Capita anche a voi?

Archivio delle discussioni sui forum non più presenti

Moderatore: laura serpilli

Fox_Mulder
Messaggi: 996
Iscritto il: ven ott 15, 2004 11:34 pm
Località: Il paese dei puffi...
Contatta:

Messaggio da Fox_Mulder » mer mag 03, 2006 8:32 pm

ehi, io non studio medicina :P se studiassi medicina probabilmente mi avrebbero già espulso per ripetute risse verbali con i prof :P
ma ti immagni me studare medicina a Roma col professor Cannella? XD O se ne va lui, o me ne vado io!! :P

In ogni caso, io ho sempre pensato che se tutti i medici fossero aggiornati e supportassero la dieta veg*ana non avremmo più bisogno di far nulla, o cmq molto poco, per diffondere il veganismo. E sono sicuro che se non si parte da lì non si otterrà niente, ma purtroppo pochi supportano questa idea ;)

Lia, secondo la mia esperienza posso dirti che ai medici manca proprio l'informazione; io ho parlato con medici che NON hanno informazioni, non conoscevano le cose.
Non è un problema di ignorare le ricerche scientifiche, quello forse riguarda medici che hanno particolari interessi, e pur sapendo certe cose le nascondono per proteggersi.

Io ora sono in contatto col mio ex pediatra (che bello! ^^) che era interessato, è convinto che abbiamo ragione sulla salute, e quindi ci stiamo scambiando informazioni. Ma lui ha candidamente detto che ne so più io di lui.
Ho parlato con un neolaureato in medicina una volta, mi ha detto che di nutrizione avevano solo un corso, molto generale. L'intero corso di laurea insegna quale farmaco dare per quella malattia, stop. Non insegnano come usare l'alimentazione per prevenire e curare le malattie. E' un mondo alla rovescia.

E direte, con i farmaci è più semplice. Mi permetto di affermare il contrario. E' vero, aiutare un paziente con l'approccio nutrizionale richiede più tempo rispetto a prescrivere un farmaco. Ma se teniamo conto del minor numero di malati (se fin da bambini si seguisse un alimentazione sana), dell'inesistenza degli effetti collaterali, che invece ogni farmaco ha, e che quindi richiede altri farmaci, altre cure, altre visite dal medico...alla fine otterremo di sicuro molti meno pazienti, e medici che avrebbero più tempo a disposizione per seguire i propri pazienti.

Insomma, penso innanzitutto che un medico deve impiegare il tempo necessario con un paziente, e che anche "perdendo" un po' di tempo in più all'inizi, ne guadagnerebbe sicuramente di più in futuro, quando quel paziente risolverà i suoi problemi e non si farà più vivo, se non per portare le occasionali analisi del sangue in perfetta salute.

piperita
Messaggi: 236
Iscritto il: ven mag 13, 2005 4:09 pm

Messaggio da piperita » gio mag 04, 2006 3:49 pm

ma, oggi pensavo a questa discussione, e mi sono venute in mente due cose.
- lavorando spesso con le scuole vedo che all'ora di merenda la maggior parte dei bimbi tira fuori dallo zaino un sacchetto di patatine. anche questa mattina ero alla fermata del bus e una mamma ha detto alla figlia: "entriamo in questo bar che ti compro la merenda!" e poi sono uscita con in mano un sacchetto di dixi. ricordo che l'anno scorso a furia di annusare (nel senso che mi arrivava l'aroma) le patatine dei bimbi mi si era scatenata una voglia... una voglia.... comunque l'unica merenda abbastanza sana che vedo è la pizzetta con pomodoro o il pacchetto di grissini. ma è raro! ah, una volta ho visto anche un prof. che alle 10.30 a.m. spuntinava a wurstel e tuc!!
- mio zio: due infarti, un'operazione di by pass che per lui è stata un trauma. mangiava come un porco, soprattutto formaggi e salumi.
ora è controllatissimo sul mangiare, ma nel modo sbagliato. non so perchè la dottoressa gli ha dettato dei cibi si e dei cibi no, ma lui interpreta la cosa a modo suo. tipo: si al pesce azzurro... lui mangia gli sgombri sotto'olio!!! (stessa cosa con i carciofi). si raramente ai dolci semplici: lui si abbuffa di pastafrolla che è piena di burro e uova, dicendo che è "semplice, non vedi, non c'è niente sopra!", ma snobba le mie torte integrali senza niente (davvero!). e poi non capisco perchè: no alle verdure a foglia verde! perchè???? si agli agrumi... si mangia almeno un chilo di gelato al limone a settimana!
bah, non so che dire sui questa cosa... che rabbia!

ah, no, ne ho un'altra:
oggi ho mangiato al bar (cosa che non succede mai) e mi sono accorta che l'unica cosa vegana presente sul menù era la pasta al pomodoro! vi giuro, l'unica! perchè anche le insalate avevano dentro qualcosa di animale, così come i ravioli all'ortica, ripassati nel burro!
che roba... non ci avevo mai fatto caso!

Verdesperanza
Messaggi: 198
Iscritto il: ven ott 14, 2005 1:57 pm
Località: arezzo

Messaggio da Verdesperanza » gio mag 04, 2006 4:10 pm

[quote="piperita"]- mio zio: due infarti, un'operazione di by pass che per lui è stata un trauma. mangiava come un porco, soprattutto formaggi e salumi.
ora è controllatissimo sul mangiare, ma nel modo sbagliato. non so perchè la dottoressa gli ha dettato dei cibi si e dei cibi no, ma lui interpreta la cosa a modo suo. tipo: si al pesce azzurro... lui mangia gli sgombri sotto'olio!!! (stessa cosa con i carciofi). si raramente ai dolci semplici: lui si abbuffa di pastafrolla che è piena di burro e uova, dicendo che è "semplice, non vedi, non c'è niente sopra!", ma snobba le mie torte integrali senza niente (davvero!). e poi non capisco perchè: no alle verdure a foglia verde! perchè???? si agli agrumi... si mangia almeno un chilo di gelato al limone a settimana!
bah, non so che dire sui questa cosa... che rabbia!
quote]

Bel tipo tuo zio piperita! Sto ancora ridendo dopo aver letto le tue descrizioni su cosa mangia, per quanto riguarda il no alle verdure a foglia verde, credo perchè contengano vitamina K che interferisce sicuramente con i farmaci che probabilmente assume per il cuore, anche mio padre doveva evitare il consumo di verdure a foglia verde.

Lia
Messaggi: 498
Iscritto il: ven nov 26, 2004 3:18 pm

Messaggio da Lia » gio mag 04, 2006 4:46 pm

Purtroppo, Piperita, praticamente tutti interpretano in modo simile a tuo zio i dettami dei medici.
Mia zia x es. interpreta il dettame "cucinare leggero" facendo solo 2 strati alle lasagne, ma tutti e 2 ricchi di ragù e besciamella non certo vegan!
Che poi, come dica Fox, spesso i medici ne sappiano meno dei pazienti o cmq dei vegan informati è senz'altro vero. Quello che intendevo dire è che loro potrebbero informarsi, potrebbero anche fare 2+2, come si dice...
Fox, ero convinta che tu studiassi medicina, sei così competente!
Potresti tenere dei corsi ai medici, allora!
:) Lia

Rispondi