Ancora sui compositi

Archivio delle discussioni sui forum non più presenti

Moderatore: laura serpilli

Avatar utente
elena.legnani
Messaggi: 630
Iscritto il: ven ott 20, 2006 9:53 pm
Località: Bologna

Re: Ancora sui compositi

Messaggio da elena.legnani » mer gen 07, 2009 9:45 am

franceschilla ha scritto:Inoltre: sono così complicati questi test che si possono fare solo negli Usa ?
Possibile che i Italia nessuno abbia ancora sub-odorato il business ??

Insomma se non è per amor di salute, se non altro farebbe guadagnare bene ! Forza venghinooooooooo :D

sì Elena è una bellissima idea, anche perchè spero che si arrivi alle analisi in Italia ...... è quasi il momento di stampare tutto quello che avete/abbiamo scritto :wink:
Ciao,
Joe mi ha risposto subito ma vedo la mail solo ora.
Fanno effettivamente i test di compatibilità con qualsiasi materiale dentale si pensi di utilizzare, costa (ad oggi) USD 275 (se la si vuole sul numero MASSIMO di materiale ma c'è la possibilità di circoscrivere la cosa, non ho capito come, e spendere meno) + ovviamente il costo della spedizione del sangue che viene in ghiaccio secco.
Alla domanda però: visto che fate questi test-di compatibilità avrete pure la lista degli "ingredienti" dei compositi,
risposta:
Sorry Elena we are unable to release information about our tested products.
We often make non-discloser agreements with many of the companies that we deal with.
Quindi siamo daccapo. O forse no. La possibilità di tenere gli ingredienti top secret è a livello mondiale quindi noi consumatori dovremo "rompere le balle" per una trentina d'anni ancora prima di poter solo "sperare" che venga istituito l'obbligo di pubblicarli o venga istituito un'ente certificatore indipendente o cose cosi....
Comunque, per chi può essere interessato, il sito di questa Azienda è: http://shslab.com/foreign.html
e ci sono tutte le istruzioni a cui Lorenzo Acerra faceva riferimento. Mi piacerebbe avere la sua versione della "campana" ma da tempo il suo indirizzo di posta è chiuso..qualcuno mi dice che sia "emigrato" in Germania..ma ha appena pubblicato l'ennesimo libro in italia...Insomma se qualcuno lo sa rintracciare che ci batta un colpo!

Nel frattempo, un conoscente mi ha mandato una e-mail che mi piacerebbe proprio pubblicare qui solo che l'allegato è in formato pfd. E' una delle ennesime circolari dell'ANDI sulla "sicurezza dell'amalgama". Vedo se c'è modo di farmela inviare via word ma è parte di una catena..di sant'antonio o quasi..Vediamo che riesco a fare, giusto per farvi sapere la risposta dell'Associazione nazioanle Dentisti e tenerla agli atti..visto che questo topic sta diventando un volume!!

Ciao

Avatar utente
franceschilla
Messaggi: 530
Iscritto il: lun gen 21, 2008 4:00 am

Re: Ancora sui compositi

Messaggio da franceschilla » mer gen 07, 2009 11:20 pm

Eh già!
Grazie delle info.

Aggiungiamoci pure questo:
viewtopic.php?f=13&t=30058&p=239474#p239474

(lo aggiungo perchè so che sono pratiche consigliate frequentemente nei bambini come prevenzione della carie - quindi mi pare anche quello un argomento non da poco sui materiali usati)

Avatar utente
elena.legnani
Messaggi: 630
Iscritto il: ven ott 20, 2006 9:53 pm
Località: Bologna

Re: Ancora sui compositi

Messaggio da elena.legnani » gio gen 08, 2009 11:02 am

Si, delle sigillature se ne parlava anche qua:
viewtopic.php?f=13&t=22915.
Capisco che impedire ai bambini di mangiare dolci sia un pò difficoltoso.... :roll: ...soprattutto quando vendono che gli altri non fanno altro che trangugiarne...
A casa non abbiamo zucchero nè bianco nè di canna, usiamo solo malti o acero per dolcificare.
Limitatissine le farine raffinate (che pure queste non aiutano denti nè altro..). Denti lavati per benino senza fluoro o robaccia sintetica. Il problema poi che all'asilo le mestre danno le caramelle ai "bimbi bravi!" e non possiamo portare lo spazzolino perchè tanto non li aiutano a lavarsi...Volevo saltare in terra quando l'ho saputo...
Vabbè chiuso l' off topic.
Il documento ANDI non riesco ad averlo se non pdf.
Se qualcuno lo vuole mi mandi un'MP.

Ah, dimenticavo: un'altra cosa importante: i problemi derivanti dal mercurio sono riconosciuti essere una malattia professionale riconosciuta ai dentisti.
Ne sapete qualcosa di più?? Se è cosi..ti rendo conto?
Non fa male non fa male, è il materiale + usato e diffuso al monto per otturare le carie poi se ti viene qualcosa parrebbe che il dentista sia in qualche modo protetto...non so in che termini esattamente ma mi piacerebbe capire di più anche in questo senso!
Ciao

Avatar utente
franceschilla
Messaggi: 530
Iscritto il: lun gen 21, 2008 4:00 am

Re: Ancora sui compositi

Messaggio da franceschilla » ven gen 09, 2009 12:23 am

Oddio sta diventando un ' enciclopedia a più volumi, ma va bene così :)

Stavo pensando a delle questioni riguardo alle analisi Usa e a quello che ti ha detto Joe ....
quando sono più sveglia ritorno a scrivere.

riguardo il pdf, hai già provato la procedura normale per trasferirlo in Word ? (l'ho imparata poco tempo fa, ma magari la sanno tutti... se non la sai vado a cercare la procedura, me la sono segnata da qualche parte, così vediamo se si riesce a convertire il documento oppure no)

ciao

Avatar utente
franceschilla
Messaggi: 530
Iscritto il: lun gen 21, 2008 4:00 am

Re: Ancora sui compositi

Messaggio da franceschilla » ven gen 09, 2009 10:18 pm

elena.legnani ha scritto: Ciao,
Joe mi ha risposto subito ma vedo la mail solo ora.
Fanno effettivamente i test di compatibilità con qualsiasi materiale dentale si pensi di utilizzare, costa (ad oggi) USD 275 (se la si vuole sul numero MASSIMO di materiale ma c'è la possibilità di circoscrivere la cosa, non ho capito come, e spendere meno) + ovviamente il costo della spedizione del sangue che viene in ghiaccio secco.
Alla domanda però: visto che fate questi test-di compatibilità avrete pure la lista degli "ingredienti" dei compositi,
risposta:
Sorry Elena we are unable to release information about our tested products.
We often make non-discloser agreements with many of the companies that we deal with.


Quindi siamo daccapo. O forse no. La possibilità di tenere gli ingredienti top secret è a livello mondiale quindi noi consumatori dovremo "rompere le balle" per una trentina d'anni ancora prima di poter solo "sperare" che venga istituito l'obbligo di pubblicarli o venga istituito un'ente certificatore indipendente o cose cosi....
Riassunto.

Ringraziando comunque il cielo che da qualche parte queste analisi si fanno, vorrei fare alcune riflessioni.
(mi rode sempre sto dubbio sul fatto che siano fattibili solo negli Usa… ma possibile che in Francia o in UK o in qualche laboratorio universitario italiano……. )

Per comodità mi riferirò a “Joe”.
Se ho capito bene Joe fa questo:
trova nel sangue se abbiamo accumuli anomali (o solo incompatibilità?) di alcune sostanze e poi ci indica quali marchi e brevetti NON contengono quelle sostanze per poterli utilizzare in sostituzione.
Non ci dice la sostanza “incriminata” in quanto non può, ma è comunque un bene che tramite accordi riservati lui lo sappia.

Ora io pensavo: se in questo modo possiamo evitare una sostanza alla quale siamo allergici o intolleranti (cioè abbiamo sintomi particolari) siamo a cavallo ! Ne utilizziamo un’altra e siamo a posto. ED EFFETTIVAMENTE NEL TUO POST QUA CITATO TU PARLI DI TEST DI COMPATIBILITA’ …. Quindi sembrerebbe questo il test.

Però sul profilo del bioaccumulo e dei danni che questo fa nel medio-lungo periodo di nuovo non risolviamo nulla. Il bioaccumulo non è assolutamente detto che determini sintomatologia immediata ma magari influenza il feto ad esempio.
In pratica: Joe rileva (lo rileva?) degli accumuli esagerati di talune sostanze e ci indica le sostanze alternative, o meglio, per la precisione lui ci indica il brevetto che NON contiene quella sostanza.
Però non ci può dire quali sostanze specifiche sono (a parte il mercurio credo….) e quindi non ci dà la possibilità di liberarcene tramite cure specifiche se non attendendo che il tempo e il nostro fisico le smaltiscano. Non possiamo nemmeno fare prevenzione sulle patologie che possono provocare perché non siamo a conoscenza delle sostanze.
Inoltre: le nuove sostanze che ci saranno indicate, sempre in tema di bioaccumulo, non è che sono garantite che non si accumulano. Semplicemente ci si mette qualcos’altro e si attendono altri 5-10-15 anni e poi rispediamo a Joe il nostro sangue per vedere se abbiamo accumulato qualcos’altro e magari passare ad altra nuova sostanza.

Ragazze, ho capito bene oppure ho frainteso ?

Beninteso che in ogni caso il lavoro di Joe è encomiabile e che il compromesso offertoci è ottimo rispetto a quello che ci offrono generalmente negli studi medici e negli ospedali.

Avatar utente
elena.legnani
Messaggi: 630
Iscritto il: ven ott 20, 2006 9:53 pm
Località: Bologna

Re: Ancora sui compositi

Messaggio da elena.legnani » mar gen 13, 2009 3:47 pm

franceschilla ha scritto: Per comodità mi riferirò a “Joe”.
Se ho capito bene Joe fa questo:
trova nel sangue se abbiamo accumuli anomali (o solo incompatibilità?) di alcune sostanze e poi ci indica quali marchi e brevetti NON contengono quelle sostanze per poterli utilizzare in sostituzione.
Non ci dice la sostanza “incriminata” in quanto non può, ma è comunque un bene che tramite accordi riservati lui lo sappia.

Ora io pensavo: se in questo modo possiamo evitare una sostanza alla quale siamo allergici o intolleranti (cioè abbiamo sintomi particolari) siamo a cavallo ! Ne utilizziamo un’altra e siamo a posto. ED EFFETTIVAMENTE NEL TUO POST QUA CITATO TU PARLI DI TEST DI COMPATIBILITA’ …. Quindi sembrerebbe questo il test.

Però sul profilo del bioaccumulo e dei danni che questo fa nel medio-lungo periodo di nuovo non risolviamo nulla. Il bioaccumulo non è assolutamente detto che determini sintomatologia immediata ma magari influenza il feto ad esempio.
In pratica: Joe rileva (lo rileva?) degli accumuli esagerati di talune sostanze e ci indica le sostanze alternative, o meglio, per la precisione lui ci indica il brevetto che NON contiene quella sostanza.
Però non ci può dire quali sostanze specifiche sono (a parte il mercurio credo….) e quindi non ci dà la possibilità di liberarcene tramite cure specifiche se non attendendo che il tempo e il nostro fisico le smaltiscano. Non possiamo nemmeno fare prevenzione sulle patologie che possono provocare perché non siamo a conoscenza delle sostanze.
Inoltre: le nuove sostanze che ci saranno indicate, sempre in tema di bioaccumulo, non è che sono garantite che non si accumulano. Semplicemente ci si mette qualcos’altro e si attendono altri 5-10-15 anni e poi rispediamo a Joe il nostro sangue per vedere se abbiamo accumulato qualcos’altro e magari passare ad altra nuova sostanza.

Ragazze, ho capito bene oppure ho frainteso ?

Beninteso che in ogni caso il lavoro di Joe è encomiabile e che il compromesso offertoci è ottimo rispetto a quello che ci offrono generalmente negli studi medici e negli ospedali.
Mah..premetto che sono un pò cotta in questo momento, tra raffreddore laringite e bla bla bla..e non sono lucidissima...
Io ho capito un'altra cosa: Joe ha 500 sostanze che vengono usate nei materiali dentali. Prende la tua goccia di sangue e vede se reagisce a contatto con queste sostanze. Se reagisce ad es solo con il Bht butta caso, ti suggerirà di utilizzare materiali che non lo contengano, o se reagisce con 20 sostanze ti dirà quali compositi usare che non le contengano, questo per prevenire reazioni. Non ho capito che fa ANCHE una verifica del livello di accumulo che tu hai nell'organismo di determinate sostanze tossiche, tant'è che per verificare il livello di accumulo di determinate sostanze devi verificare i tessuti e NON il sangue...
Capisco che si tratti solo di un test per vedere se il tuo fisico potrà avere reazioni o meno a determinati materiali, CREDO (ma mi posso sbagliare) che un fisico già molto stressato potrà reagire a più sostanze, magari che un fisico "più integro", questo anche per non dare delle mazzate ulteriori a chi ha il vaso quasi pieno...

Però se credi prova a mandargli una mail, è stato gentilissimo e molto rapido.

Nel frattempo ho rimosso l'amalgama in versione protetta e ho messo un Diamond (l'ho chiesto bianco, cosi magari mi evitavo i coloranti), tanto da qualche parte devo procedere sulla strada che mi ero proposta. Adesso il problema è comprare i chelanti che non li trovo in farmacia..mannaggia!

Avatar utente
elena.legnani
Messaggi: 630
Iscritto il: ven ott 20, 2006 9:53 pm
Località: Bologna

Re: Ancora sui compositi

Messaggio da elena.legnani » gio gen 22, 2009 3:43 pm

Aggiungo l'articolo in home page di oggi:
Il mercurio lascia la Scandinavia.
di Lorenzo Acerra

Il divieto di usare il mercurio nelle otturazioni dentali e nell`industria ora è totale. Così ha annunciato in un comunicato stampa del 15 gennaio 2009 il ministro dell`ambiente in Svezia Andreas Carlgren
(http://www.sweden.gov.se/sb/d/11459/a/118550 ).


Essendo membro della UE, la Svezia negli anni precedenti aveva si introdotto “misure volontarie” nonché limitazioni d`uso sull`amalgama e incentivi economici all`uso delle alternative, ma aveva esitato a produrre una legge diretta, perché uno stato membro non ha gioco facile nel bloccare ciò che circola nel libero mercato.
Perciò nel corso di un quindicennio ha preso decisioni di portata gradualmente crescente aspettando ogni volta che scadessero i termini ultimi affinché le sue restrizioni sull`amalgama fossero impugnate dalla Commissione sul Commercio della Unione. Il mercurio venduto per uso odontoiatrico in Svezia era calato così da 1800 kg nel 1992 a 980 kg nel 1997 e 100 kg nel 2003.

Nell`Unione Europea esisteva già una tendenza a limitare il mercurio in ogni sua applicazione, poiché si tratta del metallo pesante più temibile e insidioso in assoluto, fa notare il ministro Carlgren, «La Svezia ha solo accelerato i tempi di una svolta che dovrà per forza essere anche europea». Carlgren si riferisce al fatto che l`attuale legislazione UE impone il divieto di esportazione del mercurio a partire dal marzo 2011, l`obbligo di abbandonare l`uso di mercurio nell`indutria cloro-alcali nel 2020. Il commissario per l'ambiente Stavros Dimas ha dichiarato al riguardo: «Il mercurio costituisce una minaccia per la salute umana e per l'ambiente nell'Unione europea e nel mondo. L'UE sta cercando modi che tutelino i cittadini riducendo in misura significativa l'esposizione a questo metallo estremamente tossico. Ci auguriamo che altri paesi seguano il nostro esempio e sostengano il nostro obiettivo di ridurre l'offerta mondiale di questa sostanza pericolosa».

Probabilmente non ci sarà un effetto domino, ma le implicazioni sono enormi. Con la scusa del libero mercato e della uniforme legislazione, i singoli governi finora si erano detti impossibilitati a spingersi più delle restrizioni d`uso per gruppi a rischio, sul fronte dell`amalgama. Ora che la posizione della Svezia è stata accettata (silenzio/assenzo, sono scaduti i termini per l`impugnazione), altri stati UE sono liberi di adottare la stessa legislazione.

Per i vapori di mercurio, la più importante fonte di esposizione per la popolazione generale è l`amalgama dentale, si leggeva nel GLOBAL MERCURY ASSESSMENT” (UNEP Governing Council, GC 22/4 V) della Sezione per l`Ambiente delle Nazioni Unite (dic. 2002). Una valutazione è disponibile qui:
http://www.youtube.com/watch?v=4qvNf4NV ... re=related).
Il 1 gennaio 2008 la Norvegia era diventata la prima nazione ad avere una legge che vietava qualsiasi uso di amalgama e qualsiasi uso di mercurio
(href="http://www.naturalnews.com/022943.html).

Una legge simile è entrata in vigore in Danimarca il 1 ottobre 2008, l`amalgama è bandita, ma con un percorso di “phase out” che permette temporanee eccezioni. La Finlandia, preoccupata per l`inquinamento dei propri laghi, ha annunciato che sarà la prossima. La Danimarca aveva impostato un piano di bando totale del mercurio già 15 anni fa, ma aveva esitato sul divieto dell`amalgama per la questione delle alternative. Poi, nel corso del 2008, il ministro della salute Jakob Axel Nielsen in relazione alla legge danese che bandisce l`amalgama ha spiegato: «Le elevate prestazioni che ora molte formulazioni di compositi sono in grado di dare come otturazioni dentali rendono possible questa decisione del Ministero della salute.

Il bando oggi può benissimo includere anche l`amalgama»
(http://nyhederne.tv2.dk/article.php/id-9868029.html ).
Lo stesso ha dichiarato il 1 gennaio 2008 il ministro dell`ambiente Erik Solheim: «Il mercurio è tra le più pericolose tossine ambientali. Eccellenti alternative all`amalgama dentale sono ora disponibili, per cui ha senso introdurre un bando in Norvegia dove il principio di sostituzione e il principo di precauzione sono norme di legge».

(Lorenzo Acerra, 19 gennaio 2009)

+++++

Non ho trovato in quale forum se ne sta discutendo!

Avatar utente
elena.legnani
Messaggi: 630
Iscritto il: ven ott 20, 2006 9:53 pm
Località: Bologna

Re: Ancora sui compositi

Messaggio da elena.legnani » gio gen 22, 2009 3:46 pm

E, visto che quei razzi di Altroconsumo mi hanno risposto dicendo niente, pubblico comunque:

++++++++
Gentile Signora Legnani,

abbiamo ricevuto la sua email e, scusandoci per il forte ritardo con cui le rispondiamo, la ringraziamo per l´attenzione e la fiducia dimostrate nei confronti della nostra rivista.

In merito alla sua richiesta dobbiamo informarla che durante le nostre indagini su dentisti e prodotti odontoiatrici non abbiamo preso in considerazione i materiali e aziende da lei indicati, quindi non abbiamo al momento giudizi e valutazioni tecniche da poterle fornire.
Prendiamo atto della sua esigenza e abbiamo, quindi, girato le sue indicazioni ai nostri colleghi che si occupano di questi temi, affinché possano valutare la possibilità di inserire anche questi aspetti in un´eventuale futura indagine.

Augurandoci di averla a lungo tra i nostri lettori, cogliamo questa occasione per porgerle i nostri più cordiali saluti.

Consulenza Miglior Acquisto
Servizio Soci

+++++

Ringraziato, tanto è da mò che ho disdetto l'abbonamento.
Ciao

Avatar utente
NaturopataOnline
Messaggi: 180
Iscritto il: mar ott 21, 2008 11:37 am
Località: Biassono (MI)
Contatta:

Re: Ancora sui compositi

Messaggio da NaturopataOnline » gio gen 22, 2009 4:05 pm

elena.legnani ha scritto:E, visto che quei razzi di Altroconsumo mi hanno risposto dicendo niente, pubblico comunque:

++++++++
Gentile Signora Legnani,

abbiamo ricevuto la sua email e, scusandoci per il forte ritardo con cui le rispondiamo, la ringraziamo per l´attenzione e la fiducia dimostrate nei confronti della nostra rivista.

In merito alla sua richiesta dobbiamo informarla che durante le nostre indagini su dentisti e prodotti odontoiatrici non abbiamo preso in considerazione i materiali e aziende da lei indicati, quindi non abbiamo al momento giudizi e valutazioni tecniche da poterle fornire.
Prendiamo atto della sua esigenza e abbiamo, quindi, girato le sue indicazioni ai nostri colleghi che si occupano di questi temi, affinché possano valutare la possibilità di inserire anche questi aspetti in un´eventuale futura indagine.

Augurandoci di averla a lungo tra i nostri lettori, cogliamo questa occasione per porgerle i nostri più cordiali saluti.

Consulenza Miglior Acquisto
Servizio Soci

+++++

Ringraziato, tanto è da mò che ho disdetto l'abbonamento.
Ciao
Grazie per l' aggiornamento !
fa comunque piacere che abbiano ripsoto !

renatoventura
Messaggi: 3
Iscritto il: sab gen 24, 2009 8:40 pm

Re: Ancora sui compositi

Messaggio da renatoventura » sab gen 24, 2009 8:53 pm

Buonasera
sono un bioterapeuta, contattologo,fitoterapeuta, iridologo,ottico.
Mi sono inbattuto in questa discussione quasi per caso, da quello che leggo noto con mio dispiacere che come al solito c'è una dissinformazione totale come in tutte le cose.
L'amalgame E' una polvere costituita da: 52% di Mercurio e 48% da una lega a base di Argento(16%), Stagno(26%), Rame(5%) e Zinco(1%) utilizzata dai dentisti per le otturazioni.
Una dose moderna di amalgama contiene circa 440mg di Mercurio e 400mg di lega. Una otturazione con amalgama rilascia ogni giorno da 0.5 a 0.10mg di Mercurio per fenomeni di abrasione, corrosione, disgregazione elettrolitica generati dai diversi metalli in ambiente salino come nella cavità orale, la bocca; anche i sali dei cibi, le acque gassate, gli acidi alimentari, ecc. accentuano la naturale disgregazione delle amalgame. I metalli rilasciati per il 50% si depositano nei tessuti cellulari inibendo processi enzimatici e metabolici del nostro corpo(...)
cosa comporta
dolori di testa, emicranie, nevralgie facciali, bruciore della lingua, bocca arida, afte, sapore metallico in bocca, dolori alla nuca e al collo, aritmie ed anomalie dei ritmi.
10. Stomaco - intestino: vomito, colite ulcerosa, disbiosi intestinali, diarrea, gastroenteriti, tenesmo anale, tensioni alla valvola ileo cecale e cattive digestioni.
ovviamente dietro ogni cosa esiste solo un giro , anzi un GROSSISSIMO giro economico.
Incominciamo un pò a crescere e sopratutto non girare con i paraocchi.
Comunquel altre informazioni potete ritrovarle al seguente indirizzo http://centrobenesserekundalini.blogfree.net/

Avatar utente
elena.legnani
Messaggi: 630
Iscritto il: ven ott 20, 2006 9:53 pm
Località: Bologna

Re: Ancora sui compositi

Messaggio da elena.legnani » dom gen 25, 2009 10:43 pm

renatoventura ha scritto: Buonasera
sono un bioterapeuta, contattologo,fitoterapeuta, iridologo,ottico.
Mi sono inbattuto in questa discussione quasi per caso, da quello che leggo noto con mio dispiacere che come al solito c'è una dissinformazione totale come in tutte le cose.
ovviamente dietro ogni cosa esiste solo un giro , anzi un GROSSISSIMO giro economico.
Incominciamo un pò a crescere e sopratutto non girare con i paraocchi.
Comunquel altre informazioni potete ritrovarle al seguente indirizzo http://centrobenesserekundalini.blogfree.net/
Ciao e benvenuto fra noi,
non ho capito una cosa: mi dici che c'è disinformazione totale, io non ho capito e vorrei che tu mi chiarissi..non stiamo cercando di capire cosa c'è nell'amalgama, questo (e relativi effetti) li ho lasciati fuori perchè ampiamente dibattuti in altri topic o facilmente accessibili come informazioni.
Quello che cerchiamo è la composizione dei compositi, non vedo nulla di nuovo rispetto a quello che sta scritto in questo topic e agli interventi precedenti su questo stesso topic di rosario muto, nel sito che ci indichi, o per lo meno, non mi è sembrato.
Siamo e restiamo ad un punto morto: NON SI PUO SAPERE. Punto e basta.
Grazie comunque (se sono io che non ho capito dimmi!)
ciao

Avatar utente
franceschilla
Messaggi: 530
Iscritto il: lun gen 21, 2008 4:00 am

Re: Ancora sui compositi

Messaggio da franceschilla » lun gen 26, 2009 12:20 am

renatoventura ha scritto:Buonasera
sono un bioterapeuta, contattologo,fitoterapeuta, iridologo,ottico.
Mi sono inbattuto in questa discussione quasi per caso, da quello che leggo noto con mio dispiacere che come al solito c'è una dissinformazione totale come in tutte le cose.
L'amalgame E' una polvere costituita da: 52% di Mercurio e 48% da una lega a base di Argento(16%), Stagno(26%), Rame(5%) e Zinco(1%) utilizzata dai dentisti per le otturazioni.
Una dose moderna di amalgama contiene circa 440mg di Mercurio e 400mg di lega. Una otturazione con amalgama rilascia ogni giorno da 0.5 a 0.10mg di Mercurio per fenomeni di abrasione, corrosione, disgregazione elettrolitica generati dai diversi metalli in ambiente salino come nella cavità orale, la bocca; anche i sali dei cibi, le acque gassate, gli acidi alimentari, ecc. accentuano la naturale disgregazione delle amalgame. I metalli rilasciati per il 50% si depositano nei tessuti cellulari inibendo processi enzimatici e metabolici del nostro corpo(...)
cosa comporta
dolori di testa, emicranie, nevralgie facciali, bruciore della lingua, bocca arida, afte, sapore metallico in bocca, dolori alla nuca e al collo, aritmie ed anomalie dei ritmi.
10. Stomaco - intestino: vomito, colite ulcerosa, disbiosi intestinali, diarrea, gastroenteriti, tenesmo anale, tensioni alla valvola ileo cecale e cattive digestioni.
ovviamente dietro ogni cosa esiste solo un giro , anzi un GROSSISSIMO giro economico.
Incominciamo un pò a crescere e sopratutto non girare con i paraocchi.
Comunquel altre informazioni potete ritrovarle al seguente indirizzo http://centrobenesserekundalini.blogfree.net/

Ciao.
Mi associo ad Elena nella sua domanda perchè NON ho capito neppure io.

Quello che scrivi per noi è assodato e già capito.

Quello che cerchiamo di capire e di dire é : vediamo di non fare lo stesso errore e di ritrovarci tra 20/30 anni con situazioni simili all'amalgama in cui cambierà solo SOSTANZA incriminata e PATOLOGIA/DISTURBI determinati.

Può anche essere che nei nuovi materiali sia tutto bio-compatibile e completamente non tossico.

Il punto è che non possiamo valutarlo perchè ci mancano le composizioni dei materiali (causa segreto industriale, legittimo e rispettabilissimo, ma in questo momento ci impedisce di sapere quello che cerchiamo).

puoi aiutarci in tal senso ?
Ultima modifica di franceschilla il lun gen 26, 2009 12:46 am, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
franceschilla
Messaggi: 530
Iscritto il: lun gen 21, 2008 4:00 am

Re: Ancora sui compositi

Messaggio da franceschilla » lun gen 26, 2009 12:44 am

elena.legnani ha scritto: Io ho capito un'altra cosa: Joe ha 500 sostanze che vengono usate nei materiali dentali. Prende la tua goccia di sangue e vede se reagisce a contatto con queste sostanze. Se reagisce ad es solo con il Bht butta caso, ti suggerirà di utilizzare materiali che non lo contengano, o se reagisce con 20 sostanze ti dirà quali compositi usare che non le contengano, questo per prevenire reazioni. Non ho capito che fa ANCHE una verifica del livello di accumulo che tu hai nell'organismo di determinate sostanze tossiche, tant'è che per verificare il livello di accumulo di determinate sostanze devi verificare i tessuti e NON il sangue...
Capisco che si tratti solo di un test per vedere se il tuo fisico potrà avere reazioni o meno a determinati materiali, CREDO (ma mi posso sbagliare) che un fisico già molto stressato potrà reagire a più sostanze, magari che un fisico "più integro", questo anche per non dare delle mazzate ulteriori a chi ha il vaso quasi pieno...

Però se credi prova a mandargli una mail, è stato gentilissimo e molto rapido.

Nel frattempo ho rimosso l'amalgama in versione protetta e ho messo un Diamond (l'ho chiesto bianco, cosi magari mi evitavo i coloranti), tanto da qualche parte devo procedere sulla strada che mi ero proposta. Adesso il problema è comprare i chelanti che non li trovo in farmacia..mannaggia!
avevo scritto un bel post ed è saltato tutto .....

in breve: sono io che avevo capito male e avendo letto in fretta e furia molti documenti ho fatto confusione tra un esame e l'altro. E' chiaro che Joe con il sangue può fare solo quello. Ed è moltissimo !

Grazie per la specificazione

OT : stai procedendo con i chelanti dopo il mineralogramma vero ? e dopo aver rimosso tutte le amalgame giusto ? (è questa la strada che seguirò anch'io)

per il Diamond idem, farò la stessa cosa anch'io (è quello che usa il dentista), e tra l'altro anche presso i dentisti da cui farò semplici otturazioni chiederò solo il Diamond, almeno avrò solo UNA sostanza, o meglio UN SOLO determinato mix di sostanze, in bocca da tener presente.

ciao
grazie
francesca

Avatar utente
elena.legnani
Messaggi: 630
Iscritto il: ven ott 20, 2006 9:53 pm
Località: Bologna

Re: Ancora sui compositi

Messaggio da elena.legnani » mer gen 28, 2009 9:25 pm

franceschilla ha scritto:
OT : stai procedendo con i chelanti dopo il mineralogramma vero ? e dopo aver rimosso tutte le amalgame giusto ? (è questa la strada che seguirò anch'io)

per il Diamond idem, farò la stessa cosa anch'io (è quello che usa il dentista), e tra l'altro anche presso i dentisti da cui farò semplici otturazioni chiederò solo il Diamond, almeno avrò solo UNA sostanza, o meglio UN SOLO determinato mix di sostanze, in bocca da tener presente.

ciao
grazie
francesca
Si, anche se non sapevo che fosse un'impresa trovare del DMSA (chelante) in Italia, così il dentista mi ha detto di ordinarlo in Lussemburgo e sto ancora aspettando che arrivi. Quindi dal 9 gennaio he ho rimosso l'unico amalgama che avevo ancora non ho iniziato. Poi e ti serviranno indicazioni fammi sapere. ota sul Diamond: 2 dentisti ch avevo consultato in precedenza lo stavano smettendo perchè dava qualche problema a sentire loro (ritiri gengivali cose cosi) e erano oreintati verso altri compositi, sempre bio-compatibili per quello che si può sapere...
Bhè a me sinceramnte à un pò fastidio, dopo 3 settimane faccio fatica a masticarci sopra e non riesco a masticarci sopra niente di duro! Vedremo!

renatoventura
Messaggi: 3
Iscritto il: sab gen 24, 2009 8:40 pm

Re: Ancora sui compositi

Messaggio da renatoventura » gio gen 29, 2009 3:48 pm

Buonasera.
Già conoscendo la composizione reale dell'amalgama, quindi piombo, rame mercurio etc...
sappiamo cosa contiene, ora se andiamo a controllare metallo per metallo scopriamo che sono tutti tossici.
Non andiamo dietro a delle informazioni sanitarie che dichiarano ( come nell'alimentazione) che additivi conservanti acidificanti se non superano il 5% sono regolari.
i componenti se sono tossici sono tossici sia all'1% che al 100%.
un impasto come l'amalgama viene oltrettutto consumata dall'acidità della saliva quanto poi riconosciuta come corpo estraneo il ns. organismo comanda alle ghiandole di creare più saliva.
cosa succede : nel tempo avviene una lenta ma continua corrosione, questi componenti vengono assorbiti dagli organi interni e nel'arco di un tempo di 15-20 anni creano varie patologie.
quanto poi ( corregetemi se sbaglio) un eccessiva salivazione porta a problematiche come gastriti, acidità di stomaco e reflusso .
Quindi tocchiamo 2 punti differenti ma concatenati anche ad altre problematiche.
spero di non esser andato fuori discorso e di esser stato più chiaro.
buona giornata a tutti

Rispondi