detartrasi: urge consiglio.

Archivio delle discussioni sui forum non più presenti

Moderatore: laura serpilli

Rispondi
Avatar utente
tormalinarosa
Messaggi: 487
Iscritto il: lun ott 23, 2006 8:38 am

detartrasi: urge consiglio.

Messaggio da tormalinarosa » sab ott 31, 2009 8:26 pm

Vorrei sapere se è corretto procedere con la detartrasi una settimana prima di effettuare la rimozione protetta di un'amalgama.
Il dentista me l'ha proposta dicendomi che prima della rimozione è necessario procedere alla detartrasi per evitare che il mercurio durante la rimozione rimanga intrappolato tra il tartaro. Io sinceramente nutro qualche perplessità.
Potranno le gengive, che dopo l'intervento sono doloranti e sanguinanti, essere perfettamente rimarginate dopo appena una settimana?

matteo69
Messaggi: 35
Iscritto il: dom giu 07, 2009 3:18 pm
Controllo antispam: CINQUE

Re: detartrasi: urge consiglio.

Messaggio da matteo69 » dom nov 01, 2009 5:44 pm

Ciao,
so che farai un dispetto al tuo dentista :twisted: ma quell'amalgama ti consiglio di tenertela.....
in questa fattispecie vale prorprio il: "chi lascia la strada vecchia per la nuova sa cosa perde ma non sa cosa trova"

saluti Teo :P

Avatar utente
tormalinarosa
Messaggi: 487
Iscritto il: lun ott 23, 2006 8:38 am

Re: detartrasi: urge consiglio.

Messaggio da tormalinarosa » lun nov 02, 2009 9:24 am

Caro matteo 69, vorrei proprio fare quello che mi consigli ma purtroppo il dente otturato con amalgama da circa 30 anni è diventato sensibile al freddo per cui volente o nolente devo intervenire... :(
Non ho capito bene se mi consigli di tenere l'amalgama comunque o se il tuo consiglio si riferisce al fatto che ho da poco fatto la detartrasi :roll: ?

matteo69
Messaggi: 35
Iscritto il: dom giu 07, 2009 3:18 pm
Controllo antispam: CINQUE

Re: detartrasi: urge consiglio.

Messaggio da matteo69 » gio nov 05, 2009 9:59 pm

Ciao, leggi qui http://www.procaduceo.org/it_mater/arti ... algama.htm e ti renderai conto che in molti casi la rimozione dell'amalgame non è poi così consigliato.


ciao teo

Avatar utente
tormalinarosa
Messaggi: 487
Iscritto il: lun ott 23, 2006 8:38 am

Re: detartrasi: urge consiglio.

Messaggio da tormalinarosa » sab nov 07, 2009 9:31 am

Mi spiace, non riesco ad aprire il link che hai postato, potresti contrololare se c'è un errore?

matteo69
Messaggi: 35
Iscritto il: dom giu 07, 2009 3:18 pm
Controllo antispam: CINQUE

Re: detartrasi: urge consiglio.

Messaggio da matteo69 » sab nov 07, 2009 1:40 pm

ciao,
copio e incollo la parte che ritengo interessante e condivido:

Quando? Il dibattito che si aprirebbe a questa domanda non avrebbe forse mai termine. L'ADA, associazione dei dentisti americani, dopo lunghi test, ha ritenuto che un'otturazione ben eseguita (con buona amalgama) non è tossica in quanto il mercurio non esce dall'otturazione. Questo è anche l'orientamento svedese e italiano. Nel mondo tedesco invece l'amalgama è ormai un ricordo del passato.

Cosa fare allora? Sostituire o no? Se in una bocca vi sono manufatti in metalli diversi (ponti, apparecchi mobili, capsule, otturazioni), tra questi si possono creare correnti elettriche corrosive per il metallo più debole (più la saliva è acida, maggiore è l'effetto). Quindi, come prima regola, non bisogna avere metalli diversi in bocca, soprattutto se non sono nobili: solo oro e leghe altamente preziose.

Sono estremamente importanti inoltre una corretta alimentazione ed un buon intestino "in ordine", onde permettere un buon equilibrio acido-basico anche della saliva. Quindi se ci sono otturazioni in amalgama dello stesso tipo e qualità, ben eseguite, l'effetto corrosivo dovrebbe essere minimo, mentre se sono presenti anche ponti o altri metalli (oltre alle otturazioni) si può avere corrosione e liberazione di mercurio. È possibile comunque fare analisi delle urine, del sangue, dei capelli (mineralogramma), per verificare i livelli di mercurio nell'organismo.

Se le carie sono piccole o le vecchie otturazioni non troppo estese, si può procedere con otturazioni in "composito", che è un materiale plastico, contenente quarzo a granuli più o meno grossi. Attualmente queste paste, altamente estetiche, sono fotopolimerizzabili e di buona durata.

Il loro punto debole è nella superficie di adesione con lo smalto dentale, al quale sono "incollate". Se sono TROPPO GRANDI, il carico masticatorio (80-100 Kg per dente) può incrinare l'adesione e in questa fessura i batteri entrano con facilità, non contrastati da nulla e riformare la carie (questo non succede con l'amalgama perché nelle sue eventuali fessure si formano ossidi notevolmente battericidi) .

Quando la cavità cariosa è molto estesa e l'otturazione grande, l'unica possibilità terapeutica è data da INTARSI. Questi sono manufatti in metallo nobile o in ceramica, costruiti in laboratorio, dopo aver preso l'impronta della cavità, preparata per questo uso.

Gli INTARSI vanno poi cementati e da quel momento sono parte integrante del dente. L'inconveniente è che sono abbastanza costosi, sia per il materiale prezioso, sia per i numerosi passaggi di lavorazione. L'intarsio rimane comunque la soluzione più valida e sicura per le grosse cavità mentre quelle piccole possono essere reintegrate anche con otturazioni in "composito" che come abbiamo già detto sono un po' più deboli e durano meno.

La sostituzione delle otturazioni in amalgama quindi non è un problema semplicissimo. Va studiato e ponderato con calma, per decidere quando farlo e con cosa.

Le amalgame è meglio siano rimosse usando accorgimenti quali la "diga di gomma" sotto controllo medico (il naturopata potrà intervenire con alghe marine, oligoelementi fitoterapici ad azione drenante, amalgame omeopatizzate). Sono consigliati i giorni di luna calante per il minor assorbimento in tale periodo di sostanze tossiche. I nuovi metalli da posizionare in bocca è meglio che siano testati elettricamente per vedere se sono elettrocompatibili. Deve comunque essere sempre sotto controllo l'igiene orale e l'igiene intestinale per l'acidità della saliva.

Vanno poi fatti accurati controlli per verificare la presenza di eventuali malocclusioni onde poterle correggere prima delle sostituzioni, e anche dopo, per non crearne di nuove. Non è cosa semplicissima, ma è senz'altro ben fattibile lavorando con attenzione e professionalità. Le lunghe sedute e i costi sono comunque compensati dalla nuova situazione di ottima salute.

Riferimenti bibliografici
1. Alain Bondil - Mario Kaplan, Mangiare meglio per vivere più a lungo, secondo il metodo Kousmine, p. 81.
Edizioni Tecniche Nuove, Milano, 1996.
2. Articolo di Stefano Rimondini, Giornale della Natura, 30/11/1995.

se vuoi contattami privatamente per altre info... mtttbl @ gmail.com (attaccato) e occhio ai dentisti che si fanno pubblicità su questo sito tipo zeno

ciao Matteo

Avatar utente
tormalinarosa
Messaggi: 487
Iscritto il: lun ott 23, 2006 8:38 am

Re: detartrasi: urge consiglio.

Messaggio da tormalinarosa » dom nov 08, 2009 8:42 pm

Grazie matteo,
ma nel mio caso ho dovuto rimuovere perchè il dente con amalgama mi procurava una certa sensibilità.
Infatti sotto c'era della carie.
ciao

Rispondi