Mi sento presa per i fondelli.

Archivio delle discussioni sui forum non più presenti

Moderatore: laura serpilli

Rispondi
guglielmabas
Messaggi: 31
Iscritto il: mar set 14, 2010 9:52 am
Controllo antispam: cinque

Mi sento presa per i fondelli.

Messaggio da guglielmabas » ven dic 03, 2010 10:46 am

Forse il titolo del thread sarà un po' forte, ma davvero sentito.

Abito a Fossano, dove per noi residenti del centro storico la raccolta porta a porta è già d'obbligo da mesi.

In poche parole da mesi io mi carico la mia immondizia in macchina e vado di persona a portarla all'oasi ecologica perchè il porta a porta non funziona.
Gli orari sono pessimi, il servizio funziona a metà.

Siamo obbligati ad usare sacchetti in mater b per l'organico, sacchetti che ci fornisce il comune e che si sciolgono in meno di un giorno.
Minuscoli e scomodissimi, causano pessimi odori e attirano sciami d'insetti.

Sacchetti di plasticaccia per la plastica, talmente grossi che per poterli tenere in ordine abbiamo dovuto comprare una pattumiera gigante apposta.

E per la carta uno scatolino che se già devi buttare i cartoni della pizza fatichi a farceli entrare.

La nostra via non ha marciapiedi e tantomeno coperture sopra i portoni. quando fanno il ritiro porta a porta i sacchi di plastica e carta si ribaltano nella strada e spesso mi è capitato di notare che molte cose non vengono nemmeno raccolte (ad esempio la carta che esce dalle scatole, troppe volte l'hanno lasciata per terra a marcire sotto la pioggia)

oggi mi citofonano "siamo quelli della NUOVA raccolta differenziata"
mi danno LE STESSE SCATOLE DI PLASTICA che già avevamo, ma sono di colori diversi (già, perchè se la mia scatola della carta è gialla anzichè bianca non mi accettate l'immondizia)

Una montagna di sacchetti di plastica (che si aggiunge alla montagna che il comune ci aveva dato pochi mesi fa) e una montagna di sacchetti per l'organico (schifosi come i precedenti, che vanno anch'essi ad aggiungersi ai precedenti datici dal comune)

"la differenza è solo che d'ora in poi non esisteranno più i cassonetti dell'indifferenziato, l'immondizia dovrete lasciarla fuori dalla porta".

ora sono infuriata:
1-a che cosa serve questo spreco immondo di plastica??? perchè dovevano darci delle nuove scatole per sostituire le vecche non riciclabili???
2-perchè al posto di dare delle scatole di dimensione civile danno delle cose enormi che solo chi ha un balcone enorme può gestire (perchè vi garantisco, noi abbiamo un balcone grosso, per tre quarti è occupato dalle scatole della raccolta)
3-perchè se già funzionavano male i ritiri porta a porta aggiungete problemi imponendo di lasciare l'indifferenziato in mezzo alle strade???

Mi fa schifo pensare che l'indifferenziato finirà per strada. I ritiri saranno tardivi come sempre, e nel frattempo i scchetti saranno all'aperto alla mercè di insetti e topi.
Si ribalteranno con facilità come sempre, le macchine li apriranno (come al solito!) e l'immondizia finirà dappertutto.

Ed il solo vantaggio che vedo è per la AIMERI AMBIENTE che con questa "mossa ecologica" ha preso tonnellate di sovvenzioni per peggiorare un servizio che già esisteva e per quel poco che andava andava meglio di come sarà.

Sono indignata e schifata.

Rispondi