giocattoli e passatempi "fai da te"

Archivio delle discussioni sui forum non più presenti

Moderatore: laura serpilli

SereneLLa
Messaggi: 72
Iscritto il: ven ott 08, 2004 7:57 pm
Località: Modena

giocattoli e passatempi "fai da te"

Messaggio da SereneLLa » lun dic 05, 2005 2:56 pm

Ciao a tutte,
la proposta di cosimamma nel messaggio "Aspettando il Natale" mi e'piaciuta moltissimo...
Un topic dove scrivere e raccontare come intratteniamo i nostri pupi mi e' sembrato molto interessante e cosi' l'ho aperto!!!
Anche io sono negata in merito e sto cercando idee nuove!
Certo che far passare queste giornate fredde e buie e' dura e qualche idea in piu' nn guasta, magari anche quello che si puo' fare all'aria aperta oppure d'estate..
Siti internet da cui scaricare giochi o fiabe da colorare, ingegni vari della mente di mamma per creare piccoli capolavori per natale, bigliettini, ecc ecc...Wow ke bello!!

andrea grasselli
Messaggi: 658
Iscritto il: mar ott 05, 2004 8:02 pm
Località: lugano

Messaggio da andrea grasselli » lun dic 05, 2005 3:51 pm

grazie serenella per avere aperto il topic.

alle descrizioni sarebbe bello aggiungere le foto dei giocattoli fatti in casa.
chi non ha un sito dove inserire le immagini, può mandarmi un messaggio privato; io indico dove spedirmi le foto, che poi inserirò nel mio sito. lì resterenno nascoste, invece qui sul forum si vedranno.

baci. andrea

Antonella Sagone
Messaggi: 1252
Iscritto il: mar ott 05, 2004 10:13 am
Località: Roma

Messaggio da Antonella Sagone » lun dic 05, 2005 4:49 pm

è un'idea bellissima e anche io ci stavo pensando da un po'.

Apro con una riflessione un po' eversiva e provocatoria. Contensto il concetto di giocattolo "sicuro"... in questo senso: il giocattolo deve essere sicuro solo nella misura in cui il bambino è abbandonato con il giocattolo, senza un adulto vicino a seguirlo. I giocattoli sicuri sono figli del bambino "autonomo" come piace alla società di oggi, cioè il bambino che non rompe e sa autogestirsi senza avere bisogno dell'assistenza o della compagnia degli altri...
è vero che certi oggetti (ad es. molto piccoli, come una biglia) possono essere ingeriti in un attimo; ma è anche vero che i bambini imparano a non uccidersi con le cose di tutti i giorni, cibo compreso, anche se non ha l'etichetta CE... e qui ci riagganciamo alla discussione del Concetto del Continuum se volete.

Invece io proporrei una galleria di "giocattoli insicuri" ma da esplorare in presenza di mamma e papà.

vi allego una cosa che avevo scritto tanto (ma proprio tanto) tempo fa, quando Michele era piccolino, una serie di idee per i bambini che gattonano o quasi. Era stata messa su un sito dal belissimo nome: "semplici alternative", sito che ora non esiste più...

GIOCATTOLI: SEMPLICI ALTERNATIVE

Quanto vale un sorriso di bambino? Ecco come succede che spesso gli adulti tornino a casa con costosi giocattoli, che poi dopo poco tempo vengono gettati via e dimenticati.
Il giocattolo commerciale ha dalla sua il pregio di essere stato (quando va bene) testato e di offrire una garanzia dal punto di vista della sicurezza. L'altra faccia però è che ha dei costi spesso eccessivi, e non sempre risponde realmente alle esigenze del bambino a cui è diretto. In genere è compatto ed infrangibile, non si modifica significativamente sotto l'azione del bambino, produce sempre gli stessi risultati e gli stessi rumori. Dopo averlo assaggiato e rigirato un po' fra le mani, al bambino non resta che gettarlo a terra per vedere come cade.
Spesso il concetto di giocattolo è fuorviato dal fatto che la nostra società, basata sull'avere e sul produrre, concepisce il gioco più come un'azione mediata da oggetti, che come un processo.
Molti giochi non hanno bisogno di oggetti: sono fatti con il corpo e con le sensazioni, i movimenti, i suoni che esso produce. Altri - i più graditi ai bambini, ma per motivi pratici a volte i più temuti dai genitori - utilizzano materiali non strutturati, come l'acqua, la terra, la sabbia, la colla.
Ma se proprio si vuole dare in mano a un bambino un oggetto "per giocare", gli si può anche offrire qualcosa che abbia quelle caratteristiche, che spesso nei giocattoli ufficiali mancano. Dovrebbe essere plastico, cioè modificarsi in modi diversi a seconda dell'azione effettuata; dovrebbe essere smontabile, composito, assemblabile in maniere differenti; dovrebbe prestarsi a esperimenti avventurosi, a rappresentare storie…

Essendo non infrangibili, e a volte contenendo piccole parti, il bambino non va lasciato da solo con questo tipo di giochi; tuttavia il ruolo dell'adulto deve essere il più delle volte solo quello di presentare l'oggetto e poi tenere d'occhio, ma senza interferire, lasciando che il bambino sperimenti la novità con i suoi modi ed i suoi tempi.

L'unico limite a questo tipo di giocattoli è rappresentato dalla fantasia degli adulti. Possono essere creati quasi dal nulla, con gli oggetti quotidiani o con materiali poveri ed effimeri; possono essere improvvisati anche fuori casa, in situazioni di emergenza. Qui di seguito sono solo suggeriti alcuni spunti, che ognuno potrà arricchire in base alle risorse e all'inventiva personale.

3-9 mesi: la busta. L'ideale è uno shopper pulito, in quella plastica simile alla carta, che si accartoccia e fruscia; meglio se colorata, e di dimensioni medio-piccole. Va messa al rovescio (il colore potrebbe venire via succhiandolo), si rompe uno dei manici e si lega con un bel fiocchetto al polso del bambino. la busta non potrà cadere e farà rumore al minimo movimento del braccio, si acciaccherà ed espanderà appena rilasciata, e terrà occupato il bambino per un bel po'. Ideale in auto, treno, file al supermercato e altre situazioni in cui il bambino non può essere preso in braccio (es. nel passeggino). il bambino non va lasciato da solo con la busta, ma sorvegliato.

6-12 mesi: la bottiglia. Si usa una bottiglia di plastica trasparente, con tappo pure di plastica (non tagliente) parzialmente riempita d'acqua e/o altri oggetti (es. legumi secchi). Serrare molto bene il tappo in modo che non possa essere svitato. Se la bottiglia è piccola, può essere più facilmente afferrata e rigirata fra le mani; se grande, rotola sul pavimento e può essere inseguita gattonando. I semi all'interno fanno rumore o galleggiano nel liquido; l'acqua scivola da un'estremità all'altra quando il bambino inclina la bottiglia, facendo bruscamente spostare il baricentro e offrendo interessanti esperienze sul peso e sull'equilibrio; se pressata, la bottiglia produce forti rumori. Unica accortezza: verificare abbastanza spesso se è sempre integra; alcuni bambini potrebbero montarci sopra e spaccarla.

9-36 mesi: la famiglia in barca. Tutti sanno fare una barchetta. Ma perché non animarla di un bel gruppetto di gente che ci va sopra? Bastano pochi pezzetti quadrati di carta per creare un insieme di personaggi, con la tecnica con cui si torce la carta per le caramelle, rappresentando in modo rudimentale maschi e femmine. Con un po' di pratica si possono anche creare buffi animali. Poi non resta che dare il via alle avventure. Ideale per intrattenere il bambino con un giuoco tranquillo, in una situazione noiosa in cui non si deve far confusione (ad es. una fila alla posta o una riunione scolastica). Va controllato che un bambino più piccolo non ingerisca i pezzetti di carta.

ed ora, continuate voi!

Antonella Sagone
Messaggi: 1252
Iscritto il: mar ott 05, 2004 10:13 am
Località: Roma

Messaggio da Antonella Sagone » mar dic 06, 2005 9:53 am

grazie all'aiuto di Andrea, vi posso anche inserire l'immagine tipo di come costruire la famigliola di carta... come vedete si tratta di qualcosa senza pretese, che chiunque può pasticciare (io usavo i moduli della banca mentre facevo la fila con mio figlio!)
Antonella

Immagine
se cliccate sull'immagine si ingrandisce ulteriormente
Ultima modifica di Antonella Sagone il mer dic 07, 2005 3:51 pm, modificato 1 volta in totale.

eleonora77
Messaggi: 8
Iscritto il: sab dic 03, 2005 3:46 pm
Località: Verona
Contatta:

Io con mio figlio gioco così

Messaggio da eleonora77 » mar dic 06, 2005 10:06 am

Ciao!
Anche per noi queste giornate fredde in casa sono una vera "rottura", ma mio figlio ed io ci divertiamo molto a colorare con gli acquerelli o a fare formine con la plastilina... adesso si potrebbe pensare di fare tante belle palle di Natale colorate da attaccare all'albero!
Per i bambini un po' più grandi, propongo alcuni giochi che io amavo tantissimo da piccola:
- Il ristorante (non è necessario usare piatti o posate, io e mio figlio - 2 anni e mezzo - facciamo finta di maneggiarli oppure vengono usati sostituti quali scatole vuote, pezzi di cartone etc)
- Il telegiornale - Prendete un cartone media grandezza e ne tagliate il fondo. Con la pellicola trasparente si fa lo schermo e a lato dei finti bottoni da schiacciare per "cambiare canale"!
- Il classico nascondino

Ciaoo
Eleonora

crilu'
Messaggi: 59
Iscritto il: mar mag 24, 2005 2:20 pm

Messaggio da crilu' » mar dic 06, 2005 12:04 pm

Buongiorno a tutte,a proposito di giochi fatti in casa date un occhiata a questo indirizzo:

http://www.giocomania.org/default.asp

Io non ho fabbricato nulla in casa, non ho molto tempo e fino ad ora me la sono cavata proponendo oltre ai giochi comprati oggetti di uso comune tipo bottiglie di plastica, barattoli del gelato vuoti e quant'altro..giravo sempre con un grosso tovagliolo colorato perche' a mia figlia piacciono molto, alle volte quando e' un po' in crisi tiro fuori uno dei suoi tovaglioli preferiti e passa tutto..lei li usa in mille modi diversi.
Ho visto all'asilo i bimbi giocare con fogli di carta stagnola colorata, tipo quelli delle uova di pasqua,sparpagliati per terra luccicano e frusciano, sono bellissimi..

Cri

lauravivy
Messaggi: 31
Iscritto il: lun dic 05, 2005 10:48 am

Messaggio da lauravivy » mar dic 06, 2005 1:43 pm

Antonella Sagone ha scritto: Contensto il concetto di giocattolo "sicuro"... in questo senso: il giocattolo deve essere sicuro solo nella misura in cui il bambino è abbandonato con il giocattolo, senza un adulto vicino a seguirlo. I giocattoli sicuri sono figli del bambino "autonomo" come piace alla società di oggi, cioè il bambino che non rompe e sa autogestirsi senza avere bisogno dell'assistenza o della compagnia degli altri...
Antonella, ma perché non ti ho conosciuta prima??

In ogni tuo messaggio ritrovo i miei pensieri, ma meglio espressi e più meditati ...

Mia figlia rifiuta i giocattoli di tipo commerciale, pur avendone ricevuti molti in questi anni, proprio perché ha sempre giocato con uno o più adulti simulando ruoli sempre diversi ..
L'unico pupazzo che ama, a parte un paio di bambole, è un simpatico orsacchiotto che abbiamo comprato insieme ad una fiera etnica e che diventa di volta in volta il pittore Almerino, il pirata Spugna, oppure semplicemente il fratellino Giovanni cui insegnare a nuotare... ieri appunto impegnata in questa attività mi dice "Mamma, metto i braccioli, altrimenti vado a fondo" ... li aveva fatti con due vecchie custodie di occhiali!

Baci,

Laura

lauravivy
Messaggi: 31
Iscritto il: lun dic 05, 2005 10:48 am

Messaggio da lauravivy » mar dic 06, 2005 1:46 pm

Ah, un gioco sciocchissimo (io son negata per le attività manuali), ma che a me e Virginia piace molto: andiamo a raccogliere foglie di vari tipi e poi facciamo una specie di erbario molto semplice incollandole sulla carta ... è carino perché consente anche una bella passeggiata all'aria aperta!

cosimamma
Messaggi: 271
Iscritto il: gio dic 16, 2004 10:57 am
Località: Ovunque, ma più spesso Roma e Firenze

Messaggio da cosimamma » mar dic 06, 2005 4:12 pm

Visto che il topic ha preso così bene ma le pulizie di casa incombono(a proposito...scopa piccola, con raccattasudicio, secchiellino con spugna, panno da spolvero per aiutare mamma!!!)la cosa più facile da suggerire è il Bicchierofono: un semplice bicchiere di plastica(Sigh!) cui si fanno con un ferretto scaldato a due a due delle piccole incisioni simmetriche sul bordo e sul fondo.In queste si fà passare un elastico"in tirare" dal fondo alla bocca del bicchiere(le scanalature servono a non farlo schizzare via)e...si suona!!! sia alla bocca che al fondo...2 minuti per un pomeriggio di musica...Oppure il famoso telefono con due barattoli uniti da un filo...

chiaraf
Messaggi: 33
Iscritto il: mar ott 05, 2004 12:00 pm
Località: novara

Messaggio da chiaraf » mer dic 07, 2005 10:46 am

Ciao a tutte,
una cosa che ha divertito molto Davide è stata preparare degli origami (facili) con la carta.
A parte il classico aeroplanino che ci fa passare delle belle mezzore, ci siamo lanciati nella costruzione di una simpatica ranocchia che salta ed ha avuto il suo successo!
Ultimamente ha deciso che un vecchio boccetto di shampo di quelli degli alberghi (un cilindro con il tappo sferico) è un microfono e così canta e fa lo spettacolo e noi facciamo gli spettatori (gli applausi sono d'obbligo).
Quando era più piccolo, passava molto tempo a svitare ed avvitare barattoli di plastica di vario genere e forma. Questa cosa lo impegnava molto e gli dava anche molta soddisfazione quando finalmente il coperchio andava al suo posto!
Un'altra idea, copiata allo spazio gioco dove portavo davide quando ero a casa in maternità per stare un po'in compagnia, è il cestino dei tesori:
un cesto o una scatola dove siano contenuti oggetti quotidiani o meno, dove il bambino possa frugare e manipolare quello che gli interessa. Ad esempio c'erano una catenella, una campanella, delle maracas piccole, varie stoffe ruvide, lisce, colorate, delle chiavi ....

Ciao
Chiara

Emy
Messaggi: 405
Iscritto il: dom gen 02, 2005 7:40 am
Contatta:

Messaggio da Emy » mer dic 07, 2005 1:38 pm

I tappi dei pennarelli, tutti belli colorati, mi dispiaceva buttarli via, magari il pennarello era finito...perciò li ho messi da una parte, poi un giorno ho pensato che...potevano diventare perle per le collane, ho preso un coltello a seghetto, ho tagliato la punta, e ho diviso in due o più pezzi il rimanente...poi con un filo semirigido, come la rafia o il filo da pesca, per i bimbi è facile infilare tutte queste "perlone" colorate.

Magari si possono rifinire dando una passata con la carta vetrata.

cosimamma
Messaggi: 271
Iscritto il: gio dic 16, 2004 10:57 am
Località: Ovunque, ma più spesso Roma e Firenze

Messaggio da cosimamma » mer dic 07, 2005 2:52 pm

altre idee carine che usano all'asilo montessori e che sono facilissime da fare a casa sono le allacciature, bastano delle cornici di legno a cui attaccare (ad es con una sparapunti) pezzi vecchie camicie o golf con i diversi tipi di allacciature(bottoni, lampo, bott. a pressione, alamari...).
Poi dei cestini in cui mettere scatoline o borsellini con vari tipi di chiusure, mollette, dadi e viti grossi da avvitare, moschettoni, etc...
Poi lenticchie(o pastina) e farina mischiati insieme da separare con un passino...
Sono tutti giochi da fare con cose che abbiamo a casa e che affinano l'abilità manuale oltre che divertire...
Ottima l'idea dei tappi dei pennarelli!!!
Un'altra idea carina, anche se non è un gico vero e proprio sono "le vacanze in scatola"cioè si prende una scatolina da scarpe del pupo, si aiuta a decorarla con carta, collage, insomma quello che più vi piace...Poi dentro si mette qualche foto delle vacanze e altri piccoli oggetti delle stesse, come conchiglie, biglietti di museo, sassi, fiori secchi....Insomma i ricordidella vacanza.Si diverte a farlo e a ricordare...ed è un modo per fare ordine!!!

alea
Messaggi: 216
Iscritto il: ven giu 17, 2005 1:18 pm

Messaggio da alea » mer dic 07, 2005 2:59 pm

Una segnalazione da una mamma poco creativa in questo settore e con poca manualità: c'è un libro dell'editore Giunti che si intitola CartaStorie che insegna a realizzare con carte e cartoncini animali, oggetti, alberi, scenari di vario tipo, come quelli delle fiabe etc. Sono molto belli e facili da realizzare, ci riesco persino io...

Emy
Messaggi: 405
Iscritto il: dom gen 02, 2005 7:40 am
Contatta:

Messaggio da Emy » mer dic 07, 2005 8:31 pm

Questa è di oggi...
Ho un alberello di 20 cm....e non riuscivo a trovare delle palline...
Però avevo le palline quelle di carta dello sparapalline (si soffia sul tubo che era andato perso o ciucciato da qualche bimbo) perciò ho comprato dei brillantini, ho preso i legacci dei sacchetti quelli di ferro, ed ho tolto la guainetta in plastica, ho fatto un anello e horigirato su se stesso il resto, facendo attenzione a ripiegare la punta in su a mo' di freccia in modo da entrare ...ma in teoria non uscire.
I bimbi si sono divertiti a pucciare le palline nella colla e ricoprirle coi brillantini!.
Ovviamente i brillantini ora ce li hanno fin sopra le orecchie. :-)

cosimamma
Messaggi: 271
Iscritto il: gio dic 16, 2004 10:57 am
Località: Ovunque, ma più spesso Roma e Firenze

Messaggio da cosimamma » gio dic 08, 2005 12:45 pm

io ho fatto lo stesso l'altroieri con una confezione di pasta "mooolto" colorata che mi hanno regalato e che non ho mai avuto il coraggio di mangiare!!!Visto che erano farfalle le abbiamo spennellate con una soluzione in parti uguali di acqua e colla vinilica e ci abbiamo buttato sopra la porporina, avendo cura che sotto ci fosse un vassoio per raccogliere e riutilizzare quella che cadeva e quella in eccesso che scrollavamo dalle farfalle!

Rispondi