Diario di bordo, primo giorno.

Archivio delle discussioni sui forum non più presenti

Moderatore: laura serpilli

Rispondi
Avatar utente
lafcadio
Messaggi: 33
Iscritto il: lun feb 23, 2009 9:46 pm

Diario di bordo, primo giorno.

Messaggio da lafcadio » lun dic 06, 2010 10:13 am

Cari tutti,
si comincia. Stamattina, lo ammetto, mi sono alzata più tardi del solito. Ieri ho finito di studiare alle 2 di notte e avevo bisogno di recuperare... Così, alle 8, precipitata giù dal letto e richiamata all'ordine dai miei pargoli (3 cani, di cui due enormi), ho avuto appena il tempo di infilarmi il cappotto ed ero già in cammino. Ho fatto con loro un giro di una quarantina di minuti, camminata veloce salvo pausa bisognini. Devo dire che si sono divertiti pure loro! Faceva parecchio freddo, malgrado io viva a Bari e qui le temperature siano di solito più clementi. Dopo l'iniziale paralisi da ghiaccio, ho iniziato a riscaldarmi e quella sensazione di infarto imminente (dovuta al fatto che per il freddo non riuscivo a respirare)è svanita quasi subito. Tornata a casa, mi sono dedicata alle sacre abluzioni quotidiane. Ho impiegato più tempo del solito (oggi non vado in facoltà, per questa settimana mi toccherà andarci solo giovedì e venerdì... viva le vacanze! Di solito ci vado tutti i giorni e non riesco a dedicare tutto questo tempo a me stessa... Per non togliere tempo ai miei pargoli, la sveglia in giorni di "ufficio" è anticipata alle sei). è piacevole prendersi un po' di tempo per fare cose che normalmente si è costretti a inserire in ritagli di tempo quando ci sono. Mi sono addirittura concessa una maschera per il viso all'argilla! Penso che sia bello curarsi e volersi un po' più bene. Io almeno ne ho molto bisogno, data la scarsa considerazione che ho sempre avuto per me stessa. Passiamo alla colazione (che sto finendo di fare mentre vi scrivo). Ho preparato dell'ottimo tè verde giapponese, Sencha, preso alla Bottega del commercio equo e solidale nella quale ho lavorato per anni (mi manca immensamente quel lavoro! si respirava un'aria serena, un angolo di paradiso nel centro ipertrafficato di Barletta). Ne ho bevuta una tazzona senza zucchero (non amo lo zucchero nel tè, quando lo prendo nero di solito, se proprio ho voglia di un sapore dolce uso il malto); ho poi spremuto due arance e devo ancora bere il mio mezzo bicchere di succo. Inoltre ho pesato trenta grammi di riso soffiato (ho scoperto con disappunto che i soli cereali che avevo a disposizione, che non fossero pieni di zucchero e di altre cose che devo evitare, erano riso soffiato, riccioli di crusca e fiocchi di avena. Per cambiare ho deciso di alternarli. Il riso soffiato è leggerissimo, ho pensato di iniziare con quello perché 30 g sono davvero visivamente un quantitativo immane... domani che mi tocca la crusca, ne mangerò 6-7 riccioli... :) ). Ho pensato di abbinarli stamattina a un vasetto di yogurt di soya ai frutti di bosco, che devo giustiziare prima della scadenza. Premetto che allo stato attuale ho solo bevuto un tè, e preso 10 capsule di lievito di birra con un enorme bicchierone d'acqua. Il lievito me lo ha consigliato sia la nutrizionista, sia un amico dermatologo. Talvolta ho delle piccole eruzioni cutanee, piuttosto sgradevoli e ho la pelle un po' strana. è mediamente secca, eccetto sul naso, sul mento e a volte anche sulla fronte, punti in cui è più grassa e lucida. Sono solita fare molta attenzione nella pulizia del viso, adopero prodotti specifici (rigorosamente naturali e non testati sugli animali) per limitare i danni... Spero che il lievito mi possa essere utile. Ricordo che lo utilizzava mia sorella in pieno boom di acne giovanile con ottimi risultati. Il mio erborista, mio alleato in varie situazioni (compresa la complicata fase di "smaltimento" dei farmaci), mi ha consigliato di utilizzare una tisana da diluire in un litro e mezzo di acqua per stimolare la diuresi e il drenaggio dei liquidi. Uno dei problemi assurdi dell'assunzione dei farmaci è che si riduce notevolmente lo stimolo di urinare, fino ad avere addirittura delle difficoltà effettive nella minzione. Insomma, questa tisana è composta da regina dei prati, tarassaco, vinaccia, frassino e arancia amara. Il sapore è gradevolissimo, molto delicato. E funziona in modo incredibile! Dopo averne bevuta una bottiglia intera (preferibilmente a temperatura ambiente), gli effetti benefici arrivano entro un'ora... Il solo problema è che è necessario avere un bagno a disposizione! Sarà da ridere quando mi toccherà andare all'università... luogo in cui i bagni sono generalmente l'anticamera dell'inferno... o il paradiso dei germi, che dir si voglia.
Per il pranzo ho pensato di approfittare della solitudine (mio marito rientrerà in tarda serata) per sperimentare una zuppina delle mie. Una crema di piselli, lattuga, indivia, radicchio e menta. Da accompagnare a una bella porzione di frutta. Con questo freddo, zuppina calda e camino acceso fanno pensare molto all'inverno (stagione che io amo in modo particolare). Per la cena non ho ancora pensato. Ho una bella insalatona a cui aggiungere qualche noce o qualche anacardo, del pane bio di segale regalatomi dalla mia adorata cognata tedesca (sono due fettine del peso complessivo di 45 g) e una mela. Di sera non amo mangiare troppo, altrimenti mi vengono gli incubi! Sono convinta che riuscirò ad arrivare a sera senza problemi, forse addirittura a domani mattina senza avere attacchi di fame isterica. Per distrarmi ho deciso di anticipare di una stagione le pulizie di primavera... con tre cani in casa non si finisce mai di mettere in ordine! Poi se non resisto, torno qua e mi distraggo scrivendovi. Per ora vi lascio, finisco di fare colazione (me la sto prendendo proprio comoda oggi!) e inizio a combattere contro i peli superflui (non i miei, ma quelli dei miei tre cani in muta!). Un abbraccio a tutti.

Daria
Messaggi: 4908
Iscritto il: mar nov 14, 2006 7:43 pm
Controllo antispam: cinque
Località: mantova
Contatta:

Re: Diario di bordo, primo giorno.

Messaggio da Daria » lun dic 06, 2010 12:59 pm

Bene, complimenti! Vai così... tieni aggiornato il tuo diario, attraveso il quale noi ti saremo vicini, pronti a sostenerti, ad incoraggiarti... o anche solo a leggerti.
:-)

Avatar utente
yasodanandana
Messaggi: 2264
Iscritto il: gio set 01, 2005 1:13 pm
Località: diciamo Firenze
Contatta:

Re: Diario di bordo, primo giorno.

Messaggio da yasodanandana » lun dic 06, 2010 1:08 pm

lafcadio ha scritto:Di sera non amo mangiare troppo
giusto... mai superare le cinque pizze e i tre piatti di pasta con le melanzane fritte!

miele_paz
Messaggi: 680
Iscritto il: gio giu 22, 2006 1:33 pm

Re: Diario di bordo, primo giorno.

Messaggio da miele_paz » lun dic 06, 2010 3:19 pm

hey là yaso! una vita che non ti si legge!!!

Avatar utente
yasodanandana
Messaggi: 2264
Iscritto il: gio set 01, 2005 1:13 pm
Località: diciamo Firenze
Contatta:

Re: Diario di bordo, primo giorno.

Messaggio da yasodanandana » lun dic 06, 2010 3:23 pm

io leggo sempre... il fatto e' che leggo sempre cose giuste e non c'e' bisogno che intervenga..

come stai? tutto bene?

foto dall'india.. sono appena tornato:

viewtopic.php?f=16&t=37576

Avatar utente
lafcadio
Messaggi: 33
Iscritto il: lun feb 23, 2009 9:46 pm

Re: Diario di bordo, primo giorno.

Messaggio da lafcadio » lun dic 06, 2010 5:05 pm

Rieccomi. Una pausa post passeggiata con i cani (sta iniziando a piovere... che bello!). Casa è uno scenario post atomico. Non sono metodica nella pulizia di casa, comincio con una cosa poi senza finire passo ad un'altra... per ora posso dire conclusa la pulizia della cucina : ho persino svuotato i pensili (quando si fanno le pulizie di primavera è d'obbligo, ancor più se sono anticipate). Ho scovato pacchi di legumi che non ricordavo di avere in casa (i pensili per me che sono un piccolo tappo sono luoghi inaccessibili senza opportuna scaletta). Domani ne approfitterò per una bella zuppa... Sono già in ammollo preventivo.
Contrariamente a quello che pensavo (sono giorni che ho la nausea da quando mi alzo a metà pomeriggio più o meno), sono riuscita a mangiare tutto quello che dovevo. Certo ci ho messo una vita, ma ho finito tutto. Devo dire che sono abbastanza soddisfatta e per niente affamata. Stasera mi attende l'insalata con un po' di frutta. Speriamo di farcela.

A causa dei ritmi sballati della mia vita, per anni non ho cenato quasi mai, mangiando di più a pranzo. Di sera mi bastavano le pillole e le gocce. è difficile tornare a fare tre pasti più eventuali spuntini, ma necessario. Prima eccedevo a pranzo con la scusa che tanto a cena non mangiavo e ottenevo il duplice pessimo risultato: sonnolenza postprandiale e conseguente pigrizia assoluta e al mattino una fame che mi sarei mangiata pure Banana (uno dei miei tre cani). Penso che se mi abituerò a dividere i pasti, questo problema svanirà insieme ad altri. Ora ho messo a scaldare un po' d'acqua e sto per prepararmi una tisana al finocchio (con aggiunta di melissa, liquirizia e menta). Fa abbastanza freddo. Io abito a pochi metri dal mare, l'aria è particolarmente umida. In altri tempi mi sarei preparata una cioccolatozza calda, magari con un goccio di rum (alla faccia degli psicofarmaci...)... riserverò la libidine ad occasioni particolari e centellinate.
per ora vi saluto.
a presto.
S.

Avatar utente
lafcadio
Messaggi: 33
Iscritto il: lun feb 23, 2009 9:46 pm

Re: Diario di bordo, primo giorno.

Messaggio da lafcadio » mar dic 07, 2010 12:53 pm

Sono ancora qui, secondo giorno.
Oggi è andata malissimo. Sono a letto con 39.3 di febbre, ho un mal di testa come non mi capitava da due giorni (soffro di emicrania aurale prolungata da circa 11 anni) e non ho ancora mangiato nulla. Ieri sera ho provato ad impormi l'insalata con pane di segale e frutta, ma non ci sono riuscita. Stanotte ho avuto i crampi. Ora ho solo dolori articolari, come se mi avessero fracassato di botte (l'ultima volta che mi sono sentita così è stato a genova nel 2001), la testa in fase di esplosione e un persistente senso di nausea. Ho dovuto anche annullare la mia seduta di decervellamento dallo psichiatra. oggi non ero in grado di alzarmi. I cani a spasso li ha portati mio marito. Vorrei dormire. Non mi riesce. Fuori c'è un sole splendido. Ma dentro di me più nero del nero.
Tra poco mi preparo una tisana. Dimenticavo, ho anche una voce leggermente androgina e la gola in fiamme. Zenzero, zenzero, zenzero...
il mio corpo mi boicotta? mi sento un vero orrore. sono stata anche molto peggio di così, ma lo trovo frustrante. Doveva cominciare proprio in questo modo un nuovo capitolo? Il medico mi ha consigliato, se proprio non riesco a mangiare altro, di nutrirmi di frutta e verdura crude. Non intendo prendere altri farmaci per la febbre e l'infreddatura. Di solito mi metto a letto e lascio che tutto passi da solo. Speriamo di essere in piedi entro giovedì mattina... ho una riunione importante in dipartimento e non posso assentarmi.
vi terrò aggiornati.
S.

Avatar utente
lafcadio
Messaggi: 33
Iscritto il: lun feb 23, 2009 9:46 pm

Re: Diario di bordo, primo giorno.

Messaggio da lafcadio » mer dic 08, 2010 5:00 pm

Terzo giorno. La febbre è scesa. La testa è sempre sul punto di esplodere ed ho un sonno che potrei dormire fino all'anno nuovo. Sono in piedi, non sopporto di stare a letto per giornate intere. Mi è bastata la pacchia di ieri. Non ho fatto colazione stamattina, ad eccezione di un caffè. Ho pranzato con insalata, un piccolo piatto di pasta integrale con ragù di soia (delizioso, mi è venuto davvero bene) e frutta. Stasera non si sa. Forse continuo con la frutta, ho una dipendenza da mandarini difficilmente controllabile. Oppure un tè con qualche fetta biscottata integrale (sempre fatta da me... la scorsa settimana ho cotto al forno a legna quasi 2 Kg di pane integrale con cereali - diviso con i miei genitori e i miei suoceri - e quello che è avanzato l'ho fatto a fettine e tostato in forno. Mio marito ama molto il pane abbrustolito, lo inzuppa sia nel latte che nel caffè). Ho portato le belve a spasso, sia stamattina presto che nel pomeriggio (stamattina c'era un sole meraviglioso, ora sta piovendo). Tutto qui. Mi sento un po' stanca. Nella mia testa il vuoto siderale. Domani si ricomincia ad andare in facoltà e spero di reggere i ritmi di lavoro. Saranno settimane piene, malgrado le feste natalizie. Devo consegnare una relazione dettagliata sulla mia attività di ricerca, compilare innumerevoli scartoffie inutili e riprendere a scrivere due saggi che presto saranno pubblicati su riviste specializzate. Insomma tanto lavoro. spero si accompagni altrettanta volontà.
un saluto, a domani.
S.

Rispondi