti dei cibi ricchi di nutrimento, non dei digiuni. Non perché il digiuno non sia efficace (al contrario è la condizione ideale dell’organismo per guarire), ma perché è uno strumento cui si ricorre in via straordinaria, visto che in via ordinaria si deve mangiare, e dunque prima di digiunare bisogna chiedersi cosa succederà passata l’emergenza: se si ha la certezza di poter, dopo il digiuno, adottare un corretto stile di vita (alimentare), allora il digiuno ha un senso e può star bene, perché accelera il processo di guarigione; ma se non hai affatto questa certezza, il digiuno non serve a nulla, anzi, si squalifica come una delle tante diete, finite le quali si torna alle vecchie abitudini, con gli stessi risultati di prima, anzi con un metabolismo peggiorato. Nel tuo caso, non mi pare che tu possa dare garanzie di poter adottare un corretto stile di vita una volta cessato il digiuno, visto come ti sei comportata fino ad oggi: diciamo che un corretto stile di vita è per il momento solo un tuo desiderio, che per poter diventare realtà ha bisogno di lungo esercizio, di pazienza, di studio, non certo di digiuni. Questi potranno venir buoni più avanti, quando avrai trovato la tua strada e avrai dimostrato di saperla percorrere con sicurezza. E ciò è tanto più vero per un digiuno di 30 giorni, che rischia non solo di essere completamente inutile, ma addirittura altamente rischioso e dannoso in sé, e a maggior ragione nel tuo caso per le implicazioni psicologiche che comporta, un terreno quest’ultimo su cui tu sei ancora molto fragile.
Per il momento ciò di cui hai soprattutto bisogno sono due cose: imparare ad alimentarti con cibi veri, ricchissimi di nutrienti (che non sono solo le calorie), e liberarti dai farmaci. Le due cose vanno insieme, perché i cibi veri (alimenti vivi), cioè frutta e verdura crude, sono incompatibili coi farmaci: gli alimenti vivi scatenano la detox, la frutta in modo particolare, e i farmaci diventano micidiale veleno aggiuntivo a quello già messo in circolo grazie alla detox . Io non so se tu stia assumendo farmaci, ma in caso affermativo questo complica un po’ le cose, nel senso che dovrai trovare il modo di sbarazzartene, sia pure gradualmente. Nel frattempo non potrai certo assumere una dieta come la DEA (100% frutta e verdura crude), ma piuttosto uno schema alimentare come quello sostenuto da Valdo Vaccaro, con due pasti cotti a base di cereali o verdure cotte amidacee (pranzo e cena, che però iniziano con un insalata cruda), oltre alla colazione e a diversi spuntini a base di frutta e di qualche centrifugato di verdura. Si tratta di uno schema molto valido, perché consente al tuo organismo di sprigionare la famosa detox (cioè le crisi eliminative che ci ripuliscono dal nostro carico tossico), ma in forma e misura non così acuta ma sopportabile. Poi starà a te trovare il giusto dosaggio (di frutta, di verdura cruda, di cereali, di verdura cotta), quello cioè giusto proprio per te in questo preciso momento, e poi di modificarlo strada facendo mano a mano che ti libererai dalle tossine diventando più sicura di te stessa.
Il concetto di fondo che noi qui sosteniamo (Marco, il nostro moderatore, col suo libro, Ross0 con la sua esperienza e la sua vasta preparazione, e tanti di noi al loro seguito ed io fra questi per averlo personalmente sperimentato), è che quando noi diamo al nostro corpo tutti i numerosi nutrienti di cui ha bisogno (cioè gli zuccheri della frutta, che ci danno energia, le vitamine e i Sali minerali di frutta e verdura, e poi tutti gli altri infiniti micronutrienti che stanno solo nella frutta e verdura), succede una cosa meravigliosa: il nostro corpo e la nostra mente trovano la pace e l’equilibrio, le carenze di vario genere svaniscono, i disturbi compulsivi diventano un ricordo del passato, le crisi di astinenza cessano di manifestarsi. E’ l’uovo di Colombo: se tu dai al tuo organismo ciò di cui ha bisogno, il tuo organismo ti ripagherà in termini di benessere, di salute a 360 gradi. E ciò di cui ha bisogno sono la frutta e verdura crude, cioè il nostro cibo d’elezione, adatto alla nostra specie di animali frugivori: un cibo dal quale per ragioni molto complesse, legate al tipo di civilizzazione nel quale ci siamo infilati, ci siamo drammaticamente allontanati, con le conseguenze che tu stai avendo modo di conoscere. E’ veramente tutto qui.
Naturalmente non succede tutto dall’oggi al domani: una persona che è stata onnivora per anni non è in grado di passare di colpo al vegan crudismo, ma dovrà prima affrontare una fase di transizione, più o meno lunga e graduale secondo i casi, durante la quale la detox farà il suo lavoro di pulizia dalle scorie che intasano il nostro organismo, e in cui impareremo ad alimentarci in modo sempre più sano e corretto, aumentando progressivamente la quota di frutta e verdura crude. Lo schema Valdiano cui ti accennavo prima è appunto un menù che può tornare utilissimo nella fase di transizione, mentre lo schema della DEA resta il modello ideale cui tendere e che potrà essere adottato alla fine del percorso transitorio (c’è anche chi si accontenta del modello Valdiano tendenzialmente crudista e che non farà mai il passo successivo, i risultati sono in genere molto buoni lo stesso, anche se possono essere ulteriormente migliorati, come è successo a me dopo 5 anni di crudismo tendenziale in stile Vaccaro).
In conclusione mi unisco anch’io a Marco75 e a Ross0 per scongiurarti di non intraprendere nessun digiuno. Ora hai avuto modo di leggere l’esperienza di Ale, e quindi dovresti saperti un pochino orientare su come impostare le tue scelte alimentari. Importante poi che tu approfondisca ulteriormente la materia, in particolare la disciplina igienista (vedi il thread “letture vegan crudiste”). E poi comunque noi siamo sempre qui, in caso di bisogno.
Un abbraccio, Arbor

Avatar utente
Veggy
Messaggi: 51
Iscritto il: dom set 30, 2012 11:00 am
Controllo antispam: cinque

Re: DIGIUNO PER DIMAGRIRE

Messaggio da Veggy » lun ott 01, 2012 8:15 am

BuonGiorno a tutti!!
Siete davvero tanto tanto cari... :D
nel messaggio principale non ho specificato tutto per paura di risultare noiosa e pesante..ma magari è giusto che vi dica per bene il mio percorso degli ultimi 4 mesetti almeno!

Quindi, 4 mesi fa mi sono approcciata per la prima volta al Vegan, ho "divorato" libri su libri (tra cui quelli di Valdo Vaccaro, di Marco..che sto finendo ancora! :o ).. e mi erano nati dentro un rispetto e una motivazione che mi hanno spinta subito ad eliminare d'un colpo caffè, tè, proteine di ogni genere animale, sale e zucchero, mantendendo questa alimentazione Vegana per circa 1mesetto. Continuando a spulciare su internet e in librerie ben fornite, ho scoperto il crudismo: ho visto film, letto articoli e visto miliardi di video anche in inglese..per capire a fondo le basi di questo stile di vita..e non avrei mai mai detto di potermi interessare a questa via di vita..ma è successo.
E così sono passata al crudismo 100% ..che ho mantenuto per circa 2 mesi e mezzo!
Bè che dire? Mi sentivo 1altra: sonno tranquillo, ZERO voglia di cibi finti e dannosi, abbuffate SCOMPARSE TOTALMENTE, non dovevo neppure resistere o trattenermi dai cibi spazzatura perchè proprio non ne sentivo la voglia.. ero felice serena, finalmente tranquilla e piena di vita.
Ho avuto diverse crisi di eliminazione anche molto pesanti, poichè ho deciso di "tappare il naso e buttarmi a capofitto", tra le quali crampi allo stomaco, dissenteria, influenza, emicranie fortissime..ma ero contenta, perchè stavo guarendo! :D

Poi però, l'arrivo di un medico, che mi disse che questo tipo di alimentazione per me poteva essere dannoso, dato il mio fisico già molto compromesso..e così sono tornata ad essere onnivora!
L'errore più sciocco che abbia mai fatto...sono seguiti a brevissimo: ABBUFFATE (DI NUOVO), insonnia, stitichezza, stanchezza cronica...e cosa peggiore di tutte, apatia, depressione e chiusura verso gli altri, per me che avevo sperimentato la VITA VERA ..mi è sembrato di morire..di non poterne più uscire..nonchè il mio corpo sento che non ne può più, ho lo stomaco completamente stanco e affaticato, 1aspetto orrido con occhiaie scure, pelle verdina, bollicine varie...mi sento davvero in un tunnel..e non riesco a smettere di mangiare quella schifezza!!! :cry:
La cosa che ora vorrei più al mondo è: almeno cercare di eliminare le abbuffate..mi distruggono anima e corpo..e mi portano sempre più lontana dalla vita che sogno! :cry:

Spero con tutto il cuore di tornare a VIVERE..vi ringrazio tanto tanto per l'appoggio e la cura con cui ci trattate, non tutti i forum sono così meravigliosi!
Grazie davvero...di cuore!

PS:non assumo più alcun tipo di farmaco da marzo..anche se gli effetti ancora ci sono!
Ma Arbor, tu dici che le mie abbuffate siano dovute ai farmaci?? Perchè hanno iniziato a somministrarmeli quando ero in Anoressia..e da lì ho iniziato le enormi abbuffate..e anche ora, che ho smesso da 1pò di mesi ormai, continuo a non poter evitare di massacrarmi di cibo! mi sembra come se non fossi io a decidere di mangiare..ma che il mio corpo vada da solo dove vuole. :shock:

1grosso bacione a tutti...Grazie!

arbor
Messaggi: 594
Iscritto il: lun apr 23, 2012 1:54 pm
Controllo antispam: cinque

Re: DIGIUNO PER DIMAGRIRE

Messaggio da arbor » lun ott 01, 2012 9:30 am

Questo semplifica tutto, perché tu sai già tutto, sei perfettamente informata, non solo ma hai già pure sperimentato con successo, non fosse stato per lo zampino che ci ha voluto mettere quel tuo amico medico, di cui hai voluto fidarti (perché non ti fidi invece di te stessa, degli ottimi risultati ottenuti per davvero con la tua pratica del crudismo?).
Io non so se le tue abbuffate sono dovute a fame chimica, come dice Ross0, visto che sono quasi sei mesi che non assumi farmaci. Che la fame chimica esista è cosa certa, e ne ho un caso in famiglia, che questo sia anche il tuo caso non saprei, ma di sicuro il fatto che tu non stia assumendo farmaci ti semplifica il passaggio alla dieta crudista o tendenzialmente tale, e questo non è poco.
Direi che non ti manca proprio niente per ricominciare: hai fatto la controprova, hai le giuste motivazione, sai cosa devi fare, sai cosa ti aspetta, ora ti diamo una spinta, a questo punto devi solo fare la cosa buona e giusta per te, falla per amore e stima verso te stessa.
Un abbraccio, Arbor

Avatar utente
Veggy
Messaggi: 51
Iscritto il: dom set 30, 2012 11:00 am
Controllo antispam: cinque

Re: DIGIUNO PER DIMAGRIRE

Messaggio da Veggy » lun ott 01, 2012 9:54 am

Arbor, ho le lacrime agli occhi mentre leggo il tuo messaggio... hai perfettamente centrato il punto.
E' questo il più GRANDE lavoro che devo fare: iniziare a fidarmi del mio istinto, di ciò che "sento" essere la giusta strada, fidarmi di scegliere da sola e senza timori di sbagliare....fidarmi di me stessa e credere di potermi meritare di essere felice.. è un lavorone! Credo sempre che, chiunque mi trovo davanti, ne sappia più di me..e questo mi frega. Mi fido tanto degli altri e non ascolto mai mai me stessa..e non è la prima volta che mi succede di dover raccogliere i pezzi da sola, dopo che altri mi hanno rovinata!

Purtroppo ho alle spalle 1infanzia atroce, e non mi stupisco di tutte queste paure e disagi che ho..ma OGNI GIORNO ringrazio il cielo per avermeli portati, perchè grazie a tante cadute e dolori, ho potuto e posso lavorare su me stessa. So che questo è solo un periodo, alla fine del quale sarò VIVA e FELICE. Mentre ci sono persone che, non avendo sintomi evidenti, magari "sopravvivono" stando malino per tutta la vita.
E' tanto dura...ma è utilissimo. E per questo devo ritenermi fortunata! :wink:

Spero tanto di potervi continuare ad aggiornare qui...e spero di scrivere anche messaggi positivi e pieni di GIOIA di VIVERE! :P

vi mando un bacio enorme..GRAZIE!

Luna8
Messaggi: 318
Iscritto il: ven lug 27, 2012 6:02 pm
Controllo antispam: cinque

Re: DIGIUNO PER DIMAGRIRE

Messaggio da Luna8 » lun ott 01, 2012 8:24 pm

Ciao Veggy,

Anche a me è successo di guardarmi allo specchio e non riconoscermi essendo cambiata troppo in fretta, ed era orribile!

Ho un’alta stima del digiuno, ho iniziato a leggere il libro di Ehret e dall’indice vedo che anche lui ne loda le proprietà salutari. Purtroppo la mia unica esperienza è stata negativa e da allora non ho più avuto il coraggio di riprovare. Con il vegan-crudismo consigliato qui però per me l’effetto è praticamente quello positivo che ho raggiunto con il digiuno, solo un po’ più blando (e che dopo il digiuno purtroppo ho perso). Premetto che il mio concetto del digiuno è quello della disintossicazione e purificazione. Non va considerato come cura dimagrante, anche se in genere si dimagrisce.

Mi dispiace molto che tu ti sia fatta influenzare da questo medico. La stramaggioranza dei medici di alimentazione non sa assolutamente niente. Non fa nemmeno parte della loro formazione, al massimo una spolveratina superficiale. Solo che sono medici e la loro opinione viene presa in considerazione seriamente ... :(

Visto che nel tuo periodo crudista stavi così bene e che sei riuscita a mantenerlo per un discreto periodo di tempo, ti auguro che tu riesca ad adottarlo di nuovo.

Per quanto riguarda l'autostima ho scritto qualcosa nel diario alimentare di Sissy.

Confermo quindi in linea di massima quello che dicono Ross0, Arbor e Marco.

Coraggio!
Luna

Luna8
Messaggi: 318
Iscritto il: ven lug 27, 2012 6:02 pm
Controllo antispam: cinque

Re: DIGIUNO PER DIMAGRIRE

Messaggio da Luna8 » gio ott 04, 2012 9:09 am

Ciao Arbor e altri esperti!

Ho appena finito di leggere Ehret, molto interessante! Si deve tenere in conto che ha scritto il libro un secolo fa e nel frattempo ci sono state parecchie scoperte scientifiche. Cosa che naturalmenten non toglie niente alle sue esperienze. Pur trovando il suo approccio convincente, più a livello intuitivo che scientifico, certe opinion mi sembrano un po’ azzardate … :) Molto convincente che ti sia passata la vitiligine. Non avrei immaginato che sia possibile. Ma che se fossimo puri e sano saremmo tutti più scuri non mi convince. In fondo tutti hanno il sangue rosso, non ho mai visto del sangue “pallido”.

Ho visto che Ehret è molto favorevole al digiuno e lo consiglia prima di cambiare tipo di alimentazione. Lo consiglia anche come cura depurativa regolare.
Vorrei sapere perchè non ti entusiasma. :) Paura di perdere peso?

Un salutone
Luna

arbor
Messaggi: 594
Iscritto il: lun apr 23, 2012 1:54 pm
Controllo antispam: cinque

Re: DIGIUNO PER DIMAGRIRE

Messaggio da arbor » gio ott 04, 2012 12:23 pm

Immagino ti riferisca a me per la vitiligine, di cui ho sofferto in zona spalle e collo per alcuni anni, in particolare con l’esposizione al sole, quando mi si accendeva (ma anche d’inverno restava la chiazza d’ombra). Quest’anno mi è passata completamente, neppure la minima traccia. Neppure mia moglie ci credeva: lei era convinta che fosse un fungo, estirpabile solo con qualche farmaco che solo il dermatologo avrebbe potuto prescrivermi. Naturalmente non le ho creduto, sapendo benissimo che si trattava di una tipica forma di detox che si manifesta per via cutanea, e ho avuto ragione (anche se lei non ha voluto riconoscermelo). Io però non ho mai detto che diventando più puri si diventa più scuri: uno ha la carnagione che gli ha dato la sua mamma, un igienista (quindi, voglio dire, uno puro) norvegese resterà pur sempre di pelle bianchissima, su questo non ci piove.
Il mio scarso entusiasmo per il digiuno è presto spiegato: se uno sta bene, ha fame e quindi deve mangiare e non digiunare. Diverso è il discorso se non si sta bene, se ci si ammala: in questo caso la fame passa, quindi è bene digiunare, finchè non ci si riprende e ritorna anche la fame. Il digiuno insomma lo vedo come una misura d’emergenza, naturale ed efficacissima per fare pulizia. In condizioni normali invece ci sono altri modi per tenersi in buona salute, a partire da una dieta a base principalmente di frutta, che è assai depurativa, e ha il vantaggio di essere”per sempre”.
Per quanto riguarda l’opportunità o meno del ricorso al digiuno quando non si è ammalati, la mia posizione è questa: se sei un igienista ferrato, allora non hai bisogno del digiuno (tranne quando ti ammali, ma questo è un altro caso); se invece sei ancora malcerto nel tuo stile di vita (alimentare in particolare), allora il digiuno rischia di non servire a niente, anzi rischia solo di peggiorare il tuo metabolismo, né più né meno come una qualsiasi delle tante diete dimagranti così reclamizzate. Cosa succede infatti, se non si è tetragoni nelle proprie scelte alimentari, una volta finito il digiuno: si ricadrà nelle proprie errate abitudini, vanificando i benefici ottenuti e anzi ritrovandosi peggio di prima, con un metabolismo rallentato.
In estrema sintesi, dunque: se si è sicuri di sé, il digiuno non serve; se non si è sicuri di sé, il digiuno rischia di essere solo dannoso. Se però ci sia ammala, ben venga il digiuno finchè non ritorna la salute.
Salutone, Arbor

Rispondi