Devitalizzazioni - Alternative

Archivio delle discussioni sui forum non più presenti

Moderatore: laura serpilli

borsaric
Messaggi: 57
Iscritto il: mar apr 24, 2007 8:51 am
Località: Roma

Devitalizzazioni - Alternative

Messaggio da borsaric » lun mag 28, 2007 9:39 am

Si sente spesso parlare dei possibili danni dovuti a devitalizzazioni. Ma difficilmente si riesce a capire quali siano le possibili alternative.
Apro quindi questo topic per discutere in merito alle possibili alternative alla devitalizzazione.
Inizio io.
Per quanto ne so ci sono 3 alternative:
1) Estrazione del dente e basta. In tal caso i possibili problemi derivano da malocclusioni. Non saprei ben quantificare il problema.
2) Estrazione del dente e impianto di un nuovo dente in titanio, zirconia ecc. In tal caso si possono avere una serie di problemi derivanti da queste leghe non proprio biocompatibili che vengono impiantate nella bocca.
3) Estrazione del dente e utilizzo di un ponte. Di tale caso ne so poco.
La discussione è aperta.

rosario.muto

devitalizzazione

Messaggio da rosario.muto » lun mag 28, 2007 7:47 pm

Ciao Borsaric,
essendo un operatore del settore, ricercatore etc. etc.
penso che andando un po al difuori dei soliti canoni professionali, che poi questi sarebbero anche discutibili in quanto la professionalità stessa è messa in gioco (poco cervello, poche mani e tutti son bravi), con alcune riflessioni e conoscenza della materia chimica, è possibile ottenere degli ottimi risultati nelle cosiddette terapie canalari con annesse ricostruzioni.
Il problema sapete qual'è? è la prersunzione del sapere medico, è quello che indistintamente gli viene sventolato da chi nel dentale vende i prodotti e li pubblicizza attravreso soggetti che di competenza ha solo di vecchio, anzi non ha perfettamente nulla, la cosa più importante e la politica del grande venditore, perchè in sala la stragrande maggioranza sono tutti dei coglioni, non sanno un kaiser............................................e il mondo gira, secondo voi la bilancia come fa? pende sempre da un lato, se non esiste lo stupido, l'inteligente non produce.

Avatar utente
tormalinarosa
Messaggi: 487
Iscritto il: lun ott 23, 2006 8:38 am

Messaggio da tormalinarosa » lun mag 28, 2007 8:10 pm

Ma la terapia canalare non era la vergogna dell'odontoiatria!!
Ma è possibile che quando qualcuno fa un'affermazione c'è sempre qualcun altro pronto a smentirla?
Sinceramente io non ci sto capendo più nulla.
Rosario non capisco se stai giocando a nascondino o se il tuo scopo e quello di farti pubblicita?
Mi piacerebbe sapere cosa ne pensa Lorenzo Acerra.

rosario.muto

terapia canalare si , no,

Messaggio da rosario.muto » mar mag 29, 2007 7:44 am

Ciao Tormalinarosa,
non facciamo estremismo, se hai un dente che ormai sta per partire, cosa fai? ...................per tutta una serie di motivi, è giusto x mille volte fare una terapia canalare a modo che piazzare un impianto (in titanio tossico) o fare altre cose ugualmente pericolose, non facciamo solo filosofia, non serve ad un kaiser.

Avatar utente
tormalinarosa
Messaggi: 487
Iscritto il: lun ott 23, 2006 8:38 am

Re: terapia canalare si , no,

Messaggio da tormalinarosa » mar mag 29, 2007 9:00 am

rosario.muto ha scritto:Ciao Tormalinarosa,
non facciamo estremismo, se hai un dente che ormai sta per partire, cosa fai? ...................per tutta una serie di motivi, è giusto x mille volte fare una terapia canalare a modo che piazzare un impianto (in titanio tossico) o fare altre cose ugualmente pericolose, non facciamo solo filosofia, non serve ad un kaiser.
Allora se ho un dente che ormai sta per partire invece di estrarlo rifaccio la terapia canalare così da riempire l'orefizio apicale di sostanze altrettanto tossiche?
Non sarebbe più semplice estrarlo e basta o magari andare a rimpiazzare con un ponte realizzato con materiali bio compatibili e senza metalli?

borsaric
Messaggi: 57
Iscritto il: mar apr 24, 2007 8:51 am
Località: Roma

Messaggio da borsaric » mar mag 29, 2007 9:02 am

Ma se una persona, per non correre alcun tipo di pericolo, volesse farsi estrarre un dente anzicchè ricorrere a tutte le varie possibili alternative, a cosa andrebbe incontro? A lungo andare, rimanere con un molare in meno cosa può comportare?

rosario.muto

Messaggio da rosario.muto » mar mag 29, 2007 1:19 pm

La scelta di estrarre un dente è prettamente personale, quindi non comporta giudizio altrui, solo che visto l'enorme complessità del sistema e dei rapporti biologici etc. intervengono altre problematiche anch'esse pericolose.
Per quanto riguardo la biocompatibilità dei materiali nella sostituzione di organi etc. per parti protesiche, questa è una vera illusione, esiste tutta una serie di compromessi con la consapevolezza della tossicità assoluta, dire che non sia vero è solamente utopia, falsità.
Quindi a questo punto a voi la scelta............................................
Da tempo oramai non si fa altro che parlare di inquinamento: smog, elettrosmog, discariche, diossina, inceneritori, intossicazioni da prodotti chimici, in qualulque cosa, abbigliamento, alimenti, abitazioni etc. tutto ha a che fare da metalli, ossidi metallici, da prodotti provenienti da reazioni di ossidi metallici, la nuova frontiera -> nanotecnologia, la più preoccupante di tutte.
Visto il tutto che fa parte di un unico filo conduttore, filosofia vecchia e stravecchia, oggi le multinazionali non fanno altro che dettare potere incudendo sul mercato e alle piccole aziende, leggi a loro favore, anche se mortali per lo stesso genere umano.
Gli ossidi sono tossici o no? noi tutti sappiamo che gli ossidi sono .....................
Alcune multinazionali asseriscono, anzi obbligano le aziende a produrre materiali metallici con il concetto della ossidazione obligatoria.
A voi le considerazioni.....................................................................

Avatar utente
chakra
Messaggi: 118
Iscritto il: lun ott 23, 2006 7:46 am

Messaggio da chakra » mar mag 29, 2007 7:04 pm

rosario.muto ha scritto:La scelta di estrarre un dente è prettamente personale, quindi non comporta giudizio altrui, solo che visto l'enorme complessità del sistema e dei rapporti biologici etc. intervengono altre problematiche anch'esse pericolose.
Per quanto riguardo la biocompatibilità dei materiali nella sostituzione di organi etc. per parti protesiche, questa è una vera illusione, esiste tutta una serie di compromessi con la consapevolezza della tossicità assoluta, dire che non sia vero è solamente utopia, falsità.
Quindi a questo punto a voi la scelta............................................
Da tempo oramai non si fa altro che parlare di inquinamento: smog, elettrosmog, discariche, diossina, inceneritori, intossicazioni da prodotti chimici, in qualulque cosa, abbigliamento, alimenti, abitazioni etc. tutto ha a che fare da metalli, ossidi metallici, da prodotti provenienti da reazioni di ossidi metallici, la nuova frontiera -> nanotecnologia, la più preoccupante di tutte.
Visto il tutto che fa parte di un unico filo conduttore, filosofia vecchia e stravecchia, oggi le multinazionali non fanno altro che dettare potere incudendo sul mercato e alle piccole aziende, leggi a loro favore, anche se mortali per lo stesso genere umano.
Gli ossidi sono tossici o no? noi tutti sappiamo che gli ossidi sono .....................
Alcune multinazionali asseriscono, anzi obbligano le aziende a produrre materiali metallici con il concetto della ossidazione obligatoria.
A voi le considerazioni.....................................................................

Quali sono le problematiche pericolose che intervengono nel momento in cui si decide di evitare devitalizzazioni, terapie canalari e estrarre un dente che da problemi?

borsaric
Messaggi: 57
Iscritto il: mar apr 24, 2007 8:51 am
Località: Roma

Messaggio da borsaric » lun giu 04, 2007 10:45 am

rosario.muto ha scritto:A parte tutto, a giorni potro dirvi di più, sto lavorando per tutti, sia per la mi soluzione sia per tutelare la salute e l'economia in generale.
Dopo tanti anni, a giorni ho un'incontro con tutta una serie di responsabili a livello internazionale, metterò a ferro e a fuoco tutto quello che è possibile.
Non ho peli sulla lingua, nulla mi fa temere.
Cordialmente Rosario Muto
Ci aggiorni?!

isabella
Messaggi: 60
Iscritto il: gio giu 08, 2006 10:08 am
Località: roma

Messaggio da isabella » mar giu 12, 2007 10:13 am

chakra ha scritto:
rosario.muto ha scritto:La scelta di estrarre un dente è prettamente personale, quindi non comporta giudizio altrui, solo che visto l'enorme complessità del sistema e dei rapporti biologici etc. intervengono altre problematiche anch'esse pericolose.
Per quanto riguardo la biocompatibilità dei materiali nella sostituzione di organi etc. per parti protesiche, questa è una vera illusione, esiste tutta una serie di compromessi con la consapevolezza della tossicità assoluta, dire che non sia vero è solamente utopia, falsità.
Quindi a questo punto a voi la scelta............................................
Da tempo oramai non si fa altro che parlare di inquinamento: smog, elettrosmog, discariche, diossina, inceneritori, intossicazioni da prodotti chimici, in qualulque cosa, abbigliamento, alimenti, abitazioni etc. tutto ha a che fare da metalli, ossidi metallici, da prodotti provenienti da reazioni di ossidi metallici, la nuova frontiera -> nanotecnologia, la più preoccupante di tutte.
Visto il tutto che fa parte di un unico filo conduttore, filosofia vecchia e stravecchia, oggi le multinazionali non fanno altro che dettare potere incudendo sul mercato e alle piccole aziende, leggi a loro favore, anche se mortali per lo stesso genere umano.
Gli ossidi sono tossici o no? noi tutti sappiamo che gli ossidi sono .....................
Alcune multinazionali asseriscono, anzi obbligano le aziende a produrre materiali metallici con il concetto della ossidazione obligatoria.
A voi le considerazioni.....................................................................

Quali sono le problematiche pericolose che intervengono nel momento in cui si decide di evitare devitalizzazioni, terapie canalari e estrarre un dente che da problemi?
Riapro la questione perchè vorrei aver maggior informazioni .
Dovrei devitalizzare due denti che hanno portato al formarsi di due sacche nelle gengive.
Visto che ho dovuto togliere negli anni due denti proprio per questo motivo non sò proprio cosa fare.
Devitalizzare i denti?
Toglierli?
Se aspetto finchè non trovo una risposta la questione precipita ed è peggio?
Il mio dentista mi ha detto che è possibile rifare un dente mancante con il composito Diamond Crow ed invece che inserire un perno nella gengiva "legarlo" sempre tramite il composito ai due denti a fianco.
Qualcuno mi può illuminare...grazie
saluti a tutti
Isabella

Avatar utente
silvy
Messaggi: 1137
Iscritto il: gio gen 26, 2006 11:30 am

Messaggio da silvy » mer giu 13, 2007 6:46 pm

isabella ha scritto:
chakra ha scritto:
rosario.muto ha scritto:La scelta di estrarre un dente è prettamente personale, quindi non comporta giudizio altrui, solo che visto l'enorme complessità del sistema e dei rapporti biologici etc. intervengono altre problematiche anch'esse pericolose.
Per quanto riguardo la biocompatibilità dei materiali nella sostituzione di organi etc. per parti protesiche, questa è una vera illusione, esiste tutta una serie di compromessi con la consapevolezza della tossicità assoluta, dire che non sia vero è solamente utopia, falsità.
Quindi a questo punto a voi la scelta............................................
Da tempo oramai non si fa altro che parlare di inquinamento: smog, elettrosmog, discariche, diossina, inceneritori, intossicazioni da prodotti chimici, in qualulque cosa, abbigliamento, alimenti, abitazioni etc. tutto ha a che fare da metalli, ossidi metallici, da prodotti provenienti da reazioni di ossidi metallici, la nuova frontiera -> nanotecnologia, la più preoccupante di tutte.
Visto il tutto che fa parte di un unico filo conduttore, filosofia vecchia e stravecchia, oggi le multinazionali non fanno altro che dettare potere incudendo sul mercato e alle piccole aziende, leggi a loro favore, anche se mortali per lo stesso genere umano.
Gli ossidi sono tossici o no? noi tutti sappiamo che gli ossidi sono .....................
Alcune multinazionali asseriscono, anzi obbligano le aziende a produrre materiali metallici con il concetto della ossidazione obligatoria.
A voi le considerazioni.....................................................................

Quali sono le problematiche pericolose che intervengono nel momento in cui si decide di evitare devitalizzazioni, terapie canalari e estrarre un dente che da problemi?
Riapro la questione perchè vorrei aver maggior informazioni .
Dovrei devitalizzare due denti che hanno portato al formarsi di due sacche nelle gengive.
Visto che ho dovuto togliere negli anni due denti proprio per questo motivo non sò proprio cosa fare.
Devitalizzare i denti?
Toglierli?
Se aspetto finchè non trovo una risposta la questione precipita ed è peggio?
Il mio dentista mi ha detto che è possibile rifare un dente mancante con il composito Diamond Crow ed invece che inserire un perno nella gengiva "legarlo" sempre tramite il composito ai due denti a fianco.
Qualcuno mi può illuminare...grazie
saluti a tutti
Isabella
Ciao Isabella,
anche io mi sono trovata di fronte al dilemma: estrarre o accettare una cura canalare?
Ebbene io ho optato per la prima possibilità e tra due giorni ho appuntamento per l'estrazione.
Non so quanti anni hai e qual è il tuo stato di salute, cmq se non hai grossi problemi, se il tuo sistema immunitario non è costantemente messo a dura prova, potresti devitalizzare e tra una decina di anni procedere all'estrazione.
Cmq, tienici informati.
Riguardo alla possibilità di realizzare un dente con composito e legarlo ai due denti vicini io non ne ho mai sentito parlare, cmq mi interesserebbe saperne di più!
A presto.

borsaric
Messaggi: 57
Iscritto il: mar apr 24, 2007 8:51 am
Località: Roma

Messaggio da borsaric » gio giu 14, 2007 3:49 pm

isabella ha scritto:
chakra ha scritto:
rosario.muto ha scritto:La scelta di estrarre un dente è prettamente personale, quindi non comporta giudizio altrui, solo che visto l'enorme complessità del sistema e dei rapporti biologici etc. intervengono altre problematiche anch'esse pericolose.
Per quanto riguardo la biocompatibilità dei materiali nella sostituzione di organi etc. per parti protesiche, questa è una vera illusione, esiste tutta una serie di compromessi con la consapevolezza della tossicità assoluta, dire che non sia vero è solamente utopia, falsità.
Quindi a questo punto a voi la scelta............................................
Da tempo oramai non si fa altro che parlare di inquinamento: smog, elettrosmog, discariche, diossina, inceneritori, intossicazioni da prodotti chimici, in qualulque cosa, abbigliamento, alimenti, abitazioni etc. tutto ha a che fare da metalli, ossidi metallici, da prodotti provenienti da reazioni di ossidi metallici, la nuova frontiera -> nanotecnologia, la più preoccupante di tutte.
Visto il tutto che fa parte di un unico filo conduttore, filosofia vecchia e stravecchia, oggi le multinazionali non fanno altro che dettare potere incudendo sul mercato e alle piccole aziende, leggi a loro favore, anche se mortali per lo stesso genere umano.
Gli ossidi sono tossici o no? noi tutti sappiamo che gli ossidi sono .....................
Alcune multinazionali asseriscono, anzi obbligano le aziende a produrre materiali metallici con il concetto della ossidazione obligatoria.
A voi le considerazioni.....................................................................

Quali sono le problematiche pericolose che intervengono nel momento in cui si decide di evitare devitalizzazioni, terapie canalari e estrarre un dente che da problemi?
Riapro la questione perchè vorrei aver maggior informazioni .
Dovrei devitalizzare due denti che hanno portato al formarsi di due sacche nelle gengive.
Visto che ho dovuto togliere negli anni due denti proprio per questo motivo non sò proprio cosa fare.
Devitalizzare i denti?
Toglierli?
Se aspetto finchè non trovo una risposta la questione precipita ed è peggio?
Il mio dentista mi ha detto che è possibile rifare un dente mancante con il composito Diamond Crow ed invece che inserire un perno nella gengiva "legarlo" sempre tramite il composito ai due denti a fianco.
Qualcuno mi può illuminare...grazie
saluti a tutti
Isabella
Da quale dentista vai? Mi dici il suo nome e come ti trovi?
A me interessa conoscere a Roma un bravo e soprattutto onesto dentista.
Io sono andato più volte da Cipriani... per carità bravo dentista, ma non mi ha convinto del tutto. Mi riferisco alla sua "superficialità" e "fretta" nelle cose. Ad esempio mi ha tolto delle amalgame (4 tutte in una seduta) senza usare la mascherina d'ossigeno ed inoltre mi è sembrato un pò impacciato (mi riferisco al figlio).
Inoltre parla poco col paziente.. non ti spiega cosa sta facendo , non ti dice quale alternative hai e i rischi/benefici che corri ecc.
Quindi vorrei cambiare dentista.

Avatar utente
silvy
Messaggi: 1137
Iscritto il: gio gen 26, 2006 11:30 am

Messaggio da silvy » lun giu 18, 2007 10:43 am

X Isabella:
Ho chiesto al mio dentista riguardo alla possibilità di realizzare un dente in composito e legarlo ai denti vicini e mi ha detto che questa possibilità effettivamente esiste, però è fattibile solo sugli incisivi perchè gli altri denti non riuscirebbero a sopportare il carico della masticazione.

isabella
Messaggi: 60
Iscritto il: gio giu 08, 2006 10:08 am
Località: roma

Messaggio da isabella » mar giu 19, 2007 8:45 am

Da quale dentista vai? Mi dici il suo nome e come ti trovi?
A me interessa conoscere a Roma un bravo e soprattutto onesto dentista.
Io sono andato più volte da Cipriani... per carità bravo dentista, ma non mi ha convinto del tutto. Mi riferisco alla sua "superficialità" e "fretta" nelle cose. Ad esempio mi ha tolto delle amalgame (4 tutte in una seduta) senza usare la mascherina d'ossigeno ed inoltre mi è sembrato un pò impacciato (mi riferisco al figlio).
Inoltre parla poco col paziente.. non ti spiega cosa sta facendo , non ti dice quale alternative hai e i rischi/benefici che corri ecc.
Quindi vorrei cambiare dentista.[/quote]

Anch'io vado da Cipriani...ed anch'io sono arrivata alla tua stessa conclusione, infatti ho posticipato l'appuntamento che avevo da giugno a luglio perchè non sono molto convinta.
Per l'estrazione delle amalgame è andata abbastanza bene, anche perchè dalla seconda estrazione ho chiesto due aspiratori, la diga di gomma, gli occhiali....io faccio sempre un mucchio di domande, e per questo alla fine sono riuscita a cavarmela, purtroppo ora mi trovo di fronte al dilemma di due devitalizzazioni o due estrazioni e proprio non sò che fare ( visto che ho già tolto due denti negli anni passati) anche perchè non vorrei ne rimanere senza denti ma neanche ritrovarmi in bocca dei denti morti.
Prima di andare da Cipriani mi ero fatta visitare dal Dott. Illuzzi, una persona davvero cortese, solo che alla fine il suo studio era ancora più lontano ed ogni volta mi faceva aspettare tantissimo, mi sono fatta veder anche dal un Dentista all'Eur il Dott. Puzzilli, tra tutti è stato quello che mi ha spiegato tutto nei minimi dettagli ed oltre a lui il suo staff era formato da più specialisti, (omeopata, radiologo, anestesista....ognuno aveva un suo ruolo ) ma solo per togliere le amalgame e fare qualche altro lavoretto mi ci voleva un mutuo per casa, pensa che solo per vedermi cinque minuti mi ha chiesto 80euro, per cui lo sconsiglio vivamente a meno che uno non sia Paperon De Paperoni :)
Altre esperienze non ne ho , a parte Dentisti non "olistici", .....per cui HELP a tutte le persone che scrivono da ROMA nella speranza che ci diano il nominativo di un dentista che sia bravo e scrupoloso....CHE SIA UN'UTOPIA
Cari saluti a tutti
Isabella

isabella
Messaggi: 60
Iscritto il: gio giu 08, 2006 10:08 am
Località: roma

Messaggio da isabella » mar giu 19, 2007 9:01 am

silvy ha scritto:X Isabella:
Ho chiesto al mio dentista riguardo alla possibilità di realizzare un dente in composito e legarlo ai denti vicini e mi ha detto che questa possibilità effettivamente esiste, però è fattibile solo sugli incisivi perchè gli altri denti non riuscirebbero a sopportare il carico della masticazione.
Io lo dovrei fare sui dente 14-15-16 e 24 e sembrerebbe che si possa fare e che si possa utilizzare il composito Diamond Crow legato a qualche altro materiale ..quale non si sà bene, anche perchè ogni volta che fai qualche domanda o neanche loro lo sanno, o rispondono a mezza bocca o ti dicono che di meglio non si può fare e che tanto anche l'aria è inquinata, come l'acqua ed il cibo e che perciò un pò di composito in bocca o una devitalizzazione non ti può certo uccidere.
Frase che mi fà drizzare tutti i capelli che ho in testa ( e sono veramente tanti :) )
Purtroppo il mio dentista per quanto bravo possa essere è frettoloso ed approsimativo e devo essere io a ricordarmi le cose o ad insistere su altre.
Grazie per avere chiesto informazioni al tuo dentista...a proposito come è andata l'estrazione :) e al posto del dente tolto il tuo dentista come ti ha consigliato in merito?
A risentirci
Isabella

Rispondi