levistico

Archivio delle discussioni sui forum non più presenti

Moderatore: laura serpilli

Rispondi
silviasco
Messaggi: 143
Iscritto il: lun apr 28, 2008 6:04 pm

levistico

Messaggio da silviasco » sab apr 10, 2010 4:45 pm

Mi hanno appena portato dei semi di un'erba che si usa nella cucina romena, e che ho scoperto essere il levistico. Naturalmente sono curiosissima di coltivarli e vedere che viene fuori, ma vorrei avere qualche consiglio sulla coltivazione (dovrebbe essere tipo sedano e prezzemolo, no?) e magari anche sull'utilizzo nella cucina italiana, se c'è, o al limite l'utilizzo erboristico.
E se la coltivazione va a buon fine, posso anche mandare i semi a chi li chiede. :wink:

Avatar utente
melinda
Messaggi: 572
Iscritto il: lun mag 21, 2007 2:07 pm
Località: provincia Trento

Re: levistico

Messaggio da melinda » lun mag 10, 2010 8:10 am

Ciao, non sò se ti può essere ancora utile ma in rete ho trovato queste cose sul levistico:

Caratteri morfologici: Il levistico, conosciuto anche con l'appellativo è un'erbacea perenne rustica dal profumo gradevole e intenso che si trova, allo stato spontaneo, in molte zone collinari dell'Italia settentrionale. Non può venire coltivato in casa, in quanto vive solo all'aperto ove forma cespi di notevole eleganza. I fusti del levistico che raggiungono uno sviluppo di oltre un metro, sono rotondi, eretti, cavi; essi ramificano verso la cima e presentano sfumature rossastre. Le foglie del levistico sono tripennatosette, incise e dentate, decisamente simili per forma a quelle del sedano. Molto profumate, esse non perdono il loro aroma neppure dopo che sono state essiccate, e vanno dunque aggiunte alle pietanze con moderazione. Nel cuore dell'estate, nei mesi di luglio e agosto, si aprono i fiori del levistico: piccolissimi, di un colore tra il giallo pallido e il verde, sono riuniti in ombrelle.

Raccolta: Le foglie si raccolgono in estate, tra giugno e agosto; le radici in autunno quando la stagione vegetativa si è conclusa. Le foglie si possono sia congelare sia essiccare. Per le radici e per i semi si consiglia invece di ricorrere esclusivamente a quest'ultimo metodo.

Uso in cucina: Le foglie del levistico, fresche o essiccate, sono ottime per insaporire minestre e bolliti. Quando sono tenere e crude possono sostituire il prezzemolo nelle frittate e nelle minestre, mentre aggiungono un gradevole sapore a molti altri piatti, come quelli a base di pollo e al baccalà. I gambi più teneri possono venir canditi, quelli più vecchi vengono lessati e mangiati come contorno oppure uniti alle altre verdure nella preparazione delle minestre.

Proprietà farmaceutiche: La radice del "sedano di montagna" si prepara facendola lessare: il suo consumo favorisce l'attività renale, riduce i ristagni di liquidi, e migliora le funzioni digestive. Essa è utilizzata anche nei casi di insufficienza mestruale.

Spero di esseti stata utile. A proposito non ti sono mica avanzati dei semi?

silviasco
Messaggi: 143
Iscritto il: lun apr 28, 2008 6:04 pm

Re: levistico

Messaggio da silviasco » lun mag 10, 2010 3:22 pm

Grazie, molto interessante!
Per la verità ho un po' sospeso le semine perché il tempo si è mantenuto inaffidabile e quello che avevo seminato si è trovato in difficoltà... Ma ora dovrei riprendere. Se vuoi qualche seme te lo posso spedire, non ne ho moltissimi e non so che germinabilità hanno perché me li ha passati la ragazza che viene a fare le pulizie e glieli hanno portati dalla Romania (con ancora le ombrelle). Che si possa coltivare in vaso ne sono quasi certa, me lo diceva questa ragazza...

Avatar utente
melinda
Messaggi: 572
Iscritto il: lun mag 21, 2007 2:07 pm
Località: provincia Trento

Re: levistico

Messaggio da melinda » mar mag 11, 2010 10:37 am

Grazie mille per i semi, mi potresti dare il tuo indirizzo così ti mando busta e francobollo per la spedizione.

Rispondi