anidride solforosa in semi e frutta secca

Archivio delle discussioni sui forum non più presenti

Moderatore: laura serpilli

Rispondi
pispola
Messaggi: 165
Iscritto il: mer lug 12, 2006 10:06 am

anidride solforosa in semi e frutta secca

Messaggio da pispola » lun ott 15, 2007 1:49 pm

Leggo su "Gruppi sanguigni e dieta" di V.Mangani e A.Panfili a pag.62 che "semi e frutta secca possono contenere anidride solforosa". Qualcuno saprebbe dirmi di più su questo argomento, e se c'è qualche rischio correlato al consumo di semi e frutta secca? Premetto che io la prendo solo biologica, quindi non ci dovrebbero essere problemi legati a sostanze utilizzate per l'essicazione e la conservazione.

marino70
Messaggi: 700
Iscritto il: gio set 08, 2005 2:39 pm

Re: anidride solforosa in semi e frutta secca

Messaggio da marino70 » lun ott 15, 2007 2:12 pm

pispola ha scritto:Leggo su "Gruppi sanguigni e dieta" di V.Mangani e A.Panfili a pag.62 che "semi e frutta secca possono contenere anidride solforosa". Qualcuno saprebbe dirmi di più su questo argomento, e se c'è qualche rischio correlato al consumo di semi e frutta secca? Premetto che io la prendo solo biologica, quindi non ci dovrebbero essere problemi legati a sostanze utilizzate per l'essicazione e la conservazione.
Si è vero; è utilizzato come conservante per prevenire la formazione di microbi e muffe e per preservare dall'ossidazione.
Anche frutta essiccata può contenerne; ad esempio le albicocche secche di color arancione ne contengono quasi sicuramente altrimenti diventerebbero marroni.
L'utilizzo maggiore si ha nel settore enologico; non credo esista vino che non ne contenga, neanche quello pigiato con i piedi.
Può portare seri problemi di allergia nei soggetti predisposti

Avatar utente
Giampiero
Messaggi: 309
Iscritto il: lun set 03, 2007 6:22 pm
Località: Toscana

Messaggio da Giampiero » lun ott 15, 2007 2:55 pm

Anche nell'uvetta secca, ho guardato un po in tutte le marche, ed è sempre presente

melograno
Messaggi: 200
Iscritto il: sab ago 13, 2005 4:37 pm
Località: Roma

io

Messaggio da melograno » lun ott 15, 2007 5:20 pm

io ho trovato delle marche al super che nn la hanno. tipo quella "ventura" per i mix d frutta. ho trovato anche delle banane secche che nn la hanno..ma nn ricordo la marca. :-)

Daria
Messaggi: 4908
Iscritto il: mar nov 14, 2006 7:43 pm
Controllo antispam: cinque
Località: mantova
Contatta:

Re: anidride solforosa in semi e frutta secca

Messaggio da Daria » lun ott 15, 2007 6:30 pm

marino70 ha scritto: Si è vero; è utilizzato come conservante per prevenire la formazione di microbi e muffe e per preservare dall'ossidazione.
Anche frutta essiccata può contenerne; ad esempio le albicocche secche di color arancione ne contengono quasi sicuramente altrimenti diventerebbero marroni.
L'utilizzo maggiore si ha nel settore enologico; non credo esista vino che non ne contenga, neanche quello pigiato con i piedi.
Può portare seri problemi di allergia nei soggetti predisposti
Credo sia così un po' per tutti i tipi di alimenti confezionati e quindi conservati...
magari non si chiamerà anidride solforosa ma sarà sempre un conservante e sicuramente bene non ci fa.
Ogni tipo di cibo confezionato ha il suo bel conservante, dalla frutta secca al vino... preferisco non pensarci!

:-)

pispola
Messaggi: 165
Iscritto il: mer lug 12, 2006 10:06 am

Messaggio da pispola » lun ott 15, 2007 7:31 pm

Grazie delle risposte. Volevo sapere se era una sostanza presente di per sè nella frutta secca, ma mi tranquillizzate dicendo che è qualcosa che aggiungono per conservarla.
Effettivamente adesso si spiega meglio il fatto che le albicocche secche che vedo nel negozio biologico sono scurissime, mentre quelle che vedo al supermercato sono di un arancione sospettosamente smagliante...

Avatar utente
Orsa
Messaggi: 387
Iscritto il: mar dic 26, 2006 4:16 pm
Località: Brescia
Contatta:

Re: anidride solforosa in semi e frutta secca

Messaggio da Orsa » lun ott 15, 2007 8:15 pm

marino70 ha scritto: L'utilizzo maggiore si ha nel settore enologico; non credo esista vino che non ne contenga, neanche quello pigiato con i piedi.
Può portare seri problemi di allergia nei soggetti predisposti
esatto.
io sono tra le persone allergiche ai solfiti, e per questo non bevo alcun tipo di vino, dato che è sempre presente anche in quelli biologici.

marino70
Messaggi: 700
Iscritto il: gio set 08, 2005 2:39 pm

Re: anidride solforosa in semi e frutta secca

Messaggio da marino70 » mar ott 16, 2007 8:14 am

Orsa ha scritto:
marino70 ha scritto: L'utilizzo maggiore si ha nel settore enologico; non credo esista vino che non ne contenga, neanche quello pigiato con i piedi.
Può portare seri problemi di allergia nei soggetti predisposti
esatto.
io sono tra le persone allergiche ai solfiti, e per questo non bevo alcun tipo di vino, dato che è sempre presente anche in quelli biologici.
Esatto; l'impiego dei solfiti in enologia ha diversi scopi (bloccare lo sviluppo dei batteri, favorire una buona fermentazione, bloccare le ossidazioni prodotte dagli enzimi, ecc ec). Esistono comunque tecnologie alternative che molti produttori di vini biologici mettono in pratica.
Purtroppo però c'è una prerogativa alla quale nessuno vuole/può rinunciare; mantiene nel vino rosso il colore caratteristico evitando che con il tempo viri al marrone.
C'è da dire che il disciplinare per la produzione di vini biologici è decisamente più rigido della normativa italiana per l'uso dei solfiti

marino70
Messaggi: 700
Iscritto il: gio set 08, 2005 2:39 pm

Re: anidride solforosa in semi e frutta secca

Messaggio da marino70 » mar ott 16, 2007 8:27 am

biankonera ha scritto:
marino70 ha scritto: Si è vero; è utilizzato come conservante per prevenire la formazione di microbi e muffe e per preservare dall'ossidazione.
Anche frutta essiccata può contenerne; ad esempio le albicocche secche di color arancione ne contengono quasi sicuramente altrimenti diventerebbero marroni.
L'utilizzo maggiore si ha nel settore enologico; non credo esista vino che non ne contenga, neanche quello pigiato con i piedi.
Può portare seri problemi di allergia nei soggetti predisposti
Credo sia così un po' per tutti i tipi di alimenti confezionati e quindi conservati...
magari non si chiamerà anidride solforosa ma sarà sempre un conservante e sicuramente bene non ci fa.
Ogni tipo di cibo confezionato ha il suo bel conservante, dalla frutta secca al vino... preferisco non pensarci!

:-)
Cerco di non demonizzare mai niente; l'utilizzo dei conservanti nell'industria alimentare ha come principale obiettivo la possibilità di mantenere inalterate le caratteristiche per molto tempo rallentando il naturale deterioramento. Oltre a garantire un'aspetto migliore (dettaglio comunque trascurabilissimo) in diversi casi preservano da tossine molto dannose per l'uomo (sicuramente più del conservante).
Purtroppo sono sempre maggiori le allergie causate dai conservanti e sempre più difficile scoprirle.
Purtroppo l'abitudine all'utilizzo di prodotti confezionati (per praticità) a prodotti fuori stagione (per gola) o a prodotti esotici (qui ci sta anche la moda del momento) ci espone continuamente ai conservanti.

Gandhi
Messaggi: 800
Iscritto il: ven feb 24, 2006 12:52 pm
Località: TOSCANA

Messaggio da Gandhi » mar ott 16, 2007 1:24 pm

L'anidride solforosa è un gas, che viene usato come conservante negli alimenti.

da wikipedia:

Effetti sull'uomo e sull'ambiente:

Il diossido ed il triossido di zolfo (anidride solforosa) (SO2 ed SO3, indicati con il termine generale SOx), sono i principali inquinanti atmosferici a base di zolfo. La principale fonte di inquinamento è costituita dalla combustione di combustibili fossili (carbone e derivati del petrolio) in cui lo zolfo è presente come impurezza.

Il biossido di zolfo è un forte irritante delle vie respiratorie; un’esposizione prolungata a concentrazioni anche minime (alcune parti per miliardo, ppb) può comportare faringiti, affaticamento e disturbi a carico dell'apparato sensorio.

È inoltre accertata una sinergia dannosa in caso di esposizione combinata con il particolato, dovuto probabilmente alla capacità di quest'ultimo di trasportare il biossido di zolfo nelle zone respiratorie del polmone profondo.

A partire dal 1980 le emissioni provocate direttamente dall'uomo (a causa di riscaldamento e traffico) sono notevolmente diminuite grazie all'utilizzo sempre crescente del metano e alla diminuzione della quantità di zolfo contenuta nel gasolio e in altri combustibili liquidi e solidi. Rimangono più preoccupanti le emissioni dovute alla presenza di centrali termoelettriche.

Negli alimenti il suo codice è E220

Nei cibi viene usato sinteticamente in:

E220
Baccala', gamberi e conserve, crostacei freschi o congelati, frutta secca,
sott' aceto e sott' olio, marmellate e confetture, aceto, vini, bevande a
base di succo di frutta, funghi secchi, uve trattamento post raccolta.

Alcune accuse a danno della salute:
Provoca perdita di calcio e distrugge la vitamina B1. In alcune mie letture ricordo che autori lo additavano a MUTAGENO.

Per quanto mi riguarda io cerco di tenerlo alla larga. Cerco di comprare fichi secchi, uvetta etc essiccati in maniera naturale.
Anche il grande igienista Herbert Shelton raccomandava: "Mi raccomando NON mangiate futta secca che sia stata solforata..."

per me è da evitare...

saluti

Gandhi
Messaggi: 800
Iscritto il: ven feb 24, 2006 12:52 pm
Località: TOSCANA

Messaggio da Gandhi » mar ott 16, 2007 1:25 pm

doppione x sbaglio...

Avatar utente
Maga Magò
Messaggi: 3
Iscritto il: dom feb 20, 2011 12:29 pm
Controllo antispam: cinque
Località: Tortoreto Lido (TE)

Re: anidride solforosa in semi e frutta secca

Messaggio da Maga Magò » lun nov 30, 2015 4:45 pm

Esiste un modo per limitare i danni ad esempio mettendo a bagno in acqua e bicarbonato oppure con una cottura veloce?
Sono precauzioni inutili?

Akira
Messaggi: 1528
Iscritto il: dom lug 30, 2006 6:44 am

Re: anidride solforosa in semi e frutta secca

Messaggio da Akira » ven apr 29, 2016 8:49 am

Forse si.

Aurora10
Messaggi: 3
Iscritto il: gio apr 28, 2016 4:12 pm
Controllo antispam: diciotto

Re: anidride solforosa in semi e frutta secca

Messaggio da Aurora10 » sab apr 30, 2016 10:27 am

ora con l'introduzione dei vini vegani le cose sono cambiate

Rispondi