Cosa significa il n accanto alla protezione solare?

Forum di supporto al nuovo Biodizionario.it
per approfondimenti sui giudizi espressi del BioDizionario sugli ingredienti Cosmetici e Alimentari

Moderatori: laura serpilli, Erica Congiu

Rispondi
Avatar utente
Francesca Ricci
Messaggi: 56
Iscritto il: ven nov 02, 2018 10:04 am
Controllo antispam: diciotto

Cosa significa il n accanto alla protezione solare?

Messaggio da Francesca Ricci » mar ago 20, 2019 5:41 pm

Dott.ssa Congiu
e’ vero che i numeri
15,30,50 sulle creme solari corrispondono ai minuti di protezione? Ovvero dopo 15 minuti se non voglio bruciarmi devo rimettere la crema ? Perché a questo punto conviene mettere la 50 o 60 ?

Avatar utente
Erica Congiu
Messaggi: 864
Iscritto il: sab dic 05, 2015 1:50 pm
Controllo antispam: diciotto

Re: Cosa significa il n accanto alla protezione solare?

Messaggio da Erica Congiu » lun ago 26, 2019 5:51 pm

Ciao Francesca, ti rispondo con un estratto della mia guida sui solari: https://www.osservatorioveganok.com/cre ... ro-pianeta
La sigla SPF sta per fattore di protezione solare e fornisce un’indicazione numerica (da 6 a 50+) relativa alla capacità del prodotto di schermare o bloccare i raggi del sole. La valutazione del SPF è calcolata rapportando la quantità di tempo necessario per produrre una scottatura sulla pelle protetta con filtro e senza filtro. In termini più tecnici, l’SPF rappresenta il rapporto fra la dose minima che causa eritema sulla pelle protetta da un prodotto per la protezione solare e la dose minima che causa eritema sulla stessa pelle non protetta.

In termini pratici una persona che può stare al sole senza scottarsi per 10 minuti, con un filtro solare a protezione 6 potrà stare al sole senza scottarsi per 60 minuti. L’indicazione dell’SPF rimane comunque altamente teorica e va ampiamente contestualizzata, per fare un esempio una protezione “100” dovrebbe consentire di esporsi 100 volte più a lungo prima di subire una scottatura solare. Una persona che dopo 30 minuti sotto il sole di mezzogiorno si scotterebbe, il linea teorica potrebbe prolungare l’esposizione fino a 50 ore. Così certo non è e non bisogna dimenticare che il fattore di protezione è pregiudicato dalla quantità di prodotto che viene applicato sulla pelle, dalla sudorazione, le immersioni in acqua e il tempo che passa tra un’applicazione e quella successiva.

Quindi no, in linea teorica, se senza solare ti scotteresti in 10 minuti, con una protezione 15 ti potresti scottare dopo 150 minuti. Le protezioni oltre la 50 sono una pura trovata commerciale, in realtà nessuna crema può garantire una durata così lunga. 30 e 50 vanno più che bene, riapplicate ogni 2 o 3 ore o più frequentemente se si suda e si fa il bagno.

Rispondi