Tensioattivi di origine petrolchimica

Forum di supporto al nuovo Biodizionario.it
per approfondimenti sui giudizi espressi del BioDizionario sugli ingredienti Cosmetici e Alimentari

Moderatori: laura serpilli, Erica Congiu

Rispondi
damians
Messaggi: 1
Iscritto il: lun mar 11, 2019 9:22 am
Controllo antispam: diciotto

Tensioattivi di origine petrolchimica

Messaggio da damians » lun mar 11, 2019 9:43 am

Buongiorno, mi sono appena iscritto e vorrei dei chiarimenti su questi tensioattivi di origine petrolchimica: sodium lauryl sulfate,
sodium laureth sulfate, ammonium lauryl sulfate.
Facendo delle ricerche su internet concordano tutti che sono elementi dannosi e nocivi che è meglio sostituire con altri più delicati di origine vegetale.
Anche sul volantino in formato pdf che si può scaricare dal sito biodizionario c'è scritto che sono tensioattivi aggressivi e poco dermocompatibili.
Allora mi spiegate perchè inserendo questi tre elementi nel biodizionario e facendo la ricerca due sono con bollino verde e uno con due bollini gialli?
Scusate ma queste sono contraddizioni, non lo sapete bene neanche voi?
Mi interessa particolarmente nella scelta di uno shampoo in quanto sto cominciando a perdere i capelli e devo sceglierne uno il più delicato possibile.

Avatar utente
Erica Congiu
Messaggi: 706
Iscritto il: sab dic 05, 2015 1:50 pm
Controllo antispam: diciotto

Re: Tensioattivi di origine petrolchimica

Messaggio da Erica Congiu » mar mar 12, 2019 11:46 am

Ciao damians. L'argomento tensioattivi è piuttosto delicato. Innanzitutto non è detto che siano di origine petrolifera, sotto la stessa nomenclatura INCI possono rientrare sia tensioattivi di origine petrolchimica che tensioattivi di origine naturale derivati da olio di cocco. Poi va sempre valutato il contesto in cui vengono messi, la presenza di sostanze addolcenti, la sinergia tra i diversi tensioattivi ecc... I tensioattivi in determinati detergenti non sono sostituibili. Se devo "sgrassare" devo utilizzare un tensioattivo, non ci sono scappatoie. Poi percarità, si possono trovare soluzioni naturali alternative, ma nella formulazione di un detergente i tensioattivi non si possono eliminare.
Detto ciò nel volantino abbiamo voluto evidenziare che i tensioattivi aggressivi e poco dermocompatibili andrebbero evitati, ma non tutti lo sono e non sempre lo sono a seconda del contesto. E' bene che le persone siano informate sul fatto che questi ingredienti sono critici. Ma sul database rimangono in giallo per dare la possibilità di valutare nello specifico prodotto che ruolo possono avere quei tensioattivi. Questo forum è proprio la sede per indagare i casi specifici.
Cmq hai fatto bene a farmi notare che alcuni sono rimasti in verde, cosa che non è esatta. Il database è in fase di aggiornamento e a quanto pare non siamo ancora arrivati a quella voce, me ne occupo immediatamente :wink:

Rispondi