OMEOPATIA - precisazioni

Archivio delle discussioni sui forum non più presenti

Moderatore: laura serpilli

Rispondi
Gio
Messaggi: 607
Iscritto il: mar dic 28, 2004 11:13 am
Località: torino

OMEOPATIA - precisazioni

Messaggio da Gio » gio giu 22, 2006 9:34 am

Noto che ci sono un sacco di domande e risposte piuttosto arbitrarie sull'omeopatia.

L'omeopatia è una scienza in cui "il simile cura il simile".

Non ha senso in omeopatia dire che il tale rimedio cura la febbre, il tal altro cura il mal di denti, questo fa passare le coliche e quest'altro fa venire o andar via il latte.

Non ha senso affidarsi al consiglio di un farmacista o di un medico che, in perfetta buona fede e con le migliori intenzioni, utilizza rimedi omeopatici (spesso composti) senza essere un omeopata.

I due non-sense che ho citato sono motivati dal fatto che usare i rimedi omeopatici in questo modo equivale a utilizzare l'omeopatia seguendo il pensiero allopatico (cioè della medicina ufficiale).

Non è così che funziona.

In omeopatia ci si deve rivolgere ad un omeopata di fiducia. Non è facile trovarlo, è possibile che dobbiamo cambiarne due, tre, sei prima di trovare chi fa per noi.

Questa persona deve essere in grado di individuare (quasi mai al primo colpo, l'omeopatia è molto complessa e intuitiva, per nulla facile) il rimedio (UNO SOLO! Non due o tre rimedi goccine/granuli/globuli differenti da prendere insieme o in orari diversi: un solo rimedio - e non un composto di diverse sostanze - SULL'ETICHETTA DEVE ESSERCI SCRITTO UN SOLO NOME IN LATINO, per intenderci) che ci cura nel nostro complesso: sul piano fisico, mentale, emozionale ed eventualmente anche spirituale.
Può capitare che ci rivolgiamo all'omeopata per la candida (malanno che notoriamente la medicina ufficiale non riesce a debellare) e lui/lei ci curi prendendo in considerazione soprattutto la nostra sudorazione o la nostra freddolosità, il nostro modo di alimentarci (sia "cosa" che "quanto", ma soprattutto "come" mangiamo), la posizione in cui dormiamo o il modo in cui affrontiamo le nostre relazioni piuttosto che la nostra struttura fisica o il nostro colore di capelli. Sto parlando seriamente. L'omeopata cerca di individuare "che rimedio siamo", qual'è il rimedio che più ci assomiglia, per curarci di malattie che ci sembrano molto lontane dalle sue domande.

Giogio05 il 16 giugno nel thread "Omeopatia a 15 mesi" ha scritto:
"Sul fatto che faccia male, ho chiesto sia al pediatra sia al farmacista e mi hanno rassicurato sul fatto che non hanno effetti collaterali."

Questo è il segno di quanto siano ignoranti, nel senso di non conoscenza della materia, sia il tuo pediatra che il tuo farmacista.
I rimedi omeopatici non hanno effetti collaterali nell'accezione comune del termine, cioè non ti "avvelenano" l'organismo come può fare un antibiotico o del cortisone, ma anche loro hanno effetti secondari e indesiderabili, sebbene più sottili. In particolare proprio il tipo di rimedio che avete indicato in quel thread, che è un composto di diversi altri rimedi, può avere questo effetto.
Come ti spiego il tipo di effetti collaterali che può portare ...
....
Ecco, per esempio tuo figlio potrebbe essere un tipo "Pulsatilla" (molti bambini lo sono) ma prendere il Chamodent che, dal nome, presumo contenga Chamomilla, può far passare il problema delle gengive a tuo figlio, ma può dargli le caratteristiche di Chamomilla (es. urlare a squarciagola e disperatamente dal dolore in occasione di un malanno successivo, voler essere passeggiato in braccio avanti e indietro indifferentemente da mamma o da papà, o sbattere la testa volontariamente sul pavimento o contro il muro) quando lui/lei, essendo un Pulsatilla, normalmente sta meglio quando si trova in braccio alla mamma, trova giovamento dal contatto fisico con lei e dalle sue coccole senza bisogno di essere cullato/passeggiato: nel momento in cui vai da un vero omeopata, questo ti chiederà come manifesta il dolore, la malattia, tuo figlio e se gli dirai che normalmente urla a squarciagola e vuole essere mosso avanti e indietro ti darà di nuovo Chamomilla, peggiorando la situazione e non riuscendo a curare il suo disturbo.
In pratica, ogni rimedio cura più problemi. Se lo prendi come cura di un unico disturbo senza che il medico controlli se anche gli altri malanni relativi a quel rimedio sono in qualche modo già tuoi ... ti vengono. Il rimedio adatto coincide IN TUTTO ai sintomi fisici, mentali ed emozionali del paziente.

--------------------------------------------------------------------------------------
Quindi, a tutte le persone che chiedono consigli in proposito di omeopatia l'unico consiglio sensato è questo: cercati un buon medico omeopata UNICISTA (significa che, appunto, utilizza un solo rimedio alla volta) e affidati alle sue cure.
--------------------------------------------------------------------------------------

A proposito delle marche di prodotti omeopatici: chiedete poi all'omeopata che finalmente avrete deciso che sarà "il vostro" di consigliarvi anche una o due marche in particolare perchè le aziende non lavorano tutte allo stesso modo. C'è chi lo fa con maggiore professionalità e coscienza e chi lo fa a livello industriale (normalmente le aziende maggiormante pubblicizzate dalle farmacie, quelle i cui rimedi sono sempre disponibili sono quelle del secondo tipo - il più delle volte i rimedi delle aziende più serie sono da prenotare e arrivano nella vostra farmacia in uno-due giorni).

Un'ultimo "repetita juvant" a proposito della marca di rimedi per bambini che avete menzionato in uno degli ultimi thread, quei rimedi da banco che sono normalmente consigliati dai farmacisti e qualche volta (ahimè) anche da sedicenti omeopati: sono COMPOSTI omeopatici, dentro c'è di tutto e di più. Sicuramente curano sul momento il malanno per cui sono stati acquistati, ma non saprete mai che sintomi possono far saltare fuori in seguito e sarà difficile capire se quel sintomo è vostro proprio, del vostro proprio rimedio, o se è stato provocato da un rimedio inopportuno preso in precedenza.

In ogni caso, parlare di omeopatia/medicina su questo forum è off-topic.

Scusatemi per questo mio OT ma ... dovevo proprio. L'omeopatia è qualcosa che mi affascina e che stimo troppo per vederla bistrattata in questo modo.
A me ha risolto problemi per i quali i medici allopatici si erano arresi. Da qui ho deciso di approfondire e studiarla un po' (non sono un'omeopata ma vi potete fidare di quanto ho scritto).

Saluti

Gio

Gio
Messaggi: 607
Iscritto il: mar dic 28, 2004 11:13 am
Località: torino

VACCINI OMEOPATICI

Messaggio da Gio » ven giu 23, 2006 10:39 am

Ancora una cosa a cui ieri non ho pensato: i cosiddetti "vaccini omopatici".

Sono solo una trovata commerciale.

L'omeopatia si basa sull'osservazione della persona e sui sintomi dati dai suoi problemi fisici, mentali, ecc. e la cura in base a tali osservazioni.
Non viene utilizzata preventivamente.

Ciò che viene spacciato per vaccino omeopatico è di nuovo un composto di diversi rimedi. E ciò che so in proposito l'ho già espresso nel mio 1° messaggio.

Spero che quanto sto scrivendo possa servire a qualcun* ...

Gio
Messaggi: 607
Iscritto il: mar dic 28, 2004 11:13 am
Località: torino

OMEOPATIA E VEGANISMO

Messaggio da Gio » ven giu 23, 2006 10:59 am

La sperimentazione avviene solo ed esclusivamente sull'uomo (sano).

I rimedi omeopatici possono provenire sia dal mondo minerale che da quello vegetale o animale.

In ogni caso il nome del rimedio è sempre molto chiaro ancorchè in latino e in caso di dubbio si può sempre richiedere l'informazione al proprio medico.

Esempi: Aurum Metallicum è l'oro, Pulsatilla è l'anemone pulsatilla, un fiorellino, Apis è il veleno dell'ape.

Ovviamente le quantità sono infinitesimali, con una goccia di veleno non ho idea di quante confezioni di granuli si possano produrre ... però in partenza almeno un'ape sarà stata sacrificata ...

Quando mi vengono in mente altre info ve le posto.

Gio

Rispondi