Figli, un peso?

Archivio delle discussioni sui forum non più presenti

Moderatore: laura serpilli

Rispondi
Tita
Messaggi: 38
Iscritto il: mar ago 30, 2005 1:36 pm
Località: Brescia

Figli, un peso?

Messaggio da Tita » mer dic 28, 2005 10:50 am

Scusate se mi sfogo...In questi giorni di festa se da una parte tra me e mio marito è aumentata la voglia di regalare un fratellino a Gaia, dall'altra sono aumentate le occasioni d'incontro con amici e conoscenti che...ci stanno letteralmente convincendo a non farlo! Come se fare un figlio fosse un disastro, un impiccio, un motivo in più per rovinarsi la vita...Certo, lo so bene, un figlio comporta sacrifici, due li aumenta, ma sono profondamente convinta che è anche una gioia immensa poter dare la vita. Proprio il fatto che mio marito non volesse più bambini dopo Gaia ci ha fatto attraversare una grossa crisi. Quando poi ne abbiam parlato e ci siamo finalmente aperti, anche lui ha cambiato opinione e si è entusiasmato a tal punto che ora è lui a volerlo fortemente e già fa progetti. Un figlio ti sprona, ti spinge a fare cose che non faresti mai... Scusate se esprimo il concetto in modo forse contorto ma ho Gaia che gironzola intorno chiacchierando e spiegandomi tante tante tante cose.....
La maggior parte delle coppie che conosciamo ha solo un figlio. Chi ne ha due dice "basta per carità", a parte una mia cara amica che non esclude il terzo e un'altra coppia a cui è capitato il terzo e che hanno appena saputo che son gemelli ( e che tutti ora commiserano e si chiedono"ma non hanno imparato come nascono i bambini!!??)
Certo, anch'io sono sempre di corsa, tra lavoro casa Gaia, sono consapevole che un secondo figlio scombussolerà nuovamente l'equilibrio che si è riformato alla nascita di Gaia...ma è più forte di me pensare che "devo" farlo. E' come qualcosa che mi urla dentro...Scusate lo sfogo. Vado da Gaia che mi reclama per vedere quanta neve scende giù...

cecia
Messaggi: 19
Iscritto il: gio nov 17, 2005 9:48 pm
Località: Svizzera

Messaggio da cecia » mer dic 28, 2005 10:44 pm

Ciao Tita, io mi sento come te.
Nel senso che il bisogno di avere un secondo figlio è così forte... Magari anche un terzo, chissà?

Conosco gli argomenti contro, presentati anche da molti nostri conoscenti. Secondo me la vita è fatta di continui cambiamenti, non è giusto che ci sia una fase di stasi, di fermo. per cui ben venga un secondo figlio, anche se comporta sacrifici, cambiamenti, rinunce. è la vita.

io credo che faccia bene ai bimbi avere un fratellino o una sorellina. penso che anche un figlio unico possa crescere benissimo. ma è una scelta che non condivido. ci saranno sicuramente 1000 argomenti: i costi, l'abitudine, il lavoro e via dicendo... io rimango dell'avviso che chi sceglie consapevolmente di avere un solo bimbo pensa principalmente a sè stesso, non uso il termine egoista perchè forse è troppo pesante.

È diverso il caso di chi, per un motivo o per l'altro, è costretto a fermarsi dopo il primo bimbo: per motivi di salute o altro.

Ti faccio tanti auguri affinchè il fratellino o la sorellina di Gaia arrivi presto! (che è un augurio che faccio anche a me per Senan...)

Antonella Sagone
Messaggi: 1252
Iscritto il: mar ott 05, 2004 10:13 am
Località: Roma

Messaggio da Antonella Sagone » gio dic 29, 2005 11:28 am

cecia ha scritto:...ben venga un secondo figlio, anche se comporta sacrifici, cambiamenti, rinunce. è la vita.
(...) io rimango dell'avviso che chi sceglie consapevolmente di avere un solo bimbo pensa principalmente a sè stesso, non uso il termine egoista perchè forse è troppo pesante.
Non so se è una questione di "egoismo", ma chi non vuole altri figli perchè non se la sente di affrontare la parte di impegno, oneri, energie e tempo e cuore da dedicarci, fa benissimo a non farli, e più che egoismo lo considererei una cosa saggia per tutti.
Peggio chi fa i figli per "averli" e poi si sente oppresso dall'impegno preso...

A pensarci bene, non credo sia una questione di egoismo contrapposto ad altruismo, o di "godersi la vita" contrapposto a "fare sacrifici". Avere dei figli e crescerli è certamente una cosa impegnativa, a volte faticosa e persino dolorosa in certi momenti, ma è un tipo molto particolare di impegno, è un impegno che ti restituisce arricchimento umano come nessul altro. E poi i bambini ci danno la loro freschezza, vitalità, originalità, intelligenza e soprattutto un amore di una qualità che è difficile trovare...

Tita
Messaggi: 38
Iscritto il: mar ago 30, 2005 1:36 pm
Località: Brescia

Messaggio da Tita » gio dic 29, 2005 8:07 pm

Un in bocca al lupo a Cecia...anche questa sera ho avuto notizia di un'amica che aspetta il primo bimbo...Io e altre dieci ragazze ci troviamo praticamente tutte riunite solo una volta l'anno in occasione della festa della donna...A marzo del 2006 già ce ne sono due in attesa, e in tre stiamo tentando di ...far planare la cicogna anche a casa nostra...Che annata si prospetta!!

anan
Messaggi: 518
Iscritto il: dom ott 17, 2004 11:12 pm

Messaggio da anan » gio dic 29, 2005 10:05 pm

Antonella Sagone ha scritto:Avere dei figli e crescerli è certamente una cosa impegnativa, a volte faticosa e persino dolorosa in certi momenti, ma è un tipo molto particolare di impegno, è un impegno che ti restituisce arricchimento umano come nessul altro. E poi i bambini ci danno la loro freschezza, vitalità, originalità, intelligenza e soprattutto un amore di una qualità che è difficile trovare...
antonella, che belle parole!
quanto hai ragione!
in alcuni (forse più di alcuni...) momenti ho pensato: ma chi me lo ha fatto fare????
erano momenti difficili, momenti in cui non sai proprio che pesci prendere...
ma poi basta un sorriso e ti sciogli e ti rendi conto del perchè lo hai fatto :oD

anna

wanja
Messaggi: 35
Iscritto il: mar dic 06, 2005 11:39 am
Località: milano

Messaggio da wanja » ven dic 30, 2005 2:57 pm

io mi sento molto felice da quando sono mamma, penso di essere stata fortunata ad aver avuto il mio bimbo quando ero abbastanza pronta per averlo, nel senso che sentivo di aver fatto parecchie esperienze per me stessa e oramai ero pronta a cambiare vita senza troppi rimpianti. anzi, ora vivo con nostalgia i giorni che passano e sogno gia´ un fratellino... mi dispiace quando vedo le mamme che vivono con sofferenza la propria maternita´, secondo me ci perdono tanto ma non e´ facile comunicare loro questa cosa.

Rispondi