alimenti acidificanti/alcalinizzanti

Archivio delle discussioni sui forum non più presenti

Moderatore: laura serpilli

Rispondi
pispola
Messaggi: 165
Iscritto il: mer lug 12, 2006 10:06 am

alimenti acidificanti/alcalinizzanti

Messaggio da pispola » mar ott 17, 2006 3:52 pm

Ciao, premetto che non sono crudista (non ancora, perlomeno), quasi vegano e perennemente in cerca dell'alimentazione adatta a me. Ho letto da poco il libro di Ehret "Il sistema di guarigione della dieta senza muco" e mi ha impressionato. Mi sembra di aver capito che, anche se non è la norma, in linea di massima si può intuire quanto un cibo faccia bene/male anche in base alla sua capacità acidificante/alcalinizzante, a questo proposito sono riportate nel libro le tavole di Berg. (E' giusto quel che sto dicendo?) Siccome sono studi molto vecchi, qualcuno saprebbe indicarmi degli studi recenti che diano le stesse indicazioni su uno spettro di alimenti più ampio? Ad esempio, qualcuno mi ha detto che il farro è l'unico cereale che non acidifica, non so se sia una fesseria. Grazie mille.

malina
Messaggi: 51
Iscritto il: lun set 11, 2006 2:46 pm

Messaggio da malina » mar ott 17, 2006 4:06 pm

in realtà se ci pensiamo bene noi queste cose le dovremmo sapere perchè studiate a scuola attraverso la chimica e la biologia, io ad esempio me le sono ripassate riguardando i manuali delle superiori :)

però se vuoi qualcosa di mirato alla dieta io ti consiglio i libri di adolfo panfili, in particolare "ph e la dieta ortomolecolare" edito da tecniche nuove (7,90 euro), li ci sono le cose essenziali, se vuoi qualcosa di più approfondito leggi "la dieta ph" sempre per tecniche nuove

è molto pratico e ci sono anche le "ricette"

ciao!

acerra99
Messaggi: 60
Iscritto il: gio mar 17, 2005 8:54 pm
Località: Lauro (AV)
Contatta:

Messaggio da acerra99 » mar ott 17, 2006 4:54 pm

una cosa buona del libro di Panfili e' che fa uno sproloquio terrificante contro la carne!
lorenzo

toler
Messaggi: 45
Iscritto il: mar ago 08, 2006 12:29 am
Località: Roma
Contatta:

Messaggio da toler » sab ott 21, 2006 12:24 pm

L'ho letto ultimamente e da un approccio molto sintetico ed efficace,sull'alimentazione ideale.
E' interessante anche le sezioni che affrontano l'acidificazione in relazione agli umori, alla musica, al benessere psichico.
L'unica cosa comunque tollerabilissima, è il consiglio che da sulla dieta ideale riferendosi all'80% consigliato di frutta e verdura.

Io credo che l'obiettivo finale sia di 100% frutta e verdura o addirittura solo frutta,(cruda chiaramente).
Questa è per me la dieta ideale prevista per l'uomo.

Sono cose che sembrano irraggiungibili, ma con una sana transizione lenta e graduale attraverso la dieta di ehret chi vuole puo arivare a questo risultato.

toler
Messaggi: 45
Iscritto il: mar ago 08, 2006 12:29 am
Località: Roma
Contatta:

Re: alimenti acidificanti/alcalinizzanti

Messaggio da toler » sab ott 21, 2006 12:32 pm

pispola ha scritto:A questo proposito sono riportate nel libro le tavole di Berg. (E' giusto quel che sto dicendo?) Siccome sono studi molto vecchi, qualcuno saprebbe indicarmi degli studi recenti che diano le stesse indicazioni su uno spettro di alimenti più ampio? Ad esempio, qualcuno mi ha detto che il farro è l'unico cereale che non acidifica, non so se sia una fesseria. Grazie mille.
Ciao ti allego una copia di una risposta del forum su arnold ehret proprio sulle tavole di berg. Spero ti sia utile.
------------------------------------------
Il sistema della dieta di Ehret funziona perché è semplice pur possedendo tutte le informazioni fondamentali.

Non significa che una dieta sia buona per il fatto che suggerisce il consumo dell'80% di frutta. Il rimanente 20% potrebbe essere costituito da alimenti che la trasformano in veleno.

In Tv i dietologi suggeriscono continuamente di mangiare frutta e verdura. Nonostante ciò le persone non hanno migliorato il loro stato di salute grazie a tali suggerimenti.

Ci sono molti autori che hanno scritto libri usando le scoperte di Ehret, molti senza nemmeno citarlo, anzi attribuendo a se stessi le scoperte. Oltre a questo hanno introdotto cambiamenti e alterazioni, nullificando i benefici completi della dieta, ottenendone solo parziali.


Comunque a quel tempo certe risposte Ehret non le ha ampliate perchè i suoi colleghi pensavano cose assurde, come "carne fa sangue" e altre amenità del genere, e non le avrebbero comprese.

Per spiegare come i cibi creano acidità una volta introdotti nell'organismo occorre fare una premessa.
Parliamo di scienza dell'alimentazione, non delle panzanate di Luciano Onder o qualche altro medico prezzolato dalle industrie alimentari. Bastano due righe per spiegare quello che interi volumi non riescono nemmeno a sfiorare.

Quando si introducono le proteine complesse come la carne, il corpo non sa che farsene così come sono, essendo diverse da quelle della mucca o del maiale (spero). Deve scomporle nei singoli aminoacidi e fra questi prendere quelli che gli servono per comporre le sue proteine che possano svolgere le funzioni richieste per il buon andamento del corpo umano. Questo processo di scomposizione delle proteine produce degli scarti e sottoprodotti come ad esempio l'acido urico nel caso della carne. Questo si intende per cibi che creano acidità e il modo in cui la creano è quello descritto, per azione degli enzimi (scomposizione)

Per contro la frutta e la verdura contengono gli aminoacidi, sono proteine semplici, e il corpo non fa che raccogliere quegli aminoacidi già pronti e comporre le sue proteine. Tanta fatica in meno e nessun o pochi residui (fibre) non acidi. Quindi non creano acidità.
------------------------------------------
Aggiungo io :
Sul farro non saprei è sempre un cereale e quindi non adatto all'uomo però se vuoi in una mia ricerca storica l'ho fatta e ho scoperto che sia effettivamente fra i migliori in quanto a qualita per l'uomo.Sui soldati romani per esempio si dice consumassero sedano crudo e farro, in bassissime quantità
Nel “De bello gallico”, Giulio Cesare afferma che i soldati romani erano mangiatori di farro….
Erano formidabili instancabili e invincibili
Sopportavano incredibili fatiche, marce estenuanti(I romani in guerra facevano una media di 30/40 km con uno zaino e un armatura dai 20 ai 30 kg) e poi le battaglie che duravano anche giorni interi. Mangiavano cibi sani e sopratutto mangiassero molto poco e sopratutto pochissima o quasi per niente carne che invce era appannaggio di ricchi e potenti.

Però per quanto buono possa essere è sempre un cereale e in quanto tale produce muco.Puo andare bene in una dieta di transizione, ma non è parte della dieta ideale dell'uomo.
Se vuoi leggere l'articolo intero visita la pagina
http://www.vegetariani-roma.it/dblog/ar ... ticolo=257

Ciao Luca

Rispondi