pannoline u&g eco e lavabili

Archivio delle discussioni sui forum non più presenti

Moderatore: laura serpilli

mammace
Messaggi: 125
Iscritto il: mer feb 06, 2008 11:23 am

Re: pannoline u&g eco e lavabili

Messaggio da mammace » sab apr 12, 2008 3:28 pm

grazie! è interessantissimo, in più parla proprio della mia provincia! :D

Avatar utente
elena.legnani
Messaggi: 630
Iscritto il: ven ott 20, 2006 9:53 pm
Località: Bologna

Re: pannoline u&g eco e lavabili

Messaggio da elena.legnani » lun apr 14, 2008 11:35 am

mame ha scritto: Così, in linea semplicistica farei questa facile comparazione:
energia x produrre
energia x il trasporto in fase di vendita
ci vogliono sia x l'u&G che per il lavabile

solo x lU&G
energia x smaltimento rifiuto ivi compreso il trasporto fino alla discarica (ma l'u&G eco lo posso compostare? se si, si risparmierebbe questo punto)

solo x il lavabile
energia e costi x il lavaggio
Dovremmo considerare anche che nell'U&G entrano in gioco diversi tipi di materiali, petroliferi e sintetici (questi ultimi pure in quelli "parzialmente ecologici"), gli u&g tradizionali ("di plastica" per intenderci) impiegano 500 anni per decomporsi in discarica e se bruciati, proprio perchè di plastica, liberano diossina. Gli unici u&g parzialmente ecologici, che si degradano fino circa 80/90% perchè in mater-bi, amido di mais e cellulosa, non vanno nell'umido perchè comunque all'interno del fluff di cellulosa i polimeri super-assorbenti sono sintetici (parlo dei Naturaè non dei Moltex sui quali abbiamo eveidenziato mooolte riserve e punti interrogativi da sciogliere sul Manuale).
Per i lavabili, se in fibra naturale, l'impatto anche in produzione come scorie è decisamente diverso oltre al fatto che si possono lavare a medie temperature e assieme ad altri capi di abbigliamento, non è affatto obbligatorio lavarli da soli!! Oltre a ciò se si usano mederate quantità di detersivo, direi che a livello di impatto "prima e dopo" non c'è proprio paragone. Se trovate qualche studio specifico e fatto con criterio (io il tedesco non lo capisco sorry) mandate con mp che tengo da parte per la prossima versione del Manuale Pannoli.

Ciao!

rocciajubba
Messaggi: 70
Iscritto il: gio apr 10, 2008 9:49 am
Località: Gualtieri (RE)
Contatta:

Re: pannoline u&g eco e lavabili

Messaggio da rocciajubba » lun apr 14, 2008 1:24 pm

Ciao a tutte!
Mi chiamo Sara e da poco ho iniziato ad utilizzare, quasi completamente ma non del tutto...lo ammetto :D , i lavabili. Non del tutto perchè mi sto ancora "rodando" e devo trovare una soluzione comoda per la notte, ma confido di arrivare anche lì almeno con lo svezzamento.
In più sto cercando di abituare la mia cucciola di 4 mesi al vasino/WC per accelerare un po' lo spannolinamento e per palesi questioni di sua igiene e comodità.
Approfitto fra l'altro di questo messaggio per ringraziare Francesca & Co. per il manuale sui pannoli lavabili che mi è stato utilissimo :wink:

Venendo all'argomento in oggetto vi dirò che da "tecnico del settore" (mi occupo di sicurezza sul lavoro e tutela ambientale in una grande azienda di elettrodomestici) i lavabili battono gli eco U&G DI SICURO.
Innanzi tutto perchè per produrre gli U&G ci sono forti consumi di energia e gas per la trsformazione delle materie prime. Sono impianti pesanti a livello di consumi, e oltre agli impianti di per sè ogni industria ha tutta una serie di "costi ambientali fissi" che derivano dall'attività non produttiva (amministrazione, commerciale, ecc...) e dalla gestione della "componente uomo" sia produttiva che impiegatizia (insomma per farla breve: la gente non lavora al buio, nè al freddo, nè senza servizi igienici...è la legge oltre che il buon senso a dirlo!).
Poi vengono i materiali: per quanto biodegradabili i pannolini U&G vanno comunque a finire in discarica o in inceneritore a seconda dei Comuni e su questo il consumatore non ha voce in capitolo. Quindi le sostanze dovute alla decomposizione e all'incenerimento degli stessi vengono prodotte. Oltre ad un ulteriore consumo di energia.
Infine si sa che il fluff asorbente non è bio e quindi quello resta lì per parecchio prima di decomporsi.
Pannolini lavabili: vengono riutilizzati di solito per più bambini, quindi i costi ambientali di produzione (inferiori per un'azienda tessile che per una chimica) sono ammortizzati quasi completamente.
Per il discorso lavaggi: le moderne lavatrici hanno consumi energetici e idrici ridotti e comuqnue anche una lavatrice di classe C consuma sempre meno di un impianto per la produzione del Mater B soprattutto se i pannolini vanno a completare una lavatrice che andrebbe comunque fatta (c'è un limite a quanto la roba sporca può stare nel cesto della biancheria così come al numero di camice che uno si può cambiare prima di rimanere senza :mrgreen: ).
Se poi utilizziamo detersivi bio (io già da tempo usavo quelli consigliati nel manuale e sono davvero ottimi, migliori di quelli normalmente presenti sul mercato :lol: ) il cerchio si chiude.

Elle
Messaggi: 1787
Iscritto il: lun lug 31, 2006 1:46 pm
Località: Bergamo

Re: pannoline u&g eco e lavabili

Messaggio da Elle » lun apr 14, 2008 4:16 pm

carisssimaaaaaaaaaaaaa benvenutaaaaaaaaaaaaaaaa!
piglio al volo il tuo messaggio e lo spedisco al volo a Marco di wip, che la pannolin-tenzone è aperta da mò!
:twisted: :twisted: :twisted:

grazieeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee

rocciajubba
Messaggi: 70
Iscritto il: gio apr 10, 2008 9:49 am
Località: Gualtieri (RE)
Contatta:

Re: pannoline u&g eco e lavabili

Messaggio da rocciajubba » mar apr 15, 2008 7:06 am

Cavolo...addio sconti dalla Wip :mrgreen:

mammace
Messaggi: 125
Iscritto il: mer feb 06, 2008 11:23 am

Re: pannoline u&g eco e lavabili

Messaggio da mammace » mer apr 16, 2008 2:42 pm

ciao rocciajubba!
grazie per le tue informazioni!
i pannolini avabili invece come si smaltiscono? ho visto che alcune linee invitano a rispedirglieli invece che a gettarli.
però appunto, anche se si smaltissero con un po' di difficoltà, parliamo sempre di pochi pezzi contro migliaia di u&G.

rocciajubba
Messaggi: 70
Iscritto il: gio apr 10, 2008 9:49 am
Località: Gualtieri (RE)
Contatta:

Re: pannoline u&g eco e lavabili

Messaggio da rocciajubba » mer apr 16, 2008 8:07 pm

Ciao Mammace!
Io direi che innanzitutto non necessariamente i lavabili si gettano.
Nel caso li si volesse eliminare io suggerisco di smaltirli nei contenitori CARITAS o simili come i vestiti: mal che vada verranno riciclati dalle industrie che producono stracci :D

Elle
Messaggi: 1787
Iscritto il: lun lug 31, 2006 1:46 pm
Località: Bergamo

Re: pannoline u&g eco e lavabili

Messaggio da Elle » mer apr 16, 2008 8:12 pm

non c'entra un tubo però vorrei rilanciare l'idea che i lavabili di cotone- tipo popolino io ho usato- ma magari anche altri, vanno benissimo quando le mamme che allattano hanno gli ingorghi mammari e devono fare degli impacchi di ricotta o di cavolo. Sono perfetti proprio per la forma che hanno, io prima di usare i pannolini avevo usato tremilapezzuole macchiandomi tutta. invece i pannolini hanno la forma perfetta per il seno e gli elastichini delle cosece fanno aderire il tutto senza che ci siano perdite e sbrodolamenti

ERGO DUNQUE!

Propongo di ricordarsi di tenere e regalare dei pannolini smessi e-o inutilizzabili per la loro ruvidezza o altro, a mamme in attesa, spiegando loro di tenerli a disposizione per tutto l'allattamento, e poi farli girare

grazieeeeeeeeeee dell'attenzioneeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee :mrgreen:

Francesca G.
Messaggi: 568
Iscritto il: mar ott 05, 2004 3:18 pm
Località: Bologna
Contatta:

Re: pannoline u&g eco e lavabili

Messaggio da Francesca G. » mar apr 22, 2008 9:16 pm

Posto qui alcune riflessioni:

1. I pannolini u&g vengono prodotti e consumati in quantità enormi, imparagonabili con le quantità dei pannolini lavabili.

2. Certo le produzioni su larga scala dei pannolini u&g prevedono ottimizzazioni dei consumi grazie alle procedure industriali (cosa che comunque andrebbe verificata produttore per produttore, non credo che tutti abbiano la certificazione ISO9002). In ogni caso si tratta di materiali la cui produzione richiede grandi consumi energetici e di acqua oltre che emissioni più o meno inquinanti.

3. I pannolini lavabili sono principalmente composti di cotone e di un materiale sintetico impermeabile. Per il materiale sintetico prodotto da grandi industrie specializzate vale lo stesso discorso di ottimizzazione e di inquinamento dei pannoli u&g, con la differenza che in questo caso il materiale non viene gettato dopo poche ore ma riutilizzato per mesi e anche anni. Per quanto riguarda il cotone se è da agricoltura biologica tutta la filiera dalla coltivazione al tessuto finito prevede un impatto ambientale minimo come per tutte le produzioni bio. Se è cotone non bio esso va a sommarsi con una percentuale trascurabile alle quantità abnormi di cotone che ogni anno viene coltivato e trasformato in tessuti per l'abbigliamento. Certo l'industria tessile è molto inquinante fin dalle coltivazioni e su questo occorerebbe lavorare. Ma è un altro discorso.

4. Certo la produzione dei pannolini lavabili ha un costo ma non mi pare neppure lontanamente paragonabile a quello richieso dalle montagne di pannolini di cui ogni bambino ha bisogno nei primi tre anni di vita.

5. Dire che il problema degli u&g sta nell'uso scriteriato che ne fanno i genitori che pare a dir poco azzardato. E pensare se si insegna ai genitori (cosa già di per sé utopica) a usare con criterio i pannolini u&g allora abbiamo risolto gran parte dei danni da questi causati mi sembra non solo ingenuo ma truffaldino.

6. Riguardo al fatto che i pannolini di stoffa hanno un alto impatto perché devono essere lavati sinceramente mi verrebbe da sorridere. Mi limito comunque a dire che tutte le mamme che usano i lavabili lavano i pannolini insieme a tutta la massa di vestiti e biancheria che abitualmente lavano e questo fa sì che il lavaggio dei pannolini ricada in gran parte sui consumi energetici e idrici abituali della famiglia, con un ricarico minimo.

7. Se vogliamo fare davvero dei confronti, che non potranno mai certo avere basi di dati certi, facciamoli.
Allora da una parte abbiamo i pannolini monouso che un singolo bambino usa nel periodo in cui sta pannolinato (e posso dire con una certa sicurezza che sono tre anni; i bambini che usano questo tipo di pannolino e che lo smettono prima dei tre anni sono delle assolute rarità). Direi che quattro cambi al giorno è una stima troppo ottimistica. Per la mia esperienza è molto più realistico pensare a 6 cambi al giorno (almeno nei primi due anni). Perciò considererò, per fare una media, 5 cambi giornalieri. Abbiamo la bellezza di 5400 pannolini per singolo bambino.
Dall'altra parte abbiamo i pannolini lavabili che un bambino usa nei suoi primi due anni (in questo caso la maggior parte dei bambini che usa lavabili si spannola intorno ai due anni; sono rari quelli che arrivano a tre). Diciamo per stare abbondanti una quarantina di pannolini.
Ecco dunque il nostro confronto. Da una parte 5400 pannolini u&g di plastica, cellulosa, gel sintetici, collanti e altre sostanze volatili e non. Per la cui produzione, anche nella fabbrica più efficente del mondo, occorre tanta tanta energi, tanta tanta, acqua, e il rilascio nell'ambiente di sostanze tossiche, oltre naturalmente agli alberi necessari per la produzione della cellulosa. E il cui smaltimento richiede ancora notevole consumo energetico in termini di costi di trasporto, benzina consumata energia per l'incenerimento oltre alle sostanze tossiche immesse nell'ambiente.
Dall'altra abbiamo 40 miseri pannolini di stoffa, che probabilmente verranno riutilizzati anche per un secondo bambino, e magari anche per un terzo. Abbiamo qualche metro di cotone (prob. bio) che deve essere coltivato e poi lavorato per diventare tessuto e qualche metro di poliestere rivestito di poliuretano. Fine. I costi di smaltimento di questi 40 pannolini in confronto a quello dei 5400 non voglio nemmeno commentarlo. E quel po' di luce e acqua che una famiglia consuma per qualche lavatrice in più rispetto a quelle che abitualmente farebbe senza pannolini non credo nessuno potrebbe sostenere che possono fare la differenza.

8. Voglio aggiungere anche una piccola riflessione che mi viene sui pannolini u&g ecologici, di cui naturalmente penso tutto il bene del mondo e penso siano un'ottima trovata. Però la riflessione è questa: che impatto ambientale ha la coltivazione non biologica e dunque bisognosa di grandi quantità di pesticidi e concimi chimici degli sterminati campi di mais che sono necessari per produrre il Mater-Bi per milioni di pannolini? Qualcuno ha mai pensato di considerare questo? E di fare i paragoni con altre tipologie di produzioni?

Ciao,
Fra

rocciajubba
Messaggi: 70
Iscritto il: gio apr 10, 2008 9:49 am
Località: Gualtieri (RE)
Contatta:

Re: pannoline u&g eco e lavabili

Messaggio da rocciajubba » mer apr 23, 2008 7:33 am

Fra 6 cambi al giorno?!!? Io ci farei la firma :? Qui si viaggia sugli 8 DI MEDIA.

Francesca G.
Messaggi: 568
Iscritto il: mar ott 05, 2004 3:18 pm
Località: Bologna
Contatta:

Re: pannoline u&g eco e lavabili

Messaggio da Francesca G. » mer apr 23, 2008 7:48 am

Otto cambi di U&G? Davvero? Da una parte mi viene da dire che sei brava, perché i bambini dovrebbero essere cambiati spesso e non stare immersi nell'urina per 6-8 ore di seguito. Però ti assicuro che la maggior parte della gente se va bene li cambia 4-5 volte al giorno.

Ciao,
Fra

rocciajubba
Messaggi: 70
Iscritto il: gio apr 10, 2008 9:49 am
Località: Gualtieri (RE)
Contatta:

Re: pannoline u&g eco e lavabili

Messaggio da rocciajubba » mer apr 23, 2008 6:11 pm

Francesca G. ha scritto:Otto cambi di U&G? Davvero? Da una parte mi viene da dire che sei brava, perché i bambini dovrebbero essere cambiati spesso e non stare immersi nell'urina per 6-8 ore di seguito. Però ti assicuro che la maggior parte della gente se va bene li cambia 4-5 volte al giorno.

Ciao,
Fra
Il fatto è che Ida fa cacca da 2 a 6 volte al giorno (per oggi siamo a 5) visto che la fa, la cambio e dieci minuti dopo puntualmente me la rifà. Anche ora che sto provando ad abituarla a WC e vasino la seconda me la fa sempre "alla muta" :mrgreen: o così in fretta che non riesco a spogliarla (vedi cacca n°5 odierna).
E poi a me fa senso lasciarla col pannolino (di qualunque tipo) tante ore. Sarà anche stato l'influsso della nostra ostetrica al corso preparto (grande sponsor dei lavabili, ma lei conosce solo i popolini infatti penso che le porterò il Manu&ALe :wink: dei lavabili che avete redatto voi) ma proprio nun jela fo'.
Poi di notte ancora le lascio l'U&G visto che mi fa la cacca alle 4 e trenta (ritornata da 4 notti...la bastarda) e di tenere un altro secchio al piano di sopra (di solito la cambio prevalentemente giù dove ho il secondo fasciatoio) e di sgrossare il pannolo alla notte non ne ho la forza :cry:

Avatar utente
elena.legnani
Messaggi: 630
Iscritto il: ven ott 20, 2006 9:53 pm
Località: Bologna

Re: pannoline u&g eco e lavabili

Messaggio da elena.legnani » gio apr 24, 2008 9:50 am

Francesca G. ha scritto:Otto cambi di U&G? Davvero? Da una parte mi viene da dire che sei brava, perché i bambini dovrebbero essere cambiati spesso e non stare immersi nell'urina per 6-8 ore di seguito. Però ti assicuro che la maggior parte della gente se va bene li cambia 4-5 volte al giorno.

Ciao,
Fra
Si anche io sento di 4-5 volte al giorno, rabbrividisco al pensiero, se io stessi nella plastica e nella mia piscia (per quanto il gel sia supre-assorbente..eh eh) 24 ore su 24 credo impazzirei. :evil:

Rispondi