Io sono Paolo

Archivio delle discussioni sui forum non più presenti

Moderatore: laura serpilli

lapislazzuli
Messaggi: 87
Iscritto il: dom ago 13, 2006 11:55 pm
Località: Udine

chiarimenti sul digiuno

Messaggio da lapislazzuli » mer apr 04, 2007 2:23 pm

Dunque parlando dell'esempio si è paragonato il MANGIARE al FUMO, ma io ho paragonato il DIGIUNO al FUMO, c'è parecchia differenza:

Il digiuno è una pratica che ha a che fare con le tossine presenti nel corpo in quel momento però non le vediamo e non ci si accorge del loro accumulo;

Il fumo è una pratica che ha sicuramente una causa tossiemica, universalmente riconosciuta, ed è più visibile, ce ne accorgiamo e smettere è un pò come provocare un digiuno all'interno del corpo.

I fenomeni che si verificano sono simili in entrambi i casi, per cui se un caso è riconosciuto il beneficio anche l'altro deve esserlo di conseguenza.

Si è cercato di rendere evidente una pratica di disintossicazione, che avviene all'interno del corpo in maniera completamente autonoma, altrimenti invisibile.
Non si esamina quì (per adesso) la FONTE di tali tossine.

Ricordiamoci comunque che il digiuno è sempre collegato ad un discorso tossiemico del corpo e che tali tossine possono formarsi non solo per questioni alimentari, il cibo è solo una di numerose cause.

Ciao Paolo

marino70
Messaggi: 700
Iscritto il: gio set 08, 2005 2:39 pm

Re: chiarimenti sul digiuno

Messaggio da marino70 » mer apr 04, 2007 3:11 pm

lapislazzuli ha scritto:Dunque parlando dell'esempio si è paragonato il MANGIARE al FUMO, ma io ho paragonato il DIGIUNO al FUMO, c'è parecchia differenza:

Il digiuno è una pratica che ha a che fare con le tossine presenti nel corpo in quel momento però non le vediamo e non ci si accorge del loro accumulo;

Il fumo è una pratica che ha sicuramente una causa tossiemica, universalmente riconosciuta, ed è più visibile, ce ne accorgiamo e smettere è un pò come provocare un digiuno all'interno del corpo.

I fenomeni che si verificano sono simili in entrambi i casi, per cui se un caso è riconosciuto il beneficio anche l'altro deve esserlo di conseguenza.

Si è cercato di rendere evidente una pratica di disintossicazione, che avviene all'interno del corpo in maniera completamente autonoma, altrimenti invisibile.
Non si esamina quì (per adesso) la FONTE di tali tossine.

Ricordiamoci comunque che il digiuno è sempre collegato ad un discorso tossiemico del corpo e che tali tossine possono formarsi non solo per questioni alimentari, il cibo è solo una di numerose cause.

Ciao Paolo
Veramente tu hai paragonato il digiuno all'astensione dal fumo che è un po' diverso e continuando con il parallelismo non fai altro che ribadire che come smettere di fumare fa bene perchè il fumo è nocivo, anche smettere di mangiare fa bene semplicemente perchè mangiare fa male.
Io lascerei stare il paragone ed eventualmente troverei altre motivazioni per caldeggiare il digiuno

gioman
Messaggi: 590
Iscritto il: lun set 18, 2006 8:55 pm
Località: Cagliari

Messaggio da gioman » gio apr 05, 2007 12:07 am

Beh un ex fumatore capisce perfettamente il paragone, apparentemente improprio di Paolo...

marino70
Messaggi: 700
Iscritto il: gio set 08, 2005 2:39 pm

Messaggio da marino70 » gio apr 05, 2007 6:43 am

gioman ha scritto:Beh un ex fumatore capisce perfettamente il paragone, apparentemente improprio di Paolo...
Sono ex fumatore anch'io; potresti spiegarmelo gentilmente???

gioman
Messaggi: 590
Iscritto il: lun set 18, 2006 8:55 pm
Località: Cagliari

Messaggio da gioman » gio apr 05, 2007 9:13 pm

marino70 ha scritto:...

Sono ex fumatore anch'io; potresti spiegarmelo gentilmente???
Oh mamma...ma usa l'immaginazione, non attaccarti 'sto sterile razionalismo ;-)

Può anche essere che gli effetti della interruzione del fumo siano diversi a seconda delle persone...il mio era come una fame mostruosa ma non di cibo ch a volte compare anche ora dopo 1 anno e mezzo.

marino70
Messaggi: 700
Iscritto il: gio set 08, 2005 2:39 pm

Messaggio da marino70 » ven apr 06, 2007 7:58 am

gioman ha scritto:
marino70 ha scritto:...

Sono ex fumatore anch'io; potresti spiegarmelo gentilmente???
Oh mamma...ma usa l'immaginazione, non attaccarti 'sto sterile razionalismo ;-)

Può anche essere che gli effetti della interruzione del fumo siano diversi a seconda delle persone...il mio era come una fame mostruosa ma non di cibo ch a volte compare anche ora dopo 1 anno e mezzo.
Credo che stiamo parlando di due cose diverse, comunque auguri per la tua astensione dal fumo

lapislazzuli
Messaggi: 87
Iscritto il: dom ago 13, 2006 11:55 pm
Località: Udine

il mondo di Paolo è uguale al vostro.

Messaggio da lapislazzuli » mar mag 29, 2007 3:25 pm

Salve ho dei giorni più tranquilli e dedicherò un pò di tempo a voi, Mi sembra che mi leggiate, almeno credo eh eh.
Le cose mi vanno bene, talmente bene che vorrei che anche gli altri ne godano, veramente..
Quello che vi lascerò però sarà un messaggio filosofico, il mio naturalmente, poi ogniuno potrà dissentire o meno, che riflette comunque il messaggio igienistico,
All'inizio c'era il mondo, il pianeta terra dominato dall'acqua, partiamo da dei punti fermi: il mio mondo è uguale al vostro, il mondo di paolo è uguale al vostro, altra cosa: Non l'ho creato io, se l'avessi creato io forse l'avrei fatto diverso ma tant'è... c'era già quando sono venuto al mondo.
Ora vi spiego com'è fatto il mondo, e con questa frase mi tirerò addosso tutti i vaffanc' possibili immaginabili.. ma come ti permetti tu a spiegarci a noi com'è fatto il mondo? Ma ci ti credi d'essere? Ci hai preso tutti per imbecilli??
Com'è vedete mi rendo perfettamente conto di quello che creo, ma lo stesso mi permetto di chiedervi una possibilità, ascoltatemi e poi giudicate, io so essere interessante (lo vedo da chi mi ascolta).
Questa è una premessa, gli articoli seguiranno e poi qualcuno, prima o poi.. doveva pur farlo.
Paolo

gerardo
Messaggi: 386
Iscritto il: gio giu 15, 2006 3:08 pm

Messaggio da gerardo » mar mag 29, 2007 5:24 pm

Immanuel Kant al termine della sua vita disse che i principali problemi filosofici erano risolti e che rimanevano da sviluppare solo dei dettagli. Non aveva torto perchè una costruzione filosofica ha nella stessa persona l'architetto, il muratore, il piastrellista, ecc. e se questa persona dice che mancano solo le maniglie delle finestre bisogna credergli. Soprattutto perchè il quella casa specifica ci potrà entrare lui e lui solo essendo ogni testo scritto, specialmente in filosofese, soggetto alle interpretazioni più varie. Aspettiamo con ansia l'opera del nuovo Kant. Le interpretazioni, purtoppo, sono le uniche cose dell'intero universo che un filosofo non può prevedere.

lapislazzuli
Messaggi: 87
Iscritto il: dom ago 13, 2006 11:55 pm
Località: Udine

1° articolo

Messaggio da lapislazzuli » mer mag 30, 2007 2:54 pm

Bene nel mondo esistono regole biologiche? Si esistono, quali sono? c'è qualcuno che le rispetta? si possono trasgredire?
. L'uomo è l'unica specie che fa come gli pare, che le vìola costantemente, con la segreta speranza che la natura non gli farà pagare il prezzo, così non è:
Ma andiamo nel dettaglio.. nel mondo esistono tre regni: il regno minerale, la flora e la fauna.
Il regno minerale è arrivato per primo, poi si è formata la flora, ed infine il regno della fauna. Tutti i tre regni funzionano a energia solare, senza il sole la vita così come la conosciamo non potrebbe esistere, siamo un pò come le batterie, batterie solari.
Iniziamo a conoscere le regole:
. la flora si nutre di minerali, attinge al regno minerale ed è l'unico regno che può farlo, riceve l'energia solare in maniera diretta, attraverso la sintesi clorofilliana, noi (fauna) la assumiano in parte direttamente coi raggi solari ed il resto indirettamente consumando la flora (le parti edibili) NON siamo autorizzati ad attingere direttamente al regno minerale ma solo attraverso le piante, semplicemente non siamo attrezzati, il corpo li espellerebbe come corpi estranei, una questione di regole, contravvenirle NON è senza conseguenze...
E i carnivori? Loro non mangiano piante, quindi?
Anche i carnivori funzionano ad energia solare, solamente la assumono in maniera indiretta, infatti un carnivoro mangerà un animale erbivoro, ne è legato in maniera indissolubile, in questo modo si garantisce la sopravvivenza.
Dovrebbe già apparire chiaro che questa visione mette in evidenza che gli erbivori sono avvantaggiati proprio per il modo di procurarsi l'energia, cioè la ricevono DIRETTAMENTE.
Questo è il solo motivo perchè un cavallo è più longevo, sano, attivo, bello di un leone.
Per i motivi di cui sopra, l'uomo non può mangiare sale, verrebbe espulso come corpo estraneo attraverso il sudore, e così vale per tutti i minerali, comprese le vs. adorate acque minerali eh eh...
Per oggi basta così, come sempre ditemi se vi piace leggermi e sopratutto se volete che continui..
Paolo

susi_violante
Messaggi: 981
Iscritto il: mar lug 19, 2005 9:35 am

Re: 1° articolo

Messaggio da susi_violante » gio mag 31, 2007 9:01 am

Certo che devi continuare.
Susi

lapislazzuli
Messaggi: 87
Iscritto il: dom ago 13, 2006 11:55 pm
Località: Udine

Messaggio da lapislazzuli » sab giu 02, 2007 1:03 pm

OK,
Quindi se vi dicono che avete bisogno di vitamine e sali minerali, che il fisico li richiede per essere forte e sano, siatene certi, hanno ragione. Però tali sostanze dovrete assumerle dai cibi, MAI dal regno minerale; in tale regno i minerali si trovano in forma INORGANICA, inerti ed immobili, morti. Negli altri regni li troviamo in forma ORGANICA,vitali e quindi utilizzabili dall'organismo. Questa è la differenza e non è roba da poco.
Pensateci la prossima volta che vi trovate in mano una pillola vitaminica o un integratore di derivazione chimica, anche se il chimico o la Ditta vi dirà che sono come quelle naturali, od addirittura migliori, siatene certi, NON hanno più ragione, è la stessa differenza che passa tra la vita e la morte, a voi la scelta.
Questo ci introduce al prossimo articolo che riguarderà l'intelligenza della natura, un'incredibile sapere fino agli elementi elementari, esiste un'intelligenza delle cellule?
Ci sono poteri che sono propri della natura e non dell'uomo, uno di questi è creare la vita, semplicemente perchè non è dato all'uomo, è al di fuori di esso. Certo può giocare con gli elementi, manipolarli, questo si.
Ho letto, un giorno, che in laboratorio sono riusciti a riprodurre un uovo di gallina, in tutto e per tutto uguale, identico e con la stessa temperatura.
C'era comunque una piccola differenza, nell'uovo di gallina nasceva un pulcino nell'altro NO, avete capito adesso?
Qual'è il senso naturale di questo processo? Sicuramente simbiotico, infatti si arricchiscono e si avvantaggiano tutti e tre i regni, le piante si nutruno del regno minerale, gli animali delle piante e con le deiezioni animali tutto torna al terreno che si arricchisce a sua volta.
Questo è possibile solo facendo passsare il cibo attraverso lo stomaco di un animale, in questo modo la natura si assicura la ricchezza e questo, in fondo, è il nostro ruolo, almeno in rapporto all'equilibrio biologico.

Rispondi