vi siete mai chiesti perchè....

Archivio delle discussioni sui forum non più presenti

Moderatore: laura serpilli

narmaina
Messaggi: 670
Iscritto il: lun dic 06, 2004 4:33 pm
Località: mamma sempre stanca
Contatta:

Re: Credo

Messaggio da narmaina » ven gen 20, 2006 4:59 pm

ULISSE ha scritto:...perchè dopo aver toccato il fondo sono riuscito nuovamente a rivedere la luce..........
me lo puoi raccontare?

avere anche le esperienza degli altri fa bene a tutti....

si impara sempre....

ULISSE
Messaggi: 186
Iscritto il: sab ott 08, 2005 9:14 am
Località: Lazio

Io so di te

Messaggio da ULISSE » ven gen 20, 2006 5:10 pm

Non vorrei essere frainteso........
Ma io già ho raccontato tutto di me nei miei messaggi in questo Forum.....
Come tu del resto...che oltre al tuo malessere dei gestire anche i tuoi bambini......e si aggiunge anche la responsabilità......
I miei messaggi Già parlano di me...e del mio malessere....

narmaina
Messaggi: 670
Iscritto il: lun dic 06, 2004 4:33 pm
Località: mamma sempre stanca
Contatta:

Messaggio da narmaina » ven gen 20, 2006 5:47 pm

ho riletto tutti i tuoi post....

dove hai scritto che hai avuto la depressione?

dove che sei riuscito a superarla?

e dove come?

scusa, ma è questo quello che intendevo....

se è solo l'amore che ti ha aiutato, fammelo sapere....

narmaina
Messaggi: 670
Iscritto il: lun dic 06, 2004 4:33 pm
Località: mamma sempre stanca
Contatta:

Re: Io so di te

Messaggio da narmaina » ven gen 20, 2006 5:48 pm

ULISSE ha scritto:...che oltre al tuo malessere dei gestire anche i tuoi bambini......
ho un solo figlio....

Juli
Messaggi: 374
Iscritto il: mar ott 05, 2004 12:09 pm
Località: Milano

Messaggio da Juli » ven gen 20, 2006 6:20 pm

E' molto che non entro nel forum... probabilmente molti non mi conoscono neppure...
Sono andata a vivere con il mio amore, non ho il telefono, quindi neanche Internet... però il msg di narmanina mi fa pensare se è davvero questo il motivo che non mi spinge più a scrivere...
Almeno una volta alla settimana vi leggo... ma non riesco a scrivere... forse è cambiato il forum o forse sono cambiata io, ma credo sia normale... tutto cambia...
Io trovo calore e conforto in persone che si raccontano, che si confrontano, che magari non hanno in mente di aiutare gli altri, ma poi lo fanno nel modo più delicato possibile...
Le massime, le frasi fatte, i consigli scollegati dal racconto di sè non mi hanno mai fatto bene... non sto accusando nessuno, è una questione personale... è una questione di bisogni personali...
Questo forum mi ha dato tantissimo... ho incontrato persone stupende alle quali mi lega un affetto impossibile da descrivere... e anche da capire... so che, in qualsiasi momento della mia vita, dovessi chiedere loro aiuto loro non esiterebbero a tendermi una mano, perché per molto tempo ci siamo aiutate e volute bene... e io ancora gliene voglio...

Oggi sto un po' meglio... ho realizzato un sogno importante, ma so che la vita non è semplice, per alcuni di noi non lo sarà mai... ma accetto la sfida... e faccio fatica, molto fatica... una lotta continua.... ora però mi godo anche le piccole soddisfazioni... non è più tutto nero...

Vorrei abbracciare forte forte la mia Gae... narmaina (mi mancano le tue colazioni)... musica... piuma... Jani.... mercuzio... alFaris... e tutte le persone che hanno dedicato parte del loro tempo nell'aiutarmi e consolarmi nei momenti difficili... siete preziosi...

Juli

ULISSE
Messaggi: 186
Iscritto il: sab ott 08, 2005 9:14 am
Località: Lazio

Ecco la mia vita

Messaggio da ULISSE » ven gen 20, 2006 6:21 pm

Cara amica.......
Nella mia vita diverse cose hanno risvegliato più volte il desiderio di vita......Eccoti i punti chiave della mia vita.......
Avevo 14 anni ero felice mi godevo la vita....ma una sera d'estate nella mia vita iniziarono dei radicali cambiamenti.....
Era sera io ero in bici ed un'auto mi prese in pieno a 130km orari....feci un balzo di tre metri e ricaddi sullo spigolo del marciapiede......
Si ruppero due denti... sfregio alla faccia.......fui ricucito senza anestesia....42punti.....e mi miseri in prognosi riservata per due mesi....Restai per sei mesi prigioniero del letto e della sedia a rotelle...non potevo mangiare solo tramite flebo...la mia prima bistecca fu un miraggio.....dopo sei mesi finalmente potevo uscire da casa....ma il mio primo giorno mi riservò immediatamente delle sorprese....mi vide una ragazza in faccia e l'unico commento che seppe dare.....è un mostro.....
Lì cambiò la mia vita....cominciai ad odiare le donne ....mi sentivo emarginato....e si affacciavano anche i miei primi attacchi di panico....
Decisi da allora che le donne per vendetta dovevano solo essere degli oggetti.....Questo durò isolandomi parte dagli amici e vivendo da lupo solitario fino a 21anni.....dove mi innamorai...durò tre anni....un pomeriggio anticipando la mia visita trovai il letto già occupato.... caddì nuovamente nello sconforto....tutto era nero....la vita inutile....li nasce il mio primo pensiero di suicidio.....ma poi ha prevalso la ragione....nel frattempo a tenermi compagnia i soliti attacchi.....a 25anni mia madre scopre di avere un tumore al seno....ricovero immediato....mi ritrovo a dover gestire l'azienda di famiglia senza sapere come.....la casa e accudire mio padre che era peggio di aver un figlio.........due anni dopo mia nonna cade nella malattia del morbo di parkinson....non conosce più nessuno...tranne me....per una anno non sapevo più quale fosse il giorno e la notte...dormiva con me....me ne occupavo io....un pomeriggio mentre la accudivo gli vidi in faccia un sorriso.....mi morì fra le braccia....li capii il vero valore della vita....inizia il mio cammino verso una nuova strada....la ricerca dell'anima...e l'equilibrio interiore.......inizio a vedere il mondo sotto un'altra prospettiva......forse perchè vedendola da quella più bassa....si capisce di più......dimenticavo alle spalle ho anche due fallimenti aziendali.....sono stato come uno Yo-YO.........Ma da qualche anno ho deciso che la mia vita mi appartiene.....che bisogna godersi ogni istante.....dare valore alle piccole emozioni......combattere noi stessi fino a violentarci se ne richiede il caso.......non mollare mai.....qualunque sia il prezzo...perchè se la vita ci è stata regalata.....non abbiamo il diritto di distruggercela da soli....ne permetterlo agli altri........
Adesso mi apprezzo...credo nella vita......sogno l'amore.....e vivo il presente........
Con affetto
Ulisse

Juli
Messaggi: 374
Iscritto il: mar ott 05, 2004 12:09 pm
Località: Milano

Messaggio da Juli » dom gen 22, 2006 12:26 pm

Caro Ulisse... se alFaris me lo concede ti vorrei ringraziare.... questo tuo racconto di vita ha aperto una finestra verso la vita... una nuova finestra... e io ho potuto intravedere un uomo che dalla vita non ha avuto sconti, ma non si è arreso... sembra banale, ma quando ci si racconta si è anche più disponibili ad aiutare gli altri... attraverso le proprie sofferenze si ritrovano gli sguardi di chi, come te, ha sofferto e insieme tutto è meno drammatico...

Ieri è stata una giornata tristissima... tutto il giorno a piangere... sentivo il brutto e l'infelicità del mondo dentro di me... poi ne ho parlato con il mio amore... ho aperto il mio cuore ancora e ancora... stamattina mi sono svegliata con il sorriso... felice della mia vita... della mia casa... ho passeggiato tra i campi ricoperti di brina... ho respirato l'aria pulita della mia zona, lontana dallo smog di Milano... ho letto alcune pagine del PROFETA di Gibran... e mi sono sentita bene....

Grazie ancora Ulisse...

Juli

Avatar utente
alFaris
Messaggi: 1585
Iscritto il: mar ott 05, 2004 12:01 pm
Controllo antispam: cinque
Località: Bracciano - Roma

Messaggio da alFaris » dom gen 22, 2006 4:40 pm

Essalamu Elikah!

> se alFaris me lo concede ti vorrei ringraziare....

spiegazione! ad usum nescenti...

in questo forum vige in realtà una sola regola che recita niente turpiloquio niente insulti... di seguito a questa ci sono una serie di convenzioni che si sono formate col tempo tra i frequentatori com'è ovvio che sia in ogni comunità...

questo che sto per scrivere è poco più di un gioco... siccome siamo tutti presenti qui per lo stesso motivo (abbiamo sofferto nell'anima) allora è del tutto inutile scusarsi e ringraziarsi... insomma oggi io aiuto te domani tu aiuterai me... motivazione per la quale quando leggo di scuse o di ringraziamenti rispondo con il mio

> > > G R R R ! ! ! < < <

alFiereQuannoCeVô'CeVô'



Ua Elikah Essalam! by alFaris

ULISSE
Messaggi: 186
Iscritto il: sab ott 08, 2005 9:14 am
Località: Lazio

Felice di essere stato di aiuto

Messaggio da ULISSE » dom gen 22, 2006 5:40 pm

Vorrei dire a Juli che quando nella vita dopo tanto soffrire ......vedi nel viso di una persona un sorriso...anche stentato....è una gioia di vita....è un'altro tassello che compone la tua forza......
Aver scritto la mia sofferenza e aver letto le tue parole caricano due persone di energia nuova....perchè c'è il confronto con la realtà e il dolore si affievolisce....perchè non ci sentiamo più soli.....ci sentiamo capiti.....questo è lo spirito di un Forum......
Con affetto
Ulisse


Per Alfaris......Dire grazie in un Forum è come stringere la mano o abbracciarsi in modo fraterno.....e come dire mi ritrovo in ciò che dici.....mi sembra esagerata la tua reazione.....

Avatar utente
alFaris
Messaggi: 1585
Iscritto il: mar ott 05, 2004 12:01 pm
Controllo antispam: cinque
Località: Bracciano - Roma

Messaggio da alFaris » dom gen 22, 2006 6:50 pm

Essalamu Elikah!

> mi sembra esagerata la tua reazione.....

lo sapevo... :-) è per questo che ho tentato di correre ai ripari... ma evidentemente sono arrivato tardi... oppure mi sono espresso male...

avrei voluto spiegare che si tratta di un gioco...

> > questo che sto per scrivere è poco più di un gioco...

che è comprensibile ringraziare ma che

> > oggi io aiuto te domani tu aiuterai me...

per questo tento di evitare le sequenze di scusa scusa scusa e grazie grazie grazie...

credimi... nessuno si permette di offendere il tuo dolore...

- - - - -

volevo evitare di esprimere i miei pensieri... perché sono madidi di risentimento nei confronti di certi avvenimenti...

tante volte mi domando con quale forza il credente si convinca che qualcuno provveda al trionfo del bene e del giusto... fin dall'inizio del tuo racconto... mi chiedo come sia possibile farsi una ragione di quel che ti è avvenuto... sì certo come dici tu la vita va avanti... ma è difficile credere che vada avanti sotto la supervisione di qualcuno...

anch'io ho avuto chi si è permesso di definirmi un mostro... ma al tuo contrario quella donna non era una passante (dalla tua descrizione sembra si tratti di questo)... quella donna era mia madre...

questo è il motivo dei miei risentimenti... da una parte la rabbia per essere costretto a subire qualcosa senza la possibilità di opporre alcuna difesa (l'incidente in bicicletta - la malattia di tua madre)... dall'altra - e questo invece mi porta a scrivere la parola _odio_ - l'atteggiamento di superiorità di chi si permette di offendere in maniera del tutto gratuita (la passante di cui sopra - la tua ex compagna)...

ci vuole coraggio per riprendere la strada della vita...

complimenti...

e auguri...



Ua Elikah Essalam! by alFaris

ULISSE
Messaggi: 186
Iscritto il: sab ott 08, 2005 9:14 am
Località: Lazio

Fiducia in se stessi

Messaggio da ULISSE » dom gen 22, 2006 7:21 pm

Caro Alfaris.....
Parti dal punto che nessuno può cambiare quello che tu porti dentro all'anima tranne te stesso.......Lungo il tuo percorso di vita sei sempre in sfida.....ma se tu credi nella tua determinazione ed hai fiducia in te stesso....vinta la prima.... il tuo stato d'animo sarà così dirompente che non avrà più paura dei dolori...sofferenze.....eliminando le tue connotazioni negative.........ogni giorno che passa deve migliorare il tuo stato e la tua vita....sei tu l'artefice del tuo destino e della tua vita.-....

“Quello che sono oggi è indice di quello che ho imparato, non
di quello che è il mio potenziale”
(Virginia Satir )

Con affetto
Ulisse

Avatar utente
alFaris
Messaggi: 1585
Iscritto il: mar ott 05, 2004 12:01 pm
Controllo antispam: cinque
Località: Bracciano - Roma

Messaggio da alFaris » dom gen 22, 2006 8:10 pm

Essalamu Elikah!

sono tornato indietro per scrivere questo avviso... ti avverto fin d'ora... sarò particolarmente duro in questo intervento...

> Caro Alfaris.....
> Parti dal punto che nessuno può cambiare quello che tu porti dentro
> all'anima tranne te stesso.......

la fai facile...

certo gran parte della nosta esistenza è frutto delle nostre scelte... ma per quanta parte queste scelte sono il frutto di ciò che noi siamo... per quanta parte invece dipendono dal dolore dal peso dell'esistenza... da un _insulto_ della nostra dignità?

> il tuo stato d'animo sarà così dirompente che non avrà più paura dei
> dolori...

per lungo tempo sono stato _solo_... sono stato fuori dal mondo perché non potevo uscire fuori... perché la mia famiglia ha combattuto per anni una (inutile) battaglia suicida... nella quale sono state sprecate energie incalcolabili...

come pensi che potrò vivere il resto della mia esistenza? chi mi restituirà tutti quegli anni che qualcuno al mio posto ha deciso di gettare nella pattumiera? come potrò recuperare quelle esperienze che solo a una certa età puoi fare? e questa è solo una parte del conto...

quando finalmente vendemmo la vecchia casa famigliare mi sono accorto dove e come mi trovavo... sbalzato nella realtà a trentaedispari anni... e senza un amico... all'epoca persino senza una casa...

sai che cosa mi ha tirato fuori dall'inferno? un gruppo di lesbiche... già proprio l'ultimo gruppo di esseri umani che si sarebbe dovuto accollare un uomo disadattato e misantropo... oggi tutto sommato sto bene... molto meglio di quanto stessi solo cinque anni fa...

perché... perché quelle ragazze mi aiutarono mentre il resto del mondo si era dimenticato della mia esistenza... hanno dovuto innanzi tutto vincere la ritrosìa tipica di chi vede l'uomo come un nemico e poi hanno dovuto sopportare un atteggiamento nero e tetro...

eppure l'hanno fatto...

Per questo motivo oggi _odio_. Sì, Odio. Odio chi si permette di offendere, d'insultare. Chi si permette di dare giudizio senza consentire il tempo della conoscenza, chi si permette di sputare in faccia al prossimo. Divento livido quando sento (di solito sono) le ragazze che in questo spazio raccontano della propria sofferenza, del padre o del loro uomo che si permette di apostrofare dicendo "ma di che cosa ti lamenti, non hai niente!".

E tu che cosa ne sai. Che cosa sai della sofferenza, del dolore: dell'abbandono, dell'ostracismo delle persone da cui ti aspetteresti un _minimo_ sindacale d'affetto. Frequentando le ragazze e il mondo omosessuale in genere, ho scoperto anche che cosa significa aver paura del proprio padre, della madre, che scoprano tutto: che cosa significa amare una persona che abbia il tuo stesso sesso, e per questo fare schifo a chi ti dovrebbe amare per principio.

Forse sono io che esagero, anzi, senza il forse; sono io che esagero. Sono io che valuto ogni singola parola per quel che è. Se qualcuno dice che faccio schifo, deve avere le _prove_ di quel che dice: altrimenti è un criminale, anche se nessun tribunale lo condannerà. Adesso porto molta meno pazienza nei confronti del nulla, dell'idiozia in tranci: di questa società di veline / calciatori / imbecilli.

Vedi, la mia presenza in questo forum sarebbe inutile. La mia depressione è scomparsa, o meglio non ha più la forza di opprimermi come una volta. Resto qui perché in questo spazio ho trovata gente come me, che soffriva di un male apparentemente invisibile. Resto qui perché ogni volta che riesco a scrivere anche solo una parola che permetta a qualcuno di _reagire_, avrò fatto qualcosa di buono: per chi la legge, e un po' anche per me stesso.

Adesso sai perché non applico regole: a che cosa servirebbero, fra noi. Adesso sai perché in questo spazio si può parlare di tutto un po': qualsiasi argomento potrebbe essere buono, hai visto. Adesso sai perché, tutto sommato, faccio di tutto tranne che il moderatore in senso stretto: con quale diritto mi posso ergere sopra gli altri. Adesso sai perché non voglio sentire ringraziamenti né scuse. Fino a ieri stavo io nelle vostre condizioni, come vi potrei lasciar morire.

Ricorda: niente turpiloquio, niente insulti. Il resto può passare.



Ua Elikah Essalam! by alFaris

Avatar utente
alFaris
Messaggi: 1585
Iscritto il: mar ott 05, 2004 12:01 pm
Controllo antispam: cinque
Località: Bracciano - Roma

Messaggio da alFaris » dom gen 22, 2006 8:13 pm

Essalamu Elikah!

proprio su un sito gestito da una ragazza scrissi una "biografia" simile a questa... se vuoi puoi dare un'occhiata http://www.vallisteeedigei.it/Forum/vie ... =6361#6361



Ua Elikah Essalam! by alFaris

Simona*
Messaggi: 724
Iscritto il: lun set 26, 2005 12:54 pm

Messaggio da Simona* » dom gen 22, 2006 8:37 pm

alFaris ha scritto:Essalamu Elikah!

proprio su un sito gestito da una ragazza scrissi una "biografia" simile a questa... se vuoi puoi dare un'occhiata http://www.vallisteeedigei.it/Forum/vie ... =6361#6361



Ua Elikah Essalam! by alFaris
Miseria quanto avete scritto....ora sono stanca del viaggio..domani rimedierò..a presto...

rebecca
Messaggi: 15
Iscritto il: sab dic 31, 2005 4:46 pm
Località: prato

grazie

Messaggio da rebecca » dom gen 22, 2006 11:42 pm

già alFaris tu non vuoi ringraziamenti, ma se io trovo nelle tue parole come in quelle di Ulisse una iniezione di energia e di ottimismo che mi da la carica per vivere meglio, come te lo esprimo?? con un grandissimo grazie !!. I problemi ce li abbiamo tutti più o meno, ma sta proprio a noi rendersi conto di quando sono reali o creati da noi stessi. Con quello che avete scritto mi sono convinta che la mia poca autostima dipende essenzialmente da me e che se voglio uscirne devo combattere con me stessa. (traduco: tirarmi tanti cazzotti in testa. )

Sono contenta di aver conosciuto questo forum.

a presto Rebecca.

Rispondi