mattop abbandona la nave

Archivio delle discussioni sui forum non più presenti

Moderatore: laura serpilli

mattop
Messaggi: 446
Iscritto il: mer gen 24, 2007 11:49 am
Località: Milano
Contatta:

mattop abbandona la nave

Messaggio da mattop » mar giu 10, 2008 4:43 pm

Ebbene si, devo abbandonare il forum di sportivi vegan. Voglio essere coerente con le mie scelte e non posso moderare questo forum, ho abbandonato da poco il regime vegan per fare un periodo di prova dopo cali evidenti nelle performance. Il mio periodo vegan si è concluso, da troppo tempo mi ero stabilizzato e iniziavo a perdere colpi, stanchezza prolungata, non volevo arrendermi ma da quando sono tornato onnivoro (ma sempre crudista) i miglioramenti fisici sono stati notevoli e innegabili. Recupero veloce e notevole incremento di massa magra, da quando ho reinserito grassi e proteine animali il mio fisico si è ripreso e non soffro più di cali fisici prolungati. Forse gli alimenti di origine animale non sono l'ideale per il nostro organismo, forse non sono la chiave per una buona salute ma di sicuro nel mio caso hanno portato a miglioramenti sportivi lampanti. Non sono più convinto che una dieta vegan sia ideale per qualsiasi sportivo e tantomeno per gli agonisti di sport di potenza.
In poche parole preferisco bruciare la candela dai due lati...

Un saluto.

ps. Il mio blog continuerà per adesso ad avere solo ricette vegan.

Avatar utente
Sauro Martella
Messaggi: 2023
Iscritto il: lun set 27, 2004 8:27 pm
Controllo antispam: diciotto
Località: Umbria
Contatta:

Re: mattop abbandona la nave

Messaggio da Sauro Martella » mar giu 10, 2008 8:47 pm

Ciao Mattop,
nessun problema...
Ognuno ha il suo cammino e le sue esperienze... Riguardo al tuo ultimo giudizio sulla dieta Vegan, ovviamente non sono d'accordo e ci sono fior di sportivi che forti dei risultati ottenuti affermano l'esatto contrario di quanto dici, ma ovviamente ognuno ha la sua storia ed ogni organismo può comportarsi in maniera diversa a parità di alimentazione per una infinità di motivi...
Cercheremo un nuovo moderatore per questo forum così specifico nel quale mi auguro di continuare a vedere comunque la tua partecipazione in veste di visitatore...
:-)

seitanterzo
Messaggi: 352
Iscritto il: ven mag 09, 2008 1:53 am

Re: mattop abbandona la nave

Messaggio da seitanterzo » sab giu 14, 2008 10:44 am

Stanchezza e ipoproteinemia possono solo testimoniare un'alimentazione non il linea con il proprio fabbisogno in quanto una dieta completa di tutti gli aminoacidi essenziali, più la glutammnina, che in caso di sforzo muscolare risulta insufficiente a livello di sintesi endogena, soddisfa QUALUNQUE esigenza sportiva.
Ecco un topic dove ci sono alcuni importanti consigli per l'aumento della massa muscolare, per i risultati chiedere ai diretti interessati, vegani da anni. http://www.scienzavegetariana.it/forum/ ... ?f=1&t=443

gioman
Messaggi: 590
Iscritto il: lun set 18, 2006 8:55 pm
Località: Cagliari

Re: mattop abbandona la nave

Messaggio da gioman » dom giu 15, 2008 11:53 pm

Anche io ho vissuto un esperienza per certi versi simile. Fino a 6 mesi fa non praticavo nessuno sport e dunque non mi rendevo conto...ma nei periodi in cui la mia dieta vegan-crudista era particolarmente stretta e integrale, davvero dimagrivo moltissimo, per quanti datteri, noci, mandorle e germogli potessi mangiare...ero diventato un'idrovora ma evidentemente mancava qualcosa...I miei amici ogni tanto mi dicevano che effettivamente ero un po' troppo magro.
Allora mi sono iscritto in palestra...faccio un po' di pesi per metter su massa pensai! Ma non avevo fatto i conti con la mia dieta...avevo la forza di un vecchietto di 90 anni, tempi di recupero pazzeschi...insomma un disastro...Nel primo mese ho resistito...poi ho provato ad aggiungere alla mia dieta uova e pesce crudo...Ho avuto un miglioramento velocissimo e pazzesco..una cosa che si sente, è davvero tangibile, non c'è autosuggestione che tenga. Messo davanti all'evidenza mi sono arreso e ho cominciato a introdurre nuovamente anche la carne, oltre al pesce. Ora seguo un regime in cui abbondano insalate, vecchia abutudine crudista, carne appena scottata, pesce spesso crudo, patate, a talvolta riso. Pasta, pane, pizza e formaggi quasi del tutto aboliti. Una sorta di paleodieta adattata alle mie esigenze/gusti. I risultati sono impressionanti...ho preso 7 Kg in 4 mesi 8) , e non certo di ciccia, mi sento forte, allegro, ho la faccia non più emaciata, la mia libido è sensibilmente aumentata.
Ora io non propongo ricette a nessuno, per carità, ho il massimo rispetto per chi sceglie il veganesimo e ammirazione soprattutto per chi, in un sito vegan, non censura queste parole. Sempliecemente lo reputo un regime attualmente non adatto a me e al mio stile di vita. Forse se non avessi mai fatto sport neppure me ne sarei accorto...Forse è un regime più adatto a sport come corsa, atletica...o a fisici che tendono a metter su ciccia...E non è che non mi dispiaccia uccidere animali per nutrirmi, ma difronte agli innegabili vantaggi che ne ottengo, preferisco, egoisticamente forse, i vantaggi.

7xpensie
Messaggi: 304
Iscritto il: ven feb 24, 2006 5:47 pm

Re: mattop abbandona la nave

Messaggio da 7xpensie » lun giu 16, 2008 9:51 am

Posso confermare la stessa vostra esperienza (di Mattop e Gioman)

Sono vegana da ormai 2 anni e da molti anni gioco a pallavolo (alzatrice) ma non solo,
quando terminano le competizioni, verso fine primavera, vado a camminare in montagna
(spesso sono lunghe camminate che durano una giornata, in mezzo alla natura si perde
la cognizione del tempo e della fatica). Dimenticavo, anche la mezz'oretta di corsa in estate,
tutte le sere, e sporadici tornei di beach volley (sporadici perchè il format del beach non mi
ha mai entusiasmato, è uno sport molto meno tecnico ed "elegante" della pallavolo classica; però
qualche volta devo accontentare le mie compagne che mi chiamano a partecipare)

Sono sempre stata bravina tecnicamente, ma non ho mai avuto un fisico muscoloso, almeno rispetto
alle altre mie compagne, però non sono neanche gracile anche se sono magra.
Che se ne dica, anche un'alzatrice vi assicuro deve avere delle spalle resistenti, anche se i muscoli più
sviluppati devono essere quelli della mano e del polso. Inoltre ci sono situazioni di gioco in cui anche io
devo terminare un'azione di attacco e schiacciare nell'altra metacampo.

In sintesi, i primi mesi di dieta vegana sono stati difficili perchè non ero mai stata vegetariana e il
passaggio da quasi-onnivora(ho sempre mangiato tutto tranne la carne) a vegana è stato complesso.
Sono stata mossa da motivazioni etiche maturate nel tempo, ma in quei primi mesi mi sono lasciata
influenzare anche dai precetti del crudismo. Ho sostenuto almeno 4-5 mesi di dieta vegan-crudista stretta
(frutta e verdura cruda, noci e nocciole, semi, germogli di legumi e cereali) e mi sono dovuta arrendere
al fatto che le mie braccia e spalle e gambe avevano perso in forza soprattutto dal secondo set in avanti.
Commettevo tanti errori che non erano dovuti alla mancanza di concentrazione, ma dal venir meno delle
forze.

Ho fatto un esame di coscienza e ho deciso di fare dei passi indietro graduali. Ho cercato di introdurre nella
dieta qualcosa di proteico e di sostanzioso, come i lupini, la soia, il tempeh, i legumi e cereali fatti al vapore,
(ho cercato di seguire lo schema cereali+legumi nella giornata, mentre prima non mi ponevo il problema), ho reinserito
un pò di olio extravergine, le alghe. In sostanza ho ragionato sulle possibili carenze di micronutrienti e di macronutrienti
e ho cercato di modificare la dieta in modo mirato, ad esempio nei primi mesi di crudismo-senza sale
lo iodio era di certo assente e sapevo che l'uso delle alghe poteva essere d'aiuto, lo stesso è stato per il ferro con attenzione
ai legumi, agli spinaci, alle tisane di ortica e di tarassaco, ai limoni per la vitamina C. I lupini e il tempeh credo
siano stati determinanti per ricostruire le mie riserve proteiche.
Questi pensieri sono stati confermati in parte dagli ultimi esami, in cui i livelli di ferritina e di emoglobina sono nella norma
ma ai limiti inferiori, e di certo se adesso sono molto attenta ad introdurre tutti i micronutrienti, prima nel periodo crudista il ferro deve essere stato molto basso.


Adesso sono ritornata in forze, spero la mia esperienza possa essere utile anche a voi perchè mi rendo conto
che essere stati costretti a rinunciare alla dieta vegana non deve essere stato facile. Però è solo un'ipotesi,
forse i vostri impegni sportivi richiedono uno sforzo muscolare diverso.

In bocca al lupo (in montagna ne ho conosciuto uno, non sono cattivi fidatevi :wink: )

Silvia

Daria
Messaggi: 4908
Iscritto il: mar nov 14, 2006 7:43 pm
Controllo antispam: cinque
Località: mantova
Contatta:

Re: mattop abbandona la nave

Messaggio da Daria » lun giu 16, 2008 12:16 pm

Ciao Silvia e ciao a tutti :)

I nutrimenti essenziali che sono mancati nei tuoi primi mesi di alimentazione vegan... e alle diete di Gioman e Mattop sono infatti i carboidrati e le proteine, essenziali soprattutto in chi pratica sport.

Riporto questo studio di SSNV: "La dieta vegetariana per l'esercizio, il training e la performance atletica: un aggiornamento"

Carboidrati.
I Carboidrati dovrebbero costituire la quota percentuale maggiore nella dieta degli atleti. Numerosi Studi hanno appurato che un aumento nell'assunzione di Carboidrati (CHO) può migliorare le capacità fisiche e che diete a basso contenuto di Carboidrati possono avere un effetto negativo sulla performance atletica. Diete ad elevato contenuto di Carboidrati contribuiscono a rendere ottimali le scorte di Glicogeno nel muscolo e nel fegato [8, 9] ed hanno dimostrato di ottimizzare la performance atletica durante l'esercizio prolungato e di moderata intensità (ad es. ciclismo e corsa su distanza [10, 11, 12, 13], e durante esercizi intermittenti [14], di breve durata e di elevata intensità [15, 16, 17, 18]). Studi recenti hanno anche suggerito l'ipotesi che il beneficio di un alto consumo di Carboidrati non sia confinato al mero mantenimento delle scorte tissutali di Glicogeno, ma sarebbe anche correlato con il mantenimento delle fasi intermedie del ciclo di Krebs [12] e con la preservazione dello stato bioenergetico del muscolo in attività [17] (fattori correlati anche con la fatica muscolare).

Le linee guida nutrizionali per gli sportivi raccomandano che il 60-65% dell'energia totale debba provenire dai Carboidrati [19]. Può essere più corretto, comunque, basare le raccomandazioni sul peso corporeo (BW, Body Weight, NdT), che è indipendente dall'apporto energetico [20]. I nutrizionisti dovrebbero educare gli atleti vegetariani all'uso di buone fonti di Carboidrati e fornire loro alcune linee guida per soddisfare l'apporto giornaliero di 7-10 gr/kg. Normalmente gli atleti capiscono questo tipo di approccio, specialmente quando si usano le sostituzioni dei Carboidrati.

Proteine.
Il fabbisogno di Proteine degli atleti varia a seconda del tipo di attività e del grado di allenamento. L'American and Canadian Dietetic Association raccomanda per atleti un consumo giornaliero di Proteine di 1.5 gr/kg di peso corporeo [19]. Due rassegne recenti, tuttavia, sono giunte a conclusioni molto diverse per quanto concerne il fabbisogno proteico di individui fisicamente attivi [21, 22]. Millard et al. [21] affermano che non vi è accordo sul fatto che le richieste proteiche siano influenzate o meno dall'attività fisica. Lemon [22], per contro, suggerisce che il fabbisogno proteico sia compreso tra 1.2-1.4 gr/kg/die circa per atleti che pratichino sport di resistenza e tra 1.4-1.8 gr/kg/die circa per atleti che pratichino sport di forza. Tali valori per atleti di forza, comunque, sono più elevati di quelli dei body builders di punta (l gr/kg/die) e possono in realtà riflettere il fabbisogno durante le prime fasi dell'allenamento alla resistenza [23]. Il razionale che giustifica una richiesta addizionale di Proteine negli allenamenti degli sport di resistenza e di forza risulta da un'aumentata utilizzazione delle Proteine come carburante ausiliario durante l'esercizio fisico ed in misura minore dal deposito di Proteine durante l'aumento della massa muscolare [22]. Anche apporti inadeguati di Carboidrati [24] e di energia [25] fanno aumentare il fabbisogno proteico. Durante una prolungata attività di resistenza, gli atleti con ridotte scorte tissutali di Glicogeno metabolizzano il doppio delle Proteine rispetto agli atleti che presentano scorte adeguate, principalmente per un'aumentata gluconeogenesí [24] (sintesi di Carboidrati a partire dalle Proteine, NdT). Come appunto finale, le richieste proteiche nella maggior parte degli Studi pubblicati sono state stimate per giovani uomini, e possono essere diverse nelle donne e/o negli atleti più anziani. Studi recenti hanno scoperto che le donne, in confronto agli uomini, catabolizzano meno Proteine in seguito ad un esercizio di resistenza [26], e che gli uomini più anziani e sedentari richiedono un apporto proteico superiore alla RDA (Reccommended Dietary Allowance, NdT) [27]. Chiaramente, sono necessarie ulteriori ricerche in questo campo.

Nonostante la controversia riguardante i fabbisogni proteici, gli atleti vegetariani possono raggiungere facilmente un adeguato apporto proteico a patto che la loro dieta sia adeguata in apporto energetico e costituita da una certa varietà di cibi contenenti Proteine vegetali, come legumi, cereali, noci e semi. I vegetariani non devono preoccuparsi di mangiare "Proteine complementari" ad ogni pasto, ma piuttosto nel corso della giornata [28]. Le diete vegetariane contengono in media il 12.5% di energia proveniente dalle Proteine, mentre le diete vegane ne contengono l'11% [7]. Un atleta di sesso maschile che pesi 80 kg che consumi 3600 calorie riceverebbe 1.41 gr/kg di peso corporeo di Proteine da una dieta vegetariana media e 1.2 gr/kg di peso corporeo di Proteine da una dieta vegana media. Una donna ginnasta di 50 kg che consumasse 2200 kcal/die riceverebbe 1.38 gr/kg di peso corporeo da una dieta vegetariana e 1.21 gr/kg di peso corporeo da una dieta vegana. Quindi, la maggior parte degli atleti vegetariani soddisfano il fabbisogno nutrizionale richiesto per un allenamento a sport di resistenza senza particolari piani dietetici. Gli atleti di sport di forza (sollevatori di pesi, lottatori, giocatori di football, lanciatori), o quelli costretti ad elevati livelli di allenamento o con bassi apporti energetici possono aver bisogno di includere più cibi ricchi in Proteine. Ciò si ottiene facilmente incoraggiando l'atleta ad aggiungere da una a tre porzioni di cibi ricchi di Proteine alla sua solita dieta (ad es., frappè di latte di soia, lenticchie nel sugo della pasta, tofu aggiunto alla frittura o fagioli aggiunti all'insalata).

tratto da: http://www.scienzavegetariana.it/medici/atleti.html

blueyesvegan
Messaggi: 177
Iscritto il: ven feb 01, 2008 5:03 pm
Controllo antispam: diciotto

Re: mattop abbandona la nave

Messaggio da blueyesvegan » lun giu 16, 2008 4:49 pm

Io non so a cosa possa essere dovuto il calo di forze e di massa muscolare descritto da alcuni vegani, ma di sicuro questa non è un'esperienza universalmente condivisa. So di alcuni crudisti vegani dal fisico indiscutibile, e io stesso non mi posso tutto sommato lamentare della mia condizione: con una dieta vegana, quasi crudista, riesco a svolgere egregiamente un'attività sportiva agonistica ad elevatissima intensità: gioco a pallanuoto e mi alleno quasi tutti i giorni due ore. A questa attività fisica si aggiunge una intensa attività intellettiva, dovuta al fatto che frequento la facoltà di medicina, nonchè il conservatorio (suono il pianoforte). I molteplici impegni psico-fisici sono sostenuti senza problemi dalla mia alimentazione, che può essere così riassunta:

Pranzo: frutta (circa un kg).

Cena: verdure crude e cotte, 30 g circa di frutta secca (noci, mandorle, ecc.), germogli e a volte patate.

Tutte le altre categorie alimentari, fatta esclusione per carne e pesce (completamente esclusi), entrano a far parte solo marginalmente della mia dieta.
Probabilmente il calo di forze descritto da alcuni può essere provvisorio, dovuto ai bruschi cambiamenti alimentari (da onnivoro a vegano), e può essere notevolmente accentuato dalle paure che molti siti internet, apparentemente autorevoli, infondono in chi vuole diventare vegano. In particolare, faccio rilevare che c'è un sito, cui preferisco non fare esplicito riferimento, il quale si fa promotore della cosiddetta paleodieta, in una versione a forte introito di proteine e grassi animali. Tale sito - forse a causa del fatto che i contenuti sono affrontati con un approccio scientifico - sta riuscendo a raccogliere, nella sua community, numerosi ex-vegani (crudisti e non) delusi dalla loro esperienza senza prodotti animali. Invito chiunque dovesse imbattersi in questo sito, a considerare che le tesi da esso portate avanti sono tutte da verificare, e sono proprie solamente di una minoranza del mondo scientifico. Si veda ad esempio l'esaltazione dei grassi saturi, o di un elevato apporto proteico: si tratta di due questioni molto controverse, nel cui ambito bisogna muoversi con catutela, prima di assumere posizioni definitive.
Quindi, in conclusione, mi rivolgo a tutti coloro che temono di sbagliare nell'essere divenuti vegani! Prima di credere ciecamente alle catastrofiche tesi antivegane di alcuni siti internet, documentatevi scrupolosamente sull'argomento!!!

7xpensie
Messaggi: 304
Iscritto il: ven feb 24, 2006 5:47 pm

Re: mattop abbandona la nave

Messaggio da 7xpensie » lun giu 16, 2008 5:15 pm

Ho il timore di essere stata fraintesa, dopo aver letto gli ultimi due interventi

Ho risolto i miei problemi di performances agonistiche e sono ancora vegana (i "passi indietro" non hanno richiesto di introdurre grassi o proteine animali)

Vorrei metter in evidenza il fatto che adesso non mi sono ridotta a consumare cereali e legumi in misura indiscriminata; ho fatto delle scelte ragionate, mi preoccupo di mangiare un pò di tutto in modo mirato per introdurre
tutti i micro e macronutrienti. Le misure inoltre variano in funzione dell'intensità e della durata dell'attività fisica svolta

Rispetto a quando non ero vegana ho maggiore resistenza aerobica e maggiore resistenza alle temperature estive, mentre forse gli sport anaerobici richiedono una percentuale maggiore di proteine

gioman
Messaggi: 590
Iscritto il: lun set 18, 2006 8:55 pm
Località: Cagliari

Re: mattop abbandona la nave

Messaggio da gioman » lun giu 16, 2008 7:34 pm

Io mi baso molto sulle mie sensazioni fisiche, dato che non sono un medico o un biologo, non ho altro strumento per misurare le mie reazioni. Forse non è una questione di quantità di proteine, ma di qualità...I fagioli mi danno meteorismo, le lenticchie pure, il seitan lo considero poco meno che un veleno...fattostà che non è più un mio problema fare calcoli su percentuali varie di carboidarati o proteine o grassi da introdurre. Assecondo le miei voglie senza alcuna remora e sto finalmente benissimo, dal punto di vista della forza non c'è paragone. Oltre al vigore fisico ho risolto anche il problema del gonfiore addominale che mi attanagliava quando mangiavo molti carboidrati e che ritorna quando li rimangio in qualche sgarro. Tutte le funzioni corporee vanno che è ua meraviglia e non vedo l'ora di fare degli esami ematici per vedere se è tutto ok anche da quel lato. Questa è la MIA esperienza, oramai di alcuni mesi. Può anche essere che su un altro il tutto avrebbe avuto l'effetto opposto.

seitanterzo
Messaggi: 352
Iscritto il: ven mag 09, 2008 1:53 am

Re: mattop abbandona la nave

Messaggio da seitanterzo » lun giu 16, 2008 9:48 pm

Quello che descrivi sulla tua ex dieta sono errori che si possono risolvere con pochi accorgimenti.
Innanzitutto lo stile vegan non contempla un eccesso di carboidrati, il contrario non riesco a capire chi lo affermi, dato che le linee guida parlano del 60-65% delle calorie totali.
Il seitan non è assolutamente necessario e comunque può fornire un ottimo apporto di nutrienti ma va limitato a 1-2 volte alla settimana, come gli altri analoghi, anch'essi per nulla indispensabili, mentre i legumi, da utilizare ESCLUSIVAMENTE secchi, sono da mettere a mollo 6-8 ore, risciacquare abbondantemente e da quocere con alcune foglie di alloro che ne limitano la fermentazione. Con ciò aggiungerei di evitare bibite gassate (e anche le altre) e bere possibilmente fuori pasto, in quanto i liquidi allungano i tempi di digestione.
Eventualmente separare i legumi dai cereali e i primi tempi assumere anche 30 gr. (una delle 5-6 porzioni giornaliere) di legumi freschi di stagione.
In definitiva, si può tranquillamente affermare che una dieta vegan ben equilibrata soddisfi qualunque fabbisogno calorico e nutrizionale in tutti gli stadi del ciclo vitale, inclusa l'alimentazione sportiva, nel caso è bene rivolgersi ad un nutrizionista esperto di tale dieta e i risultati non mancheranno.
http://www.scienzavegetariana.it
http://www.vegpyramid.info

Avatar utente
Orsa
Messaggi: 387
Iscritto il: mar dic 26, 2006 4:16 pm
Località: Brescia
Contatta:

Re: mattop abbandona la nave

Messaggio da Orsa » lun giu 16, 2008 9:57 pm

seitanterzo ha scritto:Quello che descrivi sulla tua ex dieta sono errori che si possono risolvere con pochi accorgimenti.
Innanzitutto lo stile vegan non contempla un eccesso di carboidrati, il contrario non riesco a capire chi lo affermi, dato che le linee guida parlano del 60-65% delle calorie totali.
Il seitan non è assolutamente necessario e comunque può fornire un ottimo apporto di nutrienti ma va limitato a 1-2 volte alla settimana, come gli altri analoghi, anch'essi per nulla indispensabili, mentre i legumi, da utilizare ESCLUSIVAMENTE secchi, sono da mettere a mollo 6-8 ore, risciacquare abbondantemente e da quocere con alcune foglie di alloro che ne limitano la fermentazione. Con ciò aggiungerei di evitare bibite gassate (e anche le altre) e bere possibilmente fuori pasto, in quanto i liquidi allungano i tempi di digestione.
Eventualmente separare i legumi dai cereali e i primi tempi assumere anche 30 gr. (una delle 5-6 porzioni giornaliere) di legumi freschi di stagione.
In definitiva, si può tranquillamente affermare che una dieta vegan ben equilibrata soddisfi qualunque fabbisogno calorico e nutrizionale in tutti gli stadi del ciclo vitale, inclusa l'alimentazione sportiva, nel caso è bene rivolgersi ad un nutrizionista esperto di tale dieta e i risultati non mancheranno.
http://www.scienzavegetariana.it
http://www.vegpyramid.info

quoto tutto.

... eccetto il verbo "quocere" :lol: :mrgreen: :D

gioman
Messaggi: 590
Iscritto il: lun set 18, 2006 8:55 pm
Località: Cagliari

Re: mattop abbandona la nave

Messaggio da gioman » lun giu 16, 2008 10:51 pm

seitanterzo ha scritto:Quello che descrivi sulla tua ex dieta sono errori che si possono risolvere con pochi accorgimenti.
Innanzitutto lo stile vegan non contempla un eccesso di carboidrati, il contrario non riesco a capire chi lo affermi, dato che le linee guida parlano del 60-65% delle calorie totali.
Il seitan non è assolutamente necessario e comunque può fornire un ottimo apporto di nutrienti ma va limitato a 1-2 volte alla settimana, come gli altri analoghi, anch'essi per nulla indispensabili, mentre i legumi, da utilizare ESCLUSIVAMENTE secchi, sono da mettere a mollo 6-8 ore, risciacquare abbondantemente e da quocere con alcune foglie di alloro che ne limitano la fermentazione. Con ciò aggiungerei di evitare bibite gassate (e anche le altre) e bere possibilmente fuori pasto, in quanto i liquidi allungano i tempi di digestione.
Eventualmente separare i legumi dai cereali e i primi tempi assumere anche 30 gr. (una delle 5-6 porzioni giornaliere) di legumi freschi di stagione.
In definitiva, si può tranquillamente affermare che una dieta vegan ben equilibrata soddisfi qualunque fabbisogno calorico e nutrizionale in tutti gli stadi del ciclo vitale, inclusa l'alimentazione sportiva, nel caso è bene rivolgersi ad un nutrizionista esperto di tale dieta e i risultati non mancheranno.
http://www.scienzavegetariana.it
http://www.vegpyramid.info
Se ti riferisci a me nel parlare di errori allora ti rispondo che non ho commesso nessuno degli errori di cui parli. Il mio frigo non sa neppure cosa siano le bibite gassate e i legumi spiegami come avrei potuto mangiarli, SE NON dopo 6/8 ore di ammollo con tanto di alloro in cottura che adoro(scusate il bisticcio fonetico). Tra l'altro li mangiavo pure sotto forma di germoglio, cosa che invece non disdegnerei tuttora. Il seitan era un esotismo che mi concedevo molto raramente, visti gli effetti... Si dovrebbe accettare l'idea che forse non siamo tutti uguali, ne dobbiamo esserlo.

In definitiva non si può dire nulla di definitivo. Ho sempre affermato che seguivo una dieta prima vegetariana e poi vegan e poi crudista sinceramente convinto della loro mggiore salubrità rispetto al regime dei "comuni mortali". Volatilizzata questa mia convinzione, o meglio, notevolmente ridimensionatasi a favore di altri regimi, ora della dieta vegan non so che farmene..non so se mi spiego...cioè non voglio convincere nessuno di nulla, lo so che si può campare anche 100 anni mangiando fagioli, semplicemente a me non interessa più, ho scoperto che ci sono vie migliori e più sicure per la mia salute/benessere (parlo per me). Poi non sopportavo minimamente l'idea di dover integrare b12, cosa che infatti non ho mai fatto...la dieta deve essere completa di suo, senza alcun rischio della benchè minima carenza, almeno per me. Ripeto: ho il massimo rispetto e la piena ammirazione per chi, per ragioni etiche molto elevate, non mangia carne e derivati animali, anche nei casi in cui questa "privazione" è semplice conseguenza di ribrezzo e rifiuto psicologico.

Daria
Messaggi: 4908
Iscritto il: mar nov 14, 2006 7:43 pm
Controllo antispam: cinque
Località: mantova
Contatta:

Re: mattop abbandona la nave

Messaggio da Daria » lun giu 16, 2008 11:12 pm

gioman ha scritto:..la dieta deve essere completa di suo, senza alcun rischio della benchè minima carenza, almeno per me.
Ciao Gioman,
davvero sei convinto che a mangiare carne non comporti nessun tipo di rischio per la salute!?
mmm, fossi in te starei attento :wink:

Avatar utente
robo
Messaggi: 604
Iscritto il: mer gen 31, 2007 2:49 pm

Re: mattop abbandona la nave

Messaggio da robo » mar giu 17, 2008 12:45 am

mattop ha scritto:Ebbene si, devo abbandonare il forum di sportivi vegan. Voglio essere coerente con le mie scelte e non posso moderare questo forum, ho abbandonato da poco il regime vegan per fare un periodo di prova dopo cali evidenti nelle performance. Il mio periodo vegan si è concluso, da troppo tempo mi ero stabilizzato e iniziavo a perdere colpi, stanchezza prolungata, non volevo arrendermi ma da quando sono tornato onnivoro (ma sempre crudista) i miglioramenti fisici sono stati notevoli e innegabili. Recupero veloce e notevole incremento di massa magra, da quando ho reinserito grassi e proteine animali il mio fisico si è ripreso e non soffro più di cali fisici prolungati. Forse gli alimenti di origine animale non sono l'ideale per il nostro organismo, forse non sono la chiave per una buona salute ma di sicuro nel mio caso hanno portato a miglioramenti sportivi lampanti. Non sono più convinto che una dieta vegan sia ideale per qualsiasi sportivo e tantomeno per gli agonisti di sport di potenza.
In poche parole preferisco bruciare la candela dai due lati...

Un saluto.

ps. Il mio blog continuerà per adesso ad avere solo ricette vegan.
Voi però siete troppo buoni. Va bene proseguire la discussione, ma secondo me è doveroso anche biasimare l’atteggiamento di questa persona. Questo per mesi ha raccontato di essere vegan, quasi crudista vegan, di aver fatto una scelta etica (sul suo blog vendeva anche gadget “etici”). Nel frattempo su un altro forum derideva le nostre scelte. Poi candidamente dice che torna ad uccidere animali perché così si arrampica meglio. E come ciliegina sulla torta, dice che sul suo blog le ricette saranno ancora vegan. Sono cose che danneggiano la nostra causa vegan. E’ difficile poi spiegare in giro che certi atteggiamenti sono dovuti solo a persone “del cavolo” e che il resto del mondo vegan (e crudista) invece prosegue un percorso etico di rispetto della vita degli altri animali non umani. Sarò anche politicamente scorretto, ma un caloroso “vaffa” a mattop voglio lanciarglielo. Io non contesto le sue scelte (non le condivido), ma il suo comportamento: spessore morale uguale a zero. Non è mai stato vegan, perché doveva farsi passare per vegan? Faceva figo?

blueyesvegan
Messaggi: 177
Iscritto il: ven feb 01, 2008 5:03 pm
Controllo antispam: diciotto

Re: mattop abbandona la nave

Messaggio da blueyesvegan » mar giu 17, 2008 6:30 am

Vorrei aggiungere che il miglioramento delle prestazioni atletiche e l'incremento della massa muscolare ottenibili nell'immediato con una dieta ricca di proteine e grassi animali, non è indicativa della salubrità a lungo termine di questo tipo di dieta.
Anche se si fa uso di sostanze dopanti si possono ottenere eccellenti risultati sportivi, ma tutti conosciamo i danni a distanza di tempo dall'assunzione.
Non voglio mettere sullo stesso piano il doping e un pezzo di carne, ma voglio far notare che il proprio stato psico-fisico nel breve periodo non può considerarsi un fattore su cui basare le proprie scelte alimentari.

Bloccato