Il mio primo "scontro" con la suocera, ma non solo

Archivio delle discussioni sui forum non più presenti

Moderatore: laura serpilli

Rispondi
Avatar utente
fioredicampo75
Messaggi: 298
Iscritto il: lun lug 14, 2008 8:16 am
Controllo antispam: cinque
Località: Trentino

Il mio primo "scontro" con la suocera, ma non solo

Messaggio da fioredicampo75 » lun nov 02, 2009 9:59 am

Ciao a tutte, buongiorno! Qui oggi è una giornata grigia, è proprio novembre, e come ciliegina sulla torta devo mettermi a stirare, per cui prima di mettermi ai lavori forzati ho pensato di fare un giretto qui a recuperare un po' di energie e di allegria, scusate se a volta scrivo cose un po' "amene", ma sono sempre a casa da sola e mi fate compagnia.
Ordunque, ieri c'è stato il primo scontro con mia suocera. Siamo andati su a trovarli ("su" vuol dire al piano di sopra :cry: ) e c'era anche la zia di mio marito, che è la classica comare che sa tutto lei e che critica sempre tutto e tutti. Stavano parlando di una vicina di casa di questa zia che l'anno scorso ha avuto una bambina (tra il resto nata di 5 mesi e poco più, 550 grammi di peso!!) e ovviamente gliene stava dicendo di tutti i colori perché la allatta ancora, alla veneranda età di 15 mesi, e mia suocera a darle man forte, che a far così ormai l'avrà rovinata.
Allora io, per la prima volta, ho preso il coraggio a quattro mani, e tutta rossa in faccia sono intervenuta per difendere questa poveretta, che non so nemmeno come si chiami, che non sta facendo assolutamente niente di male, che allattare a 15 mesi non è assolutamente un modo per viziarla, oltretutto che è nata fortemente prematura, e che comunque l'allattamento non è solo nutrimento, ma anche coccole, un momento fondamentale per la formazione della personalità e dell'autostima del bambino, ecc. ecc., insomma, tutte cose che voi sapete benissimo. Mia suocera ha cominciato a guardarmi come se fossi una pazza, a dirmi "Ah, a posto sei se la pensi così!", però alla fine si è zittita. Non credo che abbia cambiato idea (e per carità, posso anche capirla, quando i suoi figli erano piccoli nessuno sosteneva l'allattamente ad oltranza), però sono contenta di aver trovato il coraggio di esporre e di sostenere le mie idee, e la cosa più bella forse è che mio marito è intervenuto per darmi man forte. Insomma, sicuramente dovrò "difendermi" da questi attacchi, ma forse non sono così debole come pensavo :roll:
Passando ad altro, sabato ho fatto l'ordine di 24 ciripà, ora sto aspettando la conferma della disponibilità della merce così poi vado alla posta a pagare. Ho preso quelli della engel su bimboenatura.it, non vedo l'ora che arrivino. La sera, dopo avermi aiutato con l'ordine, mio marito se ne esce con una frase del tipo "Ma poi sei sicura di usarli?", dopo che sono mesi che parliamo di pannolini lavabili e che lui ha sempre detto di essere d'accordo con me. L'avrei strozzato, anche perché mi ha fatto venire tutti i dubbi del mondo, visto che anche le amiche ogni tanto mi dicono che sono pazza e che c'è talmente tanto da fare che è impossibile, che è troppo lavoro, ecc ecc, e io avanti a spada tratta con la difesa dell'ambiente e del benessere delle mie bambine. Adesso ci si mette anche lui :evil: ? Comunque gli ho dato una risposta che l'ha più che soddisfatto. Visto che sono notoriamente una tirchia, gli ho detto: "non vorrai mica che dopo aver speso tutti quei soldi adesso non li usi, vero? E poi basta che mi dai una mano anche tu!".
Ultima cosa, ho scoperto fra le cose che mi hanno dato mia sorella e mia suocera dei telini di mollettone abbastanza grandi, credo siano circa 80x80, e ho visto che sul sito della engel dei teli di mollettone di queste dimensioni vengono venduti come inserti per ciripà. Secondo voi posso provare ad usarli? Ma come si piegano? Non sono troppo ingombranti?
Grazie a tutte per avermi ascoltata e lasciato fare due chiacchiere, ora vado a stirare.
PS: che ridere, prima ho provato a mettere le cuffiette vicino alla pancia e le bimbe si sono scatenate, che stessero ballando? Però ho un po' paura, non vorrei che la musica così vicina, anche se non era forte, rovinasse loro l'udito. Però è stato davvero divertente!

girandola
Messaggi: 354
Iscritto il: mar dic 05, 2006 12:08 pm

Re: Il mio primo "scontro" con la suocera, ma non solo

Messaggio da girandola » lun nov 02, 2009 11:56 am

Beh, sai, come si dice quì, la gente trova sempre una zappa....Insomma, la fai così e perché non la fa cosà.....Vebbé....Però visto come stanno andando le cose oggigiorno, di bambini viziati ce ne stanno tanti e non penso che gli abbiano allattati oltre l'anno, portato in fascie, fatti dormire con loro ecc. E poi, veramente, ad un bimbo nato di 5 mesi, che cosa c'è di meglio di allattarlo? Ha avuto questa fortuna di poterlo allattare. Quando nascono così prematuri se non te lo tiri e se poi non ciuccia direttamente il latte se ne va! Boh, certe volte la gente è proprio ignorante....Le multinazionali possono essere contenti visto che c'è ancora tanta gente che crede agli omogenizzati, latte artificiale, di proseguimento ecc.! Se sei convinta delle tue scelte vai avanti. Ci sarà sempre qualcuno che ti criticherà. Ma alla fine uno cerca sempre di fare il meglio per suo figlio, giusto o sbagliato che sia. Per i pannolini lo stesso discorso, se ne sei convinta il lavoro in più non ti pesa e hai anche la coscienza a posto!
Auguri!

flores
Messaggi: 162
Iscritto il: gio ago 18, 2005 3:13 pm

Re: Il mio primo "scontro" con la suocera, ma non solo

Messaggio da flores » lun nov 02, 2009 12:54 pm

hai fatto bene a rispondere , vedrai che la motivazione e' piu' forte di qualsiasi critica.
anche io ne sentivo tante , dopo un po' ne' mia madre ne mia suocera hanno piu' rotto le scatole, anche perche' ero sempre sistenuta dal mio compagno che ogni tanto ha detto a sua madre: "ma che fastidio ti da ? mica ciuccia la tua di tetta!"
....
per quanto riguarda i lavabili, provarci almeno e' giusto , con due farai sicuramente piu' fatica , ma puopi sempre alternare lavabili ed usa e getta in base alle tue forze e alle condizioni del tempo, se becchi una super settimana di pioggia e non asciuga niente ti butti sugli usa e getta, quando il tempo e' bello usi solo lavabili,....l'ambiente e le tue bimbe te ne sarenno grati lo stesso.
anche io per il secondo bimbo che nascera' a febbraio voglio provare i ciripa', ho ancora i pannolini di Emma ma erano di quelli tutto in uno e ci mettono troppo ad asciugare, con Emma non mi preoccupavo perche' e' nata a Maggio per cui in giornata era tutto asciutto. con questo piccolino devo cambiare

in bocca al lupo e buona stiratura

manu

didy
Messaggi: 170
Iscritto il: sab ott 17, 2009 8:47 pm
Controllo antispam: cinque

Re: Il mio primo "scontro" con la suocera, ma non solo

Messaggio da didy » lun nov 02, 2009 6:29 pm

Mi dispiace per quella generazione:
non prendere in braccio perchè se no si vizia
non allattare dopo i 6 mesi perchè se no diventa morboso
dormire nel lettone??????
meglio gli omogeneizzati che la frutta fresca (sono più sicuri)
non esagerare con le coccole perche se no diventano mammoni e insicuri
piangere fa bene ai polmoni
sorride ma è solo un riflesso
ecc ecc ecc
Non si sono goduti un bel niente sempre con la paura di amare troppo e vorrebbero che noi figlie facessimo altrettanto.
Sapete che neppure la mia gatta resiste al pianto del bambino e si aggira agitata (cercando di rendersi utile?)

resisti! didy

Elle
Messaggi: 1787
Iscritto il: lun lug 31, 2006 1:46 pm
Località: Bergamo

Re: Il mio primo "scontro" con la suocera, ma non solo

Messaggio da Elle » lun nov 02, 2009 8:56 pm

ci siamo passate tutte e credo faccia parte del normale istinto di mamma leonessa il difendere a priori il proprio spazio, spazio in cui si vuole avere modo e parola e autorità per decidere e imparare.
Io credo che ognuna di noi abbia poi figure parentali che più o meno si prestano a fare da specchio e controspecchio, quindi la suocera più o meno impicciona e la mamma più o meno invadente e poco fiduciosa.
A ognuno la sua, con sfumature diversissime da caso a caso, ma, di fatto, ognuna di noi si sente non sicura di se e solo piena di buona volontà e informazioni, unica cosa a cui aggrapparsi proprio le informazioni e la strada che si è scelta e su cui fare esperienza. E giustissimo imporsi e insegnare a se stesse e a tutti gli altri che mamma e papà di questo bimbo-bimba-bimbi-bimbi sono solo ed esclusivamente mamma e papà

ma
la cosa che ho notato per esperienza mia e che voglio condividere
è che anche quando si hanno delle ottime mamme o suocere entrano in campo questi scenari, per lo meno a me è successo questo:
- una suocera come la mia la vorrebbero in tanti, cionostante è stato difficilissimo per me accettare consigli e confronti, certamente lei ha e aveva idee diverse dalle mia, ma certamente io ero oltre ongi modo suscettibile a qualunque cosa lei dicesse. E ancora adesso il confronto con la nonna è il più difficile, perchè i ruoli sono particolari e ognuno dentro di se si sente piùo meno sicuro. Di fatto mi è molto più facile sdrammatizzare e prendere le cose serenamente adesso che il bambino ha due anni, che non all'inizio. Ma la particolarità di ruolo, da entrambe le parti segna comportamenti faticosi in cui ognuna si specchia nell'altra.

Quando ero incinta già mi immaginavo scenari tremebondi e tensioni con mia mamme e le sue idee quando avrei avuto il bambino, più o meno come quello che tu hai scritto quà sopra. Di fatto a un mese dal parto a mia madre hanno diagnosticato un tumore, ho partorito che era tra la vita e la morte ed è morta dopo 9 mesi di agonia e 5 in reparto di rianimazione dell'ospedale. Alessandro l'ha visto la prima volta quando lui aveva 4 mesi e non ha mai potuto prenderlo in braccio, se non fargli qualche vaga carezza

e dunque...

tutto il tremebondo che mi ero immaginato alla fine è caduto giù nel water del destino, e mi son considerata fortunata per il solo fatto che invece di morire nella notte in cui sono andata a partorire mia mamma ha prolungato la sua vita per darmi il tempo di riprendermi un attimo, e il tempo di farle vedere mio figlio.

ma sapete la cosa che mi fa ridere nonostante di tutto?
la certezza assoluta che se mia mamma fosse viva soche farei una fatica enooooooooooormeeeeeeeeeeeeeee a confrontarmi con lei e assolutamente nulla avrebbero cambiato i 9 mesi di agonia, la paura di perderla e la morte stessa

e dunque....

avanti care, per certe vie bisogna passarci, e i mostri con cui ci confrontiamo in questi casi sono almeno per il 50% quelli che ci portiamo dentro nello specchiarci nelle mamme archetipe, siano le nostre mamme, le suocere, le zie e chi per essi

certo che se poi son veramente tremende c'è proprio di che divertirsi :lol:


e comunque, coraggio dai!

un abbraccio

robertina
Messaggi: 468
Iscritto il: mar ott 03, 2006 11:21 am

Re: Il mio primo "scontro" con la suocera, ma non solo

Messaggio da robertina » mar nov 03, 2009 9:15 am

ciao care
vi capisco tutte, eccome se vi capisco, anzi è piu corretto dire vi "capivo"
ho avuto una mamma meravigliosa, protettiva, comprensiva, indulgente e tollerante, che ha amato me, mia sorella e le mie figlie piu di se stessa, ma che quando la mia seconda bimba aveva appena 8 mesi, se n'è andata in 5 minuti per un'emorragia cerebrale fulminante, a 57 anni.
Due giorni dopo, mia suocera non ha retto al dolore e se n'è andata anche lei.
E ora io sono SOLA, mentre voi state qui a lamentarvi perchè si impicciano, commentano e criticano, non rispettano le vostre scelte, e non capite che poi nel momento del bisogno avrete sempre una mamma su cui contare, o comunque con cui sfogarvi. Che apprezzino o meno le vostre scelte, loro CI saranno, sicuro.
Apprezzate quello che avete oggi, fate anche un po' tesoro della loro esperienza, non è colpa loro se sono figlie di un'altra epoca e non vi dispiacete se non apprezzano quello che fate o scegliete voi...
baci a tutte
Roberta

Avatar utente
Gato
Messaggi: 276
Iscritto il: gio giu 05, 2008 4:37 pm
Controllo antispam: cinque

Re: Il mio primo "scontro" con la suocera, ma non solo

Messaggio da Gato » mar nov 03, 2009 1:51 pm

robertina ha scritto:non è colpa loro se sono figlie di un'altra epoca
anch'io volevo dire lo stesso, la generazione delle nostre mamme/zie/suocere/vicine eccetera e' stata allevata a colpi di INFORMAZIONI DIVERSE DALLE NOSTRE (ed i risultati sono lampanti: negozi pieni di accessori bimbo inutili che vanno a ruba :? ).
Vedremo se noi saremo piu' aperte mentalmente delle nostre figlie/nuore, quando un giorno saranno loro a criticare indirettamente il nostro stile, adottandone uno completamente diverso :wink:

Curry
Messaggi: 375
Iscritto il: gio feb 15, 2007 9:13 am

Re: Il mio primo "scontro" con la suocera, ma non solo

Messaggio da Curry » mar nov 03, 2009 2:59 pm

Secondo me la questione è un'altra.
Molte persone, la maggior parte, non sanno tenere la bocca chiusa.
Ieri criticavano quella che allatta per 15 mesi. Domani criticheranno quella che l'ha fatto per 2.
A me è capitato così. Voi avete allattato tanto e avete sentito lamentele su questo. Io ho allattato pochissimi mesi e ho sentito il contrario. "Non allatti più! Ma come fai? Cosa gli dai da mangiare? (come, cosa gli dò!!!) che dispiacere, che fatica, chissà col biberon, io non avevo fatto fatica, io ne ho per tre bambini, a me si sporca la maglietta, guarda per fortuna ho il latte se no mi moriva di fame perchè odia il biberon (see, va beh)" e così via.

Ora, è possibile che chi allatta a lungo incontri solo gente contraria all'allattamento prolungato e chi allatta poco incontri solo gente che ha allattato per un anno?
Non sarà che la gente HA SEMPRE DA RIDIRE???
Lascia perdere. Chi non ha una vita piena deve riempirla con quella degli altri. E per invidia ne parla male.
Sono certa che quando partorirai tua suocera sarà troppo felice per pensare ad altro.
Per le amiche che dicono che c'è troppo da fare per i lavabili... lascia perdere. La fatica è sempre quella, che tu debba andarli a comprare e poi buttare, o che tu li debba lavare, la fatica ci sarà sempre. Ognuno decide come investire il proprio tempo.

Curry
Messaggi: 375
Iscritto il: gio feb 15, 2007 9:13 am

Re: Il mio primo "scontro" con la suocera, ma non solo

Messaggio da Curry » mar nov 03, 2009 3:00 pm

Secondo me la questione è un'altra.
Molte persone, la maggior parte, non sanno tenere la bocca chiusa.
Ieri criticavano quella che allatta per 15 mesi. Domani criticheranno quella che l'ha fatto per 2.
A me è capitato così. Voi avete allattato tanto e avete sentito lamentele su questo. Io ho allattato pochissimi mesi e ho sentito il contrario. "Non allatti più! Ma come fai? Cosa gli dai da mangiare? (come, cosa gli dò!!!) che dispiacere, che fatica, chissà col biberon, io non avevo fatto fatica, io ne ho per tre bambini, a me si sporca la maglietta, guarda per fortuna ho il latte se no mi moriva di fame perchè odia il biberon (see, va beh)" e così via.

Ora, è possibile che chi allatta a lungo incontri solo gente contraria all'allattamento prolungato e chi allatta poco incontri solo gente che ha allattato per un anno?
Non sarà che la gente HA SEMPRE DA RIDIRE???
Lascia perdere. Chi non ha una vita piena deve riempirla con quella degli altri. E per invidia ne parla male.
Sono certa che quando partorirai tua suocera sarà troppo felice per pensare ad altro.
Per le amiche che dicono che c'è troppo da fare per i lavabili... lascia perdere. La fatica è sempre quella, che tu debba andarli a comprare e poi buttare, o che tu li debba lavare, la fatica ci sarà sempre. Ognuno decide come investire il proprio tempo.

Avatar utente
fioredicampo75
Messaggi: 298
Iscritto il: lun lug 14, 2008 8:16 am
Controllo antispam: cinque
Località: Trentino

Re: Il mio primo "scontro" con la suocera, ma non solo

Messaggio da fioredicampo75 » mar nov 03, 2009 5:19 pm

Scusate, vorrei chiarire una cosa. Io non critico mia suocera o mia mamma (che peraltro è un po' più aperta), come ha detto qualcuna sono figlie del loro tempo ed è normale che abbiano idee diverse da quelle di oggi. Innanzitutto, credo che le idee che sosteniamo in questo forum possano comunque essere considerate un po' "alternative", molte mamme di oggi o non le conoscono o comunque le disapprovano, senza andare a vedere come stavano le cose 30 anni fa. E poi comunque le nostre mamme/suocere/zie... non fanno altro che ripetere a noi quello che è stato insegnato loro. Magari, quando fra 20-30 anni sarà il mio turno di fare la nonna, ci saranno teorie diverse e le mie figlie mi odieranno a morte. Quello che volevo solo dire è che sono orgogliosa di essere riuscita a difendere la mia idea e a sostenerla, nonostante sapessi che le persone che avevo davanti (in particolare la zia di mio marito) erano profondamente contrarie. Tutto qui. Rispetto le idee di ciascuna, anche perché ogni storia è diversa, c'è chi riesce ad allattare, chi non ci riesce, chi proprio non se la sente, e non credo ci sia una sola strada giusta. Penso che comunque la cosa fondamentale sia l'amore che si dà a questi bambini, il far sentire loro che per noi sono importanti. L'unica cosa che chiedo è che allo stesso modo vengano rispettate le mie idee e le mie scelte, senza farmi sembrare una pazza o senza farmelo pesare, e ricordando che la mamma delle due cucciole sono io, e che quindi è giusto fare quello che decido io, come mia mamma, mia suocera o chi per loro volevano poter educare i loro figli a modo loro. Il mio messaggio era solo un modo per sottolineare il fatto che ero contenta di essere riuscita ad esprimere le mie idee senza farmi intimorire troppo, e tutto sommato vedendo che venivo anche ascoltata e non solo messa alla berlina. Non volevo criticare nessuno, davvero.

Francesca B.
Messaggi: 126
Iscritto il: lun mag 25, 2009 9:46 am
Controllo antispam: cinque
Località: Pordenone
Contatta:

Re: Il mio primo "scontro" con la suocera, ma non solo

Messaggio da Francesca B. » mer nov 04, 2009 10:42 pm

Secondo me per affrontare mamme e suocere, ma vale anche per tutte le altre persone, è rendersi conto che ora gli adulti siamo noi. Spesso non riusciamo a scrollarci di dosso il ruolo di figlie e ci sentiamo obbligate a rendere conto a nostra madre (vale lo stesso per la suocera). Ebbene quando nasce un bimbo loro diventano nonne e noi mamme. Vi ricordate come le nostre mamme si confrontavano con la loro mamma?
Beh, la mia ha sempre fatto quello che ha voluto e non si è lasciata turbare dalla sua mamma ... anzi, spesso era evidente l'approccio che evidenziava la differenza d'età.

Forse il segreto è convincersi che adesso le protagoniste, la generazione leader, siamo noi. Quelli sono anziani e questi altri sono bambini. Poi arriverà il nostro turno di essere anziani e allora dovremo imparare a farci da parte, perchè la nuova generazione leader sarà quella dei nostri figli.

Per ora, una scrollata di spalle o un "sì, sì" è più che sufficiente (lo so benissimo che è difficilissimo non badare le critiche :( ).
Fiore sei stata brava, ora è il tuo turno.
baci
francesca

didy
Messaggi: 170
Iscritto il: sab ott 17, 2009 8:47 pm
Controllo antispam: cinque

Re: Il mio primo "scontro" con la suocera, ma non solo

Messaggio da didy » gio nov 05, 2009 2:58 pm

Qualche giorno fa ho "scoperto" mia madre che sbacciucchiava e dondolava per farlo dormire, il mio bimbo, nonchè suo decimo (e con tutta probabilità ultimo) nipotino, arrivato inaspettato quando gli altri nove sono già grandi. Mi ha fatto una tenerezza, soprattutto ripensando proprio che lei non ha mai potuto farlo nè con noi figli nè con gli altri nipoti, di cui si sentiva responsabile (forse seconda mamma più che nonna?). Voglio un gran bene a mia mamma e sicuramente mi ha aiutata tantissimo dopo tutti i parti: era lei a prepararmi il finocchio bollito per farmi venire il latte e a cuocermi la bistecca per ridarmi le forze, era lei a pulire la casa perchè io dovevo pensare al neonato, era lei a dirmi di non preoccuparmi che tutto andava bene ogni volta che ne avevo bisogno e potrei continuare...e lo stesso per le mie sorelle.

Lei mi ha guardata con uno sguardo quasi colpevole ma compiaciuto, forse per essere finalmente riuscita ad ascoltare quell'istinto potente che spinge a coccolare un neonato, ad abbracciarlo e a godere del suo calore. Forse perchè era l'ultimo, perchè non avrebbe immaginato di stringerne un altro tra le braccia! Quelle che io chiamo "le nostre mamme" erano davvero convinte di fare il meglio per noi figli, e sono sicura che ci voglia una grande volontà a lasciar piangere il tuo cucciolo perchè qualcuno ti ha convinta che altrimenti lo rovinerai.
Per questo davvero mi dispiace per quello che si sono perse! Magari aiutiamole a cambiare qualche loro convinzione, qualche luogo comune con l'aiuto del nipotino o della nipotina neonati, sperando che non debbano arrivare al numero 10 per sciogliersi! :D
didy

Avatar utente
melina
Messaggi: 53
Iscritto il: gio ott 09, 2008 11:49 am

Re: Il mio primo "scontro" con la suocera, ma non solo

Messaggio da melina » ven nov 06, 2009 2:54 pm

E' vero, a volte non ci si rende conto di quanto valga qualcosa finchè non la si perde...
Detto questo, subito dopo la nascita del mio bimbo anch'io ho avuto dei problemi con mia suocera, che in realtà è sempre gentile e disponibile.
Non so voi, ma appena dopo il parto io sono stata per molti giorni "incapace di intendere e di volere" :wink: , non riuscivo a far valere le mie opinioni, e mi sentivo completamente incapace di gestire la cosa. Qualsiasi cosa mi dicessero di fare, anche se sentivo che per noi due era sbagliata, la facevo... ero convinta che quello che dicevano pediatri, nonne ecc. fosse più giusto di quello che sentiva una neo-mamma che prende per la prima volta in braccio un fagottino così piccolo.
Per un paio di mesi per motivi logistici :wink: abbiamo abitato dai miei suoceri, ed ogni volta che il bimbo piangeva, mia suocera (che fa la baby sitter di lavoro, ed è bravissima con i bimbi) faceva la voce in falsetto e mi diceva "mamma ho fame" o "mamma devi cambiarmi"... mamma ... mia come lo odiavo!!!! Va bene che lei ha esperienza, e che lo faceva in buona fede ... ma questo mi ha fatto sempre sentire una incapace. E così per un sacco di tempo ho incolpato lei di tutto, del fatto che Riky è "ciuccio dipendente", che non sono riuscita ad allattarlo (faccio allatt. misto ancora adesso che ha sette mesi).
Bisogna essere in grado di seguire il proprio istinto e di far valere le proprie opinioni! Le sensazioni di una mamma sono sempre quelle giuste!!! E ti assicuro che certe volte sentirai il bisogno di fare una cosa così tanto che farai una gran fatica a resistere (per esempio: i primi giorni quando qualcuno lo prendeva in braccio, mi sentivo impazzire anche se poi non facevo o dicevo niente, oppure la notte quando si svegliava e mio marito insisteva per dargli il bibe così avrebbe dormito fino alla mattina, anche in quel caso sentivo che era sbagliato, ma non riuscivo a farmi valere). Quando arriveranno le tue cucciole, pensa solo a loro e non preoccuparti degli altri ... eventualmente poi ti scuserai dicendo che è stata colpa degli ormoni :wink:
Ah, adesso con la suocera va tutto bene, lei è bravissima e fa divertire tantissimo il mio piccolo. Alla fine passa tutto!

Rispondi