Diario di Al-ma: vorrei... ma non posso?

Archivio delle discussioni sui forum non più presenti

Moderatore: laura serpilli

Al-ma
Messaggi: 67
Iscritto il: mer lug 07, 2010 3:37 pm
Controllo antispam: cinque

Re: Diario di Al-ma: vorrei... ma non posso?

Messaggio da Al-ma » lun lug 12, 2010 2:25 pm

Ciao, Fra!
Grazie per avermi concesso un po' di tempo!!! :D
Ora l'euforia della neo-iscrizione mi porta a scrivere spesso e tanto, ma a breve dovrò ridurre molto i miei post perché sonno e lavoro reclamano!!
Si, lo so, l'ho letto qui sul forum e nei libri mille volte: la disintossicazione è dolorosa e la diarrea ne è una manifestazione. Il punto è che io, le feci molli le avevo anche PRIMA di cominciare col crudismo, ed ora, a volte, passo giornate davvero devastanti (con tutto che stò 10 ore fuori casa!!!).
Tenterò senz'altro di tenere duro, però ho anche letto diverse volte che esiste la possibilità di adottare diete di transizione per limitare gli effetti della detox, diete in cui è presente anche un po' di cotto. Ma ne ho trovate tante, tutte diverse tra loro, e sperimentando qua e là nel tentativo di trovare quella giusta per me, faccio sicuramente altri danni. Da quello che ho capito nella transizione sono indicati legumi e patate, più che i cereali: mi sbaglio? E poi, quante volte a settimana?
Ripeto: ora sto valutando anche la dieta di Valdo Vaccaro (anche se il pop corn non mi ispira!!!).
Hai qualche consiglio da darmi in merito alla transizione?

Un saluto

Alessandra

Avatar utente
lisak84
Messaggi: 557
Iscritto il: ven giu 22, 2007 9:27 am

Re: Diario di Al-ma: vorrei... ma non posso?

Messaggio da lisak84 » mar lug 13, 2010 11:37 am

Ciao Alessandra!!!!Come ti hanno già consiliato la dieta di transizione migliore è quella di Valdo Vaccaro anche secondo me...
Spulcia bene le tesine, su alcune è spiegato bene il regime da adottare...e lascia pure perdere pop corn e pappette di semini se nn ti ispirano...io mangerei frutta durante mattina e pomeriggio, mentre per i pasti insalatona di verdure crude seguita da cereali in chicco possibilmente scegliendo tra quelli senza glutine, o legumi o patate, tutti cotti conservativamente...è più o meno questo quello che consiglia :)
Tieni duro!!!

Al-ma
Messaggi: 67
Iscritto il: mer lug 07, 2010 3:37 pm
Controllo antispam: cinque

Re: Diario di Al-ma: vorrei... ma non posso?

Messaggio da Al-ma » gio lug 15, 2010 12:25 am

Grazie, Lisak!
In due righe hai condensato tutto lo scibile in materia!!! :lol: :lol:
In effetti, l'altra sera mi sono seduta a tavolino con tre "illustri luminari": Shelton (La facile combinazione degli alimenti), Ehret (Il sistema di guarigione della dieta senza muco) e Valdo Vaccaro (Alimentazione Naturale) e, dopo aver scartabellato tutto, sono giunta più o meno alle tue stesse conclusioni.
Una cosa, però, mi ha lasciata perplessa: su varie cose i Luminari la pensano in modo molto diverso tra loro. Per esempio, la combinazione frutta seccata-noci, considerata non idonea dagli igienisti, per Ehret è ottima come dissolvitrice di muco (forse perché manda di corsa al bagno, almeno a me fà più o meno quell'effetto!!! :? ). Poi, a proposito del numero di pasti giornalieri, Shelton ne consiglia tre (colazione-pranzo-cena, e tra i menù c'è anche l'agnello!!! anche se non raccomandato, ovviamente), mentre per Vaccaro vanno introdotti anche numerosi spuntini, con conseguente riduzione delle quantità ai pasti principali... Mah! In fondo è normale: non appartengono tutti esattamente alla stessa scuola di pensiero.
In proposito, devo dire che l'idea dei tanti mini-pasti al giorno mi ha fatto riflettere, proprio perché io mi sono sempre ostinata a fare preferibilmente solo i tre canonici, e a rimpinzarmi di frutta e verdura durante gli stessi (certo, facendo precedere la frutta, tutta di un solo tipo, alla verdura, ma finendo comunque con l'ingurgitare ogni volta chili di cibo). Valdo raccomanda al massimo 400 g di frutta pe volta...
E allora ho deciso: si riparte! Con un piccolo passo indietro verso il cotto, ma avendo ben presente la meta finale (solo crudo!!). Colazione e tanti spuntini di frutta durante il giorno, a pranzo verdura e legumi, e a cena verdura e patate/cereali.
Ieri, poi, mi è arrivata per e-mail la proposta di dieta della nutrizionista che avevo contattato tramite l'AVA di Roma. Già sabato, il giorno dopo il colloquio, c'eravamo sentite e mi aveva chiesto se gradivo i GERMOGLI, perchè stava tentando di venirmi incontro e di prepararmi una dieta ingrassante quanto più possibile CRUDA. Le avevo detto che tutto ciò che è crudo va benissimo!!!
E, con la dieta, è arrivata una piacevolissima sorpresa: tre pasti principali più spuntini, e tanto, tanto crudo (frutta e verdura a volontà, germogli di legumi e cereali per le proteine, latte di mandorle, spuntini di noci e pinoli...), con pochissimo cotto sparso qua e là. Ho deciso di seguirla!
Ieri ed oggi sono stata molto bene: so che è TROPPO presto per cantare vittoria, ma sento che l'aver frazionato i pasti riducendo le quantità a pasto è stato un passo importante. Anche se ne sono golosa, per le scorpacciate di frutta c'è sempre tempo!!!

Alessandra

Avatar utente
lisak84
Messaggi: 557
Iscritto il: ven giu 22, 2007 9:27 am

Re: Diario di Al-ma: vorrei... ma non posso?

Messaggio da lisak84 » gio lug 15, 2010 11:52 am

Eheh in effetti ho il dono della sintesi! XD
Sono contenta che tu abbia trovato un modello di alimentazione che per ora ti soddisfa!!!Con sto caldo poi il crudo, la FRUTTA sono ancora più piacevoli!! :mrgreen:
Sai anch'io ho letto Heret e Shelton, ma li trovo un po' antiquati...per carità tanto di cappello per essere i capostipiti, ma come tutte le scienze anche l'igienismo si evolve!!!
Beh che dire, continua così e facci sapere!!

Al-ma
Messaggi: 67
Iscritto il: mer lug 07, 2010 3:37 pm
Controllo antispam: cinque

Re: Diario di Al-ma: vorrei... ma non posso?

Messaggio da Al-ma » mar lug 20, 2010 2:06 pm

BEH! Eccomi qui, reduce (nel vero senso della parola) da una settimana di dieta "ingrassante" (2000 cal) data dalla nutrizionista, dieta che peraltro mi concedeva un buon 60-70% di crudo...
Che dire!!! Sono qui, con la codina tra le gambe!!
I primi quattro giorni ho retto abbastanza bene, ma dal quinto in poi (proprio quando ho cominciato a mangiare insalate di germogli) ha iniziato di nuovo a gonfiarmisi l'intestino di aria e feci liquide, e al bagno che fatica (e che dolore)!!!
Ovviamente i chili, più che altro, li ho continuati a perdere. Ma non è stato tanto questo il problema. Avrebbe anche potuto essere un segno di disintossicazione. Il guaio principale di questa dieta, secondo me, è che, come vuole la stravecchia concezione medica classica, è impostata secondo il principio "ad ogni pasto un po' di tutto": proteine, carboidrati, grassi, fibre... Io, che ormai mi ero piacevolissimamente abituata alla semplicità del pasto monofrutto, ho provato letteralmente il disgusto nel mangiare macedonie, insalate di verdura e legumi accompagnate da piadina di cereali, latte vegetale con frutta, cereali e caffè d'orzo. Più c'era miscuglio, più mi sentivo un macigno nello stomaco, e a seguire un blob nell'intestino. Temo quindi che alla fine il mio apparato digerente non abbia retto l'eccessiva varietà dei pasti.
E poi, sinceramente, alcuni sapori proprio non mi piacciono più: passato di legumi, mais precotto, caffè d'orzo, ...
Dopo sette giorni non posso dire di essere arrivata a delle CONCLUSIONI, ma senz'altro ho delle SENSAZIONI: sento che il cotto lo digerisco con molta fatica (e lentezza), specialmente mischiato al crudo; sento che le elaborazioni culinarie, per me che ho la colite, non vanno per niente bene (e parlo anche del semplice latte di mandorla "home made", ma forse qui è anche un problema di noci ...), sento che le verdure cotte, rispetto a quelle crude, sono insipide e difficili da digerire. Però ho anche imparato cose importanti: frazionare il cibo in pasti più brevi e frequenti, almeno per me che ho lo stomaco rimpicciolito, è un'ottimo metodo per cercare di prevenire il gonfiore; i semi e le noci vanno assunti in modestissime quantità; i germogli vanno anch'essi assunti in modeste quantità, e per chi ha la colite come me consiglio di frullarli prima (magari con una verdura acquosa)!!
E così, prima ancora di sentire la nutrizionista, oggi mi sono programmata una bella giornata di spuntini per festeggiare il mio ritorno SULLA VIA del crudo totale:

colazione: 5 prugne; yogurt di soia con fiocchi di cereali crudi (ah! Questi sono stati una ri-scoperta! BBBUUUUOOONNNIIIII!)
primo spuntino: 5 albicocche
secondo spuntino: 2 pesche
pranzo: insalatona condita con olio e limone accompagnata da crocchette di germogli essiccate
merenda: 2 pesche
prima di cena: 2 mele
cena: insalatona di cetrioli crudi, e a seguire fagioli borlotti freschi cotti senza buccia (li ho spellati uno ad uno!!!) con, forse, un po' di carote cotte.

Sì, lo so, con le quantità non ci siamo proprio, ma l'attacco di colite non è ancora passato del tutto, e devo andarci decisamente piano!!
Il punto, ora, è questo: voglio mangiare il più possibile crudo e semplice perché, colite a parte, è il tipo di alimentazione che mi da' più energia e meno acciacchi in assoluto.
E stavolta, cavolo, non ci saranno coliti, dimagrimenti e dottori che tengano: NON TORNERO' INDIETRO!!!
Forse ad agosto, quando finalmente sarò in ferie, potrò permettermi qualche giorno a sole centrifughe o a diete monofrutto (cara colite, non mi dimentico certo di te!!!)...
Intanto, oggi, nel gustare la frutta pura, ancora intera, mi sono sentita così bene, così felice!!! E' talmente buona!!!!

Ah! Grazie, mamma (natura)!!!!

Avatar utente
lisak84
Messaggi: 557
Iscritto il: ven giu 22, 2007 9:27 am

Re: Diario di Al-ma: vorrei... ma non posso?

Messaggio da lisak84 » mar lug 20, 2010 4:06 pm

Eh se hai difficoltà a digerire di sicuro la semplicità è la scelta migliore...e sono sicura che prima o poi comincerà ad andare meglio;è solo che il corpo, appena ha sento entrare tutto questo cibo buono e disintossicante, ne ha subito approfittati x fare le pulizie!!!Vedrai che una volta che l'intestino si sarà ripulito, anche la digestione migliorerà!
Tra l'altro, complimenti x la pazienza...spellare ad uno ad uno tutti i fagioli!Nn ce la farei mai!!! :shock:

Al-ma
Messaggi: 67
Iscritto il: mer lug 07, 2010 3:37 pm
Controllo antispam: cinque

Re: Diario di Al-ma: vorrei... ma non posso?

Messaggio da Al-ma » mer lug 21, 2010 2:20 pm

lisak84 ha scritto:Tra l'altro, complimenti x la pazienza...spellare ad uno ad uno tutti i fagioli!Nn ce la farei mai!!! :shock:
Ciao, lisak!!!
Sì, ecco, spellare (fagioli, PISELLI FRESCHI :shock: , peperoni, pomodori, ...), sminuzzare, passare al setaccio e al passaverdure sono delle BELLISSIME ( :? ) occupazioni in cui mi diletto la sera tardi sperando di fare cosa gradita al mio intestino irritatissimo. In qualche modo tento di conciliare l'alimentazione cruda con la riduzione di fibre auspicata nei casi di attacco di colite. In realtà è diventato solo un modo per andare a letto tardissimo, a tutto discapito proprio dell'infiammazione intestinale (che invece richiederebbe sonno e riposo :roll: :| ). Quand'è che il cagnolino smetterà di mordersi la coda? :( :(

Ieri pomeriggio, poi, dopo il mio ultimo messaggio pieno di ottime (e sincere!!!) intenzioni, l'ho fatta proprio grossa!!!
Ho dovuto accompagnare i miei figli ad una festicciola di bimbi. Devo dire che il buffet, per la prima volta da quando frequento queste feste, mi veniva meravigliosamente incontro: ho trovato anguria tagliata a tocchetti e fette di banana essiccate (che ho letteralmente divorato). Ma poi è spuntata fuori la torta di compleanno, anzi: TRE torte-gelato, ognuna formata da due gusti diversi sovrapposti in due strati. Sono partita finendo i residui del pezzetto che avevo preso per mio figlio più piccolo, e poi non ci ho capito più nulla: ho fatto il bis, il tris, il quadris ... Mi sono fermata quando ho sentito lo stomaco stracolmo, e ho pensato: mio Dio, ora nella mia pancia succederà un disastro!!! A casa mangio subito la frutta!!
Invece, PER FORTUNA, ho avuto un barlume di saggezza e, tornata a casa (e andata in bagno!!), ho saltato tutto il crudo che mi ero preparata e ho mangiato solo cotto. Infatti, se avessi mangiato frutta subito dopo quella montagna di gelato, sarebbe solo imputridita in attesa della digestione dello stesso, e chissà quanta aria!!! Mangiando solo cotto, e poco, ho arginato abbastanza bene i danni, e oggi sono ripartita alla grande con frutta e verdura! :mrgreen: :mrgreen: . Per il momento tutto OK! :mrgreen:
Ah, a proposito del gelato: dopo cena, quando ho sentito che ormai era abbastanza digerito, ho cominciato a sentirmi "strana": come fossi un po' "brilla", o come se avessi fumato un po' di marjuana ... Insomma, letteralmente DROGATA!!! Credo sia stato il gusto cioccolato (il più abbondante), considerato anche che non mangiavo cioccolata da molti mesi. Cavolo, ragazzi: ma cosa ci fanno mangiare 'sti avvelenatori???
Un abbraccio
Alesandra

Avatar utente
lisak84
Messaggi: 557
Iscritto il: ven giu 22, 2007 9:27 am

Re: Diario di Al-ma: vorrei... ma non posso?

Messaggio da lisak84 » gio lug 22, 2010 10:48 am

Quanto hai ragione!!! Il cibo cotto è una vera e propria droga x il corpo...soprattutto le robe tipo dolci, pizze....x quello nn si riesce più a fermarsi...soprattutto all'inizio è dura, xke si è tipo in crisi di astinenza, poi pian piano ci si abitua a starne alla larga...
Oramai io se penso al rincoglionimento che mi viene dopo aver mangiato quelle cose e il malessere che ho il gg seguente riesco a nn cedere...diciamo che la paura vince sul desiderio :D E dopo un po' cominci a nn vederle nemmeno più come cibo, certe cose!!

Al-ma
Messaggi: 67
Iscritto il: mer lug 07, 2010 3:37 pm
Controllo antispam: cinque

Re: Diario di Al-ma: vorrei... ma non posso?

Messaggio da Al-ma » gio lug 22, 2010 9:42 pm

lisak84 ha scritto:Quanto hai ragione!!! Il cibo cotto è una vera e propria droga x il corpo...soprattutto le robe tipo dolci, pizze....x quello nn si riesce più a fermarsi...soprattutto all'inizio è dura, xke si è tipo in crisi di astinenza, poi pian piano ci si abitua a starne alla larga...
Oramai io se penso al rincoglionimento che mi viene dopo aver mangiato quelle cose e il malessere che ho il gg seguente riesco a nn cedere...diciamo che la paura vince sul desiderio :D E dopo un po' cominci a nn vederle nemmeno più come cibo, certe cose!!
Lisa, guarda: per me la situazione è davvero strana. Ci sono molti cibi che avevo già eliminato prima ancora di cominciare a mangiare il più possibile crudo, tipo pizza, pasta, GELATI, dolci, ... semplicemente perché facevano malissimo alla mia colite! Perciò è da un pezzo che non li vedo più come cibi. Ma poi, una volta al mese, o ogni due mesi, succedono questi episodi stranissimi di abbuffate "malsane"! Però, a pensarci bene, l'evento scatenante è sempre lo stesso: sono ad una festa con onnivori che non conosco bene (feste di compleanno dei bambini, feste di fine anno delle scuole) e sui tavoli c'è di tutto e di più, ma nulla o quasi di sano e crudo!!! E a vedere tutti che mangiano, mi sento come esclusa, "strana", senza contare che mi viene una gran fame!!! L'ultima volta, poi, avevo anche trovato cose sane (anguria, banana essiccata), ma quel giorno mi ero mossa moltissimo e avevo una fame pazzesca, nonché un gran caldo...
Comunque, l'ho pagata molto più cara del previsto, e stavolta la colite non c'entra: è da ieri sera che ho la febbre a 39 (e dire che ieri pomeriggio mi sembrava tutto superato bene :cry: !!) e mi sento proprio uno straccio!!! Sarà stato il latte del gelato, visto che non tocco latte e derivati da mesi e mesi?
In realtà, anche a mio marito stasera è venuta la febbre, e lui alla festa non c'era... BOH!!!
Oggi, per coccolarmi un po', mi sono dedicata alla frutta fino a sera: 6 albicocche a colazione (più un po'di latte di soia con fiocchi di grano saraceno: il latte lo devo finire, io non butto nulla!!), 3 pesche a pranzo, 2 banane a merenda, una mela e mezza prima di cena. A cena mi è venuta voglia di riso basmati bianco, e me lo sono fatto :wink: , affogandolo in un una scodella di pomodori a pezzettoni!! Poi, 4mandorle. Per il momento Il pancino tace, speriamo bene!!!
C'è però una cosa che mi lascia perplessa: quando ho la febbre istintivamente cerco la frutta (che è fresca!!), però mentre la mangio ha nella mia bocca di malata un sapore orribile (gli altri cibi non assumono lo stesso saporaccio). Qualcuno sa darmi la spiegazione di questo fatto? :roll: :roll:

Al-ma
Messaggi: 67
Iscritto il: mer lug 07, 2010 3:37 pm
Controllo antispam: cinque

Re: Diario di Al-ma: vorrei... ma non posso?

Messaggio da Al-ma » sab lug 24, 2010 12:14 am

Questa mattina mi sono svegliata con pochissima febbre, svanita poi nel nulla in un'oretta, è così è cominciata un'altra tranquilla ... giornata di paura!! Sì, perché oggi la febbre ce l'aveva mio marito, quindi ho dovuto fare IL DOPPIO del solito (due bimbi da accompagnare a scuola e poi riprendere, la spesa, cucinare, pulire... Fortuna che almeno ho lavorato a casa!!!).
Colazione: 7 albicocche, un quarto di bicchiere di latte di soia con due cucchiai di fiocchi di grano saraceno
Primo spuntino: mezzo melone
Secondo spuntino: 2 pere
Pranzo: 325 grammi di lattuga condita con olio, limone e un gocciodi salsa di soia, più tre crocchette di germogli essiccate (circa 50 grammi in tutto)
Merenda: 2 pesche e mezza (l'altra mezza aveva tirato le quoia)
Prima di cena: una mela (avrei voluto fare due, ma nel frattempo avevo avuto pessimi incontri con il bagno)
Cena: scodellona di peperoni crudi conditi con olio, e a seguire due patate lesse con capperi condite con olio.
Oggi niente saporacci, ma l'intestino... che tragedia!!! Tanta aria, e tanta diarrea!!! E' il melone? E' il fatto che mangio tipi diversi di frutta in un giorno? E' che ogni tanto c'è qualcosina cotta? E' che per il mio stomaco questa è troppa frutta, sono troppe fibre??.... Non lo so, non so più nulla!!! :cry: :cry: :cry:
La diarrea ormai ce l'ho quasi tutti i giorni, e per essere sinceri ciò che mi impedisce di buttarmi completamente sul crudo non è la gola (tanto mi piace tutto, comprese frutta e verdura), ma proprio il fatto che, se aumento il crudo (e soprattutto la frutta), aumenta la diarrea. Ora, va bene la disintossicazione, ma viviamo pure in una "società civile" e certi "problemini" non si conciliano con la vita di tutti i giorni (per non parlare dei dolori, del disagio, e della tristezza che ne segue). Dunque, se non posso prendermi il riposo durante la mia disintossicazione (che peraltro sembra eterna!!), tanto vale che lascio perdere??? :shock: :shock: :shock:

Essenza_diVaniglia
Messaggi: 169
Iscritto il: dom mar 01, 2009 8:51 pm
Controllo antispam: cinque

Re: Diario di Al-ma: vorrei... ma non posso?

Messaggio da Essenza_diVaniglia » sab lug 24, 2010 9:12 am

Alma, ho letto il tuo problema peso sul diario di peaceful.
Io non mi connettevo più da un po', quindi non ci conosciamo, credo.

In ogni caso volevo rassicurarti,
immagino che tu sia crudista da pochi mesi,
e ti riporto la mia esperienza.

Io ho vissuto il periodo di massima disintossicazione durante l'estate,
ed ero magrissima. Progressivamente ho aggiunto un po' di patate
(è uno sbaglio, non lo fare se puoi) e durante l'inverno ho messo su peso.

Mangiavo frutta secca e frutta secca dolce, ed ero più sedentaria.
Quindi anche col crudismo si riesce a ingrassare... eccome.

Probabilmente per te è così difficile perché il tuo corpo sta cogliendo
al massimo le possibilità offerte dalla disintossicazione,
e anche i cambiamenti che fai in questo periodo non lo possono fermare.
Intendo: se continui su questa strada il tuo corpo procederà verso la disintossicazione,
continuando con i piccoli disagi, inclusa la magrezza.

Ma poi passa, e magari quest'inverno avrai risolto i tuoi problemi,
visto anche che il metabolismo tende a impigrirsi in quei mesi.

Per la diarrea mi verrebbe da consigliarti il digiuno,
per esempio serale se hai bisogno di essere efficente la mattina.
O se non proprio il digiuno, ti direi di abbandonare la verdura sia cruda che cotta,
ed alimentarti quanto più possibile con frutta dolce (melone, banane, fichi, mele),
magari evitando di fare tutti questi spuntini.
Colazione, pranzo cena. O pranzo spuntino cena, così da mettere a riposo
anche tutto il tubo digerente.

Magari fai un pasto di sola frutta a pranzo, e uno due spuntini sempre di frutta.
Sono comunque disagi passeggeri.

A proposito: io credo che i tuoi desideri di cibo, e la spinta sociale,
si presentino semplicemente perché non hai fatto ancora l'abitudine
a superare indenne quei momenti, e giustamente a volte ti viene voglia non solo di
'stare in compagnia' ma di rimangiare cose che ti piacevano,
o alle quali ti eri abituata.

Se ti dovesse capitare, magari anche lì potresti pensare a un semidigiuno.

Mi sento comunque di consigliarti la frutta dolce.

Al-ma
Messaggi: 67
Iscritto il: mer lug 07, 2010 3:37 pm
Controllo antispam: cinque

Re: Diario di Al-ma: vorrei... ma non posso?

Messaggio da Al-ma » sab lug 24, 2010 11:26 pm

Ciao, Essenza,
grazie per l'interessamento!
In realtà sono crudista "parziale" (oscillando tra il 60% e il 90%) da più di un anno, e per il momento non posso tentare il 100%.
Ero magra più di un chiodo già prima di conoscere il crudismo, e pensa: avendo letto che con il crudismo si tende a raggiungere il peso forma QUALUNQUE SIA LA SITUAZIONE DI PARTENZA, ho creduto "ingenuamente" che io, partendo già ipermagra, non avrei perso altri chili disintossicandomi, ma li avrei presto acquistati!!
Ora so com'è veramente la questione, ed hai ragione: mi sto disintossicando davvero per bene :wink: !
Il digiuno no, non posso provarlo: con due bimbi, il lavoro a tempo pieno, problemi familiari contingenti, ... non me la sento proprio!
Però di buttarmi sulla frutta sì, mi va molto!! Come suggeriva anche Francesco-Peaceful, in ferie tenterò la giornata mono-frutto (magari con le adorate pesche!!!).
Gli spuntini li ho introdotti da poco, e ti dirò: mi stanno aiutando a mangiare di più digerendo meglio (li sto riconducendo tutti a sola frutta fresca, e di un solo tipo). Prima, facendo solo tre pasti al giorno, mi abbuffavo durante gli stessi e mi gonfiavo il triplo di adesso!!
Ecco, proprio su questo ho riflettuto oggi: è vero, ho ancora gonfiore e diarrea, ma adesso, praticamente, il livello di "gravità" del problema è lo stesso di prima che comincaissi a mangiare crudo. Niente a che vedere con i primi esperimenti da crudista, quando sembravo incinta di 5 mesi!!! Insomma, in realtà HO GIA' FATTO ENORMI PROGRESSI :P :P :P !!!

Sugli episodi legati ai momenti dei socialità, credo tu abbia perfettamente ragione, e credo ci penseranno pian piano le post-crisi (l'ultima è stata terrificante!!!) a farmi imparare definitivamente come si sta in compagnia senza doversi omologare!!! :D
Un abbraccio
Ale

lanie

Re: Diario di Al-ma: vorrei... ma non posso?

Messaggio da lanie » dom lug 25, 2010 8:45 am

sto leggendo con interesse i vostri percorsi, essenza e al-ma.
personalmente sono contenta di leggere che si può ingrassare un po'colcrudismo, a me non piace l'idea di dimagrire troppo (normopeso sì, ma magra non mi va sinceramente, mi piace qualche chili un più).
il mio detox di luglio procede, questa settimana ho mangiato un po' più cotto, probabilmente dovuto ad un'enorme stanchezza accumulata. ora posso riposarmi e ne approfitterò per "migliorare" la mia alimentazione cruda :D

Al-ma
Messaggi: 67
Iscritto il: mer lug 07, 2010 3:37 pm
Controllo antispam: cinque

Re: Diario di Al-ma: vorrei... ma non posso?

Messaggio da Al-ma » mer lug 28, 2010 1:13 pm

Ciao, lanie, sono felice che tu sia capitata dalle mie parti!!! :P :P
Quindi tu pensi che, quando ti senti stanca, vai sul cotto?
Per quanto mi riguarda, mi sembra che mi succeda esattamente il contrario: quando sono a terra sento che devo mangiare qualcosa che si digerisca in fretta, e vado di frutta e verdura. Invece, se sono pimpante, e sento TANTA fame, capita che le porzioni di crudo che mi sono preparata non mi bastino e aggiungo un po' di cotto. A proposito, leggevo che molti di voi, col passaggio a forti percentuali di crudo, arrivano a saziarsi bene col crudo e a rimanere insoddisfatti con il cotto. A me succede il contrario: se ho fame potrei mangiare chilate di frutta e/o verdura e restare affamata, mentre se mi sposto sul cotto mi sazio presto... Ma mi sa che è ancora una questione di GUSTO e, malgrado tutto, il mio palato si soddisfa ancora preferibilmente con il cotto!!!
Ohibo'!! Confesso che, in ogni caso, per me ora l'importante è saziarmi e non sentire mal di pancia!!!
E chissà che, per il mal di pancia, io non abbia trovato la mia "formula magica"?? :) :)
Sto mangiando così:
colazione (7.30): frutta (200-400 gr di un tipo) e a seguire yogurt di soia con cereali "crudi" (del Naturasì, non della fioccatrice!!)
primo spuntino (10.30): 200-300 gr di frutta di un solo tipo
secondo spuntino (11.30): 200-300 gr di frutta di un solo tipo
pranzo (13.00): 400-500 gr di frutta di un solo tipo
merenda (16.30): 200-300 gr di frutta di un solo tipo
prima di cena (19.30): mele (300-500 gr)
cena (20.00): insalata di lattuga con olio, limone, talvolta salsa di soia; seconda verdura cruda o cotta; pasto cotto (cereali senza glutine/patate/legumi cotti, o germogliati e frullati/UOVA-queste non so per quanto ancora).
E' ovvio, formule magiche non ne esistono, ma ieri per la prima volta sono arivata alle cinque del pomeriggio SENZA ARIA NELLA PANCIA (poi ho fatto merenda DI CORSA, per motivi di lavoro, e fine del sogno!!! :roll: ). Vedremo oggi... Certo che la frutta è divinamente buona!!! Però... ieri sera sbucciavo i fagioli borlotti freschi da cuocere oggi e pensavo: ecco, questi si possono mangiare esclusivamente cotti (so che i germogli sono indigesti)... e sono così buoni!!! Possibile che in questi casi la cottura non sia stata un'utile invenzione???? Anche solo per farci apprezzare TUTTI i frutti che la Natura mette a disposizione delle sue creature (veramente il fagiolo è un seme, ma in questo caso qual'è il frutto??? :? ).
Ma magari esistono animaletti che si nutrono di borlotti crudi ( :wink: ), e allora il cerchio si chiude lo stesso...
BOH?! Io, intanto, per il momento non riesco a resistere al borlotto a vapore, e me lo pappo! :lol: :lol: :lol:
Durante il giorno, però... VAI CON LA FRUTTA!!!!!!!!! :D :D
Un bacio a tutti
Alessandra

makiwaka
Messaggi: 244
Iscritto il: ven apr 30, 2010 2:56 pm
Controllo antispam: cinque

Re: Diario di Al-ma: vorrei... ma non posso?

Messaggio da makiwaka » mer lug 28, 2010 1:47 pm

Al-ma ha scritto:Però... ieri sera sbucciavo i fagioli borlotti freschi da cuocere oggi e pensavo: ecco, questi si possono mangiare esclusivamente cotti (so che i germogli sono indigesti)... e sono così buoni!!! Possibile che in questi casi la cottura non sia stata un'utile invenzione???? Anche solo per farci apprezzare TUTTI i frutti che la Natura mette a disposizione delle sue creature (veramente il fagiolo è un seme, ma in questo caso qual'è il frutto??? :? ).
Ma magari esistono animaletti che si nutrono di borlotti crudi ( :wink: ), e allora il cerchio si chiude lo stesso...
BOH?! Io, intanto, per il momento non riesco a resistere al borlotto a vapore, e me lo pappo! :lol: :lol: :lol:
:D :D :D
Buoni i fagioli! Come ti capisco!
Però il cerchio si chiuderebbe lo stesso anche senza animaletti pappa-fagioli.
Non credo che la natura metta a disposizione niente né a noi né agli altri animali.
Poveri fagioli! Lo scopo della loro esistenza è lo stesso degli altri esseri viventi: vivere!
Siamo noi che ci siamo evoluti per poter digerire questo o quell'altro frutto, ma ci sono voluti milioni di anni di dura selezione naturale.

Ciao,
makwa

Rispondi