eliminare latte e derivati

Archivio delle discussioni sui forum non più presenti

Moderatore: laura serpilli

piperita
Messaggi: 236
Iscritto il: ven mag 13, 2005 4:09 pm

eliminare latte e derivati

Messaggio da piperita » gio dic 15, 2005 8:04 pm

ciao! mi inserisco, come ogni tanto è capitato, per avere da voi una botta di fiducia.
come altre volte ho scritto non sono nè vegetariana nè vegana, anche se sto considerando la scelta e (da quando ci sto riflettendo) ho ridotto di molto carne e pesce e co. la scelta veg mi attura molto, e leggo il forum in attesa di fare "il passo".

ho letto spesso sul forum le vs convinzioni sull'assunzione di latte e derivati. io tra l'altro adoro i formaggi, sono una droga per me (me ne vergogno già da sola, non attaccatemi), ma capisco che ne faccio abuso e vorrei eliminarli, dato che sono anche sovrappeso (10 chili circa).
vabbè, tutta questa premessa per chiedervi qualche consiglio per riuscire a staccarmi da questo tipo di alimento.
chi ne era goloso come ha fatto?
cosa mangiate a colazione (io il mio yogurt o la mia tazza di latte con cereali me la pappo sempre).
ma soprattutto: ditemi che si sta davvero meglio, si dimagrisce, vanno via i brufoli.... qualsiasi cosa che potrebbe convincermi!
:P
grassie
[scusate se ogni tanto rompo con richieste assurde]

wide receiver
Messaggi: 399
Iscritto il: ven giu 10, 2005 8:56 am
Località: Cernusco Lombardone LC

Messaggio da wide receiver » gio dic 15, 2005 8:20 pm

Quando avevo iniziato a prendere in considerazione la svolta vegan, credevo sarebbe stato molto difficile, non tanto per i formaggi, quanto per i dolci. Invece all'atto pratico ciò di cui prima ero goloso non mi manca affatto; sia per la consapevolezza di fare qualcosa di giusto e gratificante, sia per la scoperta di alternative altrettanto gustose.

Ad esempio per la colazione puoi utilizzare yogurt e latte di soia (occhio alla marca, però) invece di quelli soliti. Anche i budini sono molto buoni; la differenza con quelli 'classici' non si percepisce.

Ciao :)

willis
Messaggi: 156
Iscritto il: dom ott 10, 2004 6:41 pm
Località: Manfredonia (FG)
Contatta:

Re: eliminare latte e derivati

Messaggio da willis » gio dic 15, 2005 8:22 pm

piperita ha scritto:ciao! mi inserisco, come ogni tanto è capitato, per avere da voi una botta di fiducia.
come altre volte ho scritto non sono nè vegetariana nè vegana, anche se sto considerando la scelta e (da quando ci sto riflettendo) ho ridotto di molto carne e pesce e co. la scelta veg mi attura molto, e leggo il forum in attesa di fare "il passo".

ho letto spesso sul forum le vs convinzioni sull'assunzione di latte e derivati. io tra l'altro adoro i formaggi, sono una droga per me (me ne vergogno già da sola, non attaccatemi), ma capisco che ne faccio abuso e vorrei eliminarli, dato che sono anche sovrappeso (10 chili circa).
vabbè, tutta questa premessa per chiedervi qualche consiglio per riuscire a staccarmi da questo tipo di alimento.
chi ne era goloso come ha fatto?
cosa mangiate a colazione (io il mio yogurt o la mia tazza di latte con cereali me la pappo sempre).
ma soprattutto: ditemi che si sta davvero meglio, si dimagrisce, vanno via i brufoli.... qualsiasi cosa che potrebbe convincermi!
:P
grassie
[scusate se ogni tanto rompo con richieste assurde]
Dunque, anch'io pensavo di non rinunciare mai a certi formaggi e anch'io ero in sovrappeso per più di 10 chili.
Li ho sostituiti con alcune carni vegetali e con delle verdure "soft" tipo carote, insalata , patate e piatti unici composti da legumi & cereali.
Il latte lo puoi sostituire con il latte vegetale , purtroppo però ha un costo maggiore.
A volte a colazione mangio una miscela di fiocchi d'avena, segale e farro.
Oppure le classiche fette biscottate con della marmellata.
Il mio consiglio è quello di girare molto i vari supermercati, negozi biologici e negozi macrobiotici.
Da quando sono vegan sono dimagrito 10 chili (ho praticato anche sport però) , ho risolto anche problemi di cefalea e stipsi.
Infatti mi è stata diagnosticata un'intolleranza al latte a ai latticini.
Spero di esserti stato d'aiuto.

IlariaVegan
Messaggi: 473
Iscritto il: mar nov 08, 2005 12:06 am
Controllo antispam: cinque
Località: l'isola che non c'è :-))

Re: eliminare latte e derivati

Messaggio da IlariaVegan » gio dic 15, 2005 8:32 pm

piperita ha scritto:
ho letto spesso sul forum le vs convinzioni sull'assunzione di latte e derivati. io tra l'altro adoro i formaggi, sono una droga per me (me ne vergogno già da sola, non attaccatemi)
La scelta deve partirti da dentro... anch'io ero golosissima di formaggi, ma proprio golosa golosa, poi, quando ho capito bene cosa si nascondeva dietro l'apparente "innocuità" del latte, uova & C., in automatico mi sono staccata completamente e rapidamente dai formaggi... formaggi = causa di tante morti di poveri innocenti. E sono diventata vegan.
Ora non mi ricordo nemmeno che gusto avevano i formaggi, eppure sono vegan da solo due mesi... Non vedo più i formaggi come cibo, ma come prodotto assurdo causa di moltissimi crimini...
piperita ha scritto:

ma capisco che ne faccio abuso e vorrei eliminarli, dato che sono anche sovrappeso (10 chili circa).
La dieta vegan è priva di colesterolo, è sana, genuina... un ottimo aiuto per dimagrire un po'! (devi anche fare esercizio fisico ecc. ecc. ovvio...)
I formaggi sono super calorici!!!
piperita ha scritto:
vabbè, tutta questa premessa per chiedervi qualche consiglio per riuscire a staccarmi da questo tipo di alimento.
chi ne era goloso come ha fatto?

vedi sopra ;-)))))
piperita ha scritto:

cosa mangiate a colazione (io il mio yogurt o la mia tazza di latte con cereali me la pappo sempre).
Ci sono OTTIMI yogurt, budini vegan (con latte di soia) !!!! Giuro :-)))) Più buoni di quelli "standard" ;-))) e anche più genuini!!
E poi c'è il latte di soia, ottimo!!!!! Super leggero, gustoso e digeribilissimo!! te lo consiglio con cacao (equo solidale!!) e/o caffè (sempre dell'equo ;-)))
piperita ha scritto:
ma soprattutto: ditemi che si sta davvero meglio, si dimagrisce, vanno via i brufoli.... qualsiasi cosa che potrebbe convincermi!
Nessuno può convincerti... nessuno deve convincerti... è una scelta che devi maturare da sola... come ho detto sopra è una scelta che deve venirti da dentro...
Per quel che mi riguarda posso dirti che mangiare vegan è un mangiare sano, genuino oltre che etico, ovviamente ;-)))
Ciao,
Ilaria

Avatar utente
yasodanandana
Messaggi: 2264
Iscritto il: gio set 01, 2005 1:13 pm
Località: diciamo Firenze
Contatta:

Re: eliminare latte e derivati

Messaggio da yasodanandana » gio dic 15, 2005 8:40 pm

piperita ha scritto: ma soprattutto: ditemi che si sta davvero meglio, si dimagrisce, vanno via i brufoli.... qualsiasi cosa che potrebbe convincermi!
io ti dico che se ci fosse una difficolta' tale ad essere vegana... da dover ritornare ad essere onnivora.. meglio rimanere su formaggi e latte (ovviamente con moderazione)...

io non penso che anche il piu' sfegatato vegano possa non riconoscere la differenza abissale che corre tra vegetariano e carnivoro, quindi, io che amo sempre ricordare che siamo tutti debolucci e schiavi di tante passioni e sollecitazioni, direi che e' meglio costruirsi una mentalita' che, in un momento di rilassatezza nei nostri principi, ci porti ad addentare una forma di taleggio piuttosto che una bistecca...

IlariaVegan
Messaggi: 473
Iscritto il: mar nov 08, 2005 12:06 am
Controllo antispam: cinque
Località: l'isola che non c'è :-))

Re: eliminare latte e derivati

Messaggio da IlariaVegan » gio dic 15, 2005 8:57 pm

yasodanandana ha scritto:
io non penso che anche il piu' sfegatato vegano possa non riconoscere la differenza abissale che corre tra vegetariano e carnivoro, quindi, io che amo sempre ricordare che siamo tutti debolucci e schiavi di tante passioni e sollecitazioni, direi che e' meglio costruirsi una mentalita' che, in un momento di rilassatezza nei nostri principi, ci porti ad addentare una forma di taleggio piuttosto che una bistecca...
Parli del veganismo come se fosse una rinuncia... per me non è così!!!
Non è una rinuncia! E' una gioia!
Personalmente il fatto di diventare vegan è stato, per me, una gran botta di vita e felicità. Mi sento libera, gioiosa, felice di aver abbracciato una scelta che inneggia all'amore per la vita.
Ho finalmente trovato un equilibrio interiore pazzesco!! :-)) E sto bene!!
Ciao,
Ilaria

autosblindo
Messaggi: 117
Iscritto il: mer ott 06, 2004 1:44 pm
Località: Gallarate - Varese

Re: eliminare latte e derivati

Messaggio da autosblindo » gio dic 15, 2005 8:59 pm

piperita ha scritto:ciao! mi inserisco, come ogni tanto è capitato, per avere da voi una botta di fiducia.
Ciao,
piperita ha scritto:come altre volte ho scritto non sono nè vegetariana nè vegana, anche se sto considerando la scelta e (da quando ci sto riflettendo) ho ridotto di molto carne e pesce e co. la scelta veg mi attura molto, e leggo il forum in attesa di fare "il passo".
Ci metterei la firma per svegliarmi domani in un mondo dove le persone consumano carne una volta alla settimana....
piperita ha scritto:ho letto spesso sul forum le vs convinzioni sull'assunzione di latte e derivati. io tra l'altro adoro i formaggi, sono una droga per me (me ne vergogno già da sola, non attaccatemi), ma capisco che ne faccio abuso e vorrei eliminarli, dato che sono anche sovrappeso (10 chili circa)
Hai usato il termine esatto, i formaggi contengono endorfine: sostanze endogene dotate di proprietà biologiche analgesiche simili a quelle della morfina e delle sostanze oppiacee.
Inoltre quelli "più gustosi" contengono più grassi, pertanto aumentano le calorie introdotte.
piperita ha scritto:vabbè, tutta questa premessa per chiedervi qualche consiglio per riuscire a staccarmi da questo tipo di alimento.
chi ne era goloso come ha fatto?
cosa mangiate a colazione (io il mio yogurt o la mia tazza di latte con cereali me la pappo sempre).
Ci sono molti altri cibi nutrienti e gustosi con i quali sostituire i latticini, che non per forza debbano richiamarne l'odore, la forma o il sapore. Quando sono diventato vegan ho assaggiato cereali dei quali non conoscevo nemmeno l'esistenza, prodotti come il seitan, il temphet, la taina, lo humus...
Devi solo volerlo, e provare. La tazza di latte della mattina puoi sostituirla con il latte di soya (Alpro) o con il latte di mandorla. Non sostituire il formaggio con il tofu, pensando che sia un sostituto, e un altro alimento che bisogna saper cucinare
piperita ha scritto:ma soprattutto: ditemi che si sta davvero meglio, si dimagrisce, vanno via i brufoli.... qualsiasi cosa che potrebbe convincermi!
No! Si dimagrisce quando le calorie consumate sono inferiori a quelle introdotte! Non esiste alimentazione vegan, dieta proteica, dieta low carb, dieta a zone, che faccia dimagrire se le calorie introdotte sono superiori. Probabilmente una dieta vegana bene bilanciata può aiutare a perdere peso con meno fatica e più gusto.
Considerazione personale: sto molto meglio da quando ho eliminato i latticini, di quando avevo eliminato solo la carne. Probabilmente per un’altra persona sarà diverso. Provare per credere.
Per i brufoli non ti so dire, penso che entrino in gioco anche altri fattori.

Ciao.
Carlo P.

wide receiver
Messaggi: 399
Iscritto il: ven giu 10, 2005 8:56 am
Località: Cernusco Lombardone LC

Re: eliminare latte e derivati

Messaggio da wide receiver » gio dic 15, 2005 9:12 pm

yasodanandana ha scritto: io ti dico che se ci fosse una difficolta' tale ad essere vegana... da dover ritornare ad essere onnivora.. meglio rimanere su formaggi e latte (ovviamente con moderazione)...

io non penso che anche il piu' sfegatato vegano possa non riconoscere la differenza abissale che corre tra vegetariano e carnivoro, quindi, io che amo sempre ricordare che siamo tutti debolucci e schiavi di tante passioni e sollecitazioni, direi che e' meglio costruirsi una mentalita' che, in un momento di rilassatezza nei nostri principi, ci porti ad addentare una forma di taleggio piuttosto che una bistecca...
Non capisco una cosa e cioè il processo involutivo, da te ipotizzato, per cui un vegan 'pentito' e con brama di gorgonzola, dovrebbe invece farsi una cotoletta.
Se io riuscissi a capire questo, forse comprenderei anche che la tua decisione di restare vegetariano è una sorta di valvola di sicurezza per evitare di tornare all'onnivorismo.

Avatar utente
yasodanandana
Messaggi: 2264
Iscritto il: gio set 01, 2005 1:13 pm
Località: diciamo Firenze
Contatta:

Re: eliminare latte e derivati

Messaggio da yasodanandana » gio dic 15, 2005 10:06 pm

IlariaVegan ha scritto:
yasodanandana ha scritto:
io non penso che anche il piu' sfegatato vegano possa non riconoscere la differenza abissale che corre tra vegetariano e carnivoro, quindi, io che amo sempre ricordare che siamo tutti debolucci e schiavi di tante passioni e sollecitazioni, direi che e' meglio costruirsi una mentalita' che, in un momento di rilassatezza nei nostri principi, ci porti ad addentare una forma di taleggio piuttosto che una bistecca...
Parli del veganismo come se fosse una rinuncia... per me non è così!!!
io non parlo di niente del genere.... se fosse cosi' non avrei parlato del vegatarianesimo come un aumento del gusto da un'altra parte. Quindi perche' mi dici cio'?
wide receiver ha scritto:Non capisco una cosa e cioè il processo involutivo, da te ipotizzato, per cui un vegan 'pentito' e con brama di gorgonzola, dovrebbe invece farsi una cotoletta..
e' semplicissmo..... molti vegan dicono che vegetariano e onnivoro sono la stessa cosa, come molti fanatici pseudo religiosi dicono che se non si segue la "loro", essere religiosi o atei e' uguaglio... e ad entrambe le cose qualcuno ci crede... io non ho fatto niente di male. Se pensi che io abbia dato una raccomandazione inutile, spero che tu non pensi che sia dannosa..
wide receiver ha scritto: Se io riuscissi a capire questo, forse comprenderei anche che la tua decisione di restare vegetariano è una sorta di valvola di sicurezza per evitare di tornare all'onnivorismo.
personalmente ho brame ancora piu basse.... miro al cannibalismo direttamente

Avatar utente
yasodanandana
Messaggi: 2264
Iscritto il: gio set 01, 2005 1:13 pm
Località: diciamo Firenze
Contatta:

Re: eliminare latte e derivati

Messaggio da yasodanandana » gio dic 15, 2005 10:07 pm

piperita ha scritto: ma soprattutto: ditemi che si sta davvero meglio, si dimagrisce, vanno via i brufoli.... qualsiasi cosa che potrebbe convincermi!
io ti dico che se ci fosse una difficolta' tale ad essere vegana... da dover ritornare ad essere onnivora.. meglio rimanere su formaggi e latte (ovviamente con moderazione)...

io non penso che anche il piu' sfegatato vegano possa non riconoscere la differenza abissale che corre tra vegetariano e carnivoro, quindi, io che amo sempre ricordare che siamo tutti debolucci e schiavi di tante passioni e sollecitazioni, direi che e' meglio costruirsi una mentalita' che, in un momento di rilassatezza nei nostri principi, ci porti ad addentare una forma di taleggio piuttosto che una bistecca...

wide receiver
Messaggi: 399
Iscritto il: ven giu 10, 2005 8:56 am
Località: Cernusco Lombardone LC

Re: eliminare latte e derivati

Messaggio da wide receiver » gio dic 15, 2005 10:33 pm

yasodanandana ha scritto:e' semplicissmo..... molti vegan dicono che vegetariano e onnivoro sono la stessa cosa
Personalmente non ho mai sentito/letto nulla del genere da parte di altri vegan. Non posso certo escludere che tale concetto sia stato espresso da qualcuno, ma mi riuscirebbe difficile credere che molti vegan arrivino ad asserire che vegetariano=carnivoro



yasodanandana ha scritto:Se pensi che io abbia dato una raccomandazione inutile, spero che tu non pensi che sia dannosa..
Questo non lo so poichè non conosco personalmente la nostra amica. Potrebbe essere una raccomandazione dannosa nel caso in cui rappresentasse un freno nella sua strada verso il veganesimo.

Mooner
Messaggi: 198
Iscritto il: mar dic 13, 2005 8:44 pm

Re: eliminare latte e derivati

Messaggio da Mooner » gio dic 15, 2005 10:47 pm

yasodanandana ha scritto:io non penso che anche il piu' sfegatato vegano possa non riconoscere la differenza abissale che corre tra vegetariano e carnivoro, quindi, io che amo sempre ricordare che siamo tutti debolucci e schiavi di tante passioni e sollecitazioni, direi che e' meglio costruirsi una mentalita' che, in un momento di rilassatezza nei nostri principi, ci porti ad addentare una forma di taleggio piuttosto che una bistecca...
Ciao. E' da un po' che vi leggo pur senza intervenire.
Sinceramente non condivido questa autoindulgenza e il tuo intestardirti nel voler restare vegetariano quando lo sei diventato per motivi etici e quindi sai cosa implica cibarsi di latticini.
Secondo me l'autoindulgenza va bene quando a rimetterci siamo noi stessi, non quando è giocata sulla pelle (e vita) degli altri.

Dal nick che ti sei scelto sembra che tu sia un seguace di qualche disciplina orientale... conosci i Jainisti? Ho solo letto qualcosa su di loro...
Anche loro in partenza erano vegetariani, ma, per seguire la dottrina della compassione, hanno saputo adeguarsi ai cambiamenti della società e si sono resi conto che al giorno d'oggi è impossibile nutrirsi di latte e formaggi senza infliggere sofferenze agli animali e sono diventati vegan.

Se ambisci a formarti una mentalità che preveda dei momenti in cui non ti interessa della sofferenza di cui ti rendi complice, penso che mangiarsi una forma di taleggio o una bistecca si equivalgano. E' morta una mucca oppure è morto un vitello (più le inevitabili sofferenze alla mucca per il latte).

Ciao

Avatar utente
bckbkice
Messaggi: 437
Iscritto il: mar nov 29, 2005 3:43 pm
Controllo antispam: cinque
Località: Roma
Contatta:

Messaggio da bckbkice » gio dic 15, 2005 10:47 pm

Sembra che le tanto decantate virtù del latte e dei latticini siano ormai... scadute.
Il latte è al momento uno dei prodotti che dà il maggior numero di intolleranze e allergie.
Intorno a me tantissime persone hanno "dovuto" smettere di assumere latte per una serie di problemi lunga come la lista dei debiti di Paperino.
Sarebbe quindi opportuno, laddove non se ne può fare a meno limitarne l'uso.
Ma mi chiedo... come ha fatto uno degli alimenti principi della storia nutritiva dell'uomo "moderno" a subire una svolta del genere?
Saranno forse le "coltivazioni (pardon, allevamenti) intensive" e improponibili di bestiame?
Sarà forse che tutte stè povere bestie stipate, ammucchiate, private della libertà che hanno in natura sono piene di ormoni da stress che poi entrano in circolo e quindi nel latte?
Saranno gli antibiotici pro-crescita e ormoncini vari?
Saranno le farine animali che danno in pasto a stomaci vegetariani?

Sarà.....

E poi ci stupiamo se così tante persone hanno problemi con il latte......

Avatar utente
yasodanandana
Messaggi: 2264
Iscritto il: gio set 01, 2005 1:13 pm
Località: diciamo Firenze
Contatta:

Messaggio da yasodanandana » gio dic 15, 2005 11:39 pm

wide:

ma mi riuscirebbe difficile credere che molti vegan arrivino ad asserire che vegetariano=carnivoro

yaso:

leggi questa:

mooner:

Se ambisci a formarti una mentalità che preveda dei momenti in cui non ti interessa della sofferenza di cui ti rendi complice, penso che mangiarsi una forma di taleggio o una bistecca si equivalgano.

----

mooner:

Sinceramente non condivido questa autoindulgenza e il tuo intestardirti nel voler restare vegetariano quando lo sei diventato per motivi etici e quindi sai cosa implica cibarsi di latticini.
•••• personalmente ritengo che l'eticita' si fermi, talvolta, di fronte alla natura. Non c'e' bisogno di strafogarsi di latte o di formaggi, ma fatto sta che, fino a forte prova contraria, in una certa quantita', le proteine animali servono. Fatto sta anche che il vegetarianesimo (no carne, no pesce, no uova) e' considerabile assolutamente naturale e assolutamente non bisognoso di additivi e integratori per stare in salute.
E' impossibile vivere senza uccidere, basta respirare e si fanno stragi... si puo' solo limitarsi.. se mi andasse di fare il "precisino", oltre a dire che e' per me possibile cibarmi di latte e latticini che non comportano la morte di nessuno, potrei anche dire che proponendo a chi parte da zero il veganesimo, si rischia di alzare piu' muri e quindi, in divenire, di uccidere piu' mucche, perche' la gente, allo scoprire che se lo sforzo non e' eroico e' come se non avesse fatto niente... non fa niente.
Fra l'altro un grande aumento dei lactovegetariani, farebbe automaticamente diminuire i massacri di mucche... perche', provato in nazioni dove l'equazione "latte=morte delle mucche" non esiste minimamente, quel poco che serve e' fornibile addirittura da mucchette nate e sviluppate perfino allo stato brado... quindi con produzioni irrisorie rispetto alle supermucche degli allevamenti.

Quindi... io non disprezzo la scelta vegana, non potrei,, pero' non posso non avere paura che chiedendo la luna, poi si abbia come risultato il niente e che, invece, se si parlasse di vegetarianesimo ci sarebbe molto piu' accesso e di conseguenza, come ho detto sopra, diminuzione del massacro fino alla sua eliminazione..

Anche loro in partenza erano vegetariani, ma, per seguire la dottrina della compassione, hanno saputo adeguarsi ai cambiamenti della società e si sono resi conto che al giorno d'oggi è impossibile nutrirsi di latte e formaggi senza infliggere sofferenze agli animali e sono diventati vegan.
•••non conosco bene il jainismo dal punto di vista delle abitudini alimentari... ovviamente ritengo che, essendo indiani, non facciano assolutamente associazione "latte=violenza" perche' in india, a parte sporadici casi, prendere del latte alle mucche, non provoca alcun brutto effetto collaterale.
Fra l'altro mi sembra di aver visto qualche foto di una loro cerimonia di "abhisheka"(=bagno rituale) di una grande statua sacra alta varie decine di metri con latte e ghi (=burro filtrato).. ma potrei sbagliarmi, anzi mi scuso se qualcuno controlla ed effettivamente verifica il mio errore

......

in definitiva state facendo una crociata contro chi non la merita.... come in una nave puo' capitare che qualcuno indichi le scialuppe anche se sembra improbabile doverle usare in futuro... a me va di dire a tutti questi "principianti" vegani specialmente giovani, quindi piu' soggetti alla scocciatura di sentirsi "diversi" dagli altri... di tener ben presente che, se capita di dover per forza sgarrare, meglio sapere che carnivorismo e vegetarianesimo stanno su due pianeti differenti...

io, per il mio mestiere di musicista, mi sono trovato una domenica a budapest, nella quale... dopo aver digiunato il sabato sera perche', appena arrivati in aereo, girando fra i ristoranti, le uniche pietanze erano carne condita con carne... fino alle 18 ho "tirato".. poi avrei avuto da lavorare... e mi sono preso un MAGNUM ALGIDA.

Avevo piu' di 35 anni.... e mi dispiace, ma il film del diciottenne vegano, preso per i fondelli dai "co-viaggiatori" della stessa eta', magari scocciato per essere preso per il sedere anche dalle portatrici sane di ehem.... chitarrina.. che se la predica vegana e' che latte=carne.... vaffantasca e si mette a sedere con gli amichetti e ordina gulasch... io, ripeto, tale film me lo faccio, lo applico anche a situazioni meno estreme e mi fa girare le scatole...

siriak
Messaggi: 20
Iscritto il: ven set 09, 2005 11:54 pm

Messaggio da siriak » ven dic 16, 2005 12:34 am

Ciao.
Al posto del latte sia vaccino che vegetale, potresti bere una bella tazza di tè. In commercio vi sono tanti tipi.
Inoltre,il tè fa bene perchè combatte i radicali, è diuretico, non gonfia la pancia e fa sentire leggeri.
A colazione bevo l' "English breakfast" biologico mentre durante la giornata cambio: tè verde o alla menta o ai frutti rossi....
Una buona marca è "Vilopa" (mi sembra che si chiami così).

Rispondi