Prodotti per capelli made in USA IT Hair Care

Forum di supporto al nuovo Biodizionario.it
per approfondimenti sui giudizi espressi del BioDizionario sugli ingredienti Cosmetici e Alimentari

Moderatori: laura serpilli, Erica Congiu

Rispondi
solelibero
Messaggi: 1
Iscritto il: gio feb 14, 2019 4:05 pm
Controllo antispam: diciotto

Prodotti per capelli made in USA IT Hair Care

Messaggio da solelibero » gio feb 14, 2019 4:09 pm

Buongiorno a tutti,
ho acquistato dagli Stati Uniti, forse con un po' di incoscienza, due prodotti condizionanti per capelli, un siero ed uno spray, pubblicizzati su una rivista di moda americana.
Ho visto purtroppo solo ora che la composizione chimica di entrambi presenta alcuni ingredienti addirittura marcati come tossici all'interno del biodizionario.
Potete darmi qualche delucidazione in merito? Se la situazione è così brutta li rimando indietro...
grazie mille
Chiara

Spray per capelli

It Haircare 12-in-One Amazing Leave In Treatment, 5.1 fl oz
INCI: Water, Cetearyl Alcohol, Cyclopentasiloxane, Propylene Glycol, Behentrimonium Chloride, Phenoxyethanol, Fragrance, Isopropyl Alcohol, Disodium EDTA, Panthenol, PEG-4 Dilaurate, PEG-4 Laurate, Citric Acid, Iodopropynyl Butylcarbamate, PEG-4, Crambe Abyssinica Seed Oil, Quaternium-80, Cyclohexasiloxane, Silk Amino Acids.

Siero per capelli

It Haircare 12-in-One Amazing Serum
INCI: Cyclopentasiloxane, Dimethiconol, Dimethicone, Diphenylsiloxy Phenyl Trimethicone, C12-15 Alkyl Benzoate, Fragrance, Octyl Methoxycinnamate, Crambe Abyssinica Seed Oil, Cyclohexasiloxane.

Connesso
Avatar utente
Erica Congiu
Messaggi: 738
Iscritto il: sab dic 05, 2015 1:50 pm
Controllo antispam: diciotto

Re: Prodotti per capelli made in USA IT Hair Care

Messaggio da Erica Congiu » gio feb 14, 2019 8:00 pm

Sicuramente non sono buoni ingredienti, niente di "tossico" nel senso salutistico del termine, nel senso che nel breve periodo non possono farti alcun male, ma sono sicuramente molto dannosi per l'ambiente e con tanti, troppi siliconi. Nota finale amminoacidi derivati dalla seta che è un derivato animale. Insomma, non si possono promuovere, ma non sono così pericolosi da doverli mandare indietro. Diciamo che sono paragonabili a qualsiasi prodotto da supermercato che puoi trovare anche in italia.

Rispondi