veganblog lascia dire delle sciocchezze

Forum di supporto al nuovo Biodizionario.it
per approfondimenti sui giudizi espressi del BioDizionario sugli ingredienti Cosmetici e Alimentari

Moderatori: laura serpilli, Erica Congiu

Rispondi
Fabrizio Zago
Messaggi: 16837
Iscritto il: mar ott 05, 2004 10:38 pm
Controllo antispam: diciotto

veganblog lascia dire delle sciocchezze

Messaggio da Fabrizio Zago » ven ago 01, 2014 3:49 pm

Colpo di scena,
il post che ho inviato nel blog anzi nel Veganblog.it non appare, non è stato “accettato”.
Forse ho detto troppe verità e quindi si è ritenuto di zittirmi. Siccome a zittirmi non ci riesce nessuno, pubblico qui il contenuto della discussione.

La signora Anique che si presenta così: “Oltre a un lavoro full time, sto studiando alla facoltà di Lingue, Culture e Società dell'Asia e dell'Africa mediterranea, all'Università Ca' Foscari di Venezia. Ho 3 cani. Mi appassiona molto la fisica quantistica.” Nessun accenno ad una minima preparazione chimica. In compenso approfitta della sua presentazione per fare pubblicità ad u libro scritto da lei stessa (!!!).

Il testo in questine è questo:

Sono rimasta davvero male quando ho letto che la ditta Winni’s ha dei prodotti testati su animali. Vero o no, ma la voce gira e io non sono più tranquilla. A parte il fatto che anche come lista ingredienti lascia a desiderare. Ma al Naturasì (con tutto il rispetto) se devo comprare dei detersivi, spendo sui 100 euro e non ho ancora un pomodoro nel mio carrello. Il detersivo liquido da bucato non era un problema, è una ricetta conosciutissima, vedo però che tutti usano quantità diversa di sapone di Marsiglia per litro di acqua. Così ho provato tutte le versioni (chi l’avrebbe mai detto, vero? :-)) Quella ungherese, 50 g di sapone per l d’acqua per me è troppo liquido; 250 g è troppo denso; 150 g è ancora un pochettino troppo denso per me, 100 g è la perfezione. I vestiti vengono pulitissimi. Alcuni anni fa usavo direttamente le scaglie di sapone di Marsiglia, ma non ero per niente contenta. Liquido così va benissimo. Ho una versione con l’aggiunta di aceto (1-10) perciò a 1 l di detersivo aggiungo 0,10 l di aceto, e una con il bicarbonato, dove aggiungo 1 cucchiaio colmo di bicarbonato al litro di detersivo. In questo caso devi aggiungere 1 tazza di acqua in più. La scelta del sapone dipende da te. Se hai il Bimbi, basta tagliarlo a dadi, se no lo devi grattugiare.

E’ del tutto evidente che Anique non ha la più pallida idea di cosa sia la detersione ma si arroga il diritto di fornire delle verità assolute. Cominciamo a vederne alcuni punti che in 14 anni di forum su Promiseland dovrebbero essere chiari anche ai ciechi ed ai sordi:

“la ditta Winni’s ha dei prodotti testati su animali” la ditta winni’s NON può aver fatto dei test sugli animali perché proibiti dalla Legge vigente. Se Anique ha le prove di questi test lo dica, li pubblichi e denunci winni’s altrimenti stia zitta. Segnalerò queste affermazioni a winni’s affinché difenda la propria estraneità ed al contrario possa dimostrare la sua perfetta rispettosità delle leggi vigenti. Non si dovrebbero lanciare accuse così gravi senza documentarsi.

“come lista ingredienti lascia a desiderare” cioè? Quali sono le sostanze che non vanno bene e perché? Giudizi così poco scientifici ed immotivati lasciano il tempo che trovano.

Ho una versione con l’aggiunta di aceto (1-10) perciò a 1 l di detersivo aggiungo 0,10 l di aceto, e una con il bicarbonato, dove aggiungo 1 cucchiaio colmo di bicarbonato al litro di detersivo.
Stupidaggine assoluta! Se si aggiunge dell’acido ad un sapone gli acidi grassi si liberano ed invece che lavare sporcano la biancheria. L’aggiunta di bicarbonato non serve a nulla, al massimo reagisce con l’acido acetico si formano tante belle bollicine di CO2 e non hai più né il primo né il secondo componente. La domanda quindi è questa: su quali basi scientifiche si basa la certezza dell’efficacia del bicarbonato in un detersivo? Sono curiosissimo di leggere la spiegazione che certamente Anique ci fornirà.

A seguire ci sono vari interventi (non il mio) tra cui queste perle:

Ciao Luisa, io non so chi è questo (questo sarei io Fabrizio Zago ndr), ma gli estremismi non mi piacciono neanche un po’. :-) Sono sicura, che l’aceto ha meno impatto ambientale del Coccolino o l’ammorbidente Winni’s con tutti quei nomi strani sull’etichetta.
Estremista io? Bah non merita neppure una risposta. Merita invece di essere completamente contestata la frase seguente e cioè che lei, Anique, è certa che l’acido acetico è meno impattante del Coccolino. Nessuno ha mai detto il contrario, ma Anique dovrebbe anche imparare a leggere quello che Luisa gli ha detto e cioè: “Anche dell’aceto come ammorbidente non se ne parla per nulla bene ha un alto impatto ambientale, corrode i metalli e rende disponibile ed..assimilabile il nikel in esso contenuto è caldamente consigliato di sostituirlo con l’acido citrico”
Confermo che usando il sistema di calcolo UFFICIALE dell’Unione Europea EU Ecolabel si ottiene un valore per l’acido acetico 53 volte maggiore di quello ottenuto con l’acido citrico.

“acido citrico. Ma non danneggia i capi colorati?”
Altra prova provata che Anique non ha idea di che cosa stia parlando. I coloranti per tessuti, la maggior parte di essi vengono fissati in ambiente acido e quindi un trattamento acido semmai li rende ancora più stabili sul tessuto. E’ la basicità che decolora i tessuti.

“io per i bianchi uso l’aggiunta di bicarbonato, e il risultato mi soddisfa.”
Sarà ma a me non basta. Come ho detto sopra voglio le ragioni scientifiche o test ufficiali di lavaggio che dimostrino l’efficacia del bicarbonato sui bianchi. Quale potere sbiancante misurato abbia e quale sia il suo meccanismo d’azione.

Concludo dicendo che è veramente triste dopo 14 anni di moderazione del forum, dopo oltre 90 mila interventi, dopo notti passate a rispondere ed a chiarire, che una Anique arrivi sullo stesso sito del Biodizionario a dire queste sciocchezze e senza nessun titolo per dirle.
Ma forse ha ragione Anique, sono io ad essere fuori posto perché io o rispondo delle cose che dico o me ne sto zitto. Altri non adottano la stessa filosofia e me ne dispiace molto.

Ciao
Fabrizio

Avatar utente
exitplanetdust
Messaggi: 374
Iscritto il: lun mar 17, 2014 10:48 am
Controllo antispam: diciotto

Re: veganblog lascia dire delle sciocchezze

Messaggio da exitplanetdust » ven ago 01, 2014 4:54 pm

Questi utenti che non accettano commenti per loro scomodi sono davvero tristi.
A me purtroppo capita spesso, che i miei commenti cadono nell'oblio :x
La libertà di internet a volte è nociva.
Ci vorrebbe un chelante gigante per sequestrare questi ...ioni liberi :lol:
Dottore, come sempre grazie per aver portato chiarezza e fondatezza scientifica, là dove è totalmente assente.

Jamie04
Messaggi: 541
Iscritto il: lun lug 11, 2005 1:24 pm

Re: veganblog lascia dire delle sciocchezze

Messaggio da Jamie04 » ven ago 01, 2014 7:00 pm

Chi non è capace di confrontarsi e rendersi disponibile a un dialogo non merita nessuna attenzione.
Mi spiace, ma coraggio: tu (e noi) sappiamo quello che sei e non sarà la prima sciacquetta che passa su internet a rovinare la tua fama.

Avatar utente
theia_
Messaggi: 114
Iscritto il: lun apr 21, 2014 6:02 pm
Controllo antispam: diciotto

Re: veganblog lascia dire delle sciocchezze

Messaggio da theia_ » ven ago 01, 2014 8:09 pm

Fabrizio Zago ha scritto:è veramente triste dopo 14 anni di moderazione del forum, dopo oltre 90 mila interventi, dopo notti passate a rispondere ed a chiarire, che una Anique arrivi sullo stesso sito del Biodizionario a dire queste sciocchezze e senza nessun titolo per dirle
Ciao Fabrizio, mi ha rattristato leggere le tue parole. Per tirarti su credo che sia sufficiente ripensare a tutte le conferenze a cui sei stato invitato e ai laboratori internazionali che hanno chiesto la tua collaborazione. Non mi pare che Jacopo Fo o Ecolabel abbiamo chiesto alla signora Anique qualche forma di contributo. La Scienza dalla notte dei tempi ha combattuto con "esperti" improvvisati, ma credo che questi 14 anni passati sul forum stiano dando i loro frutti visto il grosso interesse che produttori e consumatori stanno mostrando verso l'argomento. Ad ogni modo direi che è il caso di segnalare alla redazione tutte le ricette insensate che gli utenti di veganblog propongono.
Buona serata

Avatar utente
exitplanetdust
Messaggi: 374
Iscritto il: lun mar 17, 2014 10:48 am
Controllo antispam: diciotto

Re: veganblog lascia dire delle sciocchezze

Messaggio da exitplanetdust » ven ago 01, 2014 8:26 pm

Il problema è che VeganBlog fa parte del gruppo Promiseland.
E sul portale Promiseland compaiono articoli, scritti da "redazione", veicolanti una serie impressionante di castronerie sconfessate pubblicamente dal dott. Zago stesso. Come questo articolo: http://www.promiseland.it/2000/12/28/sh ... ncerogeni/

Ho provato a contattare la redazione stessa, chiedendo di riconsiderare questo articolo, dai toni e dai contenuti discutibili, e non ho ricevuto alcuna risposta (tanto per restare in tema di interventi caduti nell'oblio :x ).

adria67
Messaggi: 662
Iscritto il: gio giu 07, 2012 10:13 pm
Controllo antispam: diciotto

Re: veganblog lascia dire delle sciocchezze

Messaggio da adria67 » ven ago 01, 2014 8:54 pm

io ogni tanto leggo veganblog, ma onestamente non sapevo nemmeno dell'esistenza di quella rubrica.

quindi non avrei mai letto quell'"articolo". non mi sarei mai sognata di cercare un detersivo su veganblog.....ma mi rendo conto che essendo della stessa famiglia, quello scritto si prenda una credibilità che non gli spetta.

Fabrizio.....cavoli, stavo per suggerirti di palesarti e commentare tu il post, ma leggo che lo hai fatto e non è stato pubblicato.
ho capito bene???? questo è gravissimo perchè si lascia in rete un'informazione errata.....come le mille che si trovano già....

non capisco perchè non compaia il tuo commento.....la censura è una roba orrenda!!!!

please.....non ti demoralizzare.....chiunque cerchi informazioni serie su detersivi e c. approda qui, non in un recondito meandro di veganblog.... :wink:

Avatar utente
Sara73
Messaggi: 460
Iscritto il: sab set 24, 2011 8:42 am
Controllo antispam: cinque
Contatta:

Re: veganblog lascia dire delle sciocchezze

Messaggio da Sara73 » sab ago 02, 2014 12:03 am

Sono davvero senza parole!
non solo la signora manifesta una profonda ignoranza della materia e della chimica di base, ma e' anche la sua arroganza e leggerezza che mi sconcerta.
Com'e' possibile scrivere di detergenza per lo stesso sito e non aver dato uno sguardo al forum che ha piu' utenti di tutti gli altri!
Fabrizio coraggio!
Mi unisco comunque agli altri a segnalare la cosa alla redazione
Ciao Sara

barbara3
Messaggi: 1873
Iscritto il: mar ott 05, 2004 9:55 am
Contatta:

Re: veganblog lascia dire delle sciocchezze

Messaggio da barbara3 » dom ago 03, 2014 6:44 am

In questi ultimi due anni si è assistito ad un proliferare di blog/canali/profili/pagine di persone che si danno all'autoproduzione di cosmetici e/o detersivi senza nessuna cognizione di causa per chi come noi ha giusto qualche conoscenza specifica in merito, ma affascinanti per chi invece non ne ha nessuna. Un po' come dire che sta aumentando in modo esponenziale il rumore di sottofondo. L'informazione corretta è sempre più diluita in mezzo ad un oceano di parole a vuoto. Ma noi non demordiamo, quindi bravo Fabrizio :)

Avatar utente
Akiramy
Messaggi: 359
Iscritto il: mer ago 24, 2011 6:25 pm
Controllo antispam: Cinque

Re: veganblog lascia dire delle sciocchezze

Messaggio da Akiramy » sab ago 23, 2014 6:44 pm

:)

anaiviv
Messaggi: 144
Iscritto il: mar dic 06, 2011 12:56 pm
Controllo antispam: cinque

Re: veganblog lascia dire delle sciocchezze

Messaggio da anaiviv » sab ago 23, 2014 8:09 pm

Quoto ogni parola di Barbara3. Ci sono troppi siti web che - anche in buona fede forse - fanno disinformazione. Non so quante volte ho letto dei meravigliosi poteri delle noci del sapone, di aceto e bicarbonato mescolati da usare in lavastoviglie...personalmente non sono affatto un'esperta, motivo per cui mi piace affidarmi al parere di persone competenti. La presunzione di troppi è quella di poter diffondere "rimedi della nonna" privi di qualsiasi validità scientifica, magari guadagnandoci dei soldi, organizzando corsi e scrivendo libri.

Rispondi