I cinque elementi

Archivio delle discussioni sui forum non più presenti

Moderatore: laura serpilli

Rispondi
sifu lorenzo
Messaggi: 113
Iscritto il: sab nov 03, 2007 10:50 pm
Località: Torino
Contatta:

I cinque elementi

Messaggio da sifu lorenzo » ven apr 30, 2010 7:01 pm

Sui significati nascosti dei Wu Xing, i cinque elementi

Parliamo in questa sede non di “segreti” ma più propriamente di significati nascosti perché in realtà le informazioni sono a disposizione di chi semplicemente, con un po' di pazienza e costanza, abbia l'accortezza e l'intelligenza necessaria per cercare i significati che stanno dietro le varie simbologie.
E tra le simbologie dell'arte marziale ne troviamo una che di significati ne contiene parecchi: la simbologia dei cinque elementi.
Nell'Hung gar kung fu ma anche in altri stili di arti marziali,troviamo molteplici riferimenti alla teoria dei Wu Xing, che più che una teoria è una filosofia e un modo per vedere la realtà per quella che è.
Diciamo questo perché effettivamente i cinque elementi sono un'evoluzione del concetto di Yin e Yang e simboleggiano, tramite l'interazione che vi è tra di loro, vari principi spirituali tramandati nel Taoismo e nel Buddhismo.
Legno, Fuoco, Terra, Metallo e Acqua, disposti lungo la circonferenza di un cerchio ideale ed esattamente in questa sequenza, si generano a vicenda.
Infatti il Legno alimenta il Fuoco, che bruciando tutto riporta tutto alla Terra, che per un'azione di compressione e sedimentazione forma il Metallo, su cui per condensazione si forma l'Acqua che dà vita e alimenta il Legno.
Ma se in questo cerchio inscriviamo una stella a cinque punte( interessante l'associazione tra il pentagramma e il simbolo Uomo, già usato nelle tradizioni esoteriche occidentali), collegando così i vari elementi, formeremo una sequenza di interazione distruttiva per cui ogni elemento distruggerà, assorbirà, taglierà o veicolerà il successivo.
Quindi il Legno penetra la Terra, che veicola l'acqua, che spegne il fuoco, che scioglie il metallo che taglia il legno.
Questi procedimenti, in natura, sono continui e producono, senza sosta, vita e nascita di tutti gli elementi.
Possiamo ben vedere, innanzitutto, che questa mutevolezza è alla base dell'insegnamento Taoista ed è la stessa impermanenza di tutte le cose di cui parla sempre la dottrina Buddhista.
Ogni elemento, (e noi siamo compresi in questo ciclo), nasce per mano di un altro e per mano di un altro ancora muore.
E' evidente che l'insegnamento che ne esce risulta un invito ad una piena presa di coscienza della illusione di fermezza e stabilità che troviamo su questo piano di esistenza (Maya, nel Buddhismo e nell'Induismo significa illusione), per cui è insito anche l'invito a lasciare l'abitudine di lavorare e attaccarsi alle cose materiali e a pensare a prender coscienza della propria natura divina (Buddhità, Atman, Scintilla Divina).
Nel Kung fu esiste una forma fisica di combattimento ispirata ai cinque elementi, ed esiste anche una forma di allenamento energetico (Ch'i kung, lavoro sull'energia) sempre ispirato ai Wu Xing.
Questo esempio di evoluzione del concetto di Yin e Yang e della mutevolezza dell'intera sfera sensibile ci riporta anche ad una sensazione di interdipendenza con tutti gli individui ed esseri del mondo, per cui se mai ci sfiorasse l'idea di poter vivere isolati dal resto dell'umanità, senza mai offrire ciò che abbiamo e sempre rifiutando ciò che ci viene offerto, ci sembrerebbe quasi di non aderire alla naturalezza dell'universo e dei suoi meravigliosi meccanismi.

iniziato
Messaggi: 66
Iscritto il: dom mag 28, 2006 9:39 pm
Contatta:

Re: I cinque elementi

Messaggio da iniziato » mar giu 01, 2010 3:51 pm

nello shintoismo , causa forte influenza buddista i cinque elementi vengono a variare per trovare la loro conformazione in :
Terra acqua fuoco vento( aria) e Vuoto.

A differenza dei 5 elementi classici c'è forse, dal mio punto di vista, un'intenzione a volgere lo sguardo verso il mondo sottile ed interiore e ad abbandonare per un momento la materia, sebbene L'uomo è sempre equilibrio fra cielo e terra.

Cosa ne pensi?

sifu lorenzo
Messaggi: 113
Iscritto il: sab nov 03, 2007 10:50 pm
Località: Torino
Contatta:

Re: I cinque elementi

Messaggio da sifu lorenzo » mer giu 02, 2010 1:16 am

Non conosco, nell'accezione specifica del culto Shinto, il significato che si attribuisce ai cinque elementi.
Nella tradizione Daoista i cinque elementi sono i fondamenti costituenti dell'intero universo.
Ma al di là di ciò vi è ancora dell'altro.
Difatti gli stati di coscienza dell'iniziato reale, passando da uno stato di molteplicità a stati effettivi di sempre maggior unità,
sfociano meravigliosamente nella coscienza del Grande Uno (T'ai ch'i),
Infine, superato questo stadio, l'illuminazione finale è l'autocoscienza del Non Essere, chiamato Wu Ch'i, il grande vuoto.
Non so se in questo caso il Vuoto sia associabile a quello degli elementi Shintoisti, ma sarebbe molto gradito
se volessi parlare un pò di questa preziosa e antica disciplina spirituale.
Ciao iniziato e benvenuto sul forum :D

iniziato
Messaggi: 66
Iscritto il: dom mag 28, 2006 9:39 pm
Contatta:

Re: I cinque elementi

Messaggio da iniziato » gio giu 03, 2010 3:45 pm

Nel pensiero giapponese i significati dei 5 grandi elementi sono semplicemente questi :
Terra, rappresenta le cose solide
Acqua, rappresenta le cose liquide
Fuoco, rappresenta le cose distrutte
Aria-Vento, rappresenta le cose mobili
Vuoto, che rappresenta le cose che non sono nella vita quotidiana.

Secondo me ogni rappresentazione della vita è valida quanto un'altra essendo tutte possibili "vie" per l'auto coscienza.
Il vuoto di cui parli tu è probabilmente già un elemento straordinario, nel senso stretto del termine e penso che in parte si possa associare a quello shintoista.
Nell'hinduismo l'etere , l'akasha è elemento madre da cui nascono gli altri quattro così come più terra terra il vuoto è la possibilità che precede la maifestazione di uno degli altri quattro elementi.

Nel comabattimento il vuoto è quell'istante indefinito che traduce una nostra emozione interna in una manifestazione del nostro io in uno dei quattro elementi portandoci così a scegliere di non intervenire, restare piazzati nel nostro centro ( Terra ) o indietreggiare in "difensiva" ( Acqua ) o "evadere" un 'avversario , o un colpo ( Aria ) o ancora divenire aggressivi ( Fuoco ).

Associerei anche il Vuoto all'intuito, alla completa chiarezza mentale che portata all'estremo diventa per brevi momenti Chiaro-Veggenza, profonda Empatia, Sottile sensibilità, ovvero quell'insieme di caratteristiche interiori che fanno si che nel nostro Vuoto Interiore possano emergere tutte le possibilità future ancora in realizzazione ed in qualche misura prevdere le mosse del nostro "avversario".

sifu lorenzo
Messaggi: 113
Iscritto il: sab nov 03, 2007 10:50 pm
Località: Torino
Contatta:

Re: I cinque elementi

Messaggio da sifu lorenzo » ven giu 04, 2010 10:36 pm

iniziato ha scritto: Nel combattimento il vuoto è quell'istante indefinito che traduce una nostra emozione interna in una manifestazione del nostro io in uno dei quattro elementi portandoci così a scegliere di non intervenire, restare piazzati nel nostro centro ( Terra ) o indietreggiare in "difensiva" ( Acqua ) o "evadere" un 'avversario , o un colpo ( Aria ) o ancora divenire aggressivi ( Fuoco ).
Questa simbologia è molto simile alla simbologia dei cinque elementi nel sistema marziale dell'hung gar kung fu
Infatti, la terra è simbolo di stabilità, il legno di flessibilità, il metallo di durezza e tagliezza, il fuoco attività e aggressività, l'acqua fluidità e cedevolezza.

Le arti marziali cinesi sono impregnati della morale confuciana, dell'esoterismo taoista e della filosofia buddhista.
Credo che anche nella tradizione shintoista si possano trovare concetti come la mutevolezza di tutte le cose e l'interdipendenza.
D'altronde, anche se le forme essoteriche differiscono di regione in regione e tra un periodo e l'altro, il vero esoterismo è sempre simile e funge da comune denominatore per tutte le tradizioni.

Conosco queste informazioni perchè so che molte arti giapponesi fanno riferimento al percorso spirituale del buddhismo e dello shintoismo.
Inoltre è interessante notare lo Shinto è nato nel periodo in cui è nato il buddhismo e che l'etimologia della parola Shinto ci riporta alla composizione di Shin To, o Shin Tao, Via degli Dei, quindi per questa ragione possiamo sicuramente dire che la filosofia dei cinque elementi, nel Taoismo, Buddhismo, Shintoismo, trovi correlazioni e strettissime similitudini di significato.

Rispondi