vegan fuori casa

Archivio delle discussioni sui forum non più presenti

Moderatore: laura serpilli

Avatar utente
Lucialba
Messaggi: 243
Iscritto il: mer apr 23, 2008 5:52 pm
Controllo antispam: cinque
Località: Roma

Re: vegan fuori casa

Messaggio da Lucialba » mer apr 30, 2008 4:45 pm

Anch'io ho avuto difficoltà a nutrirmi in fiera, alldilà del vegan, era difficile anche il vegetariano perché non c'era una soal preparazione priva di prosciutto: tutti, e ripeto, tutti i panini erano con la fettina di prosciutto, cotto o crudo o salame.
Meno male che mi ero provvista di tarallucci salati, banana, e succo di frutta, almeno non sono rimasta digiuna. Non avevano nemmeno il classico pane pomodoro e mozzarella: zero assoluto.
Il consiglio è comunque di portarsi sempre qualcosina appresso da casa se si sta fuori a pranzo: ormai lo faccio sempre. Purtroppo si fa di necessità virtù! In bocca al lupo, vedrai che pian pianino riuscirai ad organizzarti.
Forza e coraggio.

Avatar utente
ross0
Messaggi: 350
Iscritto il: mar apr 22, 2008 7:42 am

Re: vegan fuori casa

Messaggio da ross0 » mer apr 30, 2008 6:25 pm

Ciao di nuovo a tutti e ancora una volta mille e mille grazie per le vostre parole e pazienza.
Rassegnazione...credo proprio che se ne fossi capace non avrei cercato un forum per raccogliere le esperienze degli altri...anche volendo l'unica cosa che posso fare è mandare di traverso il cibo "finto" che spacciano quando cerchi qualcosa di cucinato secondo i miei desideri, ma rassegnarmi proprio non ci riesco...Oggi torno da un viaggio di lavoro in macchina in Germania, un lungo lungo viaggio e pure in Germania, mangiando patate "lesse", riso "in bianco" trovo che le patate le hanno cucinate con la carne, il riso è stato addizionato di burro x non farlo attaccare e altre amenità...SOB...Sono impressionata: mi siedo nelle stazioni di servizio mangiando una banana e intorno a me vedo scaffali di Coca-Cola, schiere di Mars, una intera vetrina di animali morti gocciolanti di sughi sanguinolenti da ingurgitare con pane e qualche boccale di birra, una pentolata di uova, panna e latticini...tutto questo è soverchiante...e dovremmo pure considerarlo "normale"????? Ma cosa succede??? Ma come mai siamo circondati da pazzi che cercano di convincerci a fare il male del nostro pianeta e delle sue creature? Cosa succede? Mentre cerchiamo di stare a galla in questa vita caotica e senza pace, indisturbati o quasi, si arricchiscono i colossi dell'orrore...santo cielo che tristezza...per fortuna che esistono i vegan (quelli veri, mica i falliti come me, che si ritrovano nel piatto un sacco di tristezza, appena vogliono qualcosa di diverso dall'insalta scondita).
Beh...ancora una volta un bacione e un abbraccio a tutti voi,io mi sento sempre di + uno straccio a guardare quello che ci viene proposto come cibo...glub!!!!!
E che bello poi quando mi chiedono delle mie scelte alimentari e mentre racconto accorata di tutto quello che capita agli animali arrivano le bistecche da due chili ordinate dai miei clienti e in mezzo ai versi da "carnivori" tutti ridono delle cose che dico dicendomi che dovrei mangiare pure io la povera bestia che è finita nel loro piatto...
Uh...so che bisogna pensare positivo, questo è solo uno sfogo, perdonatemi
ross0

pasionario
Messaggi: 847
Iscritto il: ven lug 01, 2005 12:13 pm
Località: MDR

Re: vegan fuori casa

Messaggio da pasionario » mer apr 30, 2008 6:38 pm

ross0 ha scritto:per fortuna che esistono i vegan (quelli veri, mica i falliti come me, che si ritrovano nel piatto un sacco di tristezza, appena vogliono qualcosa di diverso dall'insalta scondita).
Non dirlo mai, tu sei vegan, dimostri un animo speciale, una forza che gli altri non hanno. Non puoi considerarti "fallito" solo se non mangi come noi. Vedrai che troverai un equilibrio. Non ti abbattere!

Daria
Messaggi: 4908
Iscritto il: mar nov 14, 2006 7:43 pm
Controllo antispam: cinque
Località: mantova
Contatta:

Re: vegan fuori casa

Messaggio da Daria » mer apr 30, 2008 7:15 pm

ross0 ha scritto: Ma cosa succede??? Ma come mai siamo circondati da pazzi che cercano di convincerci a fare il male del nostro pianeta e delle sue creature? Cosa succede? Mentre cerchiamo di stare a galla in questa vita caotica e senza pace, indisturbati o quasi, si arricchiscono i colossi dell'orrore...santo cielo che tristezza...per fortuna che esistono i vegan (quelli veri, mica i falliti come me, che si ritrovano nel piatto un sacco di tristezza, appena vogliono qualcosa di diverso dall'insalta scondita).
Ross, non dire neanche per scherzo di essere una vegan fallita!
Non esistono i vegan veri e quelli falliti. Esiste una piccola fascia di persone, chiamale vegan o chiamale come vuoi, che vive cercando di recare il minor danno possibile ad altri esseri viventi, come meglio può, senza regole ben precise da seguire e senza un confine da non oltrepassare... che sanno il vero significato del termine: RISPETTO.
Cara Ross, se tu non rientri in questa piccola fascia, davvero non saprei chi di noi ci possa rientrare.
Comunque, capisco il tuo sfogo... legittimo! SIAMO CON TE!!
Un forte abbraccio.. :)

Avatar utente
ross0
Messaggi: 350
Iscritto il: mar apr 22, 2008 7:42 am

Re: vegan fuori casa

Messaggio da ross0 » sab mag 03, 2008 7:12 pm

Dunque, studierò il problema, visto che sono allergica al cioccolato e alle noci, nocciole, mandorle etc.. Spero davvero di riuscire ad inventarmi qualcosa che io possa fare realmente anche se questa prima fase sta andando male.
Sono sicura che magari se riesco a inventarmi degli escamotages migliori, questi poi potranno essere utili ad altre persone che come me si devono tenere stretto il loro lavoro, per quanto impegnativo e si ritrovano a vagabondare dalle 7 a mezzanotte per giorni e giorni lontano da casa.
Vediamo come andrà... :wink:

Avatar utente
Stella10
Messaggi: 1761
Iscritto il: sab mag 26, 2007 2:59 pm
Contatta:

Re: vegan fuori casa

Messaggio da Stella10 » sab mag 03, 2008 8:50 pm

Sono sicura che ce la metterai tutta, noi veg siamo una razza tosta e determinata. :wink:

P.s. le olive sono molto caloriche e il patè di oliva da spalmare anche su delle fette biscottate sono molto sazianti.

Un grosso abbraccio

Avatar utente
Lucialba
Messaggi: 243
Iscritto il: mer apr 23, 2008 5:52 pm
Controllo antispam: cinque
Località: Roma

Re: vegan fuori casa

Messaggio da Lucialba » mar mag 06, 2008 6:55 pm

Se lavori con un computer, puoi cercare gruppi vegan nel paese che ti ospita e seguire i consigli o chiederne, facendoti segnalare i posti dove trovare quello che ti occorre.
Per la solidarietà, noi siamo sempre disponibili....
Se sei allergica alle mandorle, procurati carotine, finocchi, frutta a pezzetti (io compro delle bustine pronte al supermercato), puoi mangiare semi di girasole, olive snocciolate, tutti i sott'olio o sott'aceti che ti pare (soprattutto cetriolini...mmmmm!!!) e legumi arrostiti, ceci e fave, anche quelli facilmente disponibili al supermercato, già salati.
Scatolette di mais (meglio di un dolce...), carciofini in salamoia da aggiungere alle tue insalate insipide o al riiso e patate, cocco a pezzetti ecc. ecc.
Dai dai, che certe cose si trovano ovunque. E quando mangiano le loro bistecche, pensa a quello che capiterà al loro intestino e a tutte le scorie che caricheranno sui loro organi....
Sai come dice il saggio?
Ride bene chi ride ultimo....
Ciao ciao!

nikobiondo
Messaggi: 425
Iscritto il: dom apr 29, 2007 10:12 am
Controllo antispam: cinque
Località: Formia
Contatta:

Re: vegan fuori casa

Messaggio da nikobiondo » gio mag 08, 2008 2:26 pm

Io quando vado all'università mi porto con me da mangiare della frutta(mela e/o arancia e/o banana, frutta secca (semi), biscotti, pizza, panini fatti da me con marmellata di more (fatta in casa, la mia preferita).

Per una mezza giornata fuori credo che tutto ciò possa bastare. Poi mi rifaccio quando torno a casa :D

Avatar utente
ariella
Messaggi: 443
Iscritto il: ven apr 18, 2008 5:02 pm
Località: aprilia (lt)
Contatta:

Re: vegan fuori casa

Messaggio da ariella » gio mag 08, 2008 6:36 pm

non ho ben capito di che Paese si tratta ma...come dire...me lo segno come posto dove non andare
in effetti nel Nord Europa, a parte l'isola felice dell'Inghilterra, non deve essere facile...
cmq capisco benissimo il tuo problema, io mi sto accorgendo delle difficoltà nel mangiare fuori solo da pochi mesi, ovvero da quando sono vegana. Sono vegetariana da 29 anni e solo all'inizio ho dovuto scontrarmi con qualche ignorante, ma il fatto che mangiassi formaggi e uova pareva sollevarli da quella strana (loro) inquietudine. Ora invece, apriti cielo! anche le mie amiche più "alternative", ecologiste, aperte, etc. mi guardano come un'aliena, mentre io mi vergogno solo al pensiero di averci messo trent'anni, di essere rimasta isolata, di non aver letto più niente, di non aver cercato mai nella rete (a parte i prodotti cruelty free, quello sì, che lo facevo da anni). Di non aver capito la portata rivoluzionaria dell'essere vegan, e la conseguente derisione, incomprensione, i malumori, etc. a cui sarei andata incontro (la mia collega più anziana è la più morbida e mi dice che sono tutte fisime le mie :roll: ).

Per farti un'esempio, due settimane fa la mia capa (essere abbietto, ma questa è un'altra storia) ha invitato a un "pranzo di lavoro" me e altre 4 mie colleghe, indovinate dove??? in un posto che si chiama T-bone, che non conosco ma posso evidentemente immaginare di che si tratta. Ho la fortuna di lavorare in un ente di ricerca pubblico e di non dover temere di essere licenziata o degradata. Io non ce l'ho fatta, le ho risposto che non ci andavo manco morta, che la puzza di cadavere bruciato mi blocca lo stomaco, lei ha ribadito che c'era il menu vegetariano, io le ho risposto che solo un vegetariano imbecille potrebbe andare a mangiare in una bisteccheria, insomma la discussione è diventata animata e non mi ha parlato per giorni. Io non sono stata molto friendly ma a vedere i suoi sorrisini di scherno mentre mi proponeva l'opzione veggie e mi chiedeva se avessi "retto" sempre con quella faccia del cavolo...ho perso un po' le staffe. Eppure di sorrisini ne dovrò rivedere parecchi, mi sa.


I consigli sono quelli che ti hanno già dato gli amici del forum, in più mi verrebbe da dire - mentre fai lo slalom tra i brandelli di carni e le trippe - e lo dico anche a me stessa che non ci dobbiamo vergognare, che dobbiamo imparare una certa leggerezza (anche se a denti stretti) nel porci agli altri e fare un po' buon viso a cattivo gioco quando non puoi farne a meno (con i capi, con i colleghi NO) evitando comunque quello che non vuoi mangiare a costo di mangiucchiare prima o dopo il pasto, come già ti hanno detto, a costo di far la parte dell'anoressico di turno. Non so te, ma io carni & co. non li mangio manco se mi invita il Papa.

Six
Messaggi: 174
Iscritto il: lun dic 20, 2004 11:57 am
Località: Pisa/Milano

Re: vegan fuori casa

Messaggio da Six » mar mag 13, 2008 2:08 pm

Ciao a tutti!
In effetti anche fuori dall'Italia è un gran casino mangiare vegan.. tranne in Inghilterra! Sono stata un pò di tempo fa a Londra e sembrava di essere in paradiso! e ogni volta in qualsiasi posto c'era l'opzione vegetariana (che a volte era pure vegan!).
Invece io trovo tantissime difficoltà in Spagna. Purtroppo ci vado spesso, quasi una volta al mese ma mi fa davvero schifo..per loro vegetariano è uno che oltre alla carne, mangia anche la verdura. Non è uno che mangia SOLO verdure. Pazzesco!
Lì è il regno del prosciutto (o JAMON, come lo chiamano loro...addirittura ci sono dei locali che si chiamano "Museo del Jamon", dove in vetrina sono appesi pezzi di maiale....)
E se da qualche parte c'è scritto "piatti vegetariani", non illudetevi... sono solo piatti di carne o pesce con aggiunta di verdure!
E si che lì ne hanno di verdura... perchè abbinarla sempre con stò cavolo di prosciutto???
Anche il cibo in scatola tipo fagioli, ceci, piselli.. spesso c'è il prosciutto pure!

Per fortuna ho l'opportunità di cucinare a casa.. e per fortuna ho trovato qualche ristorante vegetariano. Ma che fatica!

Non andate mai in spagna!!!!

Avatar utente
Stella10
Messaggi: 1761
Iscritto il: sab mag 26, 2007 2:59 pm
Contatta:

Re: vegan fuori casa

Messaggio da Stella10 » mar mag 13, 2008 4:27 pm

Madonna Santissima!!! Ma sono ancora così primitivi da quelle parti? Credo che in vita mia non visiterò mai quel paese, per carità :x

Six
Messaggi: 174
Iscritto il: lun dic 20, 2004 11:57 am
Località: Pisa/Milano

Re: vegan fuori casa

Messaggio da Six » mar mag 13, 2008 5:02 pm

Mah..secondo me si, sono davvero primitivi.. Non ho mai nutrito particolare amore per la spagna e ora ho altri motivi odiarla!

Avatar utente
ariella
Messaggi: 443
Iscritto il: ven apr 18, 2008 5:02 pm
Località: aprilia (lt)
Contatta:

Re: vegan fuori casa

Messaggio da ariella » mer mag 14, 2008 9:13 am

la cosa buffa - a proposito di paesi europei - è che a Lisbona, qualche tempo fa, c'era un ristorante vegetariano (mi pare si chiamasse O celeiro) in centro dove si mangiava bene e senza troppi fronzoli, pareva una mensa anni 50 dunque con un suo fascino retrò, ma perfino lì, immancabile, immarcescibile (quello magari no...), onnipresente cosa trovavi??? il bacalhau!!
il baccalà!!! niente altro, carne, altro pesce, ma baccalà
è talmente piatto nazionale che anche al vegetariano....!

Rispondi